Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


venerdì 26 luglio 2019

Clima e Attività Solare - un post di wm




Mentre stiamo esaurendo gli aggettivi per descrivere l'ondata di calore che ci è arrivata addosso, c'è ancora qualche frastornato che disperatamente cerca di parare il colpo con le scuse che trova, per esempio dicendo "si, però, mah, forse, eppure, potrebbe essere, chissà mai, che è più colpa del sole che dell'uomo" Eh, si, mi ricorda la barzelletta di quel pugile suonato che chiedeva all'allenatore di tener d'occhio l'arbitro perché sul ring c'era qualcuno che lo stava menando. Per non parlare degli abbindolati che ancora straparlano di un'era glaciale imminente. Insomma, disperazione per disperazione, continuiamo a cercare di convincere questi stralunati. Qui, ci prova WM con questo post (UB)

Clima e Attività Solare

di wm










                                                        http://www.solen.info/solar/



Una delle molte giustificazioni dei negazionisti dei cambiamenti climatici è l'influenza dell'attività solare sul clima della terra, proviamo a fare chiarezza: il sole attuale è diventato progressivamente più luminoso di quanto fosse alcuni miliardi di anni fa ma l'alternarsi di glaciazioni e alte temperature intervallate da condizioni simili alle attuali sul nostro pianeta hanno caratterizzato le ere geologiche. Una cosa assai interessante è che se qualche miliardo di anni fa la radiazione solare era minore le condizioni adatte allo sviluppo delle vita sul pianeta erano comunque presenti, una delle ragioni la quantità di gas serra sicuramente elevatissime prima della comparsa dei cianobatteri con la fotosintesi e seguente consumo CO2 .

Il sole è una stella di classe G, è composta principalmente da H che a causa delle fortissime pressioni interne dovute alla enorme massa consentono la fusione nucleare, H → He + energia in estrema sintesi.

Questa energia viene emessa in un ampio spettro che ricalca abbastanza fedelmente il corpo nero a 5777 K. Prima di entrare in atmosfera è approssimativamente costituita da :

UV 7% (λ < 3800 Angstrom), Visibile 40% (λ da 3800 a 7000 Angstrom), IR 53% (λ > 7000 Angstrom)

L'indicatore principale dell'attività solare è la presenza di macchie sulla superficie, sono zone che appaiono scure a causa della temperatura inferiore con un intenso campo magnetico. La loro presenza non è costante ma segue un ciclo approssimativamente di 11 anni, da un minimo ad un massimo e un nuovo minimo. Ad ogni ciclo la polarizzazione del campo magnetico delle macchie si inverte. Le prime osservazioni risalgono all'anno 301 documentate da cinesi, ma anche in epoche successive da arabi (anno 840) e in Europa a Worcester nel 1128.

Le osservazioni sistematiche avvennero tuttavia dall'inizio del 1600 da Keplero, Galileo ed altri. La registrazione dei dati effettuata dal 1700 circa da vari osservatori, Zurigo e poi in Belgio. Dall'analisi di questi dati Edward Maunder verso la fine del 1800 rilevò che nella seconda metà del XVII secolo le macchie erano scomparse . Questo episodio aveva una corrispondenza con quella che è stata definita piccola era glaciale, ma per avvalorare la tesi si passò all'analisi della correlazione con i raggi cosmici che vengono deviati in base all'intensità del campo magnetico solare (eliosfera). Quando l'attività è minore le radiazioni cosmiche giungono facilmente in ionosfera e agiscono sulle componenti, in particolare si formano isotopi di 14C e 10Be, questi a giunti a terra sono rilevabili negli alberi e nei ghiacci polari.

Da queste analisi si è dedotto che sono esistiti altri periodi di minima attività negli ultimi 2000 anni, cicli che durano intorno a 100 anni.

