martedì 7 aprile 2020

Coronavirus: Come siamo messi? I dati veri cominciano ad arrivare


Il coronavirus quello "vero" come appare al microscopio elettronico, non quello di colorato, quasi di peluche, che è la sua immagine comune (foto dal New Scientist) (ammesso che sia proprio quello: se avete mai usato un microscopio elettronico sapete quanto e facile prendere fischi per fisarmoniche)


Avrete notato anche voi che la maggior parte dei vostri interlocutori non riescono a ragionare in termini quantitativi. Un solo esempio: vi site mai sentiti dire che "non è vero che il virus uccide solo le persone anziane: sono morti anche dei giovani."? Provate a spiegare al vostro interlocutore come stanno le cose in termini statistici e vi accorgete con orrore che molta gente proprio non ha il concetto di "probabilità statistica" o perlomeno non riesce a gestirlo nel "modello del mondo" che ha in testa. Per non parlare di essere in grado di leggere un diagramma cartesiano -- anche qui è facile accorgersi con orrore che tantissimi non ci riescono. Figuriamoci a parlargli di modelli epidemiologici

E' quello che succede anche sui media: ogni giorno ci dicono il numero dei morti e, se va bene, lo comparano a quello del giorno prima. Non viene mai comparato alla tendenza, e neppure inquadrato con i dati storici. Il risultato è che molta gente è terrorizzata: non riescono a valutare l'impatto reale dell'epidemia e si sono convinti che moriremo tutti. Altri invece si sono convinti dell'opposto, ovvero che l'epidemia è una bufala messa in giro dai poteri forti per imbrogliarci.

Tuttavia, a parte l'ignoranza diffusa e il complottismo imperante, esiste anche una realtà. Vediamo allora di quantificare un po' la situazione. Come tutti sapete, i dati sulla diffusione dell'epidemia sono molto incerti per tante ragioni, però, ci sono dei dati che non sono inficiati da fattori umani: i morti non si possono nascondere in cantina. Contare il numero totale dei decessi di quest'anno e poi confrontarli on quelli degli anni passati ci da un buon modo valutare il dnno che il coronavirus ci sta facendo. Va fatto con un po' di attenzione, altrimenti si finisce per fare l'errore che ha fatto il sito "Disquisendo" che ha sostenuto che l'epidemia non esisteva. L'approccio era giusto, erano i dati che erano sbagliati.

Quindi, come per tutte le cose, bisogna lavorare sui dati giusti e valutarli criticamente. Qui, però c'è il problema che le tabelle ISTAT con i dati di mortalità nazionali questi dati si fermano per ora al Novembre 2019. Dovremo aspettare qualche mese per avere dati certi, ma questo non vuol dire che non si possa già fare qualche stima.

Da quello che sono riuscito a trovare sul Web, ci sono tre sorgenti di dati aggiornati utilizzabili per una valutazione comparativa della mortalità. 1) ISTAT, 2) Euromomo e 3) Ministero della Salute. Anche il sito dell'istituto superiore di sanità (ISS) fornisce molti dati statistici, ma non ne ho trovati sulla mortalità comparata. Allora, vediamo cosa abbiamo.


 Per cominciare, un inquadramento generale da ISTAT per mettere le cose in prospettiva


Vedete come in Italia muoiono oggi circa 640.000 persone all'anno. Non solo, ma la mortalità aumenta gradualmente. Dal 2004 a oggi, è aumentata a una media di circa 7000 decessi in più ogni anno, un aumento quasi costante di più dell'1% all'anno. Oggi muoiono quasi 100.000 persone in più rispetto a 15anni fa. E' probabilmente il risultato della quota di anziani della popolazione che si avviano a concludere il loro percorso terreno. In più, è possibile che ci siano fattori come l'inquinamento, le ondate di calore, la dieta di bassa qualità che fanno i loro danni. Notate anche le oscillazioni nei dati: nel 2015 ci sono stati quasi 50.000 decessi in più del 2014, e nessuno sa esattamente perché. Fra le altre cose, notate la "forbice" fra nati e morti: è un deficit di 200.000 persone all'anno che continua ad allargarsi -- ma non entriamo in questo argomento.

Adesso vediamo cosa possiamo dire dell'effetto dell'epidemia sulla mortalità


ISTAT: comiciamo dai dati che ha pubblicato ISTAT a proposito di un campione di circa 1000 comuni Italiani, aggiornati al 1 Aprile 2020. Ecco qua i dati: anno e numero di morti

  • 2015: 34339
  • 2016: 30411
  • 2017: 35018
  • 2018: 33520
  • 2019: 33575
  • 2020: 40244
Sono dati interessanti ma non sono utili per una valutazione quantitativa. Non tanto per il campione statistico limitato, quanto per il fatto che ISTAT ha scelto di considerare solo quei comuni dove c'era stato un aumento di mortalità di almeno il 20% rispetto agli anni precedenti. Evidentemente, erano interessati a valutare l'impatto a livello locale. E, in effetti, certi comuni sono stati pesantemente colpiti con aumenti di mortalità anche di un fattore 3. Ma non possiamo estrapolare questi dati a livello nazionale e nemmeno regionale. Ci ha provato Vision ma, onestamente, mi sembra che abbiano sparato a caso. Limitiamoci a dire che questi dati dimostrano che l'epidemia ha fatto grossi danni in certe zone.

Euromomo. Il nome orribile vuol dire semplicemente "European Mortality Monitoring." Loro hanno dei dati abbastanza generali, anche se i grafici che forniscono sono abbastanza orribili anche quelli. Ecco qua il risultato più significativo (è quasi illeggibile, lo so, ma è così che loro lo mostrano). E' la mortalità settimanale in Italia per tutte le regioni e per tutte le classi di età.


Allora, sull'asse Y c'è un "indice di mortalità", su quello X ci sono gli anni. Parte da Maggio 2016 e arriva a comprendere la 13 settimana del 2020, ovvero fino al 31 Marzo. I dati sono "aggiustati" per tener conto del ritardo nella trasmissione dei dati, ma sembra che questo sia un lavoro fatto da professionisti e mi fiderei abbastanza. Vedete che c'è in effetti un aumento della mortalità che possiamo ragionevolmente attribuire al coronavirus. Notate però che la mortalità non è peggiore di quella del gennaio del 2017 (il picco nella parte sinistra nella curva) causata da una combinazione di freddo e influenza. A quell'epoca ci furono circa 20.000 decessi in più rispetto alla media e nessuno ci fece molto caso. Notate anche che il la curva dei decessi sembra aver passato il massimo e cominciare a calare, il che sembrerebbe in accordo con altri dati che indicano che abbiamo passato il "picco" dell'epidemia. Estrapolando, sembrerebbe poter dire che anche il coronavirus causera circa 20.000 decessi aggiuntivi, in accordo con altre analisi.

Ministero della Salute. Qui credo che ci siano i dati più interessanti, riportati sul sito del Dipartimento della Salute del Lazio. Ci sono dati comparativi della mortalità su base nazionale di quest'anno comparata con una media dei 5 anni precedenti. Attenzione che questi NON sono dati completi, ma si riferiscono a un campione di 19 città: (Aosta, Bolzano, Trento, Trieste, Torino, Milano, Brescia, Verona, Venezia, Bologna, Genova, Perugia, Civitavecchia, Roma, Frosinone, Bari, Potenza, Messina, Palermo). Notare che la maggioranza sono città del Nord, il campione è sbilanciato, ma è quello che abbiamo.


Qui vediamo che l'epidemia ha colpito duro al Nord, con quasi il raddoppio della mortalità rispetto alla media giornaliera attesa. Al Centro-Sud, invece, l'aumento è appena percettibile, forse nemmeno statisticamente significativo. Non sappiamo esattamente perché questa disparità. Potrebbe darsi che l'epidemia non si è diffusa al Sud perché è stata bloccata dal lockdown. Ma potrebbe anche essere per via del fatto che la popolazione al Nord è mediamente più anziana che al Sud. Oppure per fattori come il clima e l'inquinamento. Il legame fra inquinamento e epidemia non è stato dimostrato con certezza ma è perlomeno un legittimo sospetto.


Per riassumere


I dati di mortalità comparata indicano che l'epidemia di coronavirus non è assolutamente una bufala: esiste e ha colpito abbastanza duramente il Nord Italia. Non possiamo ancora usare questi dati per stimare quale potrebbe essere il numero totale di vittime, ma dai dati Euromomo e altri sembrerebbe chiaro che abbiamo "scavallato" il periodo peggiore. Le varie proiezioni si assestano sulle 15.000 -20.000 vittime, qualcuno dice 30.000 -- alla fine dell'anno potrebbero essere di più, ma non di ordini di grandezza. Non sono poche, ma sono comparabili alla variabilità statistica osservata nel passato per la mortalità della popolazione italiana.

In sostanza, siamo di fronte a un problema serio, ma non a quello che in inglese si chiama "existential threat" ("minaccia esistenziale"). Ovvero, non è a rischio la sopravvivenza fisica della popolazione italiana e non è nemmeno possibile che il danno diretto da coronavirus metta a repentaglio la capacità del paese di gestire la sua economia e le sue infrastrutture.

