venerdì 29 ottobre 2021

Lo Sterminio degli Irlandesi. Un presagio per il futuro?

 


Forse sapete qualcosa della grande carestia irlandese che cominciò nel 1845. Se leggete i libri di storia, si parla di milioni di morti, ma il tutto per noi rimane remoto. Non ci rendiamo conto bene di chi erano le vittime, come, perché, che cosa successe esattamente. Bene, per farvi un'idea più precisa vi suggerisco fortemente di mettere da parte 50 minuti e guardarvi questo film. "Hunger" del 2020. E' in inglese, ma si capisce quello che succede anche solo dalle immagini.

Quello che successe in Irlanda dal 1845 al 1850, circa, non saprei nemmeno come descriverlo: un incubo? Un film dell'orrore? Un quadro fiammingo del trionfo della morte? L'urlo di Munch moltiplicato per un milione? Immaginatevi solo per un attimo cosa potesse essere vivere in quegli anni per gli irlandesi. Senza cibo, senza soldi, senza possedere nulla, senza nessun potere, senza speranza. Anche seppellire i morti diventava impossibile: ci sono ancora le fosse comuni dell'epoca dove i cadaveri venivano buttati alla rinfusa. Il film non menziona il cannibalismo, ma ci sono testimonianze che è avvenuto in almeno due casi. Sicuramente ce ne sono stati molti di più. 

Quello che veramente fa orrore è come il governo inglese ha trattato gli irlandesi. Pensateci un attimo: gli irlandesi erano cittadini del regno unito: l'Irlanda era parte dei domini della corona inglese. Certo, erano cittadini di "serie B", ma non sono stati trattati nemmeno come tali. Ma neanche trattati come non cittadini, sono stati proprio considerati come non appartenenti al genere umano. Vi ricordate degli "untermenschen"? La "sottoumanità" di cui parlavano i Nazisti. Ecco, era quello il concetto. 

E' vero che gli irlandesi avevano fatto i loro errori, certo. Ma se erano poveri come erano era perché gli inglesi avevano sfruttato l'Irlanda in un modo che non si descrive nemmeno con la metafora "fino all'osso". L'avevano sfruttata fino al midollo, e poi divorato anche quello. Agli irlandesi non avevano lasciato che le patate: non possedevano nemmeno il terreno su cui costruivano le loro baracche. Sparite le patate, non gli restava che morire di fame

Complessivamente, al governo inglese non sarebbe costato tanto salvare gli irlandesi o, perlomeno, ridurre i danni. Il film fa vedere come nel resto dell'Europa la perdita del raccolto delle patate non abbia causato grandi carestie. Questo sia perché fuori dall'Irlanda si dipendeva molto meno dalla patata, sia perché i governi si erano dati da fare per gestire l'emergenza alimentare. Ma il governo inglese non fece quasi niente a parte aumentare il contingente militare che teneva in Irlanda. E' probabile che molti in Inghilterra pensassero che "sfrondare" un po' quegli irlandesi pelandroni e scansafatiche fosse tutto sommato una buona idea. 

In un post precedente ho detto che i governi sono la cosa più pericolosa che esista se si va a contare quanta gente hanno ammazzato direttamente con guerre e stermini vari. Ma anche i danni che hanno causato indirettamente i casi come la carestia irlandese sono spaventosi. E oggi i governi hanno molto più potere di quanto ne avessero al tempo della carestia. Droni, armi, telecamere, sorveglianza digitale, anche i nostri soldi sono digitalizzati, quindi il governo ne può fare quello che vuole. Ci hanno già detto che un giorno "non possederemo nulla e saremo felici." Già, proprio come gli irlandesi. 




51 commenti:

  1. Prof mi scusi ma se le rese alimentari sono dopate dai fertiliaazanti azotati di origine fossile e dovremmo abbandonare almeno 1/4 delle terre sfruttate dall'uomo alla foresta, come dice Lovelock, per la mera omeostasi dei componenti gassosi dell'atmosfera, lasciando da parte la questione climatica, se con la permacoltura potremmo sfamare al massimo 3 miliardi di bocche, i conti non portano: quindi nessuno dovrebbe morire di fame? A spanne se trenta anni fa avessimo sterilizzato ogni femmina dle pianeta dopo il seocndo figlio, considerando cmq una certa quota di mortalità infantile e di femmmine dsetinate a rimanere sterili, oggi forse saremmo messi non male...Oggi potrebbe non bastare sterilizzare ogni femmina dopo il primo figlio, sempre tenendo ben a mente che le foreste residue, cioè anche i nostri boschetti dell italia centrale, vanno difesi con le pallottole. Chiudiamo la caccia ad ogni altra specie eccetto cinghiali, nutrie ed homo, di grazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.theguardian.com/us-news/2021/feb/26/falling-sperm-counts-human-survival
      Ufficialmente sei già accontentato, secondo i dati siamo nella Eclpse Phase (https://www.biologyonline.com/dictionary/eclipse-phase) dell'umanità! Tanto si è pregato, tanto si è fatto che alla fine nel silenzio siamo stati accontentati.
      Magari poi ricordiamoci che l'economia è legata al numero degli individui e che la logistica impone numeri minimi per certe economie di scala perchè così capiremo la miseria in arrivo. Primi saranno i vecchi, primi saranno gli infermi ma poi, senza sufficiente cibo, riscaldamento, farmaci i cavalieri rialzeranno la testa strinando i cavalli e c ricorderanno che l'Irlanda può essere solo un leggero purgatorio in confronto alla Milano dei Promessi Sposi, in fondo Boccaccio non scrive il Decamerone nel vuoto.
      In fondo invidio chi riesce a vedere e vivere con gioia la mattanza dei propri simili, il crescente esercito dei "non nati" e le sofferenze collegate, purtroppo non ho queste palpebre interiori e non ho mai sviluppato i gusti sadici (fossi abbastanza sociopatico oggi probabilmente avrei un "posto" migliore) e sono costretto ad assistere a questo banchetto di cannibali alimentati dall'egoismo vestiti di paramenti sacrali: si uccide, si schiaccia, si stupra e si rapina sempre per "giusti e nobbili motivi".

      Elimina
    2. l'umanità sta aumentando di 80 mln di individui all'anno come se pandemia, crisi energetiche o altri disastri ecologici e biologici non ci fossero. A questo punto viene da chiedersi se ci siano davvero.