Ora sembrerebbe facile trovare una correlazione tra attività della nostra stella e clima terrestre. Non voglio fare troppi calcoli (dovremmo scomodare la legge di Stefan-Boltzman) ma semplificando possiamo dire: energia che entra – energia che esce. Considerando l'energia solare in tutte le sue forme una parte giunge sulla Terra, il resto viene riflesso e/o rifratto, inoltre anche la Terra irradia a sua volta nello spazio. Il Sole è stato ben studiato e per molto tempo si è cercato di comprendere quanta energia irradia in tutte le frequenze, la Costante Solare. Nello spazio il valore oscilla intorno a 1367 W/m2 e varia per l'ellitticità dell'orbita terrestre di circa il 7% tra gennaio e luglio

Ebbene, la relazione tra attività solare e energia irradiata (irradianza) esiste ma l'analisi precisa del valore della Costante Solare in funzione dell'attività è dell'ordine dello 0,3%.

Evidente che ci sono altri meccanismi che entrano in gioco, variazioni dello scambio energetico tra troposfera e strati più alti nella stratosfera, dove vengono assorbite le radiazioni più energetiche, UV e X.

Aggiungiamo un altro dato a complicare le cose, negli ultimi 60 anni i cicli solari sono diminuiti costantemente come intensità e numero di macchie. L'ultimo che stiamo attraversando, il 24, è il più moderato del periodo considerato come evidenziato nel grafico.

Un metodo di analisi al quale faccio riferimento è la misura del flusso a 2,8 Ghz ( SF) che viene rilevato con appositi strumenti insieme ad altri dati geomagnetici che valutano la distorsione del campo magnetico terrestre. Il valore del Solar Flux (SF)   varia da 66-67 nei periodi minimi (come l'attuale) a oltre 250 nei periodi di altissima attività solare collegandosi anche a brillamenti (flares).

L'indice geomagnetico A  invece varia in funzione del vento solare costituito principalmente da protoni (ioni H) che vengono espulsi durante le tempeste solari, eruzioni ed esplosioni o buchi coronali che rilasciano materia nello spazio e che, se geoeffettivi, colpiscono la terra a velocità tra 300 e 900 Km/sec distorcendo il campo magnetico e determinando, tra le altre cose, le aurore alle alte latitudini ma anche sconvolgimenti nelle comunicazioni in onde corte e raramente alle alte frequenze.

In definitiva, faccio fatica a credere che l'influenza del Sole sul clima sia determinante, sono ben altre le forzanti climalteranti, al massimo la nostra stella da un piccolo aiuto ma trascurabile.

Se davvero fosse dovremmo assistere ad una riduzione della T in questa fase e non certamente all'aumento drastico cui stiamo assistendo.

wm











48 commenti:

  1. Prof, ha letto il post di Steph a proposito degli ultimi studi usciti su Nature?

    http://climafluttuante.blogspot.com/2019/07/100.html


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, l'avevo visto. Ma questi, tipo lo squinternato che commenta più sotto, sono duri come le palle da biliardo

      Elimina
    2. Buonasera, gentile...e complimenti! Si vede che dà fastidio la realtà..eh si, saluti!

      Elimina
    3. Anonimo, ma sei di fuori come le zucche nell'orto? Arrivi senza firmarti a sparare le prime quattro scemenze che ti vengono in mente e pretendi anche che ti si tratti in modo gentile? Ma ti rendi conto di quello che dici "sono venti anni che la temperatura è invariata" (??). Ma su quale pianeta? Forse sul tuo, nel qual caso sei gentilmente pregato di rimontare sul tuo disco volante e tornartene a casa tua dove starai più fresco.

      Elimina
    4. non come le zucche, come i terrazzi. Anonimo troll, mi dici quando mai ci sono state 2 ondate di calore in estate e pare ne arrivi un'altra prima di Ferragosto? Attento come rispondi, le palle di grandine sono lì per arrivare.

