Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 24 gennaio 2013

La calotta glaciale dell'Antartico occidentale si scalda il doppio di quanto precedentemente stimato

Di Matt McGrath, corrispondente ambientale, BBC News. (h/t Max Iacono)
Traduzione di Massimiliano Rupalti



I dati della stazione Byrd mostrano un riscaldamento rapido della calotta glaciale dell'Antartico occidentale

Una nuova analisi della registrazione delle temperature indica che la calotta glaciale dell'Antartico occidentale si sta scaldando quasi il doppio di quanto si pensasse in precedenza.
I ricercatori statunitensi dicono di aver trovato prove di riscaldamento durante i mesi estivi dell'emisfero sud. Essi sono preoccupati che l'aumento della fusