Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 7 gennaio 2015

L'industria petrolifera del Mare del Nord è “vicina al collasso”

Da “BBC News”. Traduzione di MR (h/t Dario Zampieri)

Di Ben King, giornalista economico, BBC News


L'industria petrolifera del Regno Unito è in “crisi” per la diminuzione dei prezzi, ha detto un leader del settore alla BBC.

Le compagnie petrolifere e i fornitori di servizi stanno tagliando il personale e gli investimenti per risparmiare soldi. Robin Allan, presidente dell'associazione di esploratori Brindex, ha detto alla BBC che l'industria era “vicina al collasso”. Quasi nessun progetto nel Mare del Nord è redditizio con il petrolio al di sotto dei 60 dollari al barile, dichiara.

“Si ritirano tutti” 

“Ciò è già successo in precedenza e l'industria si adatta, ma l'adattamento è quello di tagliare le
persone, tagliare i progetti e ridurre i costi ovunque sia possibile e questo è doloroso per il nostro personale, doloroso per le compagnie e doloroso per il paese. Siamo vicini al collasso. In termini di nuovi investimenti – non ce ne saranno, tutti si stanno ritirando, le persone vengono licenziate dalla maggior parte delle società questa settimana e in quelle a venire. I bilanci per il 2015 vengono tagliati da tutti”. Il signor Allan ha detto che molti dei dei tagli ai posti di lavoro in tutta l'industria non sarebbero stati annunciati pubblicamente. I lavoratori del petrolio lavorano spesso come liberi professionisti e sono più facili da licenziare per i datori di lavoro. Le sue osservazioni fanno eco ai commenti fatti dal veterano del petrolio e consigliere governativo Sir Ian Wood, che la settimana scorsa ha previsto un'ondata di perdite di posti di lavoro nel Mare del Nord nei prossimi 18 mesi.





Declino

Il gigante petrolifero con sede negli Stati Uniti ConocoPhillips sta tagliando 230 dei 1.650 posti di lavoro nel Regno Unito. Questo mese ha annunciato una riduzione del 20% nel suo bilancio mondiale di spese di capitale, in risposta alla caduta dei prezzi del petrolio. Si prevede che altre grandi aziende petrolifere facciano tagli analoghi ai loro bilanci di trivellazione ed esplorazione. Una ricerca della banca di investimento Goldman Sachs ha previsto che dovrebbero tagliare le spese di capitale del 30% per ripristinare la loro redditività con i prezzi attuali. I fornitori di servizi all'industria sono stati a loro volta colpiti. La società di servizi ai giacimenti petroliferi con sede in Texas ha ridotto la sua flotta di navi per le indagini geologiche di stanza nel Regno Unito a dicembre, con una perdita di 800 milioni di dollari e tagliando un numero non specificato di posti di lavoro. Mercoledì, il gruppo Wood con sede ad Aberdeen ha annunciato il congelamento dei pagamenti del personale e il taglio dei tassi per i propri lavoratori liberi professionisti. La Apache, uno dei maggiori produttori del Mare del Nord, ha subito seguito e imporrà una riduzione del 10% sui salari dei propri lavoratori liberi professionisti dal primo gennaio.

Record di investimento

L'organismo del commercio dell'industria, Oil and Gas UK, ha detto: “Mentre la Oil & Gas UK  non può commentare sulle decisioni commerciali, e sulle opinioni personali, dei propri membri, l'organismo del commercio dell'industria riconosce che crollo del prezzo del petrolio sta colpendo l'attività in tutta la Piattaforma Continentale del Regno Unito e le società devono prendere decisioni difficili alla luce di questo contesto economico difficile”. La produzione di petrolio e gas del Regno Unito declina dal 1999 – anche se il tasso di declino è rallentato nel 2013, un anno che ha visto il livello di investimenti più alto mai registrato. L'industria sperava di vedere alti livelli di investimento continui che contenessero l'inevitabile declino della produzione mentre le risorse del mare del Nord venivano esaurite. Ma il crollo dei prezzi del petrolio hanno messo tutto ciò in dubbio. Tuttavia, il Dipartimento per l'Energia e il Cambiamento Climatico ha detto: “Le recenti nette riduzioni dei prezzi del petrolio sono molto impegnative per le società attive nel Mare del Nord. Abbiamo avuto poche prove di nuovi progetti cancellati o differiti in reazione ai prezzi del petrolio più bassi”.


-----

Analisi

Di Douglas Fraser, redattore di affari ed economia scozzese della BBC

Per evitare che il boom degli investimenti petroliferi si trasformi in un fallimento a causa del crollo drammatico del prezzo del greggio Brent, le aziende dell'industria devo adottare misure inusuali. Mentre i costi energetici minori aiutano gli automobilisti e gran parte dell'economia del Regno Unito, è una preoccupazione per il nord est della Scozia ed anche altrove che i piani di investimento vengano accantonati. Goldman Sachs ha suggerito che 930 miliardi di dollari di progetti, in tutto il mondo, potrebbero non andare avanti il prossimo anno. E il Mare del Nord viene visto come una delle regioni a costo maggiore e a ritorno minore per gli investimenti. Nel giacimenti maturi, viene proposta la prospettiva della chiusura. E mentre molta produzione non rende più soldi al di sotto degli 80 dollari al barile (ora si trova intorno ai 63 dollari), i produttori del mare del Nord e quelli che si trovano nella loro filiera ora affrontano la pressione di tagliare fortemente i costi. Quei costi sono aumentati vertiginosamente negli ultimi anni. E misurati per barile di produzione sono aumentati ad un tasso allarmante. Il crollo del prezzo del petrolio ha solo intensificato la pressione di metterli sotto controllo. L'industria petrolifera è più abituata di altre ad dover essere così flessibile. Quando il prezzo del petrolio è alto e gli investimenti forti, il costo di beni come gli impianti di trivellazione sale rapidamente. E questa è anche un'industria che dipende fortemente dal lavoro di singoli liberi professionisti, che gli danno flessibilità sui contratti e sui pagamenti, e spesso lavora anche per quegli stessi lavoratori.