Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


venerdì 16 marzo 2018

Le Maestre di Pomezia: Ammazzarle Subito, o Prima Torturarle?




Scusate per questo post un po' OT sul blog di Cassandra, ma certe volte hai l'impressione di affacciarti sull'abisso. Hai l'impressione che quello che chiamiamo la "società civile" sia un'idea atrettanto evanescente di quella del tuo angelo custode di cui ti raccontavano da piccolo.

La faccenda delle maestre di Pomezia da questa impressione. Leggiamo sui giornali che c'è una rilevazione video, che però non è pubblicamente disponibile. Forse è vero che le maestre sono state violente con i bambini, ma non sappiamo quasi niente di come sono andate veramente le cose.

Quello che impressiona è come sulla stampa la condanna sia stata unanime e uniforme. Tutti i giornali hanno riportato la stessa versione dei fatti, che è andata giù come una cosa ovvia, incluso le foto dei "bambini maltrattati" prese dal Web che non hanno niente a che vedere con il caso specifico di Pomezia.

Nemmeno su Facebook c'è stato molto dibattito, per ora: un piccolo numero di commenti qua e là, con i soliti frustrati che invocano la pena di morte per le maestre. Nell'immaginario pubblico, le "maestre violente" sembrano aver acquisito la stessa consistenza di altre figure mitologiche o mitologizzate, dal lupo cattivo a Hitler. Il caso delle maestre di Rignano Flaminio, accusate di riti satanici e pedofilia nei riguardi dei loro allievi, è stato più spettacolare di questo, ma rientra nella stessa categoria.

Cosa è successo che ha trasformato le maestre in piccoli mostri nell'immaginario collettivo? Difficile dirlo, le maestre che conosco sono tutte impiegate statali un po' frustrate - anzi parecchio frustrate - da dover gestire bambini maleducati e irrequieti e una burocrazia asfissiante (*). Con in più il rischio di doversi gestire anche genitori violenti (capita anche questo) oppure - peggio - genitori ben capaci di ricorrere a vie legali che possono rovinare completamente la vita a una persona. Nel complesso, le maestre sono persone del tutto innocue, anche se è probabile - anzi, praticamente certo - che qualcuna vada occasionalmente fuori di testa. Ma com'è che sono diventate tutte dei mostri potenziali?

Forse è la stampa che ha totalmente perso ogni rapporto con la realtà. I giornalisti sono de-professionalizzati e altrettanto frustrati delle maestre. I giornali son stati spiazzati dal Web e si sono ridotti a degli acchiappa-click che sparano di tutto e di più senza distinzione. E la scuola sta implodendo in una spirale di mancanza di fondi, de-professionalizzazione dei docenti, politici che pensano che la cultura sia qualcosa che i ragazzi possono trovare in un tablet, e altro.

Ma non basta il declino della stampa e della scuola a spiegare la situazione. In qualche modo, sembra che ci sia una rabbia spaventosa che cova e sobbolle nella cosiddetta "società civile" - una rabbia che cerca disperatamente un qualcosa o qualcuno su cui sfogarsi: i politici ladri, gli immigrati che ti portano via il lavoro, i neri che ti chiedono un euro al parcheggio, Merkel La Strega, Putin il Barbaro, e - infine - le maestre che picchiano i tuoi figlioletti innocenti. E tutta questa rabbia e questo odio si deve manifestare in qualche modo e riversarsi su qualcosa o qualcuno (**).

E allora? E allora, niente. Tutto quello che succede ha una ragione per succedere, e ci deve essere anche una ragione per la demonizzazione delle maestre. Quale sia esattamente, non so dire, ma ci stiamo muovendo in una direzione dove forse nessuno di noi vorrebbe andare, ma ci stiamo andando lo stesso e, alla fine dei conti, tutti ci ritroviamo a spingere per andarci più in fretta.



(*) Se cercate qualcuno che prova a difendere le maestre - impresa difficile ma non impossibile - lo potete trovare in questo gruppo di Facebook, "la voce dei docenti"

(**) Sulla faccenda del "capro espiatorio" potete provare a leggervi "Delle cose nascoste fin dalla generazione del mondo" di René Girard (un commento interessante, qui)




11 commenti:

  1. l'odio si attacca all'anima e alla pelle molto più facilmente dell'amore. E' umano, purtroppo. Succedeva anche a me, ma ho trovato nella parola di Cristo un bell'antidoto. Ci vorrà fede, ci vorranno persone sante, come il sacerdote che ho incontrato, di cui poi ho saputo essere esorcista (e poi lo chiamano il caso!), ci vorranno impegno, preghiera, maturazione, come dice lui, digiuno e astinenza, come dice il Vangelo, ma la ricerca di una vita degna di essere vissuta viene coronata da successo più volte che non si creda, a tutti i livelli, da quello della perfezione a quello di un misero e piacevole miglioramento. Basta la BUONA VOLONTA', essere onesti con sè stessi e gli altri, ma prima con sè stessi. Socrate insegnava: "Conosci te stesso", perchè alla base della ragione e maturazione personale, necessarie per superare egoismi, narcisismi, istinti, come l'odio.