Presto avremo dati migliori, ma quello che sappiamo potrebbe essere già sufficiente per pensare al futuro. Si parla già di cominciare a sbloccarre il paese e, in effetti, va assolutamente fatto, altrimenti andiamo in rovina. (e non è detto che non ci andremo: la sopravvivenza economica del "sistema italia" potrebbe essere già stata compromessa in modo irrimediabile)

Purtroppo, come dicevo all'inizio, il problema è la grave carenza culturale del dibattito. Non solo non si riesce a valutare seriamente il problema, ma nessuno sembra riuscire a pensare ad altro metodo per risolverlo che a trovare un trucco per stampare soldi in quantità e distribuirli a pioggia ai propri amici per ricominciare a fare le stesse cose che facevamo prima, incluso inquinare e cementificare ovunque. Ma così stanno le cose. Ho l'impressione che, come sempre, cammineremo verso il futuro a testa bassa e portando occhiali molto scuri.




Nota: qualcuno mi ha fatto notare che questa analisi non tiene conto della diminuzione degli incidenti stradali come effetto del blocco. Vero, ma l'effetto è molto piccolo. In Italia i morti per incidenti stradali sono poco più di 3000 all'anno, ovvero meno di 10 al giorno. Anche assumendo che si siano ridotti a zero col blocco, i numeri dell'analisi non cambiano.


65 commenti:

  1. di sicuro l'inquinamento ha il suo peso, visto che la provincia toscana colla minore percentuale di contagi è l'unica costiera: Livorno. I polmoni degli altri toscani sono ridotti peggio e perciò. Di sicuro la serrata ha rallentato il virus nel centro sud e l'obbligo della mascherina mi sembra più una sparata elettorale o disperata, visto il presso che nullo potere di foulard, sciarpe o Ffp1 nel bloccare i virus. Addirittura non mi facevano entrare in un supermercato se non mi mettevo un cencio di tessuto non tessuto fornito da un personaggio strano che mi pareva della protezione civile. Forse siamo solo all'inizio, ma se si va avanti così dovremo strisciare come i vermi per avere un pò di pane. Un pò come le masse affamate del film "2023 i sopravvissuti", che si gettavano disperate sulla distribuzione della soylent, la famosa galletta verde fatta coi cadaveri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Livorno non c'è lavoro, non c'è turismo, non ci sono doppie case.

      2 livornesi mentecatti hanno però in piena epidemia FOLGORATO il pronto soccorso ed una ASL, perchè non era stato fatto il triage ed il medico condotto ha portato il malato al pronto soccorso.

      La migliore area in toscana è Grosseto e Siena. Il blocco della mobilità e l'assenza di collegamenti commerciali con il nord li ha fatti restare sui margini dell'epidemia.

      Poi mi piace pensare, che la Madonna di Montenero abbia avuto un qualche ruolo, nella vicenda...

      Elimina
    2. MS 1 malato su 280 abitanti
      LU " 400 "
      FI " 600 "
      tutte le altre provincie 1 malato su 700
      LI 1 malato su 1000 abitanti.
      La Madonna (di Montenero o meno) ha sempre un ruolo positivo nelle vicende umane, ma gli umani, sia religiosi, che laici vogliono fare quasi sempre di testa loro e perciò si dice che mal voluto, non sia mai troppo.

      Elimina
    3. https://www.meteogiornale.it/notizia/coronavirus-inquinamento-da-harvard-terribile-conferma
      pare che avrei avuto delle chance come prof di biostatistica.

      Elimina
  2. Salve Prof; concordo perfettamente con quanto ha scritto; in effetti il coronavirus farà molto più morti nel 2021 che non nel 2020, quando almeno il covid-19 non ci sarà più grazie al vaccino, perchè gli operatori sanitari che pensano che avranno molte più risorse sono vittime dell'illusione che un tracollo dell'economia italiana non causerà molte, molte ma molte più morti per tutte le altre patologie. Ad ogni modo certamente c'è una minoranza di medici che si rende conto di ciò, e credo si senta come i soldati manadati in quegli inutili assalti alla baionetta in trincea durante la prima guerra mondiale: eroi per un giorno (per qualche mese). Ad ogni modo prendiamola con filosofia e vigiliamo che non ci mettano più in quarantena, sempre che il governo riesca a farla rispettare per tutte le settimane che deciderà...Ed ho qualche dubbio...PS: secondo lei il problema di non saper leggere i grafici viene prima o dopo l fatto che tutti gli operatori del turismo non hanno ancora capito che potranno scegliere solo fra scodella e bastone? (da impugnare) PS al PS: ha letto gli ultimissimi studi secondo cui fattore decisivo di resistenza al covid-19 è la vitamina D? Quindi chi non ha casa con giardino o terrazzo adeguato viene selttivamente indebolito in questo periodo...Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io prendo tutte le sere una pasticca di vitamina D. Non ho veramente paura del coronavirus, ma non si sa mai!

      Elimina
    2. basterebbe un uovo alla coque o al tegamino al giorno.

      Elimina
  3. Buondi prof, secondo lei ,come sarebbero stati i grafici se non si fosse intervenuti con il blocco totale ?
    Inoltre sarebbero interessanti i numeri non aggregati : infatti se consideriamo il caso del paese di Nambro su 12000 abitanti i decessi sono stati piu di 150 che paragonati alle attese di circa 20 ( stesso periodo 2019) fa 1,2% del totale .Estrapolando all' Italia corrisponde ,nel tempo sufficiente a diffondere il virus ,a circa 600.000 decessi .
    Concludo : MENO MALE CHE SI È ATTIVATO IL BLOCCO E CI FERMIAMO AI NUMERI SIMILI A QUELLI DEI GRAFICI DA LEI RIPORTATI !!
    Un saluto Pier enrico zani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah.... qui si entra in un discorso di pure ipotesi. Non potremo mai dire con certezza quale è stato l'effetto del blocco perché non possiamo sapere cosa sarebbe successo se il blocco non ci fosse stato. Quando tutto sarà finito, potremo comparare con altri paesi che hanno messo in atto blocchi più o meno restrittivi, ma mi sa che a quel punto avremo ben altri ornitorinchi da pelare

      Elimina
    2. anche a un mio amico dicevano che nel suo paese d'origine fumavano tutti come pazzi, ma a lui è venuto un tumore ai polmoni. Non gli avevano detto che il suo paese d'origine era in mezzo ad una foresta a decine di km dalla prima fabbrica.

      Elimina
  4. I dati reali ci sono, basta che le regioni colleghino le anagrafi dei comuni (sì proprio quegli uffici che emettono certificati di nascita e morte, di residenza e cittadinanza).
    Ovviamente renderli pubblici creerebbe qualche problemino, perchè la gente avrebbe sotto controllo molte cose e la mangiatoia andrebbe a farsi benedire.

    RispondiElimina
  5. In sostanza cosa si deve fare ? Tante belle parole ma non si arriva al dunque . Bloccare il paese si deve , o preferisce perdere milioni di persone ? Apriamo anche scuole , asili , perché no . Poi vogliamo aggiungere che saremo le cavie umane delle antenne 5g ???? Parole solo parole

    RispondiElimina
  6. Grazie professore per questo articolo. Grazie anche per le risposte ai commenti. Specie questo qui sopra (di Pier Enrico Zani). Sono raggi di luce in mezzo alle tenebre. Adesso possiamo capire come siano stati possibili tanti orrori e sbagli incredibili nel corso dei secoli.
    Faccio due considerazioni. Credo sia lecito aspettarsi un prolungato aumento della mortalità anche a emergenza finita, dovuto al blocco totale di ogni servizio sanitario. Immaginiamo in questi mesi quante malattie mortali non vengono diagnosticate e curate e magari avranno i loro effetti tra mesi o anni.
    Ancora, secondo me, i problemi sono di tre tipi, messi in ordine di gravita: sanitario, economico e sociale. Per i primi due si possono, o si può sperare di, trovare soluzione tecniche, ma per il terzo e secondo me più grave di tutti, no. Anche ammesso che si torni ad una normalità, questo periodo resterà come un precedente. Una così violenta, brutale e sproporzionata abolizione delle "libertà" naturali è un piatto troppo ghiotto per i vari potenti. Non ci rinunceranno facilmente. Vediamo già che la fase 2 sarà apertura delle attività economiche ma non dei cittadini. L'esatto contrario della logica naturale.
    Per me abbiamo attraversato una discontinuità.

    Guido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guido: "Anche ammesso che si torni ad una normalità, questo periodo resterà come un precedente. Una così violenta, brutale e sproporzionata abolizione delle 'libertà' naturali è un piatto troppo ghiotto per i vari potenti."

      Io resto con la mia sensazione che questo sia in realtà l'obiettivo per il quale è stata usata questa modesta epidemia, battendo sul tamburo per trasformarla in pretesto per implementare situazioni e meccanismi già pianificati da tempo.

      Epidemia "modesta" a livello collettivo, ovviamente, perché mi rendo benissimo conto che per gli individui che ci hanno sbattuto, ci stanno sbattendo o ci sbatteranno la faccia in prima persona è una tragedia. E' una tragedia anche scoprire un tumore nelle proprie viscere, realizzare che il proprio cervello finirà consumato dal morbo di Alzheimer o finire sotto a un TIR, ma non mi risultano provvedimenti come quelli in corso per fare fronte a quelle piaghe. Quelle dei tumori e del morbo di Alzheimer anche più incisivamente letali rispetto all'epidemia attuale (e sicuramente mi sto dimenticando di una quantità di altre piaghe dello stesso tenore, se non peggiori).

      Elimina
    2. Però cosa se ne faranno di una popolazione infinitamente più povera? Avranno ottenuto il precedente per chiuderci tutti in casa, ma a che pro se va a pallino ciò che genera tutta questa ricchezza economica? Se falliscono aziende, banche si entra in una spirale distruttiva dell'economia..

      Elimina
    3. Mah... ovviamente siamo nel campo delle illazioni, ma prova a pensare a cosa serve bombardare una città, col bel risultato di distruggerla -- preparare il terreno per una conquista? demoralizzare il nemico per poi piegarlo in altri modi? mettere in ginocchio un concorrente per prenderne il posto? Questo giusto per ricordare, a spanne, alcune delle motivazioni già storicamente comprovate. Chissà quante altre ce ne sono!

      Ad esempio, si fa un gran parlare di MES. Altro esempio, era nell'aria un capovolgimento dell'orientamento del governo d'Italia, che avrebbe dato tanto fastidio ad altri centri di potere. C'à la "necessità" di tenere sul piedistallo personaggi non rappresentativi (la sospensione dell'attività parlamentare dovrebbe dirci qualcosa). In Francia, c'era la questione dei gilet gialli. In Spagna certe spinte separatiste. C'è stato il brexit. Negli USA la contestazione anti Trump.

      Insomma, c'era una situazione di grande fermento, in una situazione economica precaria. Questa epidemia permette di sparigliare le carte nella partita in corso, e a più di qualcuno sarà venuto in mente che l'operazione può essere un'occasione per tentare di tenere in mano il timone ancora per un po', o di creare cataclismi che aprano occasioni e spazi altrimenti indisponibili.

      E' lecito ipotizzare qualsiasi cosa, non abbiamo strumenti per essere certi di niente. Se non del fatto che viviamo da tempo immemore in un putridume rivoltante. Mai rigettare alcuna ipotesi, neppure se è apparentemente troppo "estrema" -- al peggio non esiste limite.

      Elimina
    4. Purtroppo temo che la speranza che la necessità di salvaguardare l'economia possa proteggerci al meno in parte dall'oppressione sia svanita. Avessero voluto difendere l'economia l'avrebbero fatto. In parte ci hanno provato con #bergamononsiferma o #abbracciauncinese. Poi di colpo (su indicazioni dall'alto?) hanno cambiato narrativa. Se la vedessimo con gli occhi di uno stato già un pò a corto di fiato, ci sarebbe anche stato un certo vantaggio a lasciare più libera la malattia: avrebbe impattato pesantemente su vecchi e malati, che sono costi enormi ed inutili, si sarebbe mantenuta e magari accresciuta la competitività relativa agli altri stati e alla fine ci si sarebbe trovati una società più giovane, più sana e con una maggiore ricchezza pro-capite. Come succedeva nelle pestilenze medioevali. È disumano? Beh, sì. Come lo sono i sindaci che invitano alla delazione. Come lo è morire a casa per una carie (perché è lì che stiamo andando), ecc. Ma Se lo stato l'avesse voluto fare non si sarebbe certo preoccupato dei risvolti morali.
      Consideriamo ancora altri aspetti. Ad esempio il progressivo calo delle risorse disponibili e l'ormai spropositata popolazione globale. Ad un certo punto le classi iperodminanti potrebbero trovare inutile e/o ingestibile tutta questa massa umana e ancora di più dare ad ognuno un relativo benessere. Forse è meglio, anche grazie alle possibilità tecnologiche, una gestione più vicina ad una zootecnica razionale.
      Poi immaginiamo ad esempio l'altro estremo della catena di potere. Il sindaco di un piccolo comune o il relativo agente di polizia municipale. Da signori nessuno si sono trovati investiti di un potere spropositato, che non hanno alcuna capacità di gestire, che gli da alla testa ma che è, ovviamente, attraente all'inverosimile.
      In conclusione io, come ho già detto altre volte, la vedo come il primo vero esempio di quel collasso di cui qui si è parlato da anni.

      Guido.

      Elimina
  7. I coronavirus sono virus a RNA con capsula che causano malattie respiratorie di gravità variabile dal raffreddore comune alla polmonite fatale. Di sicuro questo coronavirus SARS-CoV-2 è paragonabile all'influenza più cattiva ma con 2 peculirità che lo hanno distinto: un R0 stimato tra 2 e 3,6 maggiore dell'influenza stimata in 1,3 e una percentuale di malati che accusano una sindrome respiratoria maggiore dell'influenza comune. Questi 2 valori associati ad una iniziale incapacità gestionale (malagestione sanità in Lombardia) hanno creato situazioni di alta contagiosità e diffusione con conseguente aumento della mortalità in determinate aree del paese. Pertanto le misure di contenimento degli spostamenti della popolazione sono stati eccessivi e motivati dalla paura. Era sufficiente porre delle chiusure delle attività e dei luoghi non essenziali o maggior capacità di diffusione della malattia e mantenere un distanziamento sociale. Uso delle mascherine consigliato e libero. Saremmo rimasti liberi, sereni e sani e probabilmente con una minore mortalità ;-)

    RispondiElimina
  8. 1.un controllo presso gli uffici Anagrafe di tutta italia (basta ai server ISTAT fare un inquiry ai server comunali) si sapràquanti italiani sono scomparsi dopo il 21/gennaio/2020

    2.Al 7/4/2020 sono circa 17127 morti a cui vanno aggiunti i Dead On Arrival, ossia la quota parte di malati di Corona virus che non guariranno. I casi attivi sono 94067 circa, con un tasso di letalità del 12.63%=17127/135586 si desume in modo puntuale:

    a)se non ci fossero altri infetti (cosa irreale)
    b)se il rateo di letalità non calasse (è tutto da dimostrare)

    il totale dei morti sarebbe 17127 morti + 11880 doa=0.1263*94067
    portando al 7/4/2020 ad un impatto minimo 29MILA morti per corona virus!!

    Pesano tutti per intero su PD+M5S

    1.Perchè il 23/1/2020 il PD+M5S non hanno voluto mettere in quarantena gli italiani, tornati da Cina/paesi infetti limitrofi. Ma davano del razzista neonazista reazionario a chi parlava di quarantena.

    21/2/2020 La7/8:30 la quarantena non serve, Salvini e la DX sono sciacalli razzisti
    https://www.la7.it/otto-e-mezzo/rivedila7/coronavirus-italia-in-allarme-otto-e-mezzo-puntata-del-21022020-21-02-2020-308802

    2.Perchè PD+M5S il 23/1/2020 non hanno voluto respingere gli stranieri, per ragioni di sicurezza nazionale!

    3.Perchè PD+M5S non dovevano chiudere le tratte aeree dirette dai paesi a rischio, onde mantenere il controllo efficace sui flussi, effettuando quarantene e respingimenti, per ragioni di sicurezza nazionale

    4.Perchè il 23/1/2020 PD+M5S non hanno chiuso Schengen (Hollande ha tenuto Schengen chiuso per 4 anni), imponendo su aeroporti, porti e valichi di frontiera il controllo sui passaporti, per verificare i paesi di transito delle persone, accertando anche i tragitti in destinazioni intermedie, per applicare per ragioni di sicurezza nazionale agli italiani la 1) ed agli stranieri la 2)

    5.Perchè PD+M5S hanno sottratto dalla disponibilità dell'interesse nazionale, in un contesto di rischio batteriologico le mascherine, dandole alla Cina

    3/2/2020 CorrieredellaSera: Coronavirus, il Vaticano dona alla Cina settecentomila mascherine
    https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/20_febbraio_03/vaticano-dona-cina-settecentomila-mascherine-857b3410-46a6-11ea-afe7-221784afa655.shtml

    7/3/2020 Giornale: L'Italia ora è senza mascherine. Le abbiamo "regalate" alla Cina
    https://www.ilgiornale.it/news/politica/mascherine-lue-abbandona-litalia-1837056.html

    6.Perchè sono stati fatti annunci di blocco di Lombardia ed 11 province, senza prendere provvedimenti sospensivi su treni e corriere ed autostrade, causando almeno due migrazioni da Nord a Sud.

    8/3/2020 Post: in quarantena Lombardia e 14 province (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Alessandria, Verbano Cusio Ossola, Novara e Vercelli)
    https://www.ilpost.it/2020/03/08/misure-isolamento-lombardia-14-province-coronavirus

    8/3/2020 Stampa: In Lombardia treni, autobus diretti a Sud presi d'assalto per fuggire dai focolai
    https://www.lastampa.it/cronaca/2020/03/08/news/coronavirus-l-assalto-ai-treni-per-il-sud-nel-timore-della-paralisi-1.38566116

    14/3/2020 Giornale: Milano, scatta un nuovo esodo. Treni pieni per Puglia
    e Sicilia
    https://www.ilgiornale.it/news/milano/milano-treni-pieni-verso-sicilia-e-
    puglia-nuovo-esodo-1840697.html

    Bisognerebbe seguire i fatti, ovunque questi ci possano condurre.
    Oggi ho tranciato una parte delle serie storihce, già emerse nei giornali di pochi mesi fà.

    Va ricordato però che nei 5 anni di governo PD:
    a)sono stati deportati +700mila immigrati clandestini, l'Italia non li poteva integrare i +700mila immigrati, perchè già c'erano 2.8MLN di disoccupati, +350 mila italiani laureati emigrati in estero (perchè il tessuto industriale non li assorbiva). Nei prossimi mesi & anni, in Italia sarà anche peggio, la dinamica di posti di lavoro...
    b)s'è avuto il radicamento di mafia nigeriana (prima sconosciuta in Italia)
    c)mini epidemie di TBC.

    Sarà interessante a 31/12 sbirciare la serie storica dal 1871 ad oggi, del pil-procapite italiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo tuo commento mi offre il destro per manifestare un interrogativo: come mai i porti italiani, in questi giorni di mortifera epidemia tale da recludere d'imperio i cittadini in casa propria, non sono dichiarati "non sicuri" e conseguentemente chiusi all'approdo di chi è in cerca di salvezza? Ci rendiamo conto che chi ha in mano le redini sta esponendo i disperati in fuga a un rischio maggiore di quello dal quale, affermano, stanno fuggendo? Anche solo a voler seguire le linee di pensiero che ci sono state imposte da anni, c'è un corto circuito logico in corso che non ho ancora sentito denunciare da alcuno. Butto lì il sassolino.

      Elimina
    2. Chip, non dimenticare di sottolineare il modo scomposto il cui "la calda ospitalità delle genti del Sud" ha reagito al tentativo di ritorno di una risibile percentuale dei propri compaesani. Ipocrisia distillata, quella della solo presunta "calda ospitalità delle genti del Sud". I fatti parlano più delle parole.

      Elimina
    3. Mr... da ultime notizie pare che un tot di ministri abbia detto che l'Italia non è più porto sicuro. Dopo un mese e mezzo, ma si sa, i tempi della burocrazia sono lunghi!
      Intanto ferme restando le responsabilità dei nostrani, temo che gli indirizzi arrivino da più alto e più lontano.
      Fin da subito il prof. Ugo Mattei aveva parlato del potere dell'OMS. Infatti in tutti i decreti, ordinanze ecc. c'è sempre il paragrafo: viste le indicazioni oms... e adesso si cerca di passare a un livello ulteriore, per altro già proposto da giorni. Qui alcuni che ne parlano:

      https://youtu.be/gROBKBJTk1s

      https://scenarieconomici.it/covid-italia-tra-oms-e-ue-il-lupo-e-alla-porta-di-debora-betti/

      Deportare i malati in campi di concentramento. Alcune regioni si stanno già attivamente attrezzando. Mentre gli stati più forti sembrano opporre una maggiore resistenza, ma non certo l'Italia, che da decenni si è avviata a diventare un paese del terzo mondo.
      Questo dovrebbe essere anche un argomento di riflessione per chi, poco tempo fa, su questo blog, chiedeva il governo mondiale.

      Guido.

      Elimina
    4. @ MrKeySmasher
      Ho visto tutto quanto ;-) ed ho provveduto a registrare ogni cosa, dentro ai relativi segnali d'Early Warning quanto gli eventi clone.

      http://lafrecciadellastoria.blogspot.com/2020/01/le-chiacchere-stanno-zero-siamo-nel.html

      Aggiungo che quando è scoppiato il virus:

      -Conte ha iniziato ad usare i decreti legge,
      -mentre PD+M5S dopo aver concretizzato la propria fattispecie concreta, si sono eclissati (con il parlamento chiuso) nella migliore tradizione savojarda.

      Elimina
    5. pare che Lamorgese li abbia chiusi oggi. Riguardo all'ospitalità mio suocero diceva: "Porta aperta per chi porta, chi non porta, parta". Che non gli bastasse che lo avessi liberato della figlia a a costo zero?

      Elimina
    6. Chip, aggiungi, aggiungi... che ce ne sono di cose da aggiungere!
      Mago, bellissimo quel detto (che non conoscevo). Me lo sono segnato.

      Elimina
    7. La prima vittima della pandemia sembra essere l'obiettività o quanto meno il cercare di mantenerla. Chip la tua ricostruzione a mio parere, ne è un esempio e le misure che avresti proposto nei tuoi 'perchè' mi paiono anche a posteriori poco efficaci se non del tutto inutili così come le tue accuse.
      Il virus probabilmente girava silente in Italia e in Germania già molto prima del 23 gennaio
      https://www.google.com/amp/s/www.ilgazzettino.it/AMP/pay/l_analisi_treviso_il_coronavirus_e_entrato_in_italia_gia_a_meta-5098507.html
      Pertanto la quarantena per chi rientrava dalla Cina sarebbe servita a poco e tra l'altro subito dopo sono stati sospesi i voli dalla cina.
      Quando dici che chi proponeva questa quarantena era tacciato di 'razzismo neonazista' sarebbe interessante sapere a quale politico o esponente del governo è attribuita questa frase.
      Sospendere Schengen del tutto inutile anzi probabilmente avrebbe fatto aumentare i contagi. Dato che non significa la chiusura delle frontiere, ma aumentare i controlli in ingresso, avrebbe determinato code e assembramenti come è successo negli usa dopo che Trump ha decretato il blocco dei voli dall'Europa, a seguito dei controlli sanitari in ingresso
      https://www.bbc.com/news/amp/world-us-canada-51895246
      Quanto alla fuga da Milano dell'8 marzo, fermo restando la altrettanto colpevole fuga di notizie probabilmente da qualche regione e la sottovalutazione del governo dell'effetto panico, dati i tempi di incubazione del virus al momento non pare aver trasferito al sud i problemi del nord, segno che le misure di contenimento sembrano funzionare.
      Tutto questo per sviare dal disastro lampante della regione Lombardia? Dopo la dichiarazione dell'emergenza sanitaria del 31 gennaio perché le regioni, la massima autorità in tema di salute sul territorio e avendone il potere, non hanno iniziato a fare scorta di mascherine, potenziare le terapie intensive e eventualmente imporre misure restrittive che l'art. 32 della legge 833/78 assegna loro come possibilità? Forse non conoscono nemmeno le prerogative che le leggi assegnano loro?
      Perché in Lombardia metà delle risorse pubbliche a partire dal Celeste sono state destinate alla sanità privata?
      Perché negli ultimi 30 anni i posti letto in Italia si sono drasticamente ridotti?
      https://infosannio.wordpress.com/2020/03/25/i-numeri-del-tracollo-del-ssn/
      Perché abbiamo un terzo dei posti di terapia intensiva ogni 100.000 abitanti rispetto alla Germania?
      Perché non si è fatto un piano epidemiologico nazionale dopo la sars del 2003 in Cina e dopo la forte raccomandazione di scienziati e OMS sul rischio di pandemie già nel 2007?
      https://www.epicentro.iss.it/globale/oms_2007
      Forse perché la prevenzione in Italia non paga elettoralmente? Che governi si sono succeduti a partire da quegli anni? Chi sono allora i mandati politici di tutto questo?

      Elimina
    8. @ Ferruccio April 9, 2020 at 8:30 AM

      Meccanismi di propaganda e disinformazione e fake news, si ritrovano nei giornali, in radio, sopratutto nelle televisioni italiane, dove si spacciano informazioni stupefacenti.

      AGGIUNGERE EVENTI MAI ACCADUTI
      .la Scienza è stata equivoca ed ha spacciato informazioni false sviando la politica: FALSO, tutta la letteratura scientifica è concorde sull'utilità della quarantena per evitare che un virus entri in una popolazione

      .la Cina non ha dato informazioni al mondo: FALSO, ha detto al mondo il 21/1/2020 che chiuse la megalopoli Wuhan

      .il corona virus è permeato in Italia in settembre-dicembre 2019: FALSO, non ci sono evidenze scientifiche

      .il corona virus circolava in Italia ancora prima della sua scoperta in Cina: FALSO, se fosse stato così l'emergenza delle rianimazioni si sarebbero verificate molto tempo prima, cosa che non è accaduta.

      .il corona virus è un attacco terroristico sparato da un drone: FALSO i ceppi del virus per adesso sono 5: quello di Wuhan, 4 mutazioni di cui 3 italiche (tre simili un po' più lievi, ed una aggressiva tanto quanto quela di Wuhan), per questo occorre una stretta quarantena per evitare che nel progredire dei contagi il virus muti di nuovo vanificando vaccini e terapie che stanno per essere posti in essere dalla scienza

      .il corona virus è entrato in Italia dalla Germania: FALSO il tedesco venuto a contatto con una cinese di Shangai (asintomatica oppure sana come un pesce) non è mai venuto in Italia, tantomeno a Codogno
      https://www.ilgiornale.it/news/mondo/coronavirus-lazienda-tedesca-focolaio-1-ha-due-sedi-italia-1836457.html
      Il virus proviene dal ceppo di Wuhan mutato poi in germania come suggerisce l'analisi del DNA, ma non è mai stato portato dal tedesco che entrò in contatto con la cinese di Shangai in Germania.

