Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


Saturday, January 25, 2020

Il "Dilemma Ostetrico"


Un Post di Bruno Sebastiani

Il parto nella specie umana è un evento assai più traumatico di quanto sia negli altri animali, compresi quelli a noi più simili, scimpanzè o gorilla, le cui femmine partoriscono senza aiuti e con relative poche difficoltà.

Perché questa differenza, che implica per la nostra specie dolore e necessità di assistenza al parto?

Lasciamo per un attimo in sospeso la risposta a questa domanda in quanto le difficoltà alla nascita non sono l’unico elemento che ci differenzia dagli altri animali.

Una delle caratteristiche proprie della nostra specie è infatti la non autosufficienza alla vita autonoma dei giovani nati. Essi dipendono per anni dalle cure parentali, contrariamente a quanto accade nella generalità del regno animale.

Gli inglesi hanno inventato il termine “altriciality” per significare la necessità biologica di nutrire e prendersi cura dei giovani per una lunga durata.

A noi occorre ben un anno e anche più per imparare a camminare e circa due per mangiare con le nostre mani. Ciò dipende dal fatto che il nostro cervello alla nascita ha solo il 30 % delle dimensioni di quello adulto, contro percentuali ben più alte del restante regno animale.

Perché questa differenza a nostro “svantaggio”? Qui entra in gioco il cosiddetto “dilemma ostetrico” ovverosia il compromesso biologico impostoci da due opposte pressioni sviluppatesi nel corso del nostro processo evolutivo: da una parte la riduzione delle dimensioni del canale del parto nel bacino umano conseguente alla adozione della locomozione bipede e dall’altra la comparsa di crani sempre più grandi parallelamente alla crescita del volume della neocorteccia, comparsa che avrebbe richiesto una più ampia area pelvica per consentire il passaggio dei nascituri.

Cosa si è inventata la Natura per risolvere questo dilemma? Quale il compromesso? Possiamo riassumerlo in tre punti:

1 – fissazione della durata della gestazione per la nostra specie a 266 giorni, tempo limite per consentire il passaggio della testa dei nascituri dal canale del parto. Il fatto stesso che tale durata sia un tempo limite spiega le difficoltà e i dolori connessi all’evento. Una durata maggiore avrebbe reso impossibile il passaggio di calotte craniche ulteriormente accresciute;

2 – conformazione “malleabile” del cranio dei neonati tramite suture delle “ossa piatte” della calotta in tessuto fibroso non ancora ossificato e quindi flessibili ("zone molli" o fontanelle). Ciò permette alle ossa frontali di scivolare una sull’altra durante la compressione del parto e, dopo la nascita, di accogliere il volume crescente della corteccia frontale per circa due anni, allorquando si fondono completamente nella sutura metopica in coincidenza con il rallentamento dell’espansione cerebrale;

3 – affidamento dello sviluppo incompleto del bambino (conseguente alla necessità di dover transitare “anzitempo” dal canale del parto), alle cure parentali, ovvero alle ben note attenzioni che ogni mamma e ogni papà della nostra specie rivolgono ai loro figli nei primi anni di vita.

Un corollario al punto 1 è che le difficoltà al passaggio dal canale del parto sono state in passato all’origine dell’alto tasso di mortalità dei nascituri, tasso drasticamente ridotto con l’introduzione del taglio cesareo, attualmente praticato in un’elevata percentuale di casi.

Altra precisazione da fare è che, secondo studi recenti, la nascita “precoce” avverrebbe perché dopo quasi nove mesi le esigenze metaboliche del feto rischiano di superare le capacità della madre di soddisfare il proprio fabbisogno energetico e quello del bambino. Questa precisazione nulla toglie al fatto che per risolvere il problema la Natura abbia dovuto scendere a compromessi con se stessa.


* * *

Se questo è il “dilemma ostetrico” (espressione coniata nel 1960 dal bio - antropologo americano Sherwood L. Washburn), come interpretarlo alla luce della teoria evoluzionista e in particolare all’interpretazione che vede nello sviluppo del cervello umano una infausta anomalia (leggi Cancrismo)?

Indubbiamente il fatto che la Natura si sia trovata di fronte a un “dilemma” e lo abbia dovuto risolvere facendo ricorso ad un “compromesso biologico” (nascita anticipata contro affidamento del neonato alle cure dei genitori) sta a significare che nel corso della nostra evoluzione si sono verificati degli eventi contrastanti con l’armonia che regnava nel mondo animale.

