Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 6 settembre 2015

Se un grado in più vi sempra poco, pensate a un aumento di sei metri del livello del mare

Da “Iflscience”. Traduzione di MR (via Maurizio Tron)

Di Caroline Reid


Foto: Riscaldamento globale – iceberg del ghiacciaio San Rafael in Patagonia, Cile. ribeiroantonio/Shutterstock.


Una nuova analisi ha esaminato gli effetti della fusione delle calotte glaciali polari ed il conseguente aumento dei livelli del mare negli ultimi 3 milioni di anni. Il saggio riassume 30 anni di ricerca sulla relazione fra la fusione delle calotte glaciali, la fluttuazione dei livelli del mare e i livelli di biossido di carbonio in atmosfera. La sua conclusione più sorprendente: i livelli del mare sono saliti di 6 metri diverse volte in passato e questo aumento è stato indotto da un aumento delle temperature medie di solo 1 o 2°C. Ciò potrebbe farci scoprire che gli attuali livelli di biossido di carbonio in atmosfera sono equivalenti a quelli stimati essere presenti tre milioni di anni fa, quando i livelli del mare sono aumentati di 6 metri.



Dal 1880, i nostri oceani sono saliti di circa 20 centimetri. Non sono i drammatici 6 metri descritti nel saggio, ma Anders Carlson, dell'Università di Stato dell'Oregon (OSU) e il coautore dello studio pubblicato su Science, spiega il perché: “Ci vuole tempo perché il riscaldamento spezzetti le calotte glaciali. Ma non ci vuole un'eternità. Ci sono prove che probabilmente stiamo vedendo che quella trasformazione sta cominciando ad avere luogo adesso”. Peter Clark, della OSU, e l'altro coautore dello studio, che ha osservato che i livelli di CO2 oggi sono gli stessi di 3 milioni di anni fa, ha concluso che “siamo già compromessi ad una certa quantità di aumento di livello del mare”, anche se attualmente non sappiamo ancora quanto sarà. Coi livelli di CO2 in atmosfera ancora in aumento, siamo stabilmente diretti verso un territorio inesplorato. Le previsioni del passato potrebbero non essere sufficienti per prevedere accuratamente l'effetto moltiplicatore dell'emissione di altro CO2 in atmosfera.

Ci potrebbero volere secoli o anche millenni per vedere l'impatto pieno dell'aumento dei livelli del mare. La preoccupazione non riguarda solo l'esaurimento delle calotte glaciali fino ad un punto tale che non abbiamo mai sperimentato prima, ma anche l'effetto a valle per il resto del globo, in particolare per le aree costiere dove vivono milioni di persone. I luoghi che verrebbero colpiti drasticamente da un aumento dei livelli del mare comprendo luoghi ad un basso livello sul livello del mare degli Stati Uniti, come la Florida e parti della Louisiana, così come Dacca in Bangladesh, che ha 14,4 milioni di abitanti, che vivono tutti il aree basse. Tokyo e Singapore sono state a loro volta identificate come potenzialmente vulnerabili agli aumenti del livello del mare. “L'influenza dell'aumento degli oceani è anche maggiore della quantità complessiva di aumento di livello del mare a causa di tempeste, erosione ed inondazioni”, ha detto Carlson. “Gli impatti potrebbero essere enormi”.