      Elimina
    3. @ Fra 30 ottobre 2021 00:18
      se c'è un settore economico nel mondo che ha emissioni incomprimibili e che anzi dovremo tollerare la loro crescita, è il settore primario. Data la sovrappopolazione, e dato che ci saranno cali delle rese agricole a causa di danni da climate change, per cercare di compensare e ridurre le perdite, le emissioni di gas serra del settore primario non potranno e non dovranno calare. Questo non vuol dire che potremo sfamare tutti, dato che la scarsità dilagherà, ma almeno ci saranno un pochino meno danni.

      Elimina
    4. R chip: non parlavo di emissiioni dle settore primario, ma semplicemente che è necessario ridurre le arre destiante ad uso agricolo di almeno 1/4 per la mera omeostasi dei gas atmosferici, enopn lo dico io ma Sir james Lovelock, colui che per primo vide Gaia speculando sul lontano passato di Marte (Fu incaricato dalla NASA come esobiologo pe rle m isisoni viking, lui che era solo un "medico") Quindi Chio non capisco il senso del tuo commento...AApunto, ogni boschetto resdiuale fra i campoi deve esser difeso con le pallottole.

      Elimina
    5. @Fra
      In realtà se guardiamo la CO2 bisognerebbe abbattere gli alberi appena cessano la crescita "esponenziale" della giovinezza, l'uso di quanto ottenuto è neutro se lo bruci o negativo se lo usi per altro: costruzione (i legni ingegnerizzati sono incredibili, ci hanno fatto addirittura gli aerei da guerra!) , plastificazione o i mille usi dei derivati della pirolisi (praticamente petrolio dal legno), in ultimo se proprio vogliamo solo rimuovere la CO2 si seppellisce e via!
      Il problema sottovalutato è che i boschi "vecchi" sono alla meglio neutri come carbonio (http://pasini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/04/23/leta-delle-foreste-e-lassorbimento-di-co2/ ), a intuito si potrebbe capire osservando la crescita: quando l'albero aumenta di massa in tronco e radici il carbonio si fissa, questo avviene maggiormente nella fase giovane dell'albero dove la crescita è indirizzata alla struttura, quando l'labero è maturo smaette di generare massa nelle parti fisse e "cresce" solo con le foglie, la massa delle foglie è però caduca e finisce per cadete completamente dove viene liberata dai processi di putrefazione (o gli incendi se si accumula in eccesso, vedi California).
      Volessimo usare i boschi per rimuovere la CO2 basta andare nei paesi scandinavi, lì sono allevatori di alberi da quasi un secolo e lo fanno per profitto! Da quelle parti poi i legni sono davvero usati in maniera strutturale ed ogni casetta è un "crabon sink".

      Elimina
    6. È un pò più complicato di così! Questa volta ha ragione Fra.
      Guido

      Elimina
    7. R athanasisu: allora proprio non si vuole capire un cocnetto molto semplice..Tu parli di prelevare selttivamente nel bosco gli esemplari a fine vita per uso umano,e va bene, invece è acclarato che dovbbiamo restituire spazio allae foreste proprio nelle aree agricole ai lori bordi, non si sa di preciso di quanto, ma la stima molto prudenziale che fa Lovelock è da 1/4 a probabilmente un 1/3...PS: non confondere gli esemplari di albero vecchi con le forsete vetuste: solo le foreste vetuste in realtà possono resistere ai cambiamenti climatici, quindi le giovni carpinete appennincihe ade sempio da abbandono delle aree agricole marginali nel secondo dopoguerra non lontano, e cmq andrebbe vietato il loro taglio a ceduo per permettere che si insedino specie ad alto fusto (cerro faggio). Insomma ti è tanto difficle capire la differenza fra foresta vetusta (che è un concetto positivo di resilienza e di capacità enormente superiore ai giovani rimboschiment di fissare la co2) ed esemplare vetusto? é tanto difficile digerire il concetto che dobbiamo ridurre considerevolmete le aree agricole?

      Elimina
    8. @ Fra 31 ottobre 2021 14:43
      Si taglieranno foreste, proprio per avere nuove terre fertili e compensare quelle diventate improduttive.
      Per farla corta e breve: sarà molto dura!

      Urgent and Critical Solutions to Climate Change, Environmental Damage & Natural Resource Depletion
      https://mio-radar.blogspot.com/2021/03/urgent-and-critical-solutions-to.html

      E' appena iniziato il ballo del XXI°secolo: è un'opera classica, molto lunga, probabilmente in 3 atti. Noi sserviamo da un po' (in realtà da qualche secondo, per i tempi della natura) solo le prime note: non sono nemmeno i primi accordi della melodia del preludio!

      Il preludio probabilmente durerà tra meno di 10 anni oppure meno di 30 anni.
      https://youtu.be/8hLBAOlvObk
      https://youtu.be/JvkHiZKbtzY

      La transizione dello spazio delle fasi, da preludio a I°atto, non sarà percepita, il popolo italiano (assieme a molti altri sulla Terra) s'estingueranno molto probabilmente entro il XXI°secolo (della cultura italiana, rimarranno solo le tradizioni degli italiani all'estero nel Nord America)
      http://www.climate-change-wars.tk

      Non é noto e non é scritto il II°atto dell'opera.
      Probabilmente dal 2050 al 2100.
      Per certo, ciò che sarà successo sino al 2050 avrà un impatto tra il 2050 ed il 2100
      https://youtu.be/yLMKQBVQL9Y
      https://youtu.be/z4CCSxBcNX4

      Nessuno sa quanto durerà il III°atto:
      Forse dal XXII°secolo al XXVIII°secolo (stima a 700 anni sblocco AMOC e riassorbimento CO2)
      Forse dal XXII°secolo al XXXI°secolo (stima a 1000 anni sblocco AMOC e riassorbimento CO2)
      Forse sarà Hothouse Earth
      https://mio-radar.blogspot.com/2019/01/trajectories-of-earth-system-in.html

      Il nostro biglietto di prima fila, di sola andata, dura (meno o) sino al 2050
      LOL
      Noi osserveremo solo il preludio ed la massimo le cose del primo atto
      LOL
      Per certo, scantoneremo tutte le rogne del II° e del III°atto