      Elimina
    9. @ Ferruccio April 9, 2020 at 8:30 AM

      Meccanismi di propaganda e disinformazione e fake news, si ritrovano nei giornali, in radio, sopratutto nelle televisioni italiane, dove si spacciano informazioni stupefacenti.

      SOTTRARRE EVENTI REALMENTE ACCADUTI
      .l'epidemia del corona virus non causa morti: FALSO, ci sono i morti in tutto il mondo

      .per nascondere i morti che continuano a correre in Italia e l'alta letalità superiore a Wuhan, i mass media perdono tempo a parlare di Trump e del sistema sanitario americano, della Francia e di Macron e della Germania e della Merkel

      .per nascondere lo sputtanamento di risorse pubbliche fatto dalle regioni del sud, organizzando una sanità di merda, i mass media perdono tempo a parlare di Trump e del sistema sanitario americano, della Francia e di Macron e della Germania e della Merkel

      .per nascondere la carenza delle mascherine in Italia che sono state sottratte agli italiani da PD+M5S che le hanno date via alla Cina, i mass media perdono tempo a parlare di Trump e del sistema sanitario americano, della Francia e di Macron e della Germania e della Merkel

      .PD+M5S stanno spargendo con i giornalisti cattocomunisti l'odio contro Germania, Olanda, Austria che non accettano i corona bond: s'omette di dire che l'Italia nel 1999 entrò nell'Euro con 1285 Miliardi di Euro di Debito Pubblico italiano, promise che nei decenni a venire avrebbe ridotto tale importo, però a dicembre 2019 il Debito Pubblico italiano era alla stratosferica quota di 2409 Miliardi di Euro!!

      Elimina
    10. @ Ferruccio April 9, 2020 at 8:30 AM

      Meccanismi di propaganda e disinformazione e fake news, si ritrovano nei giornali, in radio, sopratutto nelle televisioni italiane, dove si spacciano informazioni stupefacenti.

      TRAVISARE EVENTI REALMENTE ACCADUTI
      .l'Italia ha più contagiati perchè ha fatto più tamponi: FALSO, l'Italia ha più contagiati perchè non è stato chiuso Schengen, non è stata posta la quarantena sugli italiani rientrati da zone a rischio, non si è respinto gli stranieri provenienti dai paei a rischio e perchè si è persa traccia degli stranieri entrati in Italia provenienti da destinazioni intermedie

      .non era possibile chiudere Schengen a causa dell'elevato traffico di persone: FALSO la Francia con Hollande, ha chiuso Schengen per 4 anni, senza incidere e danneggiare il traffico sulle merci

      .il governo/PD+M5S non è responsabile dell'epidemia: FALSO il governo e maggioranza sono responsabili di ciò che accade in un paese, in quanto l'attività di governo incide nella realtà per definizione.

      .l'epidemia è come un'influenza: FALSO, il virus è sconosciuto nel mondo umano, infatti non ci sono terapie e/o vaccini

      .il corona virus si è diffuso dall'ospedale di Codogno posto a quarantena: FALSO, il virus già circolava in Italia

      .Non si poteva piantonare strade ed autostrade e ferrovie perchè mancavano forze dell'ordine: FALSO, i treni dovevano essere sospesi, le corriere dovevano essere sospese, le autostrade dovevano essere socchiuse, mandando poche volanti a controllare che nei varchi abilitati all'entrata passassero solo camion per il trasporto merci

      .ragionare di cosa facciano in USA, in Francia, in Germania, in Gran Bretagna per compararlo con cosa decide la maggioranza di governo PD+M5S crea un'alibi agli untori: è penalmente irrilevante in Italia cosa decidono le maggioranze di governo straniere nei loro paesi

      .ragionare di cosa facciano in USA, in Francia, in Germania, in Gran Bretagna per compararlo con cosa decide la maggioranza di governo PD+M5S crea un'alibi agli untori: è irrilevante per il popolo italiano quali obiettivi politico-demografici perseguano le maggioranze di governo degli altri paesi.

      .il governo ci ha sottratto libertà personali perchè è illiberale e filocinese: FALSO, le politiche di distanziamento sociale sono strumentali alla riduzione del contagio da corona virus

      Elimina
    11. Chip, scopriremo se l'ultimo punto corrisponde a realtà quando (quando?) e soprattutto SE verrà ripristinata in toto la situazione precedente i provvedimenti. I miei sensi di ragno mi dicono che si seguirà il "protocollo Monti", quello dei "sedimenti lasciati dalle crisi". Prima una crisi qui, poi una crisi là, e nel giro di pochi anni siamo arrivati già a un bel punto. Aggiungi la moggiore possibilità di controllo messa a disposizione di chi "tiene il manico del coltello" dalla tecnologia, e hai un bel quadretto.

      Per sfortuna di chi ci sommerge di menzogne sperando di tenerci tutti addormentati fino al momento (magari, anzi probabilmente, già raggiunto) in cui ogni qualsivoglia reazione sarà impossibile, io ho in memoria come stavano le cose una quarantina d'anni fa, o anche solo una trentina. Avete presente quando ci dicono che l'evento tal-del-tali ha riportato indietro l'economia al (anno a caso, generalmente incluso tra gli anni '70 e '90)? Be'... fosse vero. Economia, composizione sociale e stile di vita di allora. Mica male, eh? Dove devo firmare?

      Elimina
    12. @Chip
      "Meccanismi di propaganda e disinformazione e fake news, si ritrovano nei giornali, in radio, sopratutto nelle televisioni italiane, dove si spacciano informazioni stupefacenti."
      Su questo sono perfettamente d'accordo, visto che siamo relegati molto indietro come libertà di stampa in italia, dove l'informazione è controllata da gruppi economici (basta vedere le proprietà dei giornali e delle tv) e i canali Rai occupati dai partiti. Ergo giornalisti che possano raccontare in maniera libera e obiettiva i fatti ce ne sono pochi. Per questo mi fa sorridere vedere che citi spesso un quotidiano che di fatto è un organo politico e che non brilla certo per imparzialità.
      Detto ciò vedo che non rispondi nel merito, come se questo governo, che esiste da poco e che pure ha fatto degli errori (ma chi è il fenomeno che non ne avrebbe fatti? Sarei curioso di conoscerlo), fosse responsabile della malagestione della cosa pubblica degli ultimi 30/40 anni (il debito pubblico è cominciato a andare fuori controllo dagli anni 80 e dal 2000 ha conosciuto nuove impennate).
      Per non divagare aggiungo solo questo, poi mi taccio.
      Sempre più studi indicano che il virus fosse in Italia già dai primi di gennaio
      www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/03/28/coronavirus-studio-virus-gia-inizio-gennaio-nel-nord-italia_54pyl6DBBogtysR0BdEvQN_amp.html
      e ha fatto tempo a arrivarci indisturbato e sconosciuto perché in Cina è stato identificato solo il 7 gennaio
      https://www.lescienze.it/news/2020/03/16/news/coronavirus_bat_woman_pipistrelli_sars-4697657/
      e anche in Cina ha girato a lungo pare da novembre.
      Sarebbe stata quindi inutile l'auspicata quarantena dei viaggiatori dalla Cina dopo il 21 gennaio (ma se un viaggiatore fosse partito dalla Cina, atterrato a Heathrow e trascorso qualche giorno a Londra, poi riparto da Gatwick per la Francia con uno dei tanti voli low cost, e da li, noleggiato un'auto per venire in Italia, come lo avresti controllato?? E guarda che di questi spostamenti ce ne sono migliaia). Inutile anche la chiusura di Schengen che, come già detto, avrebbe comportato assembramenti in attesa dei controlli. Oltretutto chiudere Schengen a gennaio avrebbe scatenato un inferno di polemiche e critiche da parte di tutti gli industriali e imprenditori e della destra compatta, come l'avresti gestito?

      Elimina
    13. Ferruccio, mi meraviglio che tu riesca a leggerlo. Fatica encomiabile ma inutile.

      Elimina
    14. @ MrKeySmasher April 9, 2020 at 4:12 PM
      In questo blog, tutti quanti ragionano di collasso, è dal 1980 che l'Italia s'è voluta imporre come capofila delle nazioni del I°mondo, che sono destinate al collasso della previsione di Limits to Growth.

      Quanto resta prima della notte della civiltà umana?
      https://www.youtube.com/playlist?list=PLeSK8oZavDZkRfvQ9Pk1uvpZg-izIxlwV

      Le Guerre del Cambiamento Climatico Mediterraneo e Siberia 2050
      http://www.climate-change-wars.tk

      da tempo l'Italia è prossima al suo destino:
      http://lafrecciadellastoria.blogspot.com/2017/10/il-declino-economico-italiano-la-crisi.html

      H0: default dell'Italia dentro l'eurolandia, l'evento non causerebbe la distruzione dell'area Euro

      H1: L'ITALExit non causerebbe la distruzione della zona Euro (anzi, per reazione Eurolandia evolverebbe nella CED DeGasperi) viceversa l'Italia nella Lira, si dissolverà in processi dissolutivi e disgregativi, dentro ad Nuovo Medioevo (poi la penisola italica finirà succube di Chartago ed ostile ad Euroma).