    RispondiElimina
  2. Prof. permetta che sia in totale disaccordo, ed aggiungo a ragion veduta. é il solito problema della casta dei dipendenti pubblici. Ne parlavo con mia madre pochi giorni fa, da 1 anno maestra in pensione. Proprio al rivedere in tv l'ennesimo caso di maestre violente, fisicamente e verbalmente, ricordai a mia madre della "famosa" maestra Irma, ed il nome non è di fantasia, ma ormai sarà morta...Oggi lei concordava con me che tale persona ai giorni nostri sarebbe in galera...Ricordo come fosse ieri che quando avevo circa 4 anni, per alcuni giorni ebbi tale Irma come maestra supplente all'asilo, e che mi lamentai con mia madre, allora sua neo-collega, di tale maestra: urlava davvero come una matta, e ci portava a forza, strattonandoci,nella stanza del riposo pomeridiano. Con le telecamere oggi tale maestra sarebbe al gabbio. Tale maestra era famosa per i suoi modi, e grazie ad intercessione di mia madre fui cambiato di sezione. Era una persona in là con gli anni e vedova. Tuttavia mia madre non osò denunciare la collega. Questo è l'ennesimo esempio della casta dei dipendenti pubblici. ovviamente i dipendenti pubblici non sono geneticamente più cattivi o nullafacenti di altri, semplicemente non sono sottoposti agli stessi controlli dei dipendenti privati,e vige una omertà mafiosa fra colleghi. anche per questo, oltre che per la teratomasità delle risorse destinate ai servizi alla persona rispetto a quelle dedicate alla ricerca ed investimenti in sicurezza energetica, non manco di augurarmene il collasso. Ripeto: oggi, entrambi adulti, mia madre concorda che tale maestra Irma avrebbe dovuto essere espulsa dal suo lavoro pubblico molto prima che diventasse famosa per i suoi modi da psicopatica. In questi casi aggiungo poi, ed ogni volta che un dipendente pubblico ha comportamenti giudicati illeciti, lo stato avrebbe l'obbligo di rivalsa in sede civile, non la possibilità, come sussurrato dal pavido PD nel decreto madia...Ci rifletta professore su questa mia storiella autobiografica...

    RispondiElimina
  3. Gli articoli contro gli insegnanti - con vari livelli di delegittimazione da livello base "incompetente" a livello avanzato "delinquente" - hanno fatto la loro comparsa più o meno in contemporanea con l'inizio del massiccio attacco (demolitivo) al sistema scolastico pubblico. E da lì proseguono.
    Si noti che da una decina di anni a questa parte sono fioriti anche gli articoli sulla cosiddetta "malasanità". E, guarda caso, anche il nostro sistema sanitario universale - ex nr. 1 nel mondo ma ancora resistente ai piani alti delle classifiche OMS - è pesantemente sotto attacco. Morale? Facciamo odiare al popolo quel che ha, così quando glielo sfileremo di sotto il naso ci ringrazieranno"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da iscritto all'ordine non parlare di sanità...In sanità pubblica manca almeno il 20% di personale, che non è stato assunto negli ultimi 10 anni per mantenere intatti gli stipendi di chi ci lavora: a parità di monte stipendi, va assunto chi serve per non far collassare il servizio facendo fette più piccole dalla stessa torta. Nel mentre i medici in pensione guadagnano più degli strutturati...Nel mentre si è quasi dimezzato il numero dei posti di specializzazione, dico io, perchè ce ne sono a migliaia di specializzati ormai 40enni senza posto fisso, ma non sono state chiuse in numero adeguato la facoltà di medicina che producono medici disoccupati o sottooccupati! Quindi Hervor hai parlato di una cosa che non conosci affatto. La stima del 20% è prudenziale, è veramente il minimo necessario...Oltre ad essere iscritto all'ordine ho anche un parente strettissimo strutturato all'ospedale e l0unico zio appena pensionato volontario in ospedale, per cui queste cose le conosco bene...Tieni anche presente che fino ad un anno fa ai pensionati ex medici del sistema sanitario nazionale era consentito collaborare, in maniera retribbuita, negli ospedali, perchè "costavano" cmq meno di un neoassunto...Quindi il massiccio attacco demolitivo al sisitema sanitario nazionale è stato orchestrato dai suoi stessi dipendenti strutturati che ovviamente stanno zitti, perchè non hanno potere contrattuale, ma preferiscono lavorare nella piena illegalità, facendo 60 anche 70 ore settimanali, e quindi mettendo anche a rischio la vita dei pazienti esseno così stanchi, piuttosto che lasciare che si assuma tutto il personale mancante...