      Elimina
    9. Che sia vitale qualcosa è più un opinione da bar che altro ultimamente, la logica di come farlo concretamente poi direttamente è qualcosa che compete ad "altri" (cugini penso dei "loro" che causano i problemi, cercano di conquistare il mondo e simili).
      Il dissesto idrogeologico italiano è in buona parte anche legato a questa visione "fanciullesca" dei boschi e della loro vita, le foreste hanno cicli di vita sia come individui che come comunità, in passato quando le comunità di alberi erano troppo vecchie il primo evento di alta intensità ne abbatteva la maggioranza (effetto dominio). La manutenzione mancata ha riempito il territorio di foreste zombi che alla prima pioggia riversano caduci eccessivi, tronchi esausti e le varie vittime (alberi sani e giovani travolti dal caduto) nei greti, per gli effetti puoi immaginare! Ovviamente se i corsi d'acqua non avessero i ponti, nelle valli non ci fossero case da danneggiare con le esondazioni, la legna sparisse magicamente dopo le piogge (altrimenti secca e vai di incendi) e mille altri eventi e situazioni....
      Ricordiamo sempre che un anno e qualcosa fa in Trentino (mi pare) è venuta giù una foresta intera e ripulire i corsi d'acqua è stato un lavoro infame, questa però è la NORMA naturale del ciclo di vita, quando l'insieme foresta è sovraccarico di individui maturi gli spazi sono tutti già occupati e non si instaurano nuovi individui, qui una serie di meccanismi iniziano a favorire incendi (vedi australia) o morire di massa (vedi carbonifero) per creare spazio al prossimo ciclo. L'uomo si può inserire aiutando a regolare (incendi attivi in Australia) o gestendo i processi come naturalmente non sarebbe possibile : taglio con rimozione del piede (permette il formarsi di nuovi apparati radicali) piantumazione coordinata (specie di alberi compatibili e simbiontiche etc), però sembra sempre più che la strada caldeggiata da tutti sia un menefreghismo becero condito di giustificazioni pseudo ecologiste: badare al bosco si fa fatica, tanto basta lasciare fare tutto "alla natura" e andrà meglio!

      Elimina
    10. 1/11/2021 ANSA: India raggiungerà emissioni gas serra zero nel 2070
      https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/11/01/cop26-modi-india-raggiungera-emissioni-zero

      L'India non farà niente sino al 2070.
      Se l'India non farà niente, probabilmente anche Cina + Sud America non faranno niente sino al 2070
      = tutto il II°mondo o quasi, non farà niente.

      Ho i miei dubbi che anche il I°mondo farà qualcosa...
      Forse l'Europa sul risparmio energetico, farà meglio di altri (avendo una tradizione più consolidata)

      https://youtu.be/Kt3cbzHm0hM
      https://youtu.be/VwakFIefKY4

      Siamo diretti verso lo Scenario della CATASTROFE ULTRAVIOLETTA.
      Con buone possibilità, di sterzare sullo Scenario della SURROGAZIONE INERZIALE ESPLOSIVA
      oppure in loro interstizi irrazionali.

      Niente é cambiato dal 2015-2016 a parte il volume di tartine consumate nei meeting climatici, con la Thunberg (ormai cresciuta) che spinge il suo bla, bla, bla... per avere anche lei, la sua porzione di tartine (e non vuol rinunciare agli smartphone, o fare la fatica di muovere la manina per aprire gli sportelli dei frigoriferi del comparto fresco nei supermercati)

      LOL

      Elimina
    11. Lw foreste hanno vissuto egregiamwnte per millenni senza alcuna manutenzione umana, con i loro tempi che NON sono quelli della fretta.

      Elimina
    12. Guarda che non lo ho mica negato, incendi, frane devastanti, alluvioni, epidemie e simili hanno però sempre fatto parte della loro storia.
      Il mondo in condizione naturale tra Tigri e Eufrate sarebbe comodamente rimasto un deserto, la pianura padana e altri luoghi sarebbero rimasti paludi, l'Arno avrebbe potuto esondare un anno si e uno no senza problemi e così via. Ovviamente l'umanità non è indispensabile, semplicemente ha la possibilità di migliorare se stessa e l'ambiente e la cosa è nel patrimonio culturale da tempo immemore :nella Bibbia ad Adamo è affidato il compito di "giardiniere" non a caso....
      Comunque consolati, su questo stesso blog il prof Bardi ci ha ricordato che la terra è la vita su di essa ne hanno viste di peggio, non siamo neanche in grado di estinguere noi stessi e crediamo di essere in grado di eliminare la vita sul pianeta?
      Poi la natura la calma c'è la mette tutta anche con noi, siamo una specie giovane (gli squali sono in giro da milioni di anni) e per capire il nostro posto magari un altro paio di decine di migliaia di anni ce li concede (un battito di ciglia nella storia della vita sul pianeta).

      Elimina
  2. Occhio prof, "governo" è una parola dai mille significati, gli irlandesi tutto sommato hanno visto solo la buccia dell'inferno, spostandosi in giro a volo radente vedremmo come sia una specie strana quella umana e capace di inferni autoinflitti senza bisogno di cose strane, un pizzico di egoismo e tanta legge "della giungla" e siamo capaci di miracoli al contrario.
    Un salto in Africa e vedremmo tanti comodi stermini tribali con faide e controfaide, ribelli e governi dediti a atti impensabili, bambini soldato e stupri sistematici con contorni sfumati di definizioni sugli attori. Anche senza "governo" lì sono capacissimi, poi però volendo anche alle varie fazioni possiamo trovare un gruppo che potremmo definire governante e tutta una serie infinita di sottolivelli.....
    Io mi aggrapperò sempre alla grandiosa definizione di Norimberga: non sono mai solo i "capi" i colpevoli, per agire hanno bisogno sempre di una moltitudine che li appogii che quindi ne condivide le responsabilità (https://it.wikipedia.org/wiki/Principi_di_Norimberga )! Le azioni del governo inglese furono riprovevoli ma trovarono ampio consenso in moltissimi inglesi, fù infatti possibile tranquillamente "aumentare il contingente militare" con uomini disposti ad essere salariati per vederne morire altri, se poi però guardiamo dall'latro lato dell'Atlantico ci scopriamo sedotti fin da bambini dai western dove vediamo lo stesso scenario ancora più estremizzato ma stranamente ci sentiamo tutti cowboy: la storia "eroica" della frontiera è il racconto di feroci dispute per il territorio con i nativi, peccato che da cacciatori raccoglitori ogni fettina in meno fossero un pò di pasti saltati cosa che li portò a combattere per la pagnotta! Camminando per la storia poi ogni "migrazione" ha portato eventi stile irlandese, dai romani con le loro tasse (erano bravissimi a ripulire, soprattutto il delta del Nilo) fino alle ultime colonie ed oggi si cambia il mezzo ma non il fine: debiti finanziari in valuta straniera e strangolamento dell'import/export come milizie ma la musica non cambia.
    Per la cronaca poi quella del 1845 è una delle carestie ma sicuramente non l'unica ne la più devastante, già nel 1720 infatti J. Swift pubblicava "una modesta proposta" (https://it.wikipedia.org/wiki/Una_modesta_proposta )e se si poteva spingere a proporre di mangiare lattanti senza incorrere nella forca una buona ragione doveva esserci. Parlando di UK poi bisognerebbe anche vedere perchè Galles e Scozia non erano propriamente di serie A....

    RispondiElimina
  3. Una nota a margine và a K. Marx, inglese, che si trova a scrivere all'ombra di queste e altre tragedie, per quanto si possa non concordare con la visione "politica" del suo lavoro la descrizione e l'analisi dei meccanismi di potere e sottomissione dell'epoca è notevole come l'individuazione dei patten derivati corrispondenti (boom-burst, esercito industriale di riserva, ciclo D-M-D e D-D etc).
    Il Comunismo nasce dalla rivolta di quelli che morivano nelle fabbriche, nei campi, nelle strade, è il mezzo per contrastare il potere che schiaccia e spreme tramite la difesa reciproca nell'interesse comune: casse di mutuo soccorso, sindacati, gruppi di acquisto, scuole di quatiere e mille altri aspetti della società moderna nascono lì.

    In fondo professor Bardi non siamo sempre al solito passaggio? Fintanto che il tuono è lontano non è un problema nostro e ignoriamo per pigrizia ed egoismo (in fondo ci guadagnamo)ma poi il rombo si avvicina e la puzza delle carni bruciate inizia a salirci nel naso ricordandoci che noi "siamo i prossimi".... Già il fuoco divampa anche in Italia, senza neanche bisogno diun governo a soffiarci sopra (https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/29/lavoro-sottopagato-le-storie-2-prima-chiamate-occasionali-per-10-euro-lora-in-un-supermarket-poi-il-fisso-a-500euro-al-mese-stage-di-10-mesi-a-3-euro-lora-mi-sono-ammalato-e-ci/6370335/ ) anzi è proprio l'assenza del governo a rendere possibile questa follia: tutti troppo "furbi" per rispettare la legge, tutti abituati all'impunità (qualcuno ha detto Morandi?), tutti bravissimi a risparmiare su lavoro e sicurezze (meno a investire in tecnologia) e così via. In una nazione accusata dall'ONU di violare i diritti umani perchè sfrutta i migranti, andati a raccattare direttamente in mare, come schiavi cosa pretende?

    Ma sarà il "governo" ad aver esportato in Inghilterra il grano irlandese? Il grano dei campi era di chi li aveva e lo vendeva dove faceva più profitto, carestia generalizzata e prezzi interessanti per l'export! La storia si rivolta un pò e improvvisamente non è la corona a mandare sgherri a raziare ma i "grandi imprenditori" irlandesi a far soldi sulla pelle dei loro vicini di casa, protetti da poliziotti che tentano di rimanere in equilibrio tra il dovere istituzionale (impedire anarchia e saccheggi casuali) e la loro natura di uomini. Aggiungiamo qualche inglese con terre in Irlanda, una serie di reduci delle guerre coloniali tra paesani e poliziotti,i piroscafi che vanno in America e il vento della Bastiglia il 4 di Luglio e avremo un mix pronto per narrare mille storie di eroi e briganti....

    Personalmente trovo sempre interessante il paragone con il 1200 e quanto vi successe, un periodo di ricchezze abbondanti e mal distribuite che ci regalò un Francesco d'Assisi che con il proprio esempio dimostrò che la felicità non è nell'avere. In fondo da Lui ho imparato che non possiedo proprio nulla, tutto mi è stato prestato, neanche la carne che indosso è davvero mia: l'ho ricevuta in dono dai miei genitori, l'ho accresciuta con il dono di piante ed animali che per nutrirmi sono morti (e che ad ogni pasto ringrazio per il sacrificio)e che sicuramente un giorno restituirò! Mi rimarrà solo il frutto delle mie opere, inciso nello spirito immortale, che dovà essere il canto del MIO SACRIFICO fatto per ciò che ritengo nobile e giusto..... Ognuno poi giudichi le mie opere, a lui il paeso che ne deriva, ma sappia che nei limiti immensi della mia umanità ho dato ciò che potevo, per come lo potevo, cercando di raddrizzare ciò che di storto trovavo senza imporre ad altri!

    RispondiElimina
  4. l’assioma di Barnhardt: cercare e/o ricoprire una carica pubblica, specialmente a livello nazionale, è di per sé la prova che una data persona è psicologicamente e moralmente inadatta a ricoprire tale carica).

    RispondiElimina
  5. l’assioma di Barnhardt: cercare e/o ricoprire una carica pubblica, specialmente a livello nazionale, è di per sé la prova che una data persona è psicologicamente e moralmente inadatta a ricoprire tale carica). https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/news-nation/from-the-web-the-deep-state-and-elite-want-to-get-caught-they-want-you-to-see-their-fraud-and-covid-crimes-against-humanity

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La UE é una confederazione di Stati Nazionali fondata su:
      .moneta e politiche monetarie comuni (per annullare il rischio cambio)
      .libera concorrenza
      .assenza di aiuti di stato che adulterino la concorrenza
      .libera circolazione di merci
      .libera circolazione di persone europee (gli immigrati clandestini extra-UE non fanno parte del club UE)
      .libera circolazione di persone identificate (persone extra UE dotate di documento d'identità: gli immigrati clandestini non fanno parte di questo club)

      1.In un contesto di PANDEMIA l'assioma di libera circolazione delle persone, decade di significato: ma l'oca gialla tedesca é IMHO evidente che persegua la riprofilatura delle curve demografiche europee, usando il covid (altrimenti avrebbe da tempo, sospeso Schengen in Europa sine die)

      2.La UE non ha competenze nella sanità: il contratto UE con i vaccini non doveva essere fatto (per altro, fatto anche di merda, con gente stupida ed incompetente posta a stipulare contratti, che hanno impattato sul destino di milioni di persone, senza la presenza di almeno un team multidisciplinare con virologi e legali, dei paesi UE più densamente popolati)

      3.La UE non ha competenza sull'erogazione della cittadinanza: l'oca gialla tedesca se ne deve stare zitta, perchè lei non é la presidente degli USE; gli United States of Europe (per adesso) non esistono!!.

      4.Direttive e Regolamenti UE hanno un'ordine inferiore alle Costituzioni dei paesi nazionali: l'oca gialla tedesca se ne deve stare zitta, perchè la UE è una Confederazione di Stati Nazionali e non é una Federazione!!.

      5.La UE non ha competenze sull'immigrazione: l'oca gialla tedesca se ne deve stare zitta, perchè lei non é la presidente degli USE; gli United States of Europe (per adesso) non esistono.

      Se l'oca gialla tedesca (ed il suo cluster di stake holders) avesse un po' di cervello, perorerebbe una politica di controllo demografico in Africa all'ONU. Oppure, avrebbe cacciato i danari UE per finanziare l'uso di profilattici in Africa (almeno nei paesi più popolosi)

      Queste oche gialle tedesche, fanno danni, tanto quanto la Merkel (che in piena crisi da debito greco, la mentecatta s'era messa a distruggere base monetaria con la follia del MES srl)

      LOL

      Elimina
    2. Chip, sei di fuori come un cespuglio. Questa cosa dell'oca gialla non so da dove te la sei trovata, comunque ti suggerisco tecniche di respiro profondo, passeggiate nel bosco, e cibo sano. Questo ti dovrebbe aiutare a riacquistare il perduto equilibrio mentale.

      Elimina
    3. mi scusi prof, ma sono "leggermente infuriato" contro chi ha gestito (sino ad oggi) la pandemia.

      Gli impatti in Italia sono apocalittici, la pandemia Covid durerà ancora per molti anni. Sino ad oggi la varianza sulla serie dei morti tra Italia, in raffronto a quanto accaduto (sino ad oggi) in Giappone ed Australia al 98% della curva normale, urla al mondo che il pesce in Italia puzza dalla testa!

      Elimina
  6. Vari anni fa scrissi che la Cina non avrebbe mai potuto avere un tenore di vita pro-capite pari a quello occidentale, ed adesso, anche se è diventata la seconda (o anche prima a breve) economia del pianeta, il reddito pro-capite cinese è ancora più basso di quello occidentale.

    Da cosa scaturiva quella previsione?

    Dalla semplice constatazione che l'estrazione annuale dei combustibili fossili non sarebbe stata sufficiente a coprire il fabbisogno energetico di una Cina con dei cinesi con un reddito pro-capite come quello degli occidentali.

    Il 2022 sarà l'anno della carestia delle risorse alimentari, minerarie ed energetiche.
    Il prezzo del grano è aumentato molto e ancora di più farà a inizio 2022 per il semplice fatto che il 2021 è stato un anno, dal punto di vista meteorologico, inadatto alle colture. La produzione in Canada è scesa da 6,5 milioni di tonnellate a 3,5 milioni.

    L'occidente non ha aumentato il consumo energetico, semplicemente perché ha spostato le industrie pesanti (acciaio) e di molti beni, nelle industrie cinesi; ma se la Cina non ha abbastanza energia a disposizione, manda in crisi l'intero mondo.

    La Cina ha capito che gli accordi sul clima non è possibile rispettarli e ha ordinato di ricominciare a utilizzare il carbone (fonte energetico più economica) a più non posso.
    L'illusione di poter traghettare l'economia mondiale dipendente dai combustibili fossili, ad una economia che utilizza solo fonti rinnovabili, è durata meno di un anno.

    Poi in Italia siamo bravi a farci male da soli.
    Con la scusa della pandemia, il governo vuole incominciare a controllare i cittadini come si fa in Cina; perché quando le risorse inizieranno a mancare anche qui, sarà difficile controllare la popolazione.

    Il GREEN PASS è il metodo scelto dal governo per iniziare ad abituare la popolazione a rispettare le regole del governo, giuste o sbagliate che siano. Quando questo metodo verrà accettato da tutta la popolazione, verrà esteso a molte altre forme di controllo.

    Siccome NON penso che al governo ci siano persone a cui tiene il bene del popolo, io mi sono rifiutato di fare il GREEN PASS ed è dal 15 ottobre 2021 che non vado a lavoro.

    La maggioranza della popolazione italiana pensa che il Green Pass serva per il bene della popolazione, serva per vaccinarsi tutti contro il cattivo COVID.
    Quando scopriranno il cappio al collo che si stanno mettendo sarà troppo tardi!

    Investire in Ricerca è l'unico metodo per evitare il peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ ALESSANDRO PULVIRENTI 30 ottobre 2021 17:30
      Non sono un koglione NOVAX, il vaccino Pfizer l'ho fatto e farò la III°dose quando sarà il mio turno.

      Il green pass non l'ho fatto, e non lo farò MAI perchèil Green Pass è
      https://mio-radar.blogspot.com/2021/06/lenorme-turbo-caata-del-green-pass.html

      Se ci fosse stato scritto certificato vaccinale, allora l'avrei scaricato il file.
      .Perchè il certificato vaccinale non sarebbe stato dato a chi non era guarito e/o vaccinato
      .MA IN OGNI CASO ancorchè in possesso del certificato vaccinale... col ca**o che m'assembro andando al cinema, teatro, ristorante, concerti, fiere, librerie, discoteche ecc...

      Lascio il paradosso di Jevons agli stupidi!

      Io, in estate sono andato al mare :-) senza fare filmati per youtube (avendo già filmato tutto quello che c'era da filmare)
      http://www.mia-calignaia.tk

      e quando c'era (a mio giudizio) troppa ressa al mare, specie nei week end, oppure in luglio 2021 con tanti bambini (bombe ambulanti covid) che starnutivano, tossivano, raffreddati, io scappavo in acqua a fare il mio 1 km di nuoto quotiiano (20 vasche * 50Mt di ponte) per evitare d'assembrarmi. Poscia, se buttava male perchè nei week end c'era troppa gente appiccicata, io mi gonfiavo il materassino o ciambellone e facevo il naufrago, bordeggiando nella baia ;-P sino all'ora d'andar via, che si creava lo spazio, per poter fare i bagagli in sicurezza e scappar via prima dell'arrivo dei livornesi alle 14 in cerca d'infrarossi supermassivi

      Elimina
    2. speriamo che la ricerca non faccia come col covid, che dopo 2 anni nessuno ci capisce un fico secco.

      Elimina
    3. Chip il green pass paradossalmente già lo hai, la carta verde se sei vaccinato o hai fatto il tampone è semplicemente il sostituto di codice fiscale o carta d'identità. Dovrebbe essere stata scelta come alternativa al presentare un documento d'identità (con i vari problemi di diffusione a macchia d'olio delle generalità) per garantire un certo livello di "non pericolosità", la verifica è penso a priori sul fascicolo sanitario elettronico di ognuno.
      Per la questione schedatura e simili ricordo sempre che il cellulare raccoglie molti più dati, molto più capillarmente e rinunciare ad esso e alle sue funzioni Smart è molto più limitante per lavoro e vita di ogni tipo di pass o vincolo governativo.