      Elimina
    5. Di scemenze ne ho lette tante qui, io ho solo riportato i fatti, l'anno globale più caldo è stato il 1998 il resto sono solo stupidaggini senza senso, come quella che il sole influenzi in minima parte il clima terrestre, mentre invece basta studiare solo un pochino ed essere in buona fede per ammettere e constatare che non è così. Basta solo fare qualche ricerca su google...tra l'altro i dati sulle temperature globali è risaouto come siano stati manipolati e alterati, per esempio dove non abbiamo riscontri in zone rurali si mette sempre il segno + pur non avendo dati per far confronti...lo sanno anche i muri che è tutta politica e intanto non si fà nulla per l'inquinamento, ma si butta dentro la menzogna del clima per continuare a stare con due piedi in una scarpa e non incentivare ... solo dei benefattori ! Cmq mi dia del lei che io non la conosco...grandissimo maleducato!

      Elimina
    6. Sempre peggio, caro anonimo. Arrivi senza firmarti, senza dirci chi sei, e ora pretendi che ti si dia del "lei"? E' hai anche il coraggio di dare del maleducato a me? Lo sai che prima di pretendere cose uno si presenta con nome e cognome? Altrimenti, sei un troll del piffero e non ti meriti altro che essere mandato a quel paese.

      Quanto poi a "basta cercare su Google" -- geniale! E' così che si prende una laurea in scienza del clima, vero? O in qualsiasi altro soggetto. Basta cercare su Google, e il 110 e lode è assicurato. Grazie per il suggerimento, caro trollino, ne faremo tesoro come si deve

      Elimina
    7. Difficile star dietro ai troll ma oggettivamente se lei vuole commentare con argomenti seri bene, il confronto è sempre utile, ma se vuole mettere in discussione fisica dell'atmosfera e fisica solare senza sapere cosa sono prima studi e poi parli. Ad esempio la sua oservazione sulla massa solare e il clima è talmente assurda che dimostra che di queste materie non ne sa nulla. Io se non so taccio.
      wm
      wm

      Elimina
    8. @Ugo Bardi non serve prendere le lauree per avere un'informazione libera e reale dei fatti..della storia..e scientifica. Fissati sulla c02 mentre è dimostrato che essa segue l'andamento della temperatura in natura e non il contrario e che l'immissione totale annua di noi umani fà parte del 0,4% del totale...aggiungo anche che test effettuati di laboratorio hanno dimostrato la non alterazione della temperatura con l'aumento della co2,(semmai sono altri i gas serra impattanti sul clima) CaPRE!!!

      Elimina
    9. Prof, secondo me dovrebbe MODERARE tutti i post NEGAZIONISTI del Climate Change.

      E' evidente che questi tipi sono troll.

      oppure

      mentecatti che non sanno leggere, perchè per uno studio negazionista palesemente malfatto, ce ne sono tonnellate di altri studi ottimamente elaborati, che parlano dei danni da Climate Change, causati dalla CO2 prodotta dalle attività antropiche con i carburanti fossili.

      Elimina
    10. Chip, li passo quando possono servire da cattivo esempio.

      Elimina
    11. Bravo anonimo, con questa piccola serie di commenti hai dato un'immagine perfetta della degenerazione del dibattito in corso. Perfetto: perché uno dovrebbe prendersi una laurea se per prendere voti basta insultare gli avversari più di quanto loro insultino te? E' lo stesso per il dibattito scientifico come viene inteso da certa gente (tipo te, ma non solo). A che serve prendersi una laurea se basta urlare più forte per avere ragione?

      Quindi grazie per questa esposizione che ci hai dato di incompetenza, supponenza, e confusione mentale tutte insieme. Con questo, la discussione è chiusa.

      Elimina
    12. Prof, quale è il titolo del nuovo libro?
      E' già disponibile in Amazon?

      https://cassandralegacy.blogspot.com/2019/06/the-seneca-strategy-request-for-help.html

      Ne aveva parlato sull'altro blog in inglese, ma poi AFAIR non mi pare abbia messo online, tutti i dati per rintracciarlo in Amazon. Ad esempio, un link al libro in Amazon ;-P
      Tnx.

