Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 2 agosto 2017

Cambiamento Climatico: fra Speranza e Disperazione


  • Avatar


    Senta, egr. prof, sulla assoluta validità dei modelli matematici il suo è un articolo di fede, e La capisco: è il Suo lavoro e, diciamo, con quello "ci paga il mutuo". (...) Ecco, se la climatologia sarà in grado di predire con esattezza quanti millimetri di pioggia cadranno a Piazza Garibaldi di Scurcola Marsicana nella settimana tra il 9 e 15 marzo 2018, allora anch'io mi convertirò alla sua fede. (...)



    Un commento che ho ricevuto al mio post sulla petizione-bufala di Zichichi che ho pubblicato sul "Fatto Quotidiano".  (la storia completa la potete leggere qui). 


    Zichichi, apparentemente sta antipatico a parecchia gente. Fra i commenti al mio post sul Fatto Quotidiano, qualcuno l'ha paragonato a Padre Pio e un altro ha contro-commentato dicendo che sono entrambi piacevoli come un calcio nei denti. E' forse per questa ragione che il mio post ha suscitato molto interesse, qualcosa come 700 commenti e oltre; la maggioranza dei quali dedicati a negare o a sostenere l'interpretazione scientifica corrente del cambiamento climatico.

    Se avete una mezz'oretta, date un'occhiata a questa serie di commenti. Ne vale la pena se non altro per le sublime idiozie che ci potete trovare. Un'esempio fra i più eclatanti lo trovate nella figura qui sopra. Questo qui vorrebbe che i modelli climatologici potessero calcolare esattamente quanti millimetri di pioggia cadranno in un certo posto in una data specifica fra un anno o giù di lì. Tanto assurdo che gli ho chiesto se non volesse per caso fare dell'ironia, ma mi ha risposto che era completamente serio. Ce ne sono stati di altrettanto ameni, per esempio quel tale che mi ha accusato di "prosopea". Gli ho spiegato che si dice "prosopopea", ma quello ha continuato a dire "prosopea" e pretendeva anche di aver ragione. Da ritirargli il diploma di terza media, posto che ce l'abbia. E lascio a voi di trovarne altri su questo livello.

    Insomma, da questa serie di commenti, possiamo dire qualcosa su come siamo messi in questa faccenda del cambiamento climatico? Possiamo. E viene fuori che siamo messi molto male. Non tanto per il fatto che ci sia gente ignorante e presuntuosa che si lancia a parlare di cose di cui sa poco o niente, ma perché ci sono delle ragioni per cui molta gente si riduce a fare commenti del genere. Non tanto perché sono ignoranti (in parte lo sono) ma perché non sono cosi ignoranti da non aver capito che siamo in grossi guai. Ma veramente grossi.

    Ovvero, ammesso che sia vero tutto quello che i climatologi ci stanno dicendo da anni, che speranze abbiamo di cavarcela? Ben poche, e non basteranno certamente le ricette da quatro soldi che i vari verdi/verdastri/verdolini ci vengono a raccontare. Allora, fra la disperazione e la speranza, uno sceglie sempre la speranza, e la sceglie come può. Un modo è di negare disperatamente l'evidenza, magari pretendendo cose impossibili dai modelli climatici. Oppure consolandosi pensando che gli scienziati si stanno facendo ricchi con una bufala totalmente inventata. Certamente.

    Il commentatore "nonnus" ha detto molto candidamente come stanno le cose. E ho paura che abbia perfettamente ragione.



    • Avatar



      Siamo costretti a parteggiare per Zichichi anche nel caso in cui le sue considerazioni dovessero essere tutte delle bufale, solo per il fatto che se fossero vere le teorie dei climatologi che egli ha cercato di contrastare per il genere umano non ci sarebbe più nulla da fare. Nessuno sano di mente crede infatti che sia possibile ridurre in maniera generale e uniforme le emissioni, e in maniera consistente, considerata la condizione dei vari governi al mondo, che sarebbero tutti da convincere ad agire immediatamente.





      32 commenti:

      1. Prof.Bardi,
        certo che siamo in grossi guai. Anzi, grossissimi.
        La gente comune tipo la massaia di Vigevano la percepisce questa cosa, ne ha un certo sentore, ma poi non riesce ad approfondire in quanto non ne ha la capacità. E forse anche per pigrizia intellettuale.
        Sente che vi è una minaccia incombente di dimensioni inaudite e di fronte a simile orrore preferisce comportarsi come quel pargolo che si copre gli occhi per non vedere. Oppure continua l'abituale giro di walzer, tanto vale divertirsi visto che la falla nel piroscafo è irreparabile.
        Poi c'è una nutrita schiera di poveracci che sguazzano tra ignoranza e trollismo , ai quali la tastiera ha dato la stura alla loro pochezza.
        Non ti curar di loro, ma........