      Elimina
    4. oppure si può fare come faccio io, che non ho il cellulare e che non faccio tamponi per partecipare ad crapule o eventi consumistici. In fondo mi hanno fatto un piacere che aiutarmi a non parteciparvi, perchè dà un discreto senso di libertà mandare a quel paese tutte queste tentazioni di gola, orgoglio, avidità, lussuria che da giovane mi hanno dato dei seri problemi esistenziali, che ancora farebbero se perdessi l'aiuto spirituale che le domina.

      Elimina
    5. Mago, è il potere incredibile, spaventoso della rinuncia: non ti possono più manipolare!

      Elimina
  7. Draghi al G20 è stato applaudito per voler vaccinare il 70% della popolazione globale entro il 2022. Se queste inoculazioni geniche contenessero veramente OG entro 10 anni si dovrebbe avere una riduzione del 70% di quest'umanità ormai abituata allo spreco selvaggio. Non è detto che sia così, con Berlusconi funzionava, ma questo è più diabolico e quindi più ambiguo e meno decifrabile a priori.

    RispondiElimina
  8. in effetti col great reset si dovrebbe essere veramente tutti più felici, almeno quelli che rimarranno. Moneta digitale, lo stesso cibo per tutti, i medesimi comportamenti, tutto controllato da remoto e chi non si comporta come deve, verrà rieducato o resettato. Nessuno sarà più padrone di nulla, però non mancherà di nulla, perchè ci penserà l'elite a non farti mancare nulla. Le porte rimarranno aperte e il vicino non potrà essere più nemico o cattivo. Chi non rinuncerebbe alla libertà in cambio dell'ordine e della sicurezza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente sostituire una società consumista tout court non è possibile. Chissà cos'hanno in mente queste elitè, ma il progetto avrà bisogno di molti anni per dipanarsi. Intanto coi motori termici in gran spolvero e anche col traffico aereo sulle tratte brevi in forte ripresa la temperatura in casa è 3 gradi più alta dello scorso anno. Forse quest'anno accenderò il riscaldamento a metà dicembre come nel 2019, il che con la penuria di gas non sarebbe male, anche se Putin ha ordinato a Gazprom di inviare più gas in Europa, ma solo dopo aver riempito gli stoccaggi russi.

      Elimina
  9. Molto giusto che il principale nemico dell'umanità sia il governo.
    Vero anche che i governi moderni hanno ben più potere rispetto a quelli del passato. Anche perché i contadini di una volta erano molto difficilmente ricattabili.
    Tuttavia anche il popolo ha adesso un potere bellico enorme. Basterebbero dei partiti che oganizzassero la resistenza. Il sistema è così fragile che quasi chiunque ha la possibilita si produrre danni paragonabili a quelli di una guerra nucleare. A ognuno possono venire in mente molti esempi.
    Per quello serve restare nella società dello spettacolo.

    Guido.

    RispondiElimina
  10. a parte i tromboni di regime (i media) parlando ieri col mio medico di famiglia a lui risulta che i ricoveri per covid tra i suoi pazienti siano alla stessa stregua tra vaccinati e non, con famiglie composte di persone protette e non, nelle quali viene ricoverato talvolta un non vaccinato e talvolta un vaccinato. Come se il vaccino non servisse a nulla. Sarà un caso , ma a me, discepolo di San Tommaso e ammiratore dell'altro Tommaso, l'Aquinate, per la sua sottigliezza teologica, la prova sul campo vale più di mld di discorsi fatti dalle trombe di regime. L'importante è non finire nelle grinfie di medici come quello che mi voleva tagliare la gamba l'altro anno per una banale erisipela sopra il piede sinistro, che pure si arrabbiò quando gli dissi che la diagnosi di mia figlia discordava dalla sua. Come al solito Dio mi ha preservato dal fare azioni vietate dal decalogo, anche se non dalla legge del taglione.

    RispondiElimina
  11. https://comedonchisciotte.org/aveva-ragione-marx/
    "Gli equilibri sono saltati: con la loro sola esistenza il PCI e della CGIL com’erano negli anni 60, inducevano il potere ad emanare lo statuto dei lavoratori, col PD e la CGIL di oggi si fa il job act e poi non si rispetta neppure quello."
    Se il povero Ciabatti, che andava a prendersi le manganellate dai celerini 60 anni fa in centro a Firenze per costringere il potere ha concedere diritti ai lavoratori, potesse vedere dalla tomba, ci si rivolterebbe come una trottola dalla rabbia. Lo stesso trattamento che ora il potere sta riservando agli oppositori ai suoi piani vaccinali. Il potere è sempre composto da uomini senza dignità che godono a soggiogare i cittadini con la menzogna e, se non basta, con la coercizione e la violenza. Ma anche Mussolini ebbe paura ad entrare subito nella WWII per paura delle rivolte popolari e avrebbe fatto meglio a non entrarvi per nulla, non sarebbe finito a piazzale Loreto e non avremmo dovuto diventare una colonia USA, conservando almeno un pò più di dignità nazionale, come è successo alla Spagna, che ancora ha una lingua senza termini anglo e giudici che rispettano la Costituzione, come hanno fatto vietando il Green Pass, che non è altro che un obbligo vaccinale mascherato da libertà, anche se il great reset di Schwab non è evitabile per le contingenze generate da mld di locuste ormai fuori da qualsiasi controllo e comportamento razionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche il principe Carlo alla COP 26 è d'accordo che senza un'azione militare (con violenza ovviamente) una transazione economica è impossibile: https://twitter.com/disclosetv?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1455164263836815369%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fcomedonchisciotte.org%2Fcop26-400-jet-privati-a-glasgow-aiutano-lambiente%2F

      Elimina
    2. https://lecourrier-du-soir.com/revolte-des-tribunaux-en-espagne-cest-officiel-la-justice-declare-anticonstitutionnel-le-second-etat-durgence/
      ennesima prova che la magistratura spagnola è dalla parte del popolo, mentre la nostra ormai è, dopo gli assassini di Falcone, Borsellino e di tanti altri omicidi di giudici tenuti nascosti da parte del potere mafioso, alla mercè delle mafie, che sono il braccio armato delle elitè.
      In fondo la mafia nacque nella sicilia borbonica per opprimere le masse di contadini per conto dei nobili senza passare dalla gendarmeria e tribunali con metodi spicci e violenti. Sopita nel ventennio ha ripreso forza con l'appoggio dato agli alleati e da allora è tornata a fare il braccio armato dei poteri che già all'inizio ne avevano favorito la nascita. Ovviamente il loro modus operandi trova il terreno fertile nelle deboli istituzioni democratiche ed è molto simile al terrorismo, che di fatto può essere fermato solo negli stati dittatoriali o molto forti militarmente e coesi socialmente. Nel mondo digitale del great reset non avranno spazio, ma per ora ne appoggiano la creazione, perchè la loro linfa esistenziale è essere il braccio armato fuorilegge del potere e esisteranno fintanto che il potere ne avrà bisogno.

