Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


venerdì 16 febbraio 2018

Le ragioni della sconfitta del PD spiegate da un marziano




Scusate per questo post un po' fuori dagli argomenti "normali" di questo blog. Il fatto è che ieri sera mi sono trovato, un po' per caso e un po' per curiosità, a un evento di presentazione dei candidati del PD per le prossime elezioni, qui a Firenze.

Ora, premetto che non guardo la televisione e non leggo i giornali. Per cui, sono arrivato a questo evento un po' come un alieno appena atterrato da Marte. Quindi, vi racconto le mie impressioni - la principale delle quali è che il PD perderà queste elezioni - e questo lo sanno anche su Marte.

Ho ascoltato le presentazioni di un certo numero di persone del PD che mi sono parse competenti e bene intenzionate. Il problema non è quello. Il problema è che tutto il dibattito politico è stato su due soli argomenti: immigrazione e sicurezza (a parte un assessore che ha parlato di commercio, brava, ma non era una candidata).

Ora, non so se qualcuno dei grandi pensatori di strategia del passato abbia detto esplicitamente che se lasci il nemico scegliere il campo di battaglia, allora hai perso in partenza (di sicuro, lo si evince da Sun Tzu). Qui, i candidati del PD hanno lasciato scegliere gli argomenti di discussione ai loro nemici, e hanno perso in partenza.

Abbiamo sentito i candidati del PD dichiarare varie cose, parzialmente in contraddizione fra di loro. In parte, hanno cercato di dire che sono più cattivi di quelli della destra (con noi ci sarà più polizia, più telecamere, più repressione, più galera etc.). Ma anche sulla difensiva, criticando le statistiche della destra e dicendo che, in fondo, la situazione non è così male come la destra la dipinge. E comunque c'è il problema della sicurezza, dell'immigrazione - certo, non dobbiamo far venire gli immigrati, però è anche vero che se vengono ci fanno comodo. E via così.

Ora, per un marziano seduto nell'ultima fila della saletta dove si facevano questi ragionamenti, il tutto è apparso sostanzialmente privo di senso. Questi qui stanno finendo le risorse, sono in balia del cambiamento climatico, dipendono dalle importazioni per cibo ed energia, sono sovrappopolati, hanno disastrato il territorio, cementificato le terre fertili, intubato i fiumi, hanno avvelenato tutto quello che potevano avvelenare, sono schiacciati dalla concorrenza globalizzata e altre cosette. E di tutto questo non ne parlano minimamente?

E questo sarebbe il loro meccanismo decisionale? Quello che chiamano "democrazia" e del quale sono tanto orgogliosi? Dal punto di vista dei Marziani, verrebbe voglia di invaderli e sterminarli, come nella "Guerra dei Mondi" di Wells. Ma non ne vale nemmeno la pena -- questi si sterminano da soli.

Marziani a parte, quello che stupisce è come la destra stia completamente dominando il dibattito, non solo in Italia, ma anche negli Stati Uniti e un po' ovunque. Com'è che la sinistra fa sempre gli stessi errori? Ci deve essere una ragione per la quale a Berlusconi I è succeduto Berlusconi II (detto anche Matteo Renzi). E ora siamo talmente ridotti male che deve ritornare Berlusconi I. Come è possibile?

Difficile dire cosa sia successo. Può darsi che quelli di destra siano più furbi di quelli di sinistra? Onestamente, non mi pare una regola generale. Ma quelli di destra hanno capito molto meglio i meccanismi di come farsi eleggere secondo quella cosa che è diventata la democrazia, oggi. E' sempre stato vero che vince chi urla di più, ma ora è diventata una regola assoluta - ogni traccia di razionalità nel dibattito è scomparsa da un pezzo. E quelli che hanno capito la regola, la sfruttano. Quelli che non l'hanno capita, la subiscono. E quelli che votano, non se ne accorgono.

E, alla fine dei conti, c'è una ragione per cui milioni di persone quardano i telegiornali tutti i giorni, mentre meno di un migliaio cliccano sul blog "Effetto Cassandra". Forse sono tutti marziani.






29 commenti:

  1. Sad to see Italy and the US mirroring each other in dysfunctions. I learned a lot from Italian politics pre-Berlesconi.

    RispondiElimina
  2. Mica potevano dire che sono finiti gli anni di vacche grasse e parlare di limiti alla crescita!!
    No, la storia insegna che in questi casi ci vuole il capro espiatorio! (Ebrei, immigrati, ...)
    Poi la storia insegna anche che prendersela con il capro espiatorio non risolve i problemi, ma questo verrà dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sembra un paradosso, ma Hamed, il pizzaiolo marocchino della porta accanto, è contrario all'immigrazione, perchè ci porta alla miseria!!! W la sincerità, ma detta da un immigrato è proprio simpatica. Ora noi sappiamo che la miseria è la fine degli idrocarburi, ma non diciamoglielo, è troppo simpatico.