      Elimina
    15. Ogni anno scadono circa 400 Miliardi di debito pubblico italiano che vanno riclassati a qualcuno, per evitare che l'Italia fallisca. Il loro rinnovo comporterà una risalita dello spread, che sarà finalmente prezzato in pieno in modo corretto (per calo del pil, balzo del quoziente debito/pil, per crescita smodata del debito in termini assoluti) dato che sino ad oggi Draghi ha drogato il mercato finanziario con il QE.

      Anche se l'Italia non fallisse nel 2020 (perchè l'extradeficit per Covid19 sarà finanziato da BCE), il riclassamento costoso dei 400MLD annui che sono in scadenza, l'Italia li dovrà classare a qualcuno: ma non a BCE (che coprirà solo l'extradeficit per spese di Covid19).

      L'Italia non potrebbe andare finanziarimente molto lontano, essendo stabilmente avviata in una traiettoria declinante: il rateo di crescita di lungo periodo del Debito italiano è circa +2% mentre il tasso reale di crescita di lungo periodo del Pil è circa +0.5%. Se l'Italia non fallisse nel 2020 poi nel 2021 l'Italia farebbe default, oppure uscirebbe dall'Euro!.

      *L'Ipotesi dell'oro alla patria*
      Bruciare i conti correnti delle famiglie ed imprese, classando forzosamente il debito pubblico italiano, non porterà lontano l'Italia ma sancirebbe la fine del bordeggiamento come caccola peones fallita, dentro eurolandia.

      Il Giappone ha un possente tessuto industriale, una bilancia dei pagamenti positiva (a causa dei dividendi delle possenti keyretsu che affluiscono in Giappone, quanto per il saldo positivo di bilancia commerciale). Risorse finanziarie provenienti dalla Bilancia dei Pagamenti che entrano in Giappone: in larga parte tali risorse sono investite in ricerca applicata dalle keyretsu. Altre sono drenate dalla massa monetaria, per affluire al grande debito pubblico classato solo ai giapponesi. In ultima analisi, è però il possente tessuto industriale giapponese delle keyretsu il meccanismo che sostiene l'enorme debito pubblico giapponese.
      https://mio-radar.blogspot.com/2017/10/il-vituperato-quoziente-debitopil-e-le.html

      In Italia, il tessuto è sempre stato piccolo ed è in dissolvimento, non è più tempo da svalutazioni competitive 1980s
      https://mio-radar.blogspot.com/2017/12/il-deja-vu-delle-politiche-industriali.html

      In iperinfilazione (ritorno alla Lira) le aziende italiane accelereranno il rateo di morte e/o delocalizzeranno in Eurlandia, perchè in iperinflazione le aziende muoiono!.
      https://mio-radar.blogspot.com/2017/11/quello-che-i-politici-non-dicono.html

      .In ITALExit, il debito pubblico italiano classato in Eurolandia, SE fosse ripagato dall'Italia in Euro, sarebbe costoso da ripagare, vanificando il vantaggio d'aver accesso al Mercato Europeo per le merci italiane.

      .Se invece il debito pubblico italiano classato in Eurolandia fosse ripagato dall'Italia con la cartastraccia della Lira, il mercato Europeo sarebbe chiuso alle merci italiane (dazi e contingentamenti), per proteggere le aziende dei paesi dell'Euro.

      In ogni caso, converrà agli Europei investire sui paesi dell'Est Europeo ma non sull'Italia, perchè i paesi dell'Est Europa da tempo sono disciplinati e protesi in una direzione d'avvicinamento all'Eurolandia, piuttosto che l'Italia posta saldamente verso il caos africano nel XXI secolo.

      Non c'è più niente da dire, solo osservare SE l'Italia va in H0 oppure in H1
      http://lafrecciadellastoria.blogspot.com/2020/01/le-chiacchere-stanno-zero-siamo-nel.html

      Elimina
    16. @ Ferruccio April 9, 2020 at 9:19 PM
      Fai propaganda politica per PD+M5S.

      1-Non ci sono evidenze scientifiche di una circolazione del Covid19 in Italia prima del 21/gennaio/2020

      2-Anche se vi fossero, sarebbero prove false: infatti a)il virus di Wuhan ha un'alta velocità di trasmissione, b)un'alta letalità (in Italia) MA la storia ricorda che in Italia non ci sono state epidemie (saturazione dei centri di rianimazione) prima della chiusura di Wuhan 21/gennaio/2020 quindi l'idea che il Covid19 circolasse in Italia prima del 21/gennaio/2020 è fantapolitica!.

      Elimina
    17. Ora c'è la cagnara dei pseudo sovranisti de noantri che strepitano per più deficit e più debito a... spese di olandesi, magnacrauti etc. . Di quello indicibile non ne hanno a sufficienza, evidentemente.
      Che gazzarra indegna, che squallore!
      Credere di fare i sovrani con i bilanci degli altri.
      Già.
      (Si noti che furono le castalie autoreferenziali della sx fucsia a imporre l'euro senza alcuna legittimazione democratica).
      Passando dalla sx sovranista a quella arcobalenga, no-border, razzista anti, questa ha ripreso con la sua guerra migratoria contro europei e italiani a base di deportazioni di clandestini.
      Questo è pure peggio: i bilanci, con sacrifici, si sistemano, estirpare il cancro invadente e prolifico e le castalie di fanatici invasati progressisti che lo organizzano, lo realizzano, non si può in maniera civile.
      Solo un paese in necrosi morale e spirituale può pensare che in una pandemia, con gli autoctoni reclusi i porti debbano essere aperti.
      L'azione aggressiva, l'organizzazione ideologica, politica distruttiva, la penetrazione violente sempre più evidenti.
      Sarà bello.

      Elimina
  9. io una idea l'avrei, credo che ci siano state mutazioni con maggiore aggressività nel ceppo "lombardo" e che al sud sia o stia passando con un ceppo meno virulento ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.fanpage.it/attualita/limmunologo-silvestri-lestate-ci-aiutera-a-battere-il-coronavirus-e-meno-letale-con-il-caldo/

      Elimina
    2. In effetti a guardare qui le mutazioni sono assai in poco tempo ...
      https://nextstrain.org/ncov/europe?f_country=Italy&l=clock
      Su FB circola poi una immagina comparativa con altre malattie come influenza, dengue e morbille che evidenzia ancor di più il fenomeno della estrema varibilità del genome del COVID-19.

      Elimina
    3. ritrovata immagine:
      https://pbs.twimg.com/media/EU6XmzgX0AA6ddF?format=jpg&name=medium

      Elimina
  10. Le aspettativa di vita in italia è 83 anni, l’eta media dei morti per corona virus é di 80 anni, e il 75% di questi morti hanno una o più malattie non curate a causa del fumo, enfisema, aritmia, sovrappeso, diabetica, ipertensione, insufficienza renale, demenza ... Queste sono statistiche che non si prendono in conto quando si contano i morti per corona virus. In conclusione, nei prossimi anni ci dovrebbero essere meno morti perché gli anziani sopravvissuti avranno meno patologie e miglior salute, e anche a un miglioramento futuro del sistema sanitario.

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Prof.
    Io in quel tragico aumento delle morti ci vedo tanto la crisi del 2008 e i tagli alla Sanità dei governi Monti e successivi che hanno peggiorato sensibilmente le prestazioni del SSN. Ce lo ritroviamo anche oggi con la cronica mancanza di posti letto. Speriamo che nella sua tragicità quella attuale sia l'occasione per un cambio di tendenza e un ritorno a reinvestire nel servizio pubblico della sanità (e non solo).

    Danilo

    RispondiElimina
  12. Altri studi sull'inquinamento come concausa della letalità del coronavirus
    https://www.meteogiornale.it/notizia/coronavirus-inquinamento-da-harvard-terribile-conferma

    RispondiElimina
  13. "Le varie proiezioni si assestano sulle 15.000 -20.000 vittime"
    Le 15.000 sono passate da un pezzo, sIamo già a 18.300 vittime e ne muoiono ancora 500 al giorno, per finire con 20.000 praticamente i morti dovrebbero smettere da un giorno all'altro. Con 4000 nuovi contagiati ogni giorno e 4000 intubati in TI, dove la mortalità è del 50%, è assolutamente impossibile. Da ateo, accenderei un cero alla madonna se rimaniamo sotto i 30.000 (e non dimentichiamoci delle migliaia di morti di CV non riconosciuti perchè mai tamponati).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei far presente, anche se so che non serve a niente, che per il passato, con popolazioni di molto inferiori, ben altri massacri non facevano battere ciglio a nessuno. Riporto da wikipedia:

      Decima battaglia dell'Isonzo. 12 maggio-5 giugno 1917. Perdite italiane: 36000 morti. Austria-Ungheria: 17000 morti.

      Undicesima battaglia dell'Isonzo. 17-31 agosto 1917. Italia: 30000 morti, 110000 feriti. Austria-Ungheria: 20000 morti, 50000 feriti, 30000 dispersi.

      Battaglia di Caporetto. 24 ottobre-12 novembre 1916. Italia: da 10000 a 13000 morti. 30000 feriti. 265000 prigionieri. Austria-Ungheria: 50000 tra morti e feriti.

      Prima battaglia del Piave. 13-26 novembre 1917. Perdite italiane: 43000 tra morti e feriti. Perdite Austria-Ungheria e Germania: 21000 morti.

