martedì 14 giugno 2022

Ciao ciao università! Come abbandonare la ricerca ed essere perfettamente felici



Immaginate un campus universitario visto dall'alto. Zoomate su uno degli edifici. Lì, immaginate una figura umana che ne esce, urlando mentre si tiene la testa con le mani. Immaginalo correre e correre, correre fuori dal cancello del campus e poi scomparire nella nebbia, correndo ancora a tutta velocità e urlando. Quello ero io, che lasciavo per sempre l'Università di Firenze.


Avevo ancora del tempo prima del pensionamento obbligatorio, ma non ce la facevo più. Le normative Covid sono state il colpo di grazia a un'istituzione che era già diventata una mostruosità. E ho lasciato la mia università a marzo, dopo 40 anni di lavoro.

Per spiegare perché ho lasciato il lavoro e sono scappato urlando, dovrei raccontare com'è lavorare in un'università di medio livello, come l'Università di Firenze. Naturalmente, la definizione di "livello medio" dipende dai parametri utilizzati, ma l'Università di Firenze è normalmente classificata tra le prime 500 università del mondo. Questo non è poi così male considerando che ci sono decine di migliaia di istituzioni nel mondo che si autodefiniscono come "università". Ma sicuramente non c'è niente di cui essere entusiasti.

È una brutta cosa lavorare in un'università di livello medio? Non necessariamente. Ho esperienza di lavoro in università di alto livello (solo per citarne una, sono stato post-doc a Berkeley) e so che in un'università di livello superiore avrei potuto avere uno stipendio più alto, più supporto e più possibilità di attrarre finanziamenti. Ma anche più stress, più pressione e più controllo.

Quindi, non invidio la vita dei colleghi che hanno fatto la corsa del topo. Il modo in cui la ricerca scientifica è organizzata oggigiorno implica scoraggiare la ricerca interdisciplinare e innovativa. In realtà, non solo scoraggiare: l'intero sistema mira a bombardare a tappeto con il napalm tutto e tutti coloro che cercano di fare qualcosa di nuovo. Ma in un'università di medio livello non sei così pesantemente sotto pressione e questo ti dà la possibilità di esplorare nuove idee e spostarti in nuovi campi.

Per essere chiari, questo non è un inno alla mediocrità. Essere in un'università di livello medio non significa non poter fare un lavoro di alto livello. Lo puoi fare e lo devi fare. È vero, non hai lo stesso tipo di sostegno finanziario che puoi avere nei migliori abbeveratoi scientifici, ma puoi compensare con creatività e flessibilità. Ad esempio, il Dipartimento di Chimica dell'Università di Firenze, dove lavoravo, si classifica costantemente come il miglior dipartimento di chimica in Italia, ed è ai massimi livelli a livello mondiale in diversi campi. Ha funzionato così bene, credo, perché i ricercatori sono stati lasciati per lo più liberi di organizzare il loro lavoro e di seguire le linee che ritenevano più gratificanti.

Allora, cosa mi ha portato a scappare urlando da una struttura che consideravo non così male? In una parola: burocrazia. È stata una tendenza lenta ma, anno dopo anno, i burocrati erano entrati sempre più nell'organizzazione della ricerca. Ci è stato chiesto di elencare i nostri "prodotti" (il nome che i burocrati danno alle pubblicazioni scientifiche) e di dichiarare i nostri indici bibliometrici. Inoltre, la burocrazia stava pesando sempre di più sul budget dell'università; il numero degli impiegati amministrativi continuava ad aumentare e lo stipendio di un burocrate di alto livello diventava superiore a quello di un membro senior di facoltà. Alla fine, il direttore amministrativo era arrivato a poter licenziare il rettore (è successo, anche se non ufficialmente). Tutto questo non è solo un problema con l'Università di Firenze, è lo stesso in tutte le università del mondo.

L'ultimo chiodo nella bara è stata la pandemia. Ha dato ai burocrati la possibilità di ottenere una vittoria epocale sui docenti. In verità, non è stata solo una vittoria, è stato il completo annientamento del nemico. Prima della pandemia, l'università era ancora un'istituzione relativamente aperta, dove ero libero di andare ovunque nel nostro campus e di ricevere chiunque nella mia stanza. Potevo invitare chiunque a tenere una conferenza o un seminario, dall'Italia o dall'estero. Potevo invitare ricercatori da qualsiasi luogo a lavorare nel mio gruppo. I miei studenti potevano venirmi a trovare in qualsiasi momento e la porta del mio ufficio era sempre aperta.

