Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 16 giugno 2016

Ma qual è il vero EROEI dell'energia fotovoltaica?

Da “Cassandra's Legacy”. Traduzione di MR



Secondo uno studio recente e completo della letteratura scientifica (1), l'EROEI (energy return on energy invested) medio della tecnologia fotovoltaica più comune (Silicio policristallino) è di 11-12. Ben lontano dalla leggenda del “EROEI inferiore ad uno” che gira nel web.


Qualche tempo fa, un mio collega mi ha raccontato la storia di quando è stato responsabile dell'installazione di uno dei primi impianti fotovoltaici in Italia, nel 1984 (mostrato nella figura sulla destra). Mi ha detto che, poco dopo l'installazione, un politico di alto rango è venuto a visitare l'impianto. Come dimostrazione, il mio collega a collegato l'uscita dell'impianto ad una stufetta elettrica, scaldando le resistenze interne. Il politico ha rifiutato di credere che la stufetta fosse alimentata dall'impianto FV. “Dev'esserci un trucco”, ha detto, “questo non è possibile. Dev'essere un imbroglio”. Il mio collega ha cercato di descrivergli come funzionano le celle fotovoltaiche, ma immaginate di cercare di spiegare la meccanica quantistica ad un politico! Apparentemente, se ne è andato ancora non convinto.


Più di 30 anni sono passati dall'installazione di quel vecchio impianto, ma l'atteggiamento generale verso l'energia fotovoltaica non sembra essere cambiato molto. Non che si pensi che il fotovoltaico sia una truffa scientifica alla stessa stregua della innumerevoli proposte di cose come “l'energia libera” o la “fusione fredda.” Ma sembra che molti di noi non riescano proprio a credere che quei piccoli aggeggi blu possano produrre energia in quantità significativa. Suvvia: per produrre energia serve un motore, una caldaia, una ciminiera, una turbina, qualcosa del genere ....

Infatti, gran parte dell'attuale discussione sull'energia fotovoltaica sembra girare intorno ad un qualche tipo di leggenda. La più recente sembra essere quella secondo cui il FV ha un ritorno energetico basso (EROI o EROEI), a volte si dice persino che sia inferiore ad uno. Se fosse vero, significherebbe che gli impianti fotovoltaici non producono energia, la consumano soltanto! Ma questo non è vero. E solo l'ennesimo esempio di confirmation bias (pregiudizio di conferma): scegliere i dati che confermano le proprie idee preconcette.

E' vero che si possono trovare alcuni studi (molto pochi) che sembrano seri (forse) e che sostengono che il Fv abbia un EROEI basso. Tuttavia, in uno studio recente,  Bhandari et al. (1)⁠ hanno esaminato 231 articoli sulle tecnologie fotovoltaiche, scoprendo che, nelle condizioni medie i irraggiamento europee, l'EROEI medio della tecnologia FV più comune (Silicio policristallino) era di circa 11-12. Si è scoperto che altre tecnologie (per esempio CdTe) hanno EROEI migliori. Forse questi valori sono ancora inferiori a quelli di alcuni combustibili fossili, ma sicuramente non troppo inferiori (sempre che lo siano) e ben lontani dalla leggenda del “EROEI inferiore ad uno” che sta facendo il giro del Web. Poi, se siete preoccupati da un'altra leggenda comune, quella che dice che le celle fotovoltaiche si degradano rapidamente, pensate che si è scoperto che quelle dell'impianto descritto all'inizio di questo articolo stanno ancora funzionando dopo 30 anni di lavoro, avendo perso soltanto il 10% circa della loro efficienza iniziale! Inoltre, considerate che il tipo di cella più comune usa solo elementi comuni della crosta terrestre: silicio ed alluminio (e un po' di argento, ma non è essenziale) Cosa si può chiedere di più ad una tecnologia che è efficiente, sostenibile e che dura a lungo?

Tutto ciò non significa che un mondo alimentato dell'energia rinnovabile sarà gratis. Al contrario, servirà uno sforzo finanziario ampio se volgiamo crearlo prima che sia troppo tardi per evitare un disastro climatico (ecco i calcoli quantitativi). Ma un mondo migliore è possibile se davvero lo vogliamo.

(1) Bhandari, Khagendra P., Jennifer M. Collier, Randy J. Ellingson e Defne S. Apul. 2015. “Tempo di rientro energetico ed EROEI dei sistemi fotovoltaici: una rassegna sistematica ed una meta-analisi”. Renewable and Sustainable Energy Reviews 47 (luglio): 133–41. doi:10.1016/j.rser.2015.02.057.


Ecco la figura rilevante dall'articolo:


h/t Domenico Coiante, Marco Raugei e Sgouris Sgouridis