      Elimina
  2. Infatti sono 20 anni che globalmente la temeratura è pressochè invariata...tempo al tempo...il sole è il 99% della massa del nostro sistema solare..vuoi che sia trascurabile la sua influenza?? Non bastano certo 10 anni di bassa attività come abbiamo ora, ma viste le previsioni il picco minimo di attività è appena iniziato e i cicli undecennali a seguire saranno molto deboli per decenni, in stile maunder. In ultimo non è affato vero che dal 1960 i cicli siano calati di intensità, lo hanno fatto semmai dalla fine degli anni settanta e i risultati di riscaldamento li abbimo visti. L'uomo si arroga di tutto un po'..ma è un moscerino anche di fronte solo al nostro pianeta

    RispondiElimina
  3. scusate..negli anni 80 cmq furono ancora cicli moderati-forti, rispetto ai due ultimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni ricercatori ipotizzano un possibile nuovo minimo di Maunder in questo ciclo. Ufficialmente non abbiamo ancora il mese preciso di inzio del nuovo ciclo, il mese candidato attualmente è gennaio 2019 ma alcuni parametri (numero di macchie, numero di Wolf, ecc) sono ancora scesi. L'attività solare si mantiene costantemente a valori estremamente bassi.
      wm

      Elimina
    2. qui in centro la temperatura è passata dai 26,6 dell'una ai 22,3 delle due. Forse sta arrivando l'aria atlantica promessa.
      Fuori hanno messo un lenzuolo con le solite scritte demenziali pre matrimonio e mi è venuto in mente ciò che afferma Gesù riguardo alla fine del mondo. Cioè che gli uomini, noncuranti dei segni premonitori, continuavano a fare affari, sposarsi, fare figli ecc. senza accorgersi che intorno a loro le cose stavano cambiando in modo sostanziale. Quindi non c'è assolutamente da meravigliarsi che quasi nessuno tenga conto dei cambiamenti occorsi negli ultimi anni e decenni, adducendo che ci sono sempre stati, magari un pò meno velocemente di adesso, e che sempre ci saranno, così da non doversene preoccupare. Le 2 ondate di calore, le temperature a 40°, le notti tropicali che sono ormai una costante, il vortice polare impazzito (ma quello tanto non si vede) per la maggior parte degli umani sono quisquilie, pinzillacchere, come diceva Totò. E allora BAU a tutta forza fino alla fine del mondo.

      Elimina
    3. intorno alle ore 2 il nord Toscana è stato interessato dall'arrivo di aria atlantica più fresca di quella africana che stazionava da giorni, almeno è quello che ho capito osservando le immagini del satellite meteo sat 24. Da qui il calo repentino di oltre 4°. Una spiegazione logica per i fatti fisici c'è sempre. Poi gli squinternati possono immaginarsi quello che vogliono. Il guaio è che sono talmente tanti, che, alla fine come diceva Goebbels, ministro hitleriano dell'informazione, una bugia ripetuta migliaia di volte diventa una verità. Oppure come diceva il pretino: "Vox populi, vox Dei". O come diceva la bottegaia:" Avanti popolo, che siamo in tanti, tutti ignoranti". O come diceva in modo comico il mitico Gasman in Brancaleone da Norcia: "Dio lo vuole". Chissà se c'è un santo protettore degli ignoranti? Speriamo di sì.

      Elimina
    4. Si si..moriremo tutti! Complottari .. daltronde c'è chi crede che la terra è piatta e non mi meraviglierei se lo credesse pure lei!

      Elimina
    5. Come dice Ugo pioverà, anche senza fede la massa solare determina, come sanno tutti, il clima sulla Terra... senza poi contare la materia oscura...
      wm

      Elimina
  4. http://www.ansa.it/canale_terraegusto/notizie/mondo_agricolo/2019/07/26/il-caldo-taglia-il-latte-le-uova-e-il-miele-made-in-italy_66df4b86-b74a-46f0-8860-7d3dd04cd94b.html

    Va tutto bene, come no..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. estratto, riferito all'Italia :
      "L'ondata di calore africana .... è la punta dell'iceberg delle anomalie di questa pazza estate con la prima metà di luglio segnata dal maltempo con 10 grandinate al giorno dopo un giugno che si è classificato al secondo posto dei più bollenti dal 1800 con una temperatura superiore di 3,3 gradi rispetto alla media, un maggio freddo e bagnato e i primi mesi dell'anno particolarmente siccitosi. Negli ultimi dieci anni .... gli effetti del clima pazzo hanno causato danni per oltre 14 miliardi di euro all'agricoltura."