      Elimina
  12. https://crashoil.blogspot.com/2017/03/prontuario.html?m=1
    Domanda
    Bah, trent'anni fa dicevano che c'erano riserve per trent'anni e ora dicono che ci sono riserve per trent'anni; non cambia mai niente.
    Risposta
    Un'altra delle solite fallacie, confondere le risorse (ciò che è sottoterra) con le riserve (ciò che può essere estratto), e le riserve con la produzione. Negli ultimi decenni sono stati trovati molti giacimenti, è vero, ma di qualità sempre più scarsa, più difficili da estrarre e con meno capacità di produzione, mentre allo stesso tempo la domanda è cresciuta. Ai tassi di produzione attuali, le riserve di petrolio ora conosciute durerebbero non trent'anni, ma molti decenni (contando non solo il greggio convenzionale, ma anche il greggio non convenzionale), se solo si potesse estrarre a quei tassi in modo conveniente. Semplicemente non può perché è una rovina termodinamica ed economica. A che vale avere miliardi di barili nel terreno se possiamo estrarre solo qualche milione al giorno o meno, così come non serve a niente avere milioni di euro in banca se possiamo ritirarne solo poche centinaia al mese e continuano a ridurli. La ricchezza reale dipende da ciò che si può estrarre e a quale ritmo può essere estratto.

    Più fuori tema di così non si può.
    Diciamo che è una segnalazione. Un consiglio di lettura.
    La traduzione con google non è molto chiara.
    Fuzzy

    RispondiElimina
  13. Qunado qualcuno dice che le foreste vetuste sono a bilancio di co2 neutro non resta che arrendersi ed alzare le mani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://ec.europa.eu/jrc/en/news/european-forests-may-be-reaching-their-limits-carbon-sinks-10095
      Sì, e lo ripete pure! https://www.pnas.org/content/116/10/4382
      Dopo ciò alzo le mani io, pensare che le foreste mangino il carbonio e lo facciano sparire magicamente......
      Poi che le foreste siano in equilibrio con il carbonio atmosferico e non pozzi infiniti lo vorrebbe la logica: se davvero gli alberi non fossero in equilibrio nei milioni di anni che hanno avuto in atmosfera esisterebbe solo O2, invece anche prima dell'uomo esisteva una concentrazione lentamente variabile di CO2 in atmosfera legata all'equilibrio dinamico tra cattura vegatale e rilascio per morte e decomposizione dei vegetali stessi.

      Elimina
    2. Le foreste non sono in equilibrio con il carbonio atmosferico. Sono a somma negativa. Ovvero, sequestrano carbonio in forma di composti detti "recalcitranti." Questo carbonio sequestrato viene rimpiazzato dalle emissioni vulcaniche.

      Elimina
    3. Mi scuso ovviamente per la semplificazione, ovviamente esiste una componente sequestrata altrimenti i combustibili fossili sarebbero impossibili (di questo un mea culpa).
      Oggettivamente però, come fanno notare gli articoli, l'idea di un automatismo infinito non è proprio coretta, bisognerebbe ragionare sul problema dei rapporti tra estratto e massa lignea per capire il problema: tutti i combustibili fossili sono legno "condensato" in quanto i rapporti tra C ed H sono molto spostati verso il carbonio e contemporaneamente poveri di nitrati e fosfati, nei legni invece vi è un abbondanza di H e degli elementi citati. Per crescere le foreste necessitano di abbondanti quantità di fosfati ed azoti che al momento sono indisponibili per ricatturare ciò che è emesso dal fossile, l'ideale sarebbe per assurdo pirolizzare e seppellire direttamente il carbonio riciclando le ceneri minerali...
      Su una cosa però sono costretto ad affidarmi a lei professor Bardi, le emissioni vulcaniche da lei citate non mi sono del tutto chiare, ovviamente l'emissione di CO2 è presente ma la sorgente del carbonio no: considerando il pianeta come sostanzialmente in equilibrio il numero di atomi disponibili per ogni elemento è fissato all'origine quindi o il carbonio è il prodotto di qualche fissione nella litosfera o vi viene pompato, escludo il fatto che sia depositato negli strati profondi perchè molto più leggero del silicio e del ferro anche se oggettivamente è solubile nel ferro fuso. Secondo lei è possibile che esista un processo di trascinamento che lo spinge negli strati superiori del mantello? In linea teorica potrebbe affondare con le placche oceaniche in forma di carbonati o depositi fossili ma è a livello di vodoo.

      Elimina
    4. La quantità di carbonio nella litosfera in forma di carbonati è gigantesca. Infinita a tutti gli effetti pratici se la si confronta con le emissioni vulcaniche. Non è vodoo che la subduzione delle placche porti il carbonio nella parte superiore del mantello. E' cosa ben nota. Può darsi, anche se non c'è prova definitiva, che questo carbonio di quasi superficie sia in equilibrio come risultato dei due processi: emissioni vulcaniche e subduzione. Ma non è strettamente necessario che lo sia. Il meccanismo di regolazione della temperatura terrestre può funzionare anche senza questo meccanismo. Ovvero, il deposito principale del carbonio dell'ecosfera è il kerogene superficiale. E' lì che la biosfera continentale accumula il carbonio in eccesso. La biosfera marina, invece, si, lo manda nel mantello.

      Elimina
    5. Grazie della risposta, ho sempre avuto molti dubbi sui cicli geologici e il loro impatto, a logica arrivo ad alcune cose ma su altro sono letteralmente nella nebbia. Avevo trovato qualcosa sui depositi sottomarini di idrati di metano e di CO2 (che sembra siano una delle proposte di stoccaggio) che dovrebbero esere legati alla "caduta" dell'attività biologica di superficie ma intuivo dovesse esserci altro: contando il tempo di vita di organismi fotosintetici nell'acqua fosse stato l'unico meccanismo i depositi sarebbero smisurati, visto anche solo il gigantesco eccesso geologico del Carbonifero.
      Tassello aggiunto, grazie mille!
      Per il mio commento iniziale rimango dell'idea che per quanto parte del ciclo normale la vegetazione sia improbabile come soluzione nel breve, i depositi fissili sono densissimi di carbonio e incredibilmente poveri di nutrienti tipici del vegetale (solo lo zolfo stranamente abbonda). I legni sono troppo "vivi", sequestrano anche il necessario per lo sviluppo oltre che la CO2, la lignite è addirittura un ottimo fertilizzante di suo! La strada della pirolisi forse è attuabile, da un lato libera moltissimo idrogeno e composti leggeri, fosfati e nitrati possono recuperare ed il residuo è sostanzialmente carbonio puro pronto per essere sepolto, bonus è il fatto che la pirolisi è un processo esotermico quindi potenzialmente una fonte d'energia.

      Elimina
  14. un governo e' necessario , ma nessun governo e' perfetto. va bene finche' non te lo trovi contro. cosa fare allora? bisogna tenere i piedi in due scarpe diverse. esempio: il denaro il governo lo vuole tutto in banca tu una parte lo tieni in banca ma un'altra altrettanto consistente lo sposti in contanti , oro , zucchero quello che ti pare ma non lo lasci dove vuole il governo. insomma appoggi il governo ma appogi anche il dissenso. i piedi in due scarpe diverse. questa e' l'unica cosa che possiamo fare.

    RispondiElimina
  15. I commenti a questo blog dovrebbero essere letti da un laureando in psichiatria, c'è gran materiale per una buona tesi di laurea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IN effetti io ho rinunciato a moderarli. Basta che non offendano direttamente nessuno, niente parolacce, niente razzismo. Il resto è un riflesso del cervello di chi commenta. Che spesso non fa una bella figura.

      Elimina
    2. "Vangelo secondo Matteo 5:22 NR06
      ma io vi dico: chiunque si adira contro suo fratello sarà sottoposto al tribunale; e chi avrà detto a suo fratello: “Raca” sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli avrà detto: “Pazzo!” sarà sottoposto alla geenna del fuoco."

      Elimina
  16. "I livelli delle scorte mondiali sono su un ascensore rapido per l'inferno, in discesa. A 35 milioni di barili al mese, dall'unione del grafico di Seppo a quello del sito web di Kayrros."
    Ovviamente 80$ a barile sono prezzi politici, ma qualcosa devono pur inventarsi per non finire nell'inferno. Se continuano a dar mano libera alle locuste, ci finiremo tutti, fermarle con le cattive, non possono per le rivolte, ma qualcosa dovranno pur inventarsi e non sarà per forza piacevole. Altro che economia circolare, sostenibile, perchè da rinnovabili. Basta che manchi qualche idrocarburo e siamo nella cacca. Ma la scusa è già pronta, perchè chi si ostina a frenare l'economia sono quelli che non si vogliono vaccinare, perchè le risorse non mancano. Se manca il gas è colpa di quel cattivone di Putin, che usa l'energia come arma geopolitica. Se manca energia e carbone, quindi chip, magnesio e altro, è perchè la Cina boicotta il carbone australiano e le locuste coll'acquolina in bocca e la lingua di fuori davanti ai media, come ci credono, eccome. Speriamo di non trovarsi con distributori e scaffali vuoti, perchè ci vorrebbe poco al governo tramite i media a deviare la rabbia delle masse decerebrate per la mancanza di beni di consumo sui non vaccinati. Non so come le convincerebbero, ma dopo la costruzione a livello mondiale di questa pandemia farlocca, non mi meraviglio più di nulla.



    RispondiElimina
  17. Prof un aspetto interessante ed attuale del peak everything è che quello alimentare sis ta palesando con un forte rialzo deim prezzi al pari fel metano: Greta risucirà a fare 1+1 ?(cioè tutela delle foreste all'ultima pallottola e riduzione della produzione e dell'estensione delle aree agricole) Per me 2 signfiica anche sterilizzazione universale dopo il primo figlio e sopratutto sterilizzazione dei minori nelle famiglie numerose...Vediamo cosa ne pensa Greta ed il pubblico femminile in genere. Il peak everything sta accellerrando in maniera sorprendente. Greta (che è anche una metafora) devi togliersi gli abiti da buona ed indossare qualche accessorio da Medea prima che siamo costretti tutti a vestirci interamente in manaiera medaica...(E lei prof. ha capito benissimo la metafora)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sarà bisogno di tagliare le foreste. Così come stanno andando le cose, il problema si risolve in un altro modo.

      Elimina
    2. tanto s'è capito dove vogliono arrivare; inserire il siero miracoloso nel 90-95% di tutti, bambini compresi dal nuovo anno, pena l'esclusione dalla scuola pubblica. Per questo, siccome in Italia sono stati remissivi all'inoculazione, daranno come premio un Natale quasi normale agli inoculati, insieme alla promessa di ritornare dalla primavera-estate 2022 alla crescita dell'economia come prima del covid, come se si potesse beneficiare per sempre di una crescita energetica del 2% annua. Questo fatto le elitè lo sanno benissimo, noi qui pochi lo sappiamo, anche se tanti non ci credono, perchè la speranza è l'ultima a morire e chi visse sperando, morì sul cesso. E pure ce lo dicono in anticipo col progetto del great reset, tanto le masse obnubilate delle locuste non capiscono nulla, troppo preoccupate a soddisfare le voglie superflue dei loro ventri. Mi rendo conto che con una tale miseria intellettuale non ci siano altre soluzioni e mi dispiace per questo più che si mi avessero chiuso in casa a pane e acqua ad aspettare la morte, perchè doversi guardare le spalle per non dover cadere nelle trappole tese per farti fuori coll'uccisione terapeutica non è piacevole. Mi ricordo che mio padre, a causa della vita poco salubre che gradiva fare, era spesso in ospedale anche prima dei 60 anni. Sono sicuro che oggi non sarebbe campato a lungo.

      Elimina
  18. "ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole". Luca 16,15, liturgia odierna. Non c'è niente da fare, qui siamo fuori delle nostre 3 misere dimensionucole, ma locuste e elitè non ci possono arrivare e anche chi ci si avvicina, non può andare granchè in là su questo terreno. Per questo non rimane altra possibilità che il siero salvifico.

    RispondiElimina
  19. https://ogst.ifpenergiesnouvelles.fr/articles/ogst/full_html/2019/01/ogst190118/ogst190118.html
    anche la Russia ha iniziato la scogliera del PO, ma che non lo sappiano le locuste, che non s'abbiano a non vaccinare.

    RispondiElimina