Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 23 aprile 2015

“La terra secca bruciava come erba” . La via siberiana all'inferno di 'Permafuoco'

Darobertscribbler”. Traduzione di MR (via Maurizio Tron)




(I residenti della regione russa di Trans Baikal scappano attraverso un furioso incendio del permafrost il 13 aprile del 2015. Fonte del video: La strada per l'inferno Registrato da: Vladislav Igorevich). 

Il copione è come una scena di film post-apocalittico. La glaciale Siberia inizia uno scongelamento epico – uno scongelamento scatenato da uno scarico inarrestabile di gas che intrappolano calore nell'atmosfera dall'industria umana dei combustibili fossili. Alla fine, dopo anni di riscaldamento, la stessa terra che si scongela diventa combustibile per gli incendi. Uno spesso strato di materiale organico simile alla torba che funge da accensione per gli alberi seccati dal caldo e le erbe che ci sono sopra.



Le immense fiammate si sono accese ad aprile – 100 giorni pieni prima della normale stagione degli incendi alla fine di luglio. Gli incendi esplodono fino a dimensioni enormi, raddoppiando l'area in meno di un giorno, coprendo superfici di centinaia di miglia quadrate. I residenti scappano o si trovano faccia a faccia con muri di fiamme furiose con secchi e manichette dei pompieri. Le unità militari discendono sulle regioni colpite per combattere le fiammate ed evitare i saccheggi. Gli incendi sono inusitati e partono dal nulla nel giro di un attimo. I testimoni oculari della scena di un incendio descrivono la situazione surreale dicendo. “… la terra secca bruciava come erba”.


(Un muro di fuoco aspetta questa settimana i residenti di Chita, in Russia, mentre gli abitanti del posto sono pronti a difendere le loro case e i loro mezzi di sussistenza dall'inferno. Fonte dell'immagine: The Siberian Times).

Ma per due regioni della Russia, è esattamente quello che è successo questa settimana.

A Khakassia, una regione della Siberia meridionale che confina col Kazakistan e la Mongolia, fiammate enormi hanno imperversato attraverso una ampia zona di scongelamento del permafrost, colpendo 39 villaggi, uccidendo 29 persone e lasciando migliaia di senzatetto. Da giovedì, molti di questi enormi incendi sono stati finalmente spenti – lasciando ferite lunghe miglia su una terra fumante e annerita.

Centinaia di miglia lontano, a Trans Baikal, la storia è stata a sua volta infernale. Là gli incendi sono spuntati dalla zona di permafrost che si scongela – fagocitando foreste, bruciando la terra secca, distruggendo centinaia di case in più di 9 villaggi e uccidendo quattro persone. Un incendio da solo è arrivato a circa 400 miglia quadrate in dimensione ed ha minacciato numerosi insediamenti vicino alla città di Chita. Lì, i locali stanno ancora combattendo le fiamme in un tentativo disperato di salvare vita e proprietà.



(Immagine satellitare degli incendi e dei grandi segni da bruciatura a Chita, Russia, il 17 aprile 2015. Come riferimento, il bordo in basso dell'immagine è di 120 miglia. Notate che alcuni dei segni da bruciatura nell'immagine satellitare si allungano per 20 miglia nel loro punto più largo. Fonte dell'immagine: LANCE MODIS).

In totale, ora sono stati colpiti quasi 50 villaggi e città, sono state perse 33 vite, altre quattro sono disperse, quasi 7.000 persone sono senzatetto e più di 6.000 animali domestici sono andati perduti negli incendi. Queste sono le prime vittime in una stagione degli incendi alimentata dal cambiamento climatico che divamperanno e si spegneranno almeno per i prossimi cinque mesi. Una stagione degli incendi che probabilmente vedrà immensi pennacchi di fumo che coprono ampie sezioni dell'Emisfero Settentrionale, comprese le zone di permafrost canadese e dell'Alaska e vedrà incendi bruciare attraverso la Siberia fino alle coste dell'Oceano Artico.

E così siamo solo all'inizio di una lunga strada che attraversa un'altra infernale stagione degli incendi nell'Artico, una stagione attivata e resa di gran lunga peggiore dall'attuale tasso molto rapido di riscaldamento indotto dagli esseri umani.