      Elimina
    2. Fate attenzione a credere alla Coldiretti, così come a tutte le altre associazioni di categoria. Che sono proprio quello: associazioni di categoria. Organi da sempre politici. Si lagnano di qualunque cosa per dimostrare di essere nel bisogno.
      Il breve articolo segnalato ne è un perfetto esempio. È una accozzaglia di verità e falsità, di numeri ad effetto che servono solo a impressionare chi non conosce il mondo di cui si parla (vale a dire praticamente tutti, parlando di agricoltura). Consiglio piuttosto di seguire gli ottimi articoli che la SMI non manca di scrivere sul suo sito, www.nimbus.it.
      Per esempio sul maggio freddo: http://www.nimbus.it/clima/2019/190605MaggioFreddoItalia.htm
      Che freddo non è stato.
      Peggio ancora sul preteso maltempo di luglio

      http://www.nimbus.it/eventi/2019/190715FreddoEstivo.htm

      Che Daniele Cat Berro definisce giustissimamente una manna per l'agricoltura.
      Altrimenti ha ragione il simpatico tipo di sopra, che si è preso tante bastonate dal prof.: fa sempre più freddo!

      Guido.

      Elimina
    3. però taglia anche i grulli. Con il fresco portato dalla pioggia sono tornati i grulli a urlare come matti fino a poco fa. Col caldo asfissiante non avevano l'energia sufficiente.

      Elimina
    4. Se si osserva la PROGRESSIONE dei segnali di Early Warnings

      http://lafrecciadellastoria.blogspot.com/2015/09/in-italia-mini-uragani-mediterranei.html

      c'è spazio per vedere a settembre 2019 una ridente cittadina sul mare, danneggiata. Mentre già dal 2020 potremmo già osservare piccoli borghi e ridenti cittadine e quartieri, razzati a zero, "annusando" una parte delle ragioni, del perchè nei decenni a venire il PIL E PRODUTTIVITÀ saranno calanti in Italia per danni da Climate Change (e nei decenni a venire, anche per SCARSITÀ indotta da sovrapopolazione e danni da climate change)
      saluti

      Elimina
  5. intanto andiamo incontro ai limiti del pianeta. Non pensavo che l'Italia fossi così ben piazzata, addirittura sul podio
    http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2019/07/27/overshoot-day-al-29-luglio-sfruttate-tutte-le-risorse-2019_04328e95-b541-4495-b703-acb1c6360548.html

    RispondiElimina
  6. https://www.meteogiornale.it/notizia/60168-1-stiamo-vivendo-una-vera-e-propria-crisi-climatica
    parole come crisi o catastrofe stanno entrando nell'uso comune per descrivere il futuro del clima. Ma finchè non intaccheranno in modo sostanziale il paradigma attuale, basato su consumismo e capitalismo, sono sicuro che rimarranno lettera morta.

    RispondiElimina
  7. a proposito di danni climatici, pare che siano decedute 3 persone a causa del ciclone mediterraneo fuori stagione degli ultimi giorni. Forse quando saranno mln, qualcuno si muoverà. Mld sarebbe meglio, ovviamente per cominciare a muoversi.