Tutto ciò è stato vaporizzato dai regolamenti: un giardino di delizie per burocrati. Le nuove regole in genere non erano basate su dati verificabili, ma erano sempre dure, rigide, e dettagliate. Distanziamento sociale, mascherine, igienizzazione di tutto (anche strumenti delicati e costosi che non hanno beneficiato dall'essere spruzzati con solventi). Se volevo ricevere qualcuno nel mio ufficio, dovevo chiedere il permesso al direttore del dipartimento con almeno 24 ore di anticipo, e spiegare chi era la persona che volevo incontrare, perché volevo incontrarlo e per quanto. Per entrare nel nostro dipartimento eravamo testati, igienizzati, mascherati, verdicertificati e la nostra temperatura corporea veniva misurata. E non si parli più di socializzare con i tuoi colleghi o gli studenti. Era severamente vietato mangiare o bere nei locali: anche le macchine da caffè nei corridoi erano scomparse. 

Ma non era niente in confronto a quanto è successo all'insegnamento. Per la maggior parte delle persone, una lezione di chimica è qualcosa di simile a una sessione con un dentista: vuoi che finisca il prima possibile. Eppure, prima della pandemia, le lezioni potevano essere interattive, vivaci e, per quanto possibile, interessanti. Insegnando in classe, hai a che fare con esseri umani seduti di fronte a te e puoi discutere di cose anche non strettamente legati all'argomento della tua classe. Ho fatto fare ai miei studenti esperimenti pratici, giocare con business games e una volta li ho fatti cantare un pezzo di musica polifonica. Forse non era chimica, ma si sono divertiti molto.

Tutto ciò è scomparso con il rumore di un recipiente che si svuota con la pandemia. Improvvisamente, gli studenti sono stati trasformati da esseri umani in immagini delle dimensioni di un francobollo su uno schermo. E fu allora che accettarono di mostrare i loro volti. A volte si rifiutavano. Non avevi idea se ti stessero ascoltando o giocando o guardando film sui loro schermi. Ancora peggio è stata la modalità "mista" apparsa nel 2021. Pochi studenti mascherati potevano riservare un posto in classe, ogni sedile occupato distanziato dal successivo da due non occupati (regola sicuramente basata su dati). La maggior parte rimanevano in modalità remota e tu avevi esattamente zero interazioni con loro - non avevi idea di chi ti stesse ascoltando, se qualcuno lo faceva.

La cosa più scioccante è il modo in cui i miei colleghi hanno affrontato questa tempesta burocratica. Nessuna protesta, nessuna domanda, nessuna discussione. Voglio dire, dovremmo essere scienziati: qualcuno potrebbe aver fatto domande sulle regole. Che prove abbiamo che lavarsi le mani con solventi ha qualche effetto utile? Su quali basi ci era stato proibito toccare un pezzo di carta precedentemente consegnato da uno studente? Che prove ci sono che stare a un metro l'uno dall'altro previene il contagio?

Ma nessuna regola è stata criticata, per quanto assurda. Gli amministratori, e anche molti docenti, erano entusiasti delle nuove regole. Come nell'esperimento di Milgram, è stata data loro la possibilità di maltrattare i loro colleghi assumendo ruoli formali o informali di guardiani del palazzo celeste, e l'hanno presa con gioia. Prima della pandemia, la signora della portineria era sempre sorridente e gentile. In seguito, è diventata una specie di guardia carceraria, anche se non indossava un'uniforme. Sono stato visiting researcher all'Accademia delle scienze di Mosca, poco dopo la caduta dell'Unione Sovietica, e posso dirvi che le guardie all'ingresso erano più amichevoli.