      Elimina
  3. ottima analisi prof
    però non sono d'accordo su due cose fondamentali
    1) se la persona era bravA, doveva essere un'assessorA, lei mi è rimasto indietro, verrà mica da Marte eh ...
    2) "Può darsi che quelli di destra siano più furbi di quelli di sinistra?" no, no, è il contrario di come dice lei. Sono quelli di sinistra a essere meno furbi di quelli di destra.

    un saluto, e buona estinzione a tutti, destri, sinistri e in mezzo, con un sorriso.
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assessore-eh come Abele-eh?

      Elimina
    2. eggià, perchè poi sempre a proposito di tematiche veramente importanti da campagna elettorale terrestre, bisognerà pure cominciare ad occuparsi di tutti quei discriminati di genere e socialmente disadattati che si chiamano Andrea. Se è maschio AndreO sia! no?

      L.

      Elimina
    3. Assessora è, cruscanticamente, una xxxata pazzesca.
      Se vogliamo indicare il genere allora sia asseditrice.
      Del resto abbiamo una ministra neppure laureata della Pubblica istruzione più migliore e i risultati sono questi.
      La squola col sei politico, della lotta agli INVALSI e inclusiva (dei somari) non produce granché, direi.

      Elimina
    4. Abele-e secondo Benigni. https://www.youtube.com/watch?v=uYOdV9vJ0MY

      Elimina
  4. O forse perchè in Italia l'80% dei cittadini è analfabeta funzionale. Dati statistici che lasciano basiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa percentuale dove l'hai trovata? Io nelle statistiche sul analfabetismo funzionale leggo di un 28/47%, percentuale sempre troppo alta, ma ben lontana dal 80%. https://it.wikipedia.org/wiki/Analfabetismo_funzionale http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/03/07/news/analfabeti-funzionali-il-dramma-italiano-chi-sono-e-perche-il-nostro-paese-e-tra-i-peggiori-1.296854

      Elimina
    2. Ecco un link. http://www.cultora.it/analfabetismo-funzionale-profondo-rosso-colpisce-70-cento-degli-italiani/

      Elimina
  5. Le cose stanno andando come devono andare. Altrimenti andrebbero diversamente.
    Mi mi romperei la testa piu' di quanto serve, in realta' questo teatrino locale e' sostanzialmente marginale rispetto al trend globale in atto.

    Il trend globale parla di dissoluzione dell'unione europea, e questa dissoluzione partira' dal soggetto meno atteso ad una analisi superficiale, cioe' la Germania. La germania e' la chernobil europea dei derivati tossici, quando la finanza globale prendera' il colpo, lo stress economico sara' cosi' forte da far pensare ai signori tedeschi che andarsene dalla UE comporti piu' vantaggi che restare. E, andata via lei, altri seguiranno, fino alla fine.

    Il progetto politico della EU finira' cosi', almeno finche non ne sorgera' un altro, basato su idee differenti (unire i cuori prima dei portafogli, ad esempio). Ma sara' roba dei prossimi 40 anni, roba di un mondo deindustrializzato ma non de-tecnologicizzato, ancora difficile da focalizzare.
    Lasciamo quindi i nostri politici al loro teatrino. E' in effetti il popolo italiano che vuole questo, non il contrario. Nessuno puo' costringere nessun popolo a fare quello che vuole. Se sta accadendo questo, e' perche lezioni devono essere apprese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli americani pensano di aver conquistato l'Europa con la vittoria su Hitler, allora il Fhurer aveva ragione a dire che se la Germania perdeva la guerra, sarebbe stata la fine dell'Europa. Ci mancherebbe solo che gli stati europei ricominciassero a farsi guerra, finita l'egemonia USA. Speriamo di no, ma con qualche centinaio di milioni di morti qua, qualche altro là, sarebbe risolto un bel pò del problema della sovrappopolazione. A sentire quel che dice Trump non vorrei che ci facesse un pensierino, prima che gli USA perdano l'impero del tutto.

      Elimina
    2. Mi permetto di dissentire, la popolazione mondiale è di circa 7,5 miliardi di persone, se anche in una nuova guerra generale Europea dovessero morire 150 milioni di persone, circa due volte e mezzo i morti della seconda guerra mondiale, si tratterebbe di appena il 2% della popolazione mondiale, che al ritmo attuale recupererebbe il numero di morti in meno di 2 anni, quindi la guerra non è una soluzione efficace, oltre a essere condannabile dal punto di vista morale e umanitario.

      Come soluzione io sarei invece per il dare più istruzione alle nuove generazioni dei paesi del terzo mondo, in particolare bisognerebbe istruire le donne, perché la dove le donne studiano mediamente fino alla fine delle scuole superiori il tasso di natalità si abbassa a livelli sostenibili.