    RispondiElimina
  8. tangto non li pubblicate perchè siete delle CAPRE!! com'è che è? ...se si urla non vuol dire aver ragione..ahh beh...ma nemmeno se si monopolizza l'informazione...ripeto:andate a raccogliere i pomodori ..ahahaha quanta supponenza quanta falsità e demagogia..cantatevela da soli, la gente sà valutare da sola, se andata aventi così con questo tam tam vi smascherate da soli..basta che aprite bocca..tempo al tempo ...capre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo qua è peggio del gatto Silvestro. Se non altro, ci fa vedere che le ondate di calore fanno male al cervello

      Elimina
  9. OT ma nemmeno tanto: su metegiornale si parla di cambiamentei climatici e SOVRAPPOPOLAZIONE! https://www.meteogiornale.it/notizia/60184-1-meteo-estate-e-finita-e-caldo-sole-in-attesa-della-burrasca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.meteogiornale.it/notizia/60201-1-anomalie-meteo-stratwarming-antartide-indice-aao-crollo-nao-e-ao-negative
      clima impazzito sia nell'emisfero nord che sud.

      Elimina
    2. non mi meraviglia quindi di essere ormai circondato da cervelli al limite della pazzia, dal mentecatto che ribalta i tavoli del bar alla cicciona super obesa che urla al cane lasciato ovviamente libero,a tutte le ore di giorno e di notte. La meteoropatia è ormai un malessere diffuso. E ho paura che siamo solo all'inizio.

      Elimina
  10. National Geographic Italia:

    In Alaska i ghiacciai si sciolgono a velocità impensabile

    http://www.nationalgeographic.it/ambiente/2019/07/29/news/i_ghiacciai_dell_alaska_si_stanno_sciogliendo_100_volte_piu_velocemente_di_quanto_previsto-4494156/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo studio si riferisce ai soli "ghiacciai di marea" (I ghiacciai della valle che scorrono abbastanza lontano per raggiungere il mare sono chiamati ghiacciai di marea), all'azione del mare (acqua salata) sulla parte sommersa di tali ghiacciai.

      Tiziano

      Elimina
  11. https://www.theguardian.com/environment/2019/aug/02/heatwaves-amplify-near-record-levels-of-ice-melt-in-northern-hemisphere

    Anche la Groenlandia è messa male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.lamma.rete.toscana.it/news/ondata-di-caldo-groenlandia-record-di-ghiaccio-fuso
      "scenari IPCC sottovalutati"???? Chi è che aveva detto che ci vorranno 1000 anni per far fondere la calotta groenlandese, che equivale da sola ad un innalzamento dei mari di 7 metri?

      Elimina
    2. Jason Box: "Il nostro sistema economico si sta schiantando con la realtà" (in lingua inglese)
      https://www.democracynow.org/2019/8/2/jason_box_greenland_melting_climate_part2?fbclid=IwAR2aiLU_nX9uuZwtom-MzdQMFttYZaU0nDVGWNCwUmVh6Q5cSLoeFtqU2Wc

      Elimina
  12. https://www.investorvillage.com/groups.asp?mb=19168&mn=215221&pt=msg&mid=19648596
    comunque il PO si avvicina veloce. Speriamo che serva a qualcosa.

    RispondiElimina
  13. https://comedonchisciotte.org/traguardi-del-progresso/...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe interessante, su questo sito, fare un post sull'impatto dei voli aerei sul clima e sull'inquinamento che producono.
      Qui, uno degli articoli che ho trovato, in una veloce ricerca sul web :

      https://www.sicurauto.it/news/superati-200-mila-voli-al-giorno-quanto-consuma-e-inquina-un-aereo/?refresh_ce-cp

      Tiziano

      Elimina
  14. I recenti incendi siberiani e il saggio monito dell'astronauta Parmitano confermano la gravità del 'climate change', tuttavia il negazionismo climatico prosegue con modalità del tutto analoghe a quelle con cui si trascura/censura il disastroso impatto dell'attuale crescita demografica umana globale; prob.te c'entra l'ormai famoso 'bìas cognitivo', ma le conseguenze rischiano di essere davvero gravi e di portata davvero vasta... Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'astro nauta, del cavolo P. se stasse a casa sarebbe meglio, lo confermo anch'io daccasa la gravità del cambio clima... saluti t l

      Elimina