Non ricordo quale sia stata esattamente l'ultima goccia, ma a un certo punto mi sono ritrovato a fare i bagagli. Libri, articoli, immagini, attrezzature e roba varia accumulati in quarant'anni. Dei miei libri, ne ho donati circa 350 alla nostra biblioteca. I bibliotecari sono stati moderatamente felici di ricevere quel regalo, ma loro (e io) sono perfettamente consapevoli che i nostri studenti stanno diventando incapaci di capire l'inglese, quindi la maggior parte di questi libri raccoglierà polvere finché non saranno consumati in qualche incendio alla fine del la nostra civiltà. Ma così è la vita. 

E adesso? Inizialmente avevo un po' di paura. Il pensionamento obbligatorio in Europa è un'esperienza terribile per le persone che sono costrette ad andare in pensione mentre sono ancora attive e perfettamente in grado di svolgere il proprio lavoro. Ma, nel mio caso, devo ringraziare la piccola creatura peduncoluta che mi ha fatto odiare il mio lavoro. Posso dire che non provo niente di simile allo "shock da pensione" che ha ucciso alcuni dei miei colleghi. Non scherzo: si sono ammalati e sono morti poco dopo essere andati in pensione. Prima erano in perfetta salute.

Quindi, in questo momento, sono in perfetta forma e perfettamente felice. È finita con dover maltrattare gli studenti, compilare moduli, partecipare a riunioni, appartenere a comitati, e altri modi inutili di sprecare il proprio tempo. Dio mi ama davvero!!! Posso passare tutto il mio tempo a fare le cose che amo fare. Come passare una quantità eccessiva di tempo a scrivere post sul blog " Seneca Effect". Ma non solo. La scienza può essere molto divertente quando non sei sotto pressione da comitati di revisione e agenzie di finanziamento (vedi sotto). E sto anche lavorando ad alcune cose strane di cui non vi dirò nulla.

Sembra che ci siano tempi duri in arrivo, ma dobbiamo accettare ciò che l'universo ha preparato per noi. E così, il futuro ci aspetta. Chissà cosa ci aspetta una volta che saremo lì?

_________________________________

Divertirsi con la scienza


 Una volta, la scienza era qualcosa che si faceva solo per imparare cose nuove, e penso che si possa ancora fare con questo spirito, specialmente dopo essere scappati urlando dal tuo lavoro di ricerca. Consulta il nostro paper (con Ilaria Perissi ) sulla "6a legge della stupidità" e capirai cosa intendo. Naturalmente, i revisori erano inorriditi da un articolo che non era noioso. Ma, alla fine, abbiamo superato le loro critiche con buoni argomenti e perseveranza. Noi (con Ilaria e altri) abbiamo anche pubblicato un articolo sulla dragonologia (non proprio la scienza dei draghi, ma i draghi della scienza).

Un altro articolo scritto con Ilaria è stato ispirato dal romanzo "Moby Dick" di Herman Melville. Abbiamo descritto come il ciclo della caccia alle balene del 19° secolo sia un esempio di sfruttamento eccessivo delle risorse naturali. È un ciclo dinamico che abbiamo simulato utilizzando un gioco da tavolo per scopi didattici. Il documento è in fase di revisione, per il momento potete dare un'occhiata a una versione precedente chiamata "Oil Game".

Ora siamo (di nuovo, con Ilaria) esperti di fama mondiale sulle trappole per topi viste come modelli per le esplosioni nucleari (l'articolo è su Arxiv, abbiamo un articolo completo in revisione). Nella foto, vedete un topo che ho catturato di recente. Non preoccupatevi, il piccolino non è stato maltrattato. È stato rilasciato, vivo e vegeto, in un luogo dove sono sicuro che può trovare cibo.




Pensate che tutto questo non sia una scienza seria? Ebbene, se volete scienza seria, ecco della scienza seria, almeno in termini di parole belle roboanti: "Il ruolo del ritorno energetico sull'energia investita (EROI) in Complex Adaptive Systems" (Perissi, Lavacchi e Bardi). Roba bella pesante, ma è stato divertente studiare questo argomento, anche se abbiamo scritto l'articolo in una forma piuttosto noiosa, piena di formule matematiche.



A proposito, se vi dilettate con cose relative all'EROI, sapete che la "Curva di Hubbert" è il risultato del calo dell'EROI dell'estrazione di petrolio. E forse vi siete chiesti (ma non avete mai osato chiedere) qual è il valore dell'EROI al picco del petroli? Bene, non troverete quel dato da nessuna parte, ma noi (di nuovo, io e Ilaria) lo sappiamo! L'articolo è in preparazione e il mistero sarà presto svelato. E c'è altro in cantiere, incluso un lungo documento sul concetto di " olobionti sociali " -- sono a metà, proprio ora. Avanti, compagni olobionti!

19 commenti:

  1. Penso che l'Eroi sia meno di 10, sennò che senso ha interrompere i QE che hanno sostenuto l'estrazione di petroli in perdita economica per più di 10 anni. Tremonti parla di QE come di errori economici che vengono da lontano, ma sono sicuro che da persona intelligentissima qual è, sappia benissimo, che sono stati necessari per perpetuare il BAU fino al 2019. Poi la regia è cambiata, molti allocchi sono caduti nella trappola, ora è cambiata di nuovo e nessuno sa cosa ci aspetta. Nemmeno le AI che supportano i nostri decisori. Non mi meraviglierei se nel 2030 o poco dopo il mondo fosse popolato da robot e da pochi umani. Fa bene un mio amico a pregare per la parodia. Mi sa che lo aiuterò.

    RispondiElimina
  2. Brent a 125 $. L'OPEC non ha raggiunto gli obiettivi di maggio, anzi ha prodotto meno che ad aprile
    Da qui il rally del Brent. Si prospetta un'estate molto calda in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  3. Dolente prof, spero possa continuare a curiosare il mondo anche senza l'istituzione!
    Mi sconvolgo sempre di come Milgram e Orwel siano speculari, in fondo è la perversione individuata da Nietsche che gli fà affermare che "dio è morto": la "volontà di potere/potenza" come motore della società atomica degli individui!
    I burocrati e i vari gradini della scala sono in fondo alla ricerca della sensazione di "potere" che non hanno altro modo di ottenere, il vuoto che li attanaglia e deve essere colmato non gli concede altra via, far soffrire per dimostrare di ESSERE o essere inghiottiti da un vortice nero che succhia qualcosa di più profondo della psiche...... I grandi SCIENZIATI colmano quel vuoto che è in ognuno di noi con la meraviglia e la gioia derivanti dalla COMPRENSIONE, arrivare a vedere qualcosa che ha il profumo della VERITA oltre l'individuo e ceh ricongiunge una singola esiistenza ad un TUTTO non capriccioso e ondivago ma LOGICO, EQUO e GENEROSO nel quale la danza infinita sul palcoscenico dell'esistenza vede le tragedie e le commedie solo come atti di una sharada istruttiva messa in scena da attori non proprio professionisti. Il gusto che le hanno dato una manciata di trappole per topi sono sicuro la aiuterà a capire cosa intendo!

    Auguri per le sue nuove avventure nel giardino della scienza, in fondo magari scoprirà che il tempo libero che otterrà può essere una benedizione, in fondo "temi l'apogeo che prelude la caduta e ringrazia per l'ipogeo che preannuncia nuove altezze".

    RispondiElimina
  4. @ Tutti
    LUNTO DEL PD, HA RIFATTO COME L'ALTRO ANNO (E COME fece prima CONTE2). Il delta_infetti é sempre stato molto lento nel calare nel 2022, una dinamica assimilabile al primo trimestre 2021. LUNTO HA FATTO IL BIS: Tolto mascherine, tolta ogni marginale difesa ai confini, mega concertoni sindacali e commerciali con gente appiccicata ovunque
    BUM!
    E' ristornato il trend epidemico Covid, siamo già rimbalzati (non a luglio ma già metà giugno) da un valore di soglia molto vicino al FLOOR previsto.
    Il 16/6/2022 con qualche dato consolidato in più, il trend sarà ancora più chiaro

    Siate prudentissimi, non staccatevi mai dalle FFP2 (nemmeno al mare, mettete sotto al cappello!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè sono state tolte al chiuso rimane un mistero per l'ignoranza del sottoscritto. Prendersi il virus al supermercato, dal macellaio o in un luogo qualsiasi al chiuso è davvero stupido. Un collega è al 20esimo giorno di isolamento..è stato da cani quasi due settimane.
      Complimenti Prof. per il traguardo..si ricordi anche del vecchio sano cazzeggio..purifica l'anima.
      stefano

      Elimina
    2. @ Anonimo 15 giugno 2022 21:21
      E' probabilmente iniziata la V°ondata Covid da varianti BA.4 e BA.5
      https://ibb.co/rQ3b9QZ

      A differenza di quello che i Mass Media vorrebbero farti credere, NIENTE ACCADE PER CASO!