        RispondiElimina
        Risposte
        1. http://www.qualenergia.it/articoli/20170802-le-paure-del-mondo-clima-al-secondo-posto
          Sì, la gente percepisce. Non è questo il problema. E' che cambiare costa.
          Angelo

          Elimina
      2. La Verità è una.
        I commenti tanti.
        Vi è troppa superficialità da parte di molti di noi.
        Improvvisiamo i commenti.
        Dovremmo essere più lenti, attenti, prudenti, umili.

        Tiziano

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Cit. Madre terra:
          "La verità è una"
          Ti giuro che io non sono ancora riuscito a fare un affermazione simile, anzi, sono quasi sicuro, ma sempre con un minimo dubbio,
          che esistano "molteplici verità". :-)
          Come esempio: In questi giorni pensavo che forse il riscaldamento globale non è a causa dell'uomo... e ho cercato -Aumento irraggiamento\radiazione solare". Beh.. qualcosa si trova ed in effetti qualche misura dichiarata e aumento "dell'intensita del sole" c'è. Questo perche gia lo scorso anno semplice impressione, sentivo il sole più caldo. Forse è l'homo sapiens che si mette al centro di tutto cio che accade al pianeta. Può esserc che con homo sapiens o senza homo sapiens il riscaldamento globale avviene comunque?
          Le cose possono stare in molti modi... se il sole irradia 1% è quanto basta per portare su la temperatura di 1 grado?
          Riflettevo in astratto anche sulle orbite sole terra e loro piccole variazioni di distanza...
          cercherò.... e probabilmente trovero tante verità quante ricerche potro fare.:-)
          Ciao!
          The gem

          Elimina
        2. @Gem Gemmologo3 agosto 2017 14:52

          Io sono un ricercatore della Verità.
          In vari campi, non solo sui Cambiamenti Climatici.
          Ne ho già trovata tanta.
          Ho seguito per anni varie discussioni sulle cause del Riscaldamento Globale, vari studi, vari punti di vista.
          Sono giunto alla conclusione che il Riscaldamento Globale (Global Warming) è in grandissima parte causato da noi esseri umani che bruciamo combustibili fossili, distruggiamo le foreste, ed i suoli.

          Ti segnalo questi 2 link :

          https://www.reteclima.it/cause-ed-origini-del-cambiamento-climatico-una-serie-di-grafici-interattivi-aiutano-a-capirle-meglio/

          https://www.bloomberg.com/graphics/2015-whats-warming-the-world/?utm_content=buffer44e8a&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer

          Scrivo per amore della Verità, della Natura e della Giustizia.
          Non voglio aver ragione.
          Voglio capire, lasciarmi aiutare a capire, ed aiutare a capire.

          Gianni Tiziano

          Elimina
        3. Sono felice per te che hai trovato "la verità".
          E pure tante "verità". Io da saggio ho sempre e solo dubbi. ;-)
          E quando trovo una risposta a una domanda,
          questa genera altre innunmerevoli altre domande.
          Ah... grazie petr i link, li conosco a memoria.
          Anche io ho seguito per anni, il riscaldamento globale,
          inquinamento, qualcosina di chimica farmaceutica, ecc.
          E per questo che ho ancora tanti dubbi... e nessuna verità in tasca. Al massimo delle indicazioni.. più che certezze. ;-)
          Saluti
          The gem

          Elimina
        4. Di fronte a tanta saggezza ....
          Ma è saggezza avere sempre e solo dubbi ?
          Poi .... conoscere a memoria quei link ! Sono stupefatto.
          Meglio che io vado per la mia strada e tu per la tua.
          Vorrei aiutarti a trovare la Verità vera, ma vedo che non ne senti la necessità.
          Preferisci trastullarti criticando chi l'ama.

          Tiziano

          Elimina
      3. @"Nessuno sano di mente crede infatti che sia possibile ridurre in maniera generale e uniforme le emissioni, e in maniera consistente..."

        Finalmente la luce è arrivata!

        NON è possibile ridurre il consumo di combustibili fossili, perché un'alternativa "nettamente" migliore NON c'è.

        Per questo, ho sottolineato più volte che si dovrebbe investire molto di più in RICERCA e, dopo aver fatto dei passi avanti nelle conoscenze scientifiche, investire in fonti come la FUSIONE NUCLEARE.

        Le altre alternative sono UTILI ma NON sufficienti.

        Con dispiacere debbo ammettere che ho buttato la spugna pure io, non farò più Ricerca in questi settori, perché ho capito che NESSUNO mi aiuterà!

        L'egoismo porterà l'uomo nella tomba.

        Nessun altro articolo uscirà a mio nome, visto che per redigerli è necessario "lavorare" con impegno, e siccome io non campo d'aria...

        Un saluto a tutti (quelli che mi hanno apprezzato e quelli che mi hanno criticato in buona fede), penso che anche i miei commenti su questi settori finisco qui.

        Statemi bene!

        RispondiElimina
        Risposte
        1. LA fusione nucleare sarebbe molto utile, ma se verra' scoperto un sistema fattibile non e' certo secondo le attuali vie di sviluppo.

          Il settore della ricerca dell'energia da fusione assomiglia ormai sempre piu' ad un movimento da "wishful thinking" che un settore serio.

          Gia' il semplice fatto che vogliano costringere un mezzo intrinsecamente turbolento come un gas di plasma compresso ad un regime laminare, la dice lunga su quanta strada di follia meatascientifica si sia percorsa...

          Secondo me, se davvero devono ottenere la fusione, e' meglio che si riparta da zero e si eviti di scimmiottare quello che accade nel nucleo del sole.

          Elimina
        2. Buongiorno Alessandro.

          Talvolta abbiamo interloquito su questo blog.
          La mia visione è molto diversa dalla tua.
          Io sono PRIMITIVISTA.
          Per me, il problema dell'energia come noi lo dibattiamo qui, è assurdo.
          L'unica strada "buona" che vedo è quella che consiste nel NON consumare energia.
          Fosse per me, se potessi, bucherei le gomme a tutte le auto, camion, moto e anche biciclette.
          Spaccherei le ali a tutti gli aerei, le pale agli elicotteri, timoni ed eliche alle navi e motoscafi.
          Fermerei le centrali nucleari.
          Farei saltare le dighe dei laghi artificiali.
          Taglierei tutti i cavi elettrici.
          Pure chiederei lo stop alla produzione di pale eoliche e pannelli fotovoltaici.
          .----
          L'unica energia ammissibile, per poter guardare il resto della natura in faccia senza vergogna, è quella "MUSCOLARE".
          .----
          Detto questo, grazie per i tuoi contributi sul blog, che molte volte come sai mi hanno trovato contrario.
          La sana discussione, nel rispetto dell'altro, mi è sempre piaciuta.

          Gianni Tiziano

          Elimina
      4. Alla fine è vero che alle calotte e ai tropici è più freddo che da noi ?
        Così si va dicyiendo ...

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Forse voleva dire: "con le culotte ai tropici è più freddo che da noi?"

          Nel qual caso la risposta sarebbe no. Ai tropici generalmente fa più caldo che da noi, comunque ti vesti...

          Elimina
      5. poco fa ha suonato alla mia porta un marocchino che incatenava le sue bici accanto alla mia casa. Incatenava, perchè ora non le ha più. Rubate e mi ha chiesto se potevo aiutarlo a sapere chi era il ladro. Purtroppo non gli sono potuto essere d'aiuto. Nonnus ha ragione, perchè un cambio di paradigma presuppone un cambio di umanità verso livelli spirituali ed intellettuali, difficile da attuare, mentre è facile portare l'umanità verso l'abbruttimento morale e carnale. Dante dice che chi non vuol seguire virtute (spiritualità) e canoscenza (intelletualità), significa che vuol vivere abbruttito da istinti, passioni e vizi. Quindi è questione di volontà. Gesù stesso rincara la dose: "Non si può servire a due padroni".Lui si riferiva a Dio o al demonio. Ma se uno non si pone il problema è ovvio che servirà solo un padrone ed è chiaro qual'è.

        RispondiElimina
      6. Prof ha perfettamente ragione; il caso simile è chi ha problemi materiali insormontabili e si affida ad un mago di turno oppure a pellegrinaggi nei vari santuari cristiani, o magari entrambi...Il punto interessante da sviluppare però e se l'atteggiamento morale e pratico cambierà progressivamente: molti di cui sopra se potessero scegliere preferirebbero un collasso finale che portasse tutti, anche il resto delle specie viventi, nel baratro, piuttosto che dovere subire tanti scalini con fatica, ed aggiungerei insanguinati, intagliati dall'uomo appunto per mitigare gli effetti finali anche sul resto del vivente...Mi dica se non sono stato sufficientemente chiaro. Ad ogni modo credo che le vicende romane siano qui ed ora e potrebbero insegnare qualcosa, annunciare che l'aria è cambiata.