      Poi la vittoria. Battaglia di Vittorio Veneto. 24 ottobre-4 novembre 1918. Con 36498 morti da parte di Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Francia e 90000 morti e feriti per Austria-Ungheria.

      Da questo sito http://www.piacenzaprimogenita150.it/index.php?it/209/i-dati-italiani si apprende che i morti italiani per causa diretta della guerra furono circa 680000. Considerando altre concause si arriva a 750000. Ancora si apprende che l'età media dei morti era 24 anni e 4 mesi nel 1915. 25 anni nel 1916. 25 anni e 8 mesi nel 1917. 25 anni nel 1918. 26 anni e 6 mesi nel 1919. Da confrontarsi con l'età media dei morti "per coronavirus", comunicata nel quotidiano bollettino, di circa 80 anni.
      Qui alcune delle infinite testimonianze di altri intoppi patiti da chi ci ha preceduto: http://www.museotorino.it/view/s/857d5c3be36347efb14941d40fcfc3f1

      Ne riporto un estratto: "Le dirompenti, colla loro enorme potenza di soffio, schiantano gli edifici o li svuotano, li fanno crollare su se stessi, seppellendo persone e cose; crateri profondi si aprono sulle piazze o nelle vie da cui dilaga l’acqua delle tubature divelte; i cavi elettrici aerei o interrati sono recisi, le vetture tranviarie squarciate, i binari contorti, mentre nell’asfalto gli spezzoni esagonali si infiggono e bruciano illuminando, quali fiaccole di morte, quella tregenda".

      Noi stiamo chiusi in casa, come è vietato fare per galline, bovini o suini, per tutela della salute pubblica.

      Buona Pasqua.

      Guido.

      Elimina
    2. Continuo segnalando questo:

      https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2020/04/11/coronavirus-assembramenti-nel-foggiano-per-iriti-del-venerdi-santo-aperta-inchiesta_e9466cda-8b71-4df5-a8cd-200edaee5d00.html

      Dove un tizio, capoccia della protezione civile, vale a dire una associazione di privati che detiene (usurpa?) poteri pubblici (esempi del passato sono la milizia volontaria per la sicurezza nazionale, cercare in internet cosa era, ovvero il gran consiglio del fascismo) ci dice che la reclusione di un intero popolo non finirà fin che non si scoprirà (chi lo deve scoprire?) un vaccino.
      Ricordo che quello che stiamo vivendo è un vero e proprio genocidio. Visto che è stata soppressa, per legge, la funzione che tradizionalmente distingue il vivente dal non vivente, ovvero la riproduzione.

      Guido.

      Elimina
    3. Amarylide, guarda la curva della mortalità. I morti saranno circa 20.000 per questa fase -- non è detto che non ci saranno nuove esplosioni di infezione, ma per questo giro ci fermiamo a circa lo 0.03% della popolazione. Non ci sono più le belle epidemie di peste di una volta!!!

      Elimina
    4. Chip, anche senza scomodare le guerre mondiali, osserviamo questa incongruenza: 1) è pratica comune, da parte tanto privata quanto pubblica, "chiudere un occhio" sulle produzioni industriali che seminano malanni (talora mortali) come fossero mentine, proprio per evitare i danni economici che comporterebbe la chiusura di UNO stabilimento; 2) per una malattia di gravità neppure lontanamente comparabile (specifico per evitare equivoci: più lieve) si chiude un'intera Nazione con danni economici E SOCIALI di difficile misurazione, danni che sono potenzialmente essi stessi causa di mortalità.
      E qui mi fermo, perché le incongruenze sono molte di più.
      Stridori, stridori, stridori.
      Avete presente quella classe di virus informatici definiti trojan? Ecco, tra i virus non solo quelli informatici possono essere trojan. Cosa c'è nel pancione del COVID19 e della sua narrazione?

      Elimina
  14. Purtroppo io troppo spesso noto che la gente anche se sa fare qualche banane conto aritmetico, non sa leggere i numeri, non ha un'idea degli ordini di grandezza e per molti un raffronto fra due numero non innesca alcun ragionamento, ma si limitano ad associarlo come prova provante all'interpretazione di chi glielo propone.
    Sui morti poi i dati ora sono veramente poco chiari oggi abbiamo:
    - morti +570
    - terapie intensive -108
    - ricoverati -157
    Quindi pur attribuendo i cali ai morti, l'eccesso di 445 morti da dove proviene? Sono tutte persone morte a casa tra quelli già testati: ma non sono tutte persone con pochi o senza sintomi? Sono persone scoperte morte in casa e attribuite a covid19? provengono forse tutti dalle terapie intensive: ma questo vorrebbe dire un movimento di 462 persone verosimilmente dai reparti di ricovero a quelli di intensiva: un dato non certo positivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è una certa maestria nell'offuscazione dei dati -- hanno molta esperienza e lo sanno fare bene. Ma è anche vero che gli piace vincere facile: con l'ignoranza media del pubblico, gli possono raccontare qualunque cosa

      Elimina
    2. Vorrei puntare il dito contro un'altra pratica che mi sembra evidenzi la "pelosità" con la quale vengono usati i dati, reali o farlocchi che siano: perché vengono fornite quantità assolute e non valori in percentuale sul totale della popolazione? FORSE perché si desidera un effetto di amplificazione ansiogena dei dati? (forse?) E, in caso, perché creare un effetto ansiogeno in contemporanea alla pretesa di voler rassicurare l'uditorio?

      Solo io ci vedo un'intenzione manipolatoria per scopi non dichiarati? Di quegli scopi dovremmo preoccuparci, magari più che di un virus che ha effetti da zerovirgolazeroqualcosa?

      Elimina
  15. I ricoverati e le terapie intensive possono essere calate per vari motivi: perché le persone ora sono meno infette e quindi gravi (la variabilità dell'infezione in base alla dose di Cov2-19 ricevuta l'ho sentita dalla Capua, non so quanto sia vera); perché medici e ospedali cercano di non far ricoverare le persone se non in casi limite sapendo di operare in un lazzaretto; perché anche i malati cercano di non andare in ospedale preferendo di morire a casa; perché all'inizio c'è stata una sovra-ospedalizzazione partendo dal presupposto di riuscire a curare meglio le persone e a salvarle, mentre spesso è avvenuto il contrario...

    RispondiElimina
  16. Senza immigrati non si raccoglie?
    https://ilfattoalimentare.it/caporalato-lavoro-agricolo-coronavirus.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un certo senso io sono gandhiano: sono gli italiani che devono lavorare per produrre il loro cibo e tale lavoro deve essere equo e remunerato equamente.
      Invece avevo colleghi kompagneschi che sostenevano parole le lotte dei lavoratori Amazon e, finita la riunione CGIL, si fiondavano ad acquistare gli pneumatici della bici e la zia perché costavano 2,50 euri in meno che dal biciclettaio sotto casa. Eccetera eccetera.
      Già i kompagni al caviale "contro ogni razzismo" e antifa e con la colf filippina a casa.
      Che squallore!
      No grazie.

      Elimina
  17. http://cobraf.com/forum/forum/corona-virus-260/topic/corona-virus-articolo-per-il-corriere-ma-quando-lhanno-visto-21456/?post=1127509#1127509

    Un articolo che tratta lo stesso tema di questo del prof. Bardi. Con, più o meno, le stesse conclusioni.

    http://cobraf.com/forum/forum/corona-virus-260/topic/corona-virus-articolo-per-il-corriere-ma-quando-lhanno-visto-21456/?post=1127509#1127509

    Guido.

    RispondiElimina
  18. Se la letalità è bassa, ma alta la contagiosità, e il tasso di ospedalizzazione è superiore alla capacità del sistema sanitario (tale anche da impedire di curare altre patologie), dobbiamo allora riaprire tutto e lasciare che il virus faccia il suo corso o aspettiamo di allungare il picco e nel frattempo potenziamo gli ospedali?
    Se le cose stanno così, prima la salute o l'economia? Se qualcuno qui fosse un decisore politico che soluzione adotterebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stessa che viene adottata da secoli per tutte quelle attività che seminano sistematicamente morte con incidenza ben superiore a quella dell'infezione corrente.

      Oppure si può fare al contrario: applicare a tutte le attività che seminano sistematicamente morte le stesse soluzioni che si stanno applicando con il pretesto di un'infezione.

      Con la narrazione delle "cronache sanitarie" ci stanno devastando le capacità critiche. Chi manipola la (in)formazione avvelena anche te, digli di smettere.

      Elimina
    2. Giusto si è tollerato di tutto e si continueranno a tollerare produzioni ultra inquinanti, ma che portano "valore" agli azionisti (primo comandamento del turbocapitalismo).
      Se però evitare l'intasamento e il collasso degli ospedali è una scusa, a che pro allora? Lo stesso sistema economico-finanziario (non vedo altri presunti manovratori) si è auto imposto il fermo in tutto l'Occidente per far schizzare il debito globale a vette assurde e per obbligarci a ripagarlo con ancora più capitalismo?
      CheCcosaci sarebbe dietro?
      Intanto di quarantene planetarie ce ne vorrebbero ogni anno per sperare di non fare la fine della rana bollita
      https://www.qualenergia.it/articoli/il-2020-verso-un-calo-record-di-emissioni-inquinanti-grazie-al-coronavirus-ma-anche-cosi-non-basta/

      Elimina
  19. @ Tutti: Urgente Aggiornamento sulla ZOMBIFICAZIONE in progress

    Mentre FanPage racconta che sino al 12/4/2020 in Italia s'è accatastato una pila di 19899 morti per corona virus,
    con 156363 infetti totali
    https://www.fanpage.it/attualita/il-bollettino-del-12-aprile-sul-coronavirus-156-363-contagiati-di-cui-34-211-guariti-e-19-899-morti/

    il Ministro degli Interni Lamorgese fa sbarcare 101 immigrati clandestini a Pozzallo

    12/4/2020 StrettoWeb: sbarcano +101 immigrati clandestini a Pozzallo (RG)
    http://www.strettoweb.com/foto/2020/04/sicilia-migranti-pozzallo-
    minori/999512/

    12/4/2020 Giornale: immigrato clandestino egiziano positivo al Corona virus sbarcato a Lampedusa, transitato da Pozzallo (RG) e poi trasferito a Porto Empedocle (AG)
    https://www.ilgiornale.it/news/cronache/sicilia-trema-coronavirus-adesso-
    potrebbe-arrivare-sud-1852687.html

    .Direi che ci sono ottime probabilità che tra 14gg ci sia la Totale ZOMBIFICAZIONE di Lampedusa

    .l'esplosione di wild fire a Pozzallo e poi Ragusa siccome da Roma in giù la p.a. non funziona, l'epidemia rapidamente è probabile che s'espanderà in tutta la Sicilia.

    .La Sicilia è un'isola, la quarantena sarebbe facile far rispettare. Tuttavia, penso che torni ad essere possibile l'evento della risalita d'Italiani del Sud infetti in cerca di domanda sanitaria, che violeranno il distanziamento sociale causando scontri violenti con forze dell'ordine, oltre a contestuali distruzioni di pronti soccorsi nel centr'Italia (così come è già accaduto a Napoli).

    Lets wait and see...

    RispondiElimina
  20. Gentile Ugo,

    post interessante, grazie molte. Vorrei notare un paio di cose al fine di chiarire meglio le sue considerazioni.
    Dati Istat: Lei nota la variabilità dei morti, sottolineando il picco di 50k morti in più nel 2017 senza che nessuno sappia il perché. Similmente, si può notare l'anti-picco di 40k morti in meno tra il 2003 e il 2004 (se proietto bene le x) e allora viene da chiedersi se siano effetti dovuti alla raccolta dei dati. In ogni modo, la curva è piuttosto chiara.
    Ancora su Istat: nel 2017-2019, sul campione di 1000 comuni, abbiamo avuto circa 33k morti/anno. Nel solo primo trimestre 2020 ne abbiamo già 40k. Ma, appunto, si tratta solo del primo trimestre di un campione oscuro. Nondimeno, spalmando i 33k per anno, avremmo che per ogni mese ci sono circa 2700 morti; nei primo tre mesi quindi 8250. Il che ci dice che già avremmo 32k morti di eccesso. Il che va contro la sua stima di 20k morti di covid totali (lei dice max 30k). Pur prendendo il campione con le giuste molle, i morti sono il dato assoluto a cui tutti ci appigliamo, e questo dato non può essere del tutto cancellato.
    Euromomo mi pare conforti i due picchi da lei indicati, ma il problema è che il Covid ha degli effetti sociali, economici e politici che l'influenza non ha avuto. Ora, se il Covid non è una bufala, come giustamente afferma, si tratta di capire se i suoi effetti socio-economici sono connaturati al problema o li abbiamo creati noi (come molti sostengono). Su questo lei è meno chiaro. Nelle sue conclusioni, da un lato afferma:
    "non è nemmeno possibile che il danno diretto da coronavirus metta a repentaglio la capacità del paese di gestire la sua economia e le sue infrastrutture."
    e qualche riga dopo:
    "Si parla già di cominciare a sbloccarre il paese e, in effetti, va assolutamente fatto, altrimenti andiamo in rovina. (e non è detto che non ci andremo: la sopravvivenza economica del "sistema italia" potrebbe essere già stata compromessa in modo irrimediabile)"

    A me questo pare il punto e questa oscillazione mi sembra davvero da risolvere. Per come la vedo io, il sistema economico italiano, ma anche europeo, ne uscirà malconcio, e ci sarebbe bisogno di una conferenza internazionale analoga a quelle sul clima. Temo che molti politici, e moltissimi dei loro elettori, non saranno all'altezza del compito, però. E di questo pagheremo le conseguenze.
    grazie
    Simone Gozzano

    RispondiElimina
  21. Gentile Ugo,

    post interessante, grazie molte. Vorrei notare un paio di cose al fine di chiarire meglio le sue considerazioni.
    Dati Istat: Lei nota la variabilità dei morti, sottolineando il picco di 50k morti in più nel 2017 senza che nessuno sappia il perché. Similmente, si può notare l'anti-picco di 40k morti in meno tra il 2003 e il 2004 (se proietto bene le x) e allora viene da chiedersi se siano effetti dovuti alla raccolta dei dati. In ogni modo, la curva è piuttosto chiara.
    Ancora su Istat: nel 2017-2019, sul campione di 1000 comuni, abbiamo avuto circa 33k morti/anno. Nel solo primo trimestre 2020 ne abbiamo già 40k. Ma, appunto, si tratta solo del primo trimestre di un campione oscuro. Nondimeno, spalmando i 33k per anno, avremmo che per ogni mese ci sono circa 2700 morti; nei primi tre mesi quindi 8250. Il che ci dice che già avremmo 32k morti di eccesso. Il che va contro la sua stima di 20k morti di covid totali (lei dice max 30k). Pur prendendo il campione con le giuste molle, i morti sono il dato assoluto a cui tutti ci appigliamo, e questo dato non può essere del tutto cancellato.
    Euromomo mi pare conforti i due picchi da lei indicati, ma il problema è che il Covid ha degli effetti sociali, economici e politici che l'influenza non ha avuto. Ora, se il Covid non è una bufala, come giustamente afferma, si tratta di capire se i suoi effetti socio-economici sono connaturati al problema o li abbiamo creati noi (come molti sostengono). Su questo lei è meno chiaro. Nelle sue conclusioni, da un lato afferma:
    "non è nemmeno possibile che il danno diretto da coronavirus metta a repentaglio la capacità del paese di gestire la sua economia e le sue infrastrutture."
    e qualche riga dopo:
    "Si parla già di cominciare a sbloccarre il paese e, in effetti, va assolutamente fatto, altrimenti andiamo in rovina. (e non è detto che non ci andremo: la sopravvivenza economica del "sistema italia" potrebbe essere già stata compromessa in modo irrimediabile)"

    A me questo pare il punto e questa oscillazione mi sembra davvero da risolvere. Per come la vedo io, il sistema economico italiano, ma anche europeo, ne uscirà malconcio, e ci sarebbe bisogno di una conferenza internazionale analoga a quelle sul clima. Temo che molti politici, e moltissimi dei loro elettori, non saranno all'altezza del compito, però. E di questo pagheremo le conseguenze.
    grazie

    RispondiElimina
  22. Direi che i pochi punti fermi delle vicenda sono:

    La malattia è un problema modesto. Da sè non incide sul funzionamento della società. Inoltre si sta imparando a curarla.

    Le misure di protezione intraprese in Italia (all'estero non so, dunque non ne parlo) si stanno rilevando inadeguate e con drammatiche controindicazioni.

    I decisori politici da un parte sono totalmente inadeguati e succubi di pressioni esterne molto forti. Dall'altra non hanno alcun interesse a risolevre il problema, tanto meno per il bene della popolazione. La malattia ha loro consegnato un potere inimmaginabile. Che nessun sovrano assoluto di Francia ha mai potuto neppure desiderare. Stessa cosa per tutta la catena di potere inferiore (bastino come prova le operazioni interforze contro le grigliate sui balconi o l'utilizzo di mezzi navali contro il bagnante di Pasquetta).

    Il problema ecomico è drammatico. Forse esiziale. E si svilupperà compiutamente solo nei prossimi anni.
    D'altra parte il disastro politico e, prima ancora, antropologico, è di molti ordini di grandezza superiore. Siamo ormai entrati nella gestione zootecnica intensiva dell'umanità. Una condizione che rende la vita, la vita umana nonnpuramente vegetativa, non valevole di essere vissuta.

    Sulle conferenze internazionali non mi esprimo. Non serve.

    Guido.

    RispondiElimina
  23. Il COVID19 è una variabile infettiva aggiuntiva che ha SOLAMENTE accelerato le morti dei già vulnerabili, comprimendo in poche settimane quelli che sarebbero morti per tante altre variabili infettive intervenienti in un lasso di tempo più lungo (mesi o anni), sovraccaricando al contempo il sistema sanitario, e quindi causando altre morti/patologie per mancanza di cure/risorse disponibili. Poi ci sono i casi di "coda" della normale, così come ci sono i 15enni che muoiono d'infarto per motivi c.d."insipegabili" (i.e.: patologie pregeresse non note). Il resto è allarmismo con fini politico-economici.

    RispondiElimina