      15/12/2021 ADNKronos: Nessun obbligo di mascherine all'aperto, obbligo test negativo per partenze ed arrivi dalla UE, per i non vaccinati 5gg di quarantena fiduciaria, ordinanza valida dal 16/12/2021 al 31/1/2022
      https://www.adnkronos.com/stato-emergenza-covid-proroga-super-green-pass-viaggi-smart-working_40rg7sx36tKUralDpdffP6

      15/12/2021 ANSA: ECDC vaccini da soli NON BASTANO per frenare Covid19 Omicron
      https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/12/15/ecdc-solo-i-vaccini-non-bastano-per-frenare-omicron_75645136-5c2e-44e1-82b2-abd7326b1b48.html

      3/2/2022 FanPage: Mappa UE di ECDC per rischio Covid in Italia ed Europa tutto in ROSSO SCURO
      https://www.fanpage.it/esteri/mappa-ue-del-rischio-covid-italia-ed-europa-in-rosso-scuro-il-nuovo-significato-dei-colori/

      5/2/2022 ANSA: nuove regole per non vaccinati con Quarantena di 5gg poi 5gg con FFP2
      https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2022/02/05/la-quarantena-viene-ridotta-a-5-giorni-per-i-non-vaccinati_d6c5b35d-26fb-4ba9-914b-8e513fa3e11e.html

      8/2/2022 ANSA: Costa dal 11/2/2022 via le mascherine all'aperto anche se la zona é ROSSA, ARANCIONE, GIALLA
      https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2022/02/07/costa-via-le-mascherine-allaperto-in-zona-bianca-dall11-febbraio_81c183ad-b07d-4337-a31b-ee3af0c798bd.html

      11/2/2022 tgCom24: Covid, l'Italia verso la ripartenza, STOP ALLE MASCHERINE all'aperto e RIAPRONO le discoteche
      https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/covid-stop-alle-mascherine-all-aperto-prossimo-passo-allentamento-sul-green-pass_45669874-202202k.shtml

      8/3/2022 Money: Italia ZONE BIANCHE (Abruzzo, Basilicata, Campania, Lombardia, Piemonte, Umbria, Veneto, Province Trento e Bolzano), ZONE GIALLE (Calabria, Emilia Romagna, Friuli, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Valle d’Aosta)
      https://www.money.it/Nuovi-colori-Regioni-lunedi-7-marzo-nuove-zone-bianche-emergenza-verso-fine

      10/3/2022 FanPage: ECDC tutta Italia in ROSSO SCURO tranne Valle d'Aosta in ARANCIONE
      https://www.fanpage.it/attualita/mappa-ecdd-migliora-la-valle-daosta-e-lunica-regione-italiana-non-in-rosso-scuro/

      29/4/2022 ADNKronos: Mascherine al chiuso, Costa -Al supermercato niente più obbligo-
      https://www.adnkronos.com/mascherine-al-chiuso-costa-al-supermercato-niente-piu-obbligo_3nBy3AY6P0jV4LqePHYEVM

      26/5/2022 ADNKronos: ECDC Covid, Italia ancora in rosso scuro
      https://www.adnkronos.com/covid-oggi-italia-italia-ancora-in-rosso-scuro_1JHA4wEAszcYZsx2gxdCWr

      1/6/2022 ANSA: Dal primo giugno 2022 non serve più il green pass per entrare in Italia
      https://www.ansa.it/sito/videogallery/italia/2022/05/31/dal-primo-giugno-non-serve-piu-il-green-pass-per-entrare-in-italia_7f0fca24-7607-4d4a-876c-a33095c8d2f3.html

      4/6/2022 Messaggero: BUM Omicron.Ba5 in Germania,Portogallo é allarme per il picco di contagi e morti
      https://www.ilmessaggero.it/salute/focus/covid_omicron_germania_portogallo_estate_contagi_morti_cosa_succede-6732378.html

