Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 23 agosto 2015

In che modo gli scienziati affrontano il timore per la propria esistenza?

Daslate.com”. Traduzione di MR (via Ugo Bardi)

In che modo gli scienziati affrontano il timore per la propria esistenza? 

Di Eric Holthaus


Uomini che dormono sul pavimento durante un'ondata di calore in una moschea presso la sede del Jinnah Postgraduate Medical Centre (JPMC) a Karachi, in Pakistan, il 28 giugno 2015. 

C'è stata una ressa di notizie distopiche sul cambiamento climatico durante la scorsa settimana, più o meno. Una raffica di venti occidentali fuori scala nell'Oceano Pacifico sta bloccando uno degli El Niño più forti mai registrati, garantendo virtualmente che il 2015 sarà l'anno più caldo mai registrato nella storia umana. Il sistema meteorologico ha generato una rara tripletta di tifoni in Cina.
Temperature record sono state stabilite in Spagna, Francia, Regno Unito e Germania in una ondata di calore soffocante. Incendi diffusi in Alaska stanno bruciando il permafrost e il fumo persistente degli enormi incendi canadesi hanno portato a Minneapolis l'aria peggiore del decennio. Nel nordest del Pacifico, sotto una siccità in intensificazione, persino la foresta pluviale è in fiamme. Se il cambiamento climatico è già così, il futuro è praticamente fottuto, giusto? Be', forse. Nonostante alcuni momenti memorabili di intenso realismo sulla scena mondiale, i capi del mondo non hanno fatto essenzialmente niente. Il timore per la propria esistenza è piuttosto comune fra coloro che lavorano sul cambiamento climatico quotidianamente. Questo è l'argomento esaminato questa settimana da John H. Richardson su Esquire in una discussione affascinante e franca con Jason Box ed altri scienziati del clima. Ho avuto anch'io le mie fasi di disperazione da cambiamento climatico e questo articolo mi colpisce come affascinante excursus nella psicologia di una scienza sempre più apocalittica. Dovreste leggerlo per intero, ma eccovi alcune perle. Richardson descrive Box come “stranamente distaccato dalle cose che dice, esponendo previsioni orribili una dopo l'altra senza emozione, come se fosse un antropologo che che osserva il ciclo di vita di una civiltà lontana”.



Ma ciò non significa che Box sia insensibile. In una didascalia di una foto, Richardson rivela il fatto sottolineando il malessere sempre presente di Box: “Il ruolo scientifico consueto è quello di avere a che fare spassionatamente coi dati, ma Box dice che 'la merda che sta scendendo sta mettendo alla prova la mia capacità di bloccarli'”. Di fronte a tutto ciò, Box e la sua famiglia si sono trasferiti dagli Stati Uniti alla Danimarca. Richardson spiega la loro decisione:

La loro figlia ha tre anni e mezzo e la Danimarca è un bel posto in cui stare in un mondo incerto – c'è moltissima acqua, un sistema agricolo high-tech, una crescente adozione dell'energia eolica e molta distanza geografica dagli sconvolgimenti in arrivo. “Specialmente se si considera l'inizio della fiumana di persone disperate in fuga da conflitti e siccità”, dice, ritornando alla sua ossessione di quanto sarà profondamente cambiata la nostra civiltà. 

Infatti, Box spesso pensa ai profondi cambiamenti planetari che sono già in corso:

Il suo stato di origine, il Colorado, non se la passa tanto bene a sua volta. “Le foreste stanno morendo e non torneranno. Gli alberi non torneranno a un clima che si riscalda. Vedremo sempre più mega incendi, sarà questa la cosa nuova – mega incendi finché quelle foreste non saranno distrutte”. 

Ma il vero successo del pezzo di Richardson è il mondo in cui descrive la lotta interna con cui si confronta Box quotidianamente.

“Ma io – io – io non lascio che mi entri dentro. Se spendo la mia energia nella disperazione non penserò alle opportunità per minimizzare il problema”. La sua insistenza su questo punto è molto poco convincente, specialmente data la solennità che lo avvolge come un cappotto nero. Ma la parte più interessante è l'insistenza in sé – il bisogno disperato di non essere sconvolto da una cosa così sconvolgente. 

In un momento di candore che non avevo mai visto prima, Box ha rivelato a Richardson che si sta già preparando al peggio:

“In Danimarca”, dice Box, “abbiamo la resilienza, quindi non sono così preoccupato per il sostentamento di mia figlia andando avanti. Ma ciò non mi ferma dall'elaborare strategie per salvaguardare il suo futuro – ho guardato una proprietà in Groenlandia. Come possibile scenario di fuga”. 

Nonostante ciò che dice l'articolo di Esquire, Box, il cui lavoro ho già precedentemente visitato su Slate, è un po' anomalo fra gli scienziati del clima. La maggior parte di loro non è così disponibile a parlare della plausibilità di scenari da incubo. Eppure, la sua franchezza sul cambiamento climatico è benvenuta. Alla fine, ciò che stanno cercando gli scienziati è la verità, anche se quella verità è devastante a livello personale. Per questa ragione, essere uno scienziato del clima probabilmente è uno dei mestieri più psicologicamente impegnativi del XXI secolo. Come chiede l'articolo di Esquire, come fai ad andare avanti se la fine della civiltà umana è il tuo lavoro quotidiano? Ho raggiunto alcuni scienziati del clima famosi, per avere le loro reazioni all'articolo. Michael Mann, un meteorologo dell'Università di Stato della Pennsylvania che Richardson cita, mi ha detto: “Enfatizzerei il fatto che non è troppo tardi per agire, nonostante la sensazione che si potrebbe avere dall'articolo. Il nostro solo ostacolo al momento è la forza di volontà”. Quando gli ho chiesto quanti scienziati del clima lottano col terrore psicologico dei loro studi, Mann ha detto: “Onestamente non conosco quanti dei miei colleghi riflettano su questo argomento. Ma chi non lo fa dovrebbe. Ciò che stiamo studiando ed imparando è più di semplice scienza".

"Ha ramificazioni nel futuro dell'umanità e in questo pianeta”. La risposta di gran lunga più avvincente è stata quella di Katharine Hayhoe, una stella nascente della comunità della scienza del clima dopo che il suo lavoro per coinvolgere i cristiani evangelici al problema è stato descritto in un documentario da prima serata  lo scorso anno. Il Time l'ha definita una delle 100 persone più influenti sul pianeta nel 2014. La Hayhoe ora vive in Texas, esattamente a causa della sua vulnerabilità climatica. La Haynoe ha detto che la “stridente opposizione politica del Texas alla realtà” la rende “la ground zero del cambiamento climatico”, che il suo lavoro abbraccia. “Se personalmente posso fare una differenza, sento che il Texas è dove la posso fare”. Ma è pronta ad applaudire il lavoro di Box e non critica la decisione della sua famiglia di trasferirsi. Nei recessi della sua mente, la Haynoe ha detto che ha anche tenuto conto della mancanza di progressi dell'umanità nei progetti per il futuro della sua famiglia. Come Box e la sua famiglia, la Haynoe ha a sua volta uno scenario di fuga: “Se continuiamo nel nostro attuale percorso, il Canada sarà la nostra casa, a lungo termine. Ma la maggior parte delle persone nel mondo non ha una strategia di emergenza... Quindi ecco chi sto cercando di aiutare qui”.