È ben noto che i rivolgimenti della biosfera sono stati infiniti e di grande rilievo. Ma nel periodo in cui ci siamo affacciati alla vita come uomini (staccandoci gradualmente dalle scimmie antropomorfe) nella foresta regnava un equilibrio che consentiva a tutte le specie di vivere e sopravvivere nel rispetto delle leggi di natura.

Poi alcune mutazioni consentirono alla nostra specie di sviluppare un cervello molto più “potente” di tutti gli altri, tanto potente da consentirci di contravvenire alle leggi che avevano fino ad allora regolato la convivenza tra le specie.

Tanto potente da dover accrescere le dimensioni del cranio destinato ad ospitarlo e da dover abbreviare la nostra gestazione per consentire a questa testa più ampia di transitare dal canale del parto. Con la conseguente precocità alla vita di cui abbiamo parlato.

Anche il “dilemma ostetrico” si spiega così alla luce della teoria cancrista: lo sviluppo del nostro cervello (della nostra intelligenza e di tutto ciò che ne consegue) ha rappresentato un fatto abnorme nel panorama dell’evoluzione, un fatto destinato a stravolgere l’equilibrio della biosfera sino ai tragici esiti attuali.

Un fatto tutto interno alla Natura (nulla che conosciamo la travalica) ma un fatto negativo per l’armonia del Tutto, come capita quando il cammino evolutivo imbocca vie senza sbocco.

L’analogia più calzante che viene alla mente in proposito è quella con le neoplasie maligne che conducono alla distruzione l’organismo che le ospita.

Ecco dunque che il “dilemma ostetrico” aggiunge un ulteriore tassello a quella teoria che sto cercando di illustrare con i miei libri e con i miei scritti.



9 comments:

  1. La natura tende all'armonia ed all'equilibrio, ed il "tragico esito" di cui tu scrivi non è altro che la rottura di quest'armonia ed equilibrio, che porterà a nuovi equilibri. In questi l'uomo continuerà a trovare spazio ma con una consistenza numerica dell'umanità terribilmente decrementata.

    ReplyDelete
  2. Premettendo che l'uomo dovrebbe rispettare l'ambiente che lo circonda, anche per motivi egoistici (lasciarlo compatibile alla propria vita).

    L'uomo è l'apice dell'evoluzione della Natura su questo pianeta.
    Non mi pare che cavallette, topi o altri esseri viventi, limitino la loro riproduzione per salvaguardare l'ambiente.

    Quindi, se l'uomo non è perfetto, è pur sempre meglio degli altri esseri viventi.
    -----
    Per quanto riguarda i danni alla Natura, mi sembra che eventi naturali abbiano già causato 5 estinzioni di massa più alcune di minore entità.

    Quindi, non mi sembra che prima della comparsa dell'uomo, l'ambiente se la passasse meglio.
    -----

    Per quanto riguarda la voglia insaziabile che ha l'uomo di migliorare il proprio benessere e la sua sete di conoscenza cercando di scoprire i misteri dell'Universo, è un bene che NON vedo in nessun'altra specie animale.

    Chi critica aspramente l'uomo ha una conoscenza limitata della realtà e vive nel mondo dei sogni!... E magari sogna che leone e gazzella vivano tranquillamente insieme.

    Su questo pianeta gli esseri viventi sono comparsi miliardi di anni fa, e qualsiasi cosa faranno, hanno i giorni contati. Tutto ha avuto un inizio e tutto avrà una fine.
    L'unica eccezione a questa regola, su questo pianeta, è l'uomo che, progredendo scientificamente ha una speranza di colonizzare altri pianeti della nostra galassia.

    Sperando di non portare con loro certi strani ambientalisti, che preferirebbero lasciare un pianeta desertico piuttosto che terra-formarlo.

    Se pensate che l'uomo non sarà mai in grado di fare questo, io vi dico che:
    NON dovete estendere le vostre limitazioni al resto del genere umano.

    Ogni tanto cercate di essere ottimisti, perché solo con l'ottimismo si mettono in atto quelle azioni che ci spingono a FARE per poter cambiare in meglio.