      15/6/2022 ANSA: Stop alle mascherine su Aerei, restano obbligatorie sui mezzi pubblici fino a settembre 2022
      https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2022/06/15/cdm-proroga-mascherine-sui-trasporti-fino-a-settembre_3543ecd9-3f9d-4d87-859b-e6a8cc6d16ef.html

      Le informazioni di cui dispone il governo, non sono il livello d'informazioni che possono collezionare i singoli cittadini, artigiani, piccole e medie aziende. Se il piccolo cittadino il 3/feb/2022 già sapeva parte del trend epidemico Covid19 nel 2022 (allora il governo Draghi prima e meglio sul Covid nel 2022)

      Previsioni Epidemia SARS-COV2 e Covid19 nel 2022
      https://mio-radar.blogspot.com/2022/02/previsioni-epidemia-sars-cov2-e-covid19.html

      Elimina
    3. Le informazioni di cui dispone il governo, non sono il livello d'informazioni che possono collezionare i singoli cittadini, artigiani, piccole e medie aziende. Se il piccolo cittadino il 3/feb/2022 già sapeva parte del trend epidemico Covid19 nel 2022 (allora il governo Draghi SAPEVA PRIMA E MEGLIO sui trend epidemici Covid nel 2022 in Italia)

      Elimina
  5. "A chi nulla trattiene in sé la ragione delle cose appare chiara." Sono contento per Lei Prof.

    RispondiElimina
  6. Complimenti prof. per il gesto, spero che altri seguano il suo esempio e l'"urlo" diventi assordante!
    Il prendere atto della realtà mutata e delle sue cause, delle imminenti crisi da risorse e climatica che, come tzunami, spazzeranno via molte delle false e illusive certezze del sistema economico-industrial-finanziario attuale, è la conditio sine qua non per il CAMBIAMENTO.

    RispondiElimina
  7. https://www.bloomberg.com/news/articles/2022-06-16/engie-says-gas-deliveries-from-russia-have-been-reduced-l4gp49ry#xj4y7vzkg
    tutto procede secondo i piani. Quasi sicuro che già in estate ci saranno razionamenti con buona pace dei nostri gaudenti zombi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://oilprice.com/Latest-Energy-News/World-News/Italy-May-Declare-State-Of-Alert-If-Russian-Gas-Cuts-Persist.html
      i sogni di normalità, di centrali nucleari, di rinnovabili sono finiti ancora prima di cominciare. Se Gazprom non riaumenta il gas si comincia coi razionamenti estivi e conseguenti tagli di consumi inutili. Poi dopo l'allerta viene l'allarme, cioè lockdown + razionamenti, di sicuro in autunno visto che gli stati nominano espressamente novembre.
      Poi non ditemi che non era tutto programmato.

      Elimina
    2. le parole di Bill: "I lockdown climatici saranno più duri di quelli pandemici", si stiano avverando. Con quelli pandemici c'erano restrizioni, ma non carenze o razionamenti. Con quelli climatici ci saranno questi e quelli. Fossi in loro in autunno tornerei al green pass insieme ai razionamenti di luce e gas, come anticipato nello stato di allarme, più tutte le altre misure per ridurre i consumi. Di certo nel 2030, chi ci arriverà, sarà povero in canna, ma felice. Almeno così ci ha assicurato Schwab. Forse intendeva quella eterna. Allora sì che sarà perfetta. Basta essere nel posto giusto.

      Elimina
    3. "Martedi' prossimo si riunisce il comitato interministeriale per l'emergenza gas e sarà approvato il passaggio allo stadio di allarme. Oggi siamo allo stato di preallarme

      Le misure previste interessano i consumi di gas e di elettricità (prodotta per il 44% da gas)
      - attivazione a pieno regime delle sette centrali a carbone italiane: Monfalcone (Friuli-Venezia Giulia), Fusina (Veneto), La Spezia, Torrevaldaliga (Lazio), Brindisi, Fiume Santo e Portoscuso (Sardegna)
      - riduzione dell’uso del gas tramite erogazione a turno verso aziende non essenziali
      - riduzione della produzione di energia elettrica da centrali a gas

      la riduzione di produzione elettrica da gas comporta la necessità di
      - riduzione dell'illuminazione pubblica in città e nelle strade
      - riduzione selettiva tramite turni della fornitura elettrica ad aziende energivore non essenziali
      - aumento delle temperature minime dei condizionatori in hotel, ristoranti, negozi e centri commerciali (e in autunno analoga riduzione del riscaldamento)
      - aumento degli acquisti pluriennali di gas da Algeria, Libia Azerbaijan, Qatar, Egitto, Israele (sono ovviamente tutti paesi con governi stabili che rispettano i diritti umani, civili e politici)