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Quanto alle visite ai santuari ho sentito parlare di guarigioni ma mai di guadagni economici.

          Elimina
        2. Quanto alle visite ai santuari ho sentito parlare di guarigioni ma mai di guadagni economici

          Eppure il fruscìo di banconote si sente da lontano:

          "Gerusalemme, Assisi, Lourdes, tutte mete calde che, insieme alle altre destinazioni religiose, attirano annualmente più di 300 milioni di visitatori, per un giro d'affari che si aggira intorno ai 18 miliardi di dollari".

          http://www.huffingtonpost.it/2013/06/19/turismo-religioso-dati-2012_n_3463982.html

          Elimina
      7. ...Nel frattempo nel main stream informativo vedo emergere l'idea che occorre spendere risorse pubbliche per dragare gli attuali invasi artificiali, spesso con capacità ridotto del 30% per l'accumulo dei sedimenti...Ho anche letto la parola "microdighe" in alcuni commenti del fatto quotidiano (giuro che non ero io!)...Bisogna spendere tantissime risorse pubbliche in tali opere e poi naturalmente sperare in inverni ex-mediterranei e neo-monsonici che riempiano gli invasi...La conoscete la storiella del mutilato a Lourdes?...Un mutilato agli arti inferiori si reca a Lourdes e pone la sua carozzella accanto a quella dei paraplegici: il finale non è allegro in quanto viene preso a sassate...

        RispondiElimina
        Risposte
        1. il problema è che da un anno piove poco, ora nulla, tranne qualche temporale sul nord. Se questa sarà la tendenza futura, gran parte d'Italia dovrà farne i conti, petrolio abbondante o meno. E pensare che ogni comune qui si è fatto le sue belle casse d'espansione negli anni passati! Ma il GW pare proprio essere una storiella per neonati per i nostri amministratori o sono loro col cervello dei neonati? In fondo neonato e stolto sono simili nelle virtù cardinali e nella conoscenza delle leggi fisiche che regolano la natura. Eppure il 1° principio della termodinamica mi pare indichi che nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma. E' quindi un invito all'attenzione e alla prudenza (auriga virtutis, ossia conduttrice di tutte le altre virtù, per i latini, ma non per i decerebrati attuali). Capisco che il loro cervello sia sempre occupato in importanti questioni amministrative, ma se questo è il risultato farebbero bene a seguire la regola di San Benedetto; almeno 4 ore al giorno di preghiera e visto che non ci arrivano da soli, sperare nelle illuminazioni divine, che i credenti, cioè solo quelli con fede vera, non ipocrita, hanno da Dio per aiuto.

          Elimina
        2. Se hanno fatto le casse di espansione, hanno fatto solo bene. Il GW non significa siccita', sinifica tempo imprevedibile, e se ti arriva una bomba d'acqua tra capo e collo, avere delle casse di espansione efficienti ti puo' salvare il didietro

          Elimina
        3. infatti è almeno da un anno e mezzo che non ci va una goccia d'acqua. Ormai sono decenni che non vedo i miei corsi d'acqua pienarsi fino all'argine, se non rarissimamente. E' grassa se l'acqua riempie l'alveo. Addirittura misero negli anni 70 un tubone per riempire un lago allora utilizzato per l'acquedotto comunale poco sopra l'alveo, che allora si riempiva tutti gli anni sempre fino all'argine. Negli anni 90 è stato tolto, perchè non veniva più raggiunto dall'acqua e il lago collegato alla condotta proveniente dal bilancino. Un fatto del genere mi ricorda un mulino arabo del '600 sul Giordano. Ora si trova 7 metri sopra il livello. E anche un mugnaio di Dicomano sopra Firenze mi disse che ormai da 20 anni doveva usare i motori diesel per macinare, perchè con l'acqua che muoveva le ruote del mulino ci avrebbe fatto solo un sacco di farina. A me veder fare cose inutili, sapendo che sono alla fine dannose, fa venire tristezza. Il Tao aveva ragione, ma come mi disse una massaggiatrice di via Tornabuoni, bisogna conoscere bene tutto il Tao. Forse me lo voleva insegnare e io ho perso l'occasione per fare molti massaggi, ma a me non sono mai piaciuti e penso che anche alla padrona di casa non sarebbe piaciuto che diventassi un erudito del Tao.

          Elimina
        4. "è almeno da un anno e mezzo che " [nelle casse di espansione] "non ci va una goccia d'acqua".