      Elimina
  6. ...ma come? non hanno parlato anche di far crescere l'economia, di dare un reddito ai disoccupati, di dare più soldi a chi fa più figli, a chi diventa maggirenne, a chi si compra la macchina nuova, il cellulare nuovo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è sentito un accenno alla necessità di fare più figli. Stranamente, non hanno parlato né di crescita né di grandi opere. Perlomeno non fino a che ci sono stato. Può darsi che sia venuto fuori nel dibattito successivo.

      Elimina
  7. Essendo io stesso un poco "alieno", colgo nel testo una certa sfumatura di rammarico da parte dell'autore per l'eventuale sconfitta elettorale del PD. Questo spiega un po' di cose. Non tutte, ma un po' sì.

    RispondiElimina
  8. comunque Hamed segue con passione ogni dibattito politico e alla fine, visto che lui non vota, mi farò consigliare su chi votare, anche se penso che non lasceranno certo governare l'Italia a dei buoni a nulla e prenderà in mano le redini politiche italiane Brussel, come fece nel 2011, con la sostituzione del legittimo governo votato, anche se indecente a detta di molti, con la gloriosa coppia vincente Monti-Fornero. W l'Europa, che ci salva sempre da tutto, anche da noi stessi e dal peak oil.

    RispondiElimina
  9. Non seguo più i dibattiti politici per vari motivi:
    1) promettono le cose che attirano più voti, ma tanto non mantengono (e allora che li sto a sentire a fare....)

    2) Molti dei candidati dovrebbero stare in galera, ed il fatto che vengano candidati, vuol dire che tutto il partito che li presenta è marcio dalla testa in giù.

    3) La coerenza non sanno cosa sia! Fanno le leggi e poi dichiarano di essere contro quelle leggi che hanno votato e/o proposto loro!

    4) L'Italia in Europa e nel mondo, ha perso credibilità e autorevolezza. Chi sale sarà solo un burattino nelle mani dei potenti internazionali.

    5) Si sà già che dopo le elezioni, destra e sinistra si metteranno insieme per governare. Fanno finta di litigare per prendere i voti... poi si spartiscono il bottino.

    RispondiElimina
  10. Non credo che il PD potesse fare meglio degli ultimi 2 anni al governo, anche perchè quella che si chiama sinistra è in realtà destra, quando difende le caste del pubblico a scapito dello stesso funzionamento e destino del pubblico. (mi limito a aprlare di quello che conosco: serve almeno il 20% di personale sanitario in più, questo quando i medici in pensione guadagnano di più dei tanti strutturati che non fanno intramoenia o privato: ergo si dovrebbero quasi dimezzare le pensioni dei medici in pensione, vietare non solo l'attività privata ma anche l'intramoenia agli strutturati, tagliare di un 10-15 % lo stipendio degli strutturati e con la perequazione così ottenuta assumere quel 20-25% di personale che manca: questo sarebbe un discorso di sinistra ed a favore della sostenibilità ed equità nel pubblico!) Ad ogni modo il peak everything e l'effetto serra drena le risorse anche morali per le categorie universali dei diritti: siamo appena agli inizi.

    RispondiElimina
  11. certo che per l'oligachia catto-comunista degli anni '60 e '70 era facile governare con le riserve petrolifere quasi intatte, ma ora con le restrizioni imposte dall'esaurimento, metterci la faccia è poco consigliabile, tant'è che Prodi, da quel codardo che è, se ne fuggi, prima che cominciasse la querelle. Quell'imprudente di Berlusca fu più che felice di raccogliere la palla e ci salvò anche dal destino greco, ma poi dovette andarsene con la coda tra le gambe e lasciare il seggiolone alla coppia Monti-Fornero, detta allora la salvatrice dell'Italia, dallo spread dissero, ma invero dall'esaurimento dell'energia, verità indicibile, ora come allora. Renzi, all'inizio democristiano, poi comunista, non è altro che la perfetta sintesi del politico dei nostri tempi, destinati come lui al disastro. E allora ben venga una società militarizzata, basta che non usino la
    guerra, come scusa veloce, per imporla. In fondo bastebbe qualche attentato terroristico, con, però, qualche migliaio di morti, ahimè, per introdurla. Ma forse il disagio sociale che stanno costruendo con l'immigrazione e l'impoverimento generalizzato potrebbe servire anche a questo. Allora sì, che piccole comunità resilienti avrebbero una speranza di sopravvivere agli assalti di bande di disperati tagliagole. La deriva destrorsa, a cui stiamo assistendo, potrebbe essere un segnale, anche se le dittature di destra o sinistra sono tutte uguali. Una cosa è certa: continuare sulla strada dei diritti a matrice consumistico petrolifera non sarà più possibile entro pochi anni, quindi una soluzione dovranno trovarla.

    RispondiElimina
  12. Facciamo il punto della situazione:

    1 - Il Movimento Animalista della signora M. V. Brambilla non si presenterà alle elezioni. Brambilla sarà candidata da Noi Con l'Italia (la c.d. quarta gamba del centrodestra), in cui tra i politici più esposti troviamo Maurizio Lupi, il quale ha serenamente detto che a lui interessa nulla dello sfruttamento degli animali nei circhi;
    1a - Nella stessa coalizione di centrodestra troviamo M. S. Gelmini, apertamente contraria all'abolizione della caccia perché 'altrimenti si perdono posti di lavoro'. In sua compagnia, l'anti-ambientalista ed anti-animalista M. Salvini ('i cacciatori sono brave persone') e G. Meloni, vera e propria devota alla causa natalista. È bene ricordare che sia la Lega sia Fratelli d'Italia sono partiti ampiamente popolari all'interno del sanguinario mondo venatorio e che esprimono scetticismo/negazionismo verso il GW causato da azioni umane (insomma, la pensano come il demenziale Trump).
    Per quanto riguarda Forza Italia, le cose non cambiano molto (es. Ponte sullo Stretto);

    2 - Nel non-meno-orrido panorama del centrosinistra, Bonino è favorevole all'immigrazione afro-asiatica. Male, molto male. Tuttavia, ciò è coerente con la sua linea di pensiero liberista: l'immigrazione di massa — ergo molte nascite, ergo sovrappopolazione, ergo esercito di riserva industriale (Marx) — è valutata in modo discretamente positivo da parte della élite che conduce l'odierno turbocapitalismo plutocratico. E pensare che il suo partner Pannella propose il lungimirante Aurelio Peccei (tra i rari ambientalisti realmente preoccupati della bomba demografica esplosa nel secolo scorso e tutt'ora in corso) alla Presidenza del Consiglio;
    2b - Non meno del centrodestra, il centrosinistra è intrinsecamente indifferente alla mancata protezione delle altre specie animali e dell'ambiente.
    Che queste elezioni pongano definitivamente una pietra tombale (elettorale, naturalmente) sui Verdi, i quali se ne sono sempre fregati degli importantissimi avvertimenti lanciati dal Club di Roma;

    3 - Ciliegina sulla torta (si fa per dire), il M5S di Luigi Di Maio. Anche costui finge di essere sensibile alla protezione dell'ambiente e relativa fauna. Infatti, mai nulla ha detto contro la vergognosa e criminale urbanizzazione avvenuta alle pendici di un pericoloso vulcano esplosivo tutt'oggi attivo sebbene dormiente. Oltre mezzo milione di Homo Sapiens — corregionali del candidato pentastellato — che hanno egoisticamente deturpato la costa ed il suolo.

    Preferisco non recarmi alle urne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi non vota è responsabile dell'elezione dei politici della peggior specie" disse una volta qualcuno di illuminato.
      Per quando riguarda il M5S, la invito a leggere con attenzione il suo programma ambientale, visto che è l'unica forza politica che lo ha posto seriamente e non ideologicamente come tema centrale. Tra l'altro: decarbonizzazione totale dell'economia entro il 2050, lotta serrata al dissesto idrogeologico e al consumo di suolo, tutela assoluta degli ecosistemi protetti, mobilità sostenibile e collettiva, ecc.

      Elimina
  13. Per quanto riguarda la causa ambientalista Liberi e Uguali ha candiato molti ex-esponentidei Verdi e la presidente di Legambiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposta per anonimo e Consten: ricordiamo che i fondatori di Aspo international sono stati accusati di ecofascismo, nuovo termine coniato che indica come a leggere gli scenari di previsione si sia indotti a proporre misure draconiane per proteggere il biota non umano residuo. I verdi in ITalia sono stati tutto tranne che verdi, ignorando tanto la questione demografica e non riuscendo neppure a balbettare di dover spostare qualche decina di milioni di euro dal monte stipendi pubblico alla protezione del lupo medianti rimborsi economici e sostegno (cani da pastore ad esempio) a reali e pronti agli allevatori di bestiame marginalmente danneggiati dai lupi. per questi due banali ed importanti motivi degli ex verdi italiani non posso pensare che tutto il male possibile.

      Elimina
  14. Almeno arrivassimo a mille!!!...

    RispondiElimina
  15. Per risolvere il problema immigraziano basterebbe bombardare la Francia gli UK gli USA e un pò la Cina, e smettere di esportare democrazia.
    Per risolvere il problema sicurezza basterebbe far riscrivere il codice penale dai magistrati e non dagli avvocati.
    Risolti i primi due problemi ci sarebbe più spazio per un dibattito serio su sviluppo economico eco-sostenibile

    RispondiElimina