      La fonte di tale notizie è un recente intervento al senato di tale Roberto Cingolani, un fisico, accademico e dirigente d'azienda italiano diventato per caso ministro della transizione ecologica nel governo Draghi. Un bel contrappasso dantesco.

      Il vero e proprio razionamento scatterebbe invece solo col passaggio alla terza fase di emergenza. Per l'elettricità il razionamento sarà semplicissimo perchè ci penseranno i contatori intelligenti(!) a staccare la corrente oltre i due chilovattora al giorno. Per il gas la faccenda è più complicata.

      [tag satira ON ma mica poi tanto] Il gas sarebbe erogato nelle abitazioni città solo fra le 12 e le 14 e fra le 19 e le 21, giusto per cucinare gli spaghetti alla norma ed il riso coi piselli. Poichè si dovrà operare a livello delle condotte comuni saranno fortunati quelli che vivono vicino agli ospedali ed alle case di riposo. Ci saranno le italiche migrazioni in casa degli amici fortunati per la carbonara di mezzanotte e per farsi una doccia calda. Si ipotizzano anche affitti di bagni ad ore, come per le vecchie camere ad ore quando si doveva fare una sveltina col ganzo di turno. [tag satira off]

      Se si arriva allo stadio di emergenza ci sarà un altro lockdown con hotel, ristoranti, palestre e negozi chiusi per mancanza di gas ed elettricità."
      Beh, pare che con il solstizio d'estate verrà forse deciso anche il destino di quest'estate.
      Intanto al lago della pesca sportiva a 800 metri si sente suonare da mezzanotte alle 4, tanto per pescare un pò di zombi e di locuste. Forse fermarle non sarebbe sbagliato. Gli avvertimenti di LTG dovevano essere ascoltati 50 anni fa e le locuste fermate allora. Ora è tardi per creare un equilibrio tra consumi e risorse e quello che hanno in mente Schwab & soci sarà più simile alle forbici che a un ricamo per tessere la tela del futuro, perchè bisognerà tagliare, tagliare.

      Elimina
  8. Prof se è in pensione credo abbia in cantiere diversi progetti che adesso può sviluppare con tutto se stesso; i tempi sono sempre più interessanti, speculativamente parlando. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me nei prossimi tempi il prof e tutti gli altri "GUFI CATASTROFISTI" ci slogheremo le mascelle a suon di dire -I gufi l'avevano già detto!-

      E' stracolmo di post profetici, il bel blog del prof

      Elimina
  9. https://oilprice.com/Energy/Energy-General/Oil-Bears-Burst-Back-Onto-The-Scene.html
    Venerdì mattina i prezzi del petrolio sono crollati poiché i timori di una recessione hanno superato le crescenti minacce geopolitiche alla fornitura.

    I timori di una recessione stanno spingendo i prezzi al ribasso. E penso che la gente abbia buone ragioni per avere paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di INVINCIBILI UNTI DEL PD usciti fuori dalla fucina di Bankitalia... LOL, facciamo un po' di STORIE DAL MONDO DEGLI INVINCIBILI UNTI DEL PD: Come mai quelli di Bankitalia non capiscono un ca**o e scrivono LIBRI di fantascienza utopica?!

      Appare profetica la bloggata del 2 Aprile 2018

      La Fantascienza Utopica di Bankitalia
      https://mio-radar.blogspot.com/2018/04/la-fantascienza-utopica-di-bankitalia.html

      Elimina
  10. @ Tutti :-)

    invito tutti a crearsi goliardicamente il proprio GUFO Profeta!
    https://youtu.be/dxjjNdqSmsc

    il mio é del Wyoming ;-D
    Il vostro sarà di dove vi pare!

    RispondiElimina