    ReplyDelete
  3. Dal punto di vista biologico la nascita non è la sola anomalia, gli esseri umani faticano a vivere di cibi crudi, cuociamo o utilizziamo prodotti elaborati da altri (latte, miele, fermentati....). La nostra specie è la combinazione evolutiva di biologia e noosfera, ovviamente questo processo è tutt'ora in corso direi in fase adolescenziale, in fase di sperimentazione dei limiti delle nostre capacità attuali. Nulla vieta un ulteriore evoluzione che veda l'umanità attuale come i neanderthal ed altri come i nuovi "umani evoluti", la convivenza delle due specie è nota e sembra fù relativamente pacifica ma i neanderthal si estinsero ugualmente, sono documentati addirittura meticciati: http://www.lescienze.it/news/2016/02/18/news/incrocio_homo_sapiens_uomo_di_neanderthal-2975946/
    Attualmente la mutazione della noosfera arriva a comprendere l'ambiente non solo come "risorsa da sfruttare" ma come cicli da preservare, nella mia opinnione bisogna vedere come collocare l'uomo: possiamo essere una specie ancora gestante (rapida replicazione, differenzizione, organizzazione ma non ancora completamente un organismo)o un anomalia teratologica (moltiplicazione indifferenziata in un organismo sviluppato e differenziato), come fatto notare a termine un bambino arriva al limite delle risorse disponibili dalla madre prima di rendersi indipendente come organismo.

    ReplyDelete
  4. Mah, io non vedo mica tutti questi cervelloni in giro, anzi... ?!?!?

    ReplyDelete
    Replies
    1. La mia legge sul calcolo delle distanze astronomiche dei corpi celesti:
      "Legge sulla degradazione fotonica"
      http://www.scienzaericerca.cloud/ricerca/gravitone

      Sta dando valori molto più coerenti della legge di Hubble.

      Si può spiegare il redshift delle galassie più lontane mai osservate, senza bisogno d'inventarsi teorie assurde (come: Big Bang, Energia oscura, ...).

      Delete
    2. @ ALESSANDRO PULVIRENTI 27 gennaio 2020 00:18
      Ha detto Ticky, che "Il nostro universo era in uno stato stazionario, buio e superfreddo, il Big Bang è stato causato dall'urto con un altro universo, l'inflazione superluminale dello spazio è stata generata dal momento d'inerzia dell'altro universo; la materia oscura è ciò che c'era nell'altro Unverso e l'Energia Oscura è la luce che promana dall'altro Universo, dove però le leggi fisiche sono diverse da quelle del nostro universo."
      https://mia-fantascienza.blogspot.com/2019/12/cosa-e-successo-nel-primo-secondo-dopo.html

      Delete
    3. Dove sognano le formiche verdi - il senso dell'universo ( bianco )

      https://www.youtube.com/watch?v=oReNgyNXl6s

      Delete
  5. Anni fa mi impressionavo a vedere tanta intelligenza in alcune persone : facevano dei discorsi che mi sembravano coerenti. Ma la loro coerenza era relativa ad un campo limitato, non era una coerenza ampia a comprendere e rispettare la Vita sul pianeta Terra. Adesso non mi impressiono più. Penso che ben poche persone pensano in modo davvero intelligente. E queste persone sono al 99% componenti delle società indigene, primitive. Nella moderna società di stampo tecno-industriale-economicista-globale la vera intelligenza, quella profonda, è latitante.

    Prendo ad esempio le soluzioni proposte per limitare il Global Warming (Riscaldamento Globale) causato in questi ultimi tempi dal massiccio inserimento di CO2 e metano in atmosfera (attenuato e mascherato in parte dal GD Global Dimming). La soluzione che va per la maggiore è il Green New Deal (Nuovo Affare Verde). Ma il GND non contribuirà nei prossimi dieci anni, che sono decisivi per la limitazione del GW, a diminuire le emissioni di CO2 !!!! Anzi, farà peggiorare la situazione !

    Le soluzioni che una umanità veramente e profondamente intelligente dovrebbe prendere sono completamente diverse :
    - diminuzione (non-violenta) della popolazione umana mondiale
    - diminuzione dei consumi degli esseri umani (e qui voglio essere chiaro : è altamente inquinante lavorare a più di 5 chilometri di distanza da casa, e andarci in auto !!!! è altamente inquinante andare in vacanza a più di 30 chilometri di distanza da casa !!!! E' ancora altamente inquinante pescare il merluzzo nei mari della Gran Bretagna, trasportarlo in celle frigorifere in Cina, e riportarlo sfilettato e inscatolato sugli scaffali dei supermercati britannici).

    - Gianni Tiziano

    ReplyDelete