      Elimina
    2. Hai scritto una cosa fondamentale: "prima di esprimere opinioni 'trancianti', informati". Ti suggerirei di farlo tu stesso: datti da fare per diventare insegnante*, quindi pratica in prima persona il mestiere per un lustro o giù di lì in qualche bell'ambientino non di nicchia, in trincea, poi ne riparliamo.

      *Con la tua preparazione non dovrebbe esserti difficile accedere a un ruolo da pirlotti come quello dell'insegnante, no? Forza! Vieni a darci il buon esempio.

      Elimina
  4. Pochi si ricordano che Don Milani, un grande, propinava ai suoi difficili alunni dei robusti calci nel didietro. E così si prendeva cura di bambini destinati a una vita da ignoranti. Riposa in un umile cimitero sperduto tra le montagne.
    La sua scuola non costava niente. Un tavolone e un giornale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i nocchini e le tirate d'orecchie erano all'ordine del giorno quando ero alle elementari, ma non alla materna. Almeno per i più agitati, che oggi vengono abbandonati a sè stessi. L'ho potuto constatare con le mie due figlie. Una con le buone e tanta pazienza alla fine si è laureata in medicina e fa il medico, l'altra avrebbe proprio avuto bisogno delle maniere forti, in mancanza delle quali sta facendo l'imprenditrice agricola. Purtroppo pur essendo sorelle, i caratteri sono molto diversi ed impedire per legge la possibilità di correzione, anche drastica, se necessaria, può essere molto deleteria per la persona che si ritroverà a vivere da ignorante, se non da clocaurd o peggio. Mi ricordo di bambini puniti fisicamente dal maestro, perchè non avevano fatto i compiti e ripuniti a casa dai genitori, anche più duramente, eppure hanno avuto un'esistenza normale, tranquilla e soddisfacente, come operai, impiegati e medici. Ma forse fare una massa di ignoranti è necessario per poterli comandare facilmente, tanto dal terzo mondo, dopo sguatteri, badanti, camerieri, preti e suore stanno premendo perchè si accetti i loro laureati. Di che ci preoccupiamo allora? Del buonismo becero imperante e delirante odierno? In fondo come diceva un mio vecchio direttore: "Il popolino va tenuto basso per poterlo comandare". Quel "basso" significava "ignorante".

      Elimina
    2. nocchini e tirate d'orecchie, oltre a sperare di mettere un pò di sale in zucca, servivano principalmente a far capire che il dovere va fatto, volenti o nolenti. Ossia essere responsabili, maturi. Sarà anche per la mancanza di questo tipo d'educazione, che l'Italia è il paese dove viene consumata più droga?

      Elimina
    3. Don Milani ha dato la vita per quegli alunni, mentre ora, come anche ai suoi tempi, il sistema scolastico è infarcito di burocrati e politici.
      E' l'umanità che fa la differenza.

      Elimina
  5. Il politicamente corretto ha waltdisneyzzato le menti. Agnello e e lupo a prendere l'apwritivo vegano insieme...
    Il ritorno alla realtà è brusco.

    RispondiElimina
  6. Voglio usare questo mezzo per far sapere al mondo che tutta la speranza non è perduta Ottenere incinta dopo aver stretto e bruciato i tubi, so che l'IVF e l'Inversione potrebbero aiutare, ma anche troppo, non potevo permettermelo e lo desidero aggiungere un altro bambino alla mia famiglia ha cercato per 5 anni, non fino a quando non mi sono imbattuto in Dr.AGBAZARA, che ha lanciato un incantesimo gravidanza / fertilità per me e sono rimasta incinta. Spero che le donne là fuori che stanno attraversando le stesse paure e Le preoccupazioni sono passate in INIZIO INCINTA, troverò il tuo contatto e sarò felice come me mentre lo lascio qui su questo sito, e la soluzione verrà a loro mentre ti contattano. Grazie e Dio vi benedica per raggiungerlo via email: ( agbazara@gmail.com ) OPPURE Call / WhatsApp +2348104102662

    RispondiElimina