          Le casse di espansione potrebbero anche non lavorare mai per generazioni, perché la loro funzione è di tagliare i picchi di portata delle piene straordinarie. Se poi viene la piena straordinaria e la cassa di espansione non c'è?

          E de piene straordinarie, con questo andazzo climatico, ne può venire anche due o tre in una settimana a partire da domattina.

          La protezione data dalle CdE è buona anche in caso di pienne eccezionali, mentre per quelle disatrose o catastrofiche, o cinquecentennali, tocca andare sotto.

          Io queste cose le so perché vivo vicino a un fiume.

          R

          Elimina
        5. anch'io ho vissuto vicino a un fiume e la paura fa 90, invece fino a poche centinaia di anni fa non vedevano l'ora che arrivassero le alluvioni per motivi difensivi e di sicurezza. In pratica ora l'acqua fa paura, allora la levava.

          Elimina
      8. http://www.repubblica.it/ambiente/2017/06/15/news/allarme_siccita_le_mappe-168140419/
        l'aumento della temperatura globale pare comporti altri problemucci: diminuzione piogge, desertificazione, degrado del suolo. Sembrano i 4 cavalieri dell'Apocalisse e Ale vorrebbe ancora più energia; se questo è il risultato speriamo che lui, nè altri scoprano alcunche.

        RispondiElimina
      9. Italia, paesi di poeti, santi e navigatori. E di ignoranti in scienze, fisiche e matematiche apparentemente.. o di gente in malafede. Da molti anni un paese senza futuro ma solo il presente dei privilegiati con la paura di perdere il vantaggio che hanno sugli altri. Un paese in cui per la stabilità e la continuità si fa tutto.. le dighe mentali, culturali, sociali ed economiche sono altissime. Qui quando arriverà il vento del cambiamento sarà un uragano... con annesso tsunami.

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Il problema non è l'ignoranza ma l'arroganza.

          Elimina
      10. Amaramente noto che popolino e politici sono la stessa cosa, non hanno la benchè minima percezione di cosa ci capiterà sulla testa; A Roma la Raggi ha lottato per evitare il razionamento dell'acqua, dice che è stata una "vittoria": una vittoria di Pirro direi, sono curioso di vedere cosa si inventeranno se continuerà a non piovere per altri mesi, ora non si scomodano neanche a mettere un rubinetto alle migliaia di fontanelle che nella capitale sprecano acqua potabile H24. Sconcertante!!

        RispondiElimina
      11. la cosa più assurda è che si continua a fare discorsi su come monetizzare i danni ambientali o le risorse naturali come se esistesse una banca ambientale dove ricomprarsi un oceano pacifico versando 10 trilioni di dollari.

        RispondiElimina
      12. Prof ha seguito ? Adesso (ore 15.45) alla vita in diretta sulla rai il ministro Gialletti parla di un piano da 280 miliardi di euro in venti anni per costruire circa 250 invasi medio-piccoli...Peccati non si citi il potenziale idroelettrico,nel la funzione di smorzamento in caso di precipitazioni molto abbondanti e localizzate nel tempo nè che dalla costruzione avvenuta possono passare anche decenni prima che tutti gli invasi siano pieni...ovvio che tale piano, se ben progettato, andrebbe realizzato entro 3-4 anni al massimo...

        RispondiElimina
        Risposte
        1. No... non ho seguito. In principio, non è una cattiva idea. Ma ci vuole un sacco di tempo, c'è tanta burocrazia e a Settembre tutti si saranno già dimenticati dell'ondata di calore di Luglio-Agosto

          Elimina
        2. speriamo non facciano la fine degli invasi siciliani. Solo un pretesto per spendere soldi per niente.

          Elimina
      13. In mezzo a tanta tetraggine, vi offro una buona notizia, anche se non e' poi' cosi' fresca: Pare proprio che il vecchietto terribile, Mister Goodenough, l'invoentore della pila al litio, abbia sviluppato insieme al suo team una nuova batteria con elettrolita a stato solido (vetro). Tale batteria rimuove o estende molti limiti delle precedenti batterie, i piu' notevoli dei quali sono la possibilita' di usare il sodio invece che il litio (elliminado il problema del picco del litio), la possibilita' di operare in un range di temperature tra -20 e +60 (le batterie al litio sotto i +16 praticamente non funzionano), tripla capacita' di carica, riduzione dei tempi di carica (non quantificati) ed eliminazione della formazione dei dendriti in fase di carica.

        Ce n'e' a sufficienza per dare il boost alla mobilita' elettrica a larga scala, e anche per rispolverare anche alcune idee collaterali, come il suo trattore solare, caro signor Bardi :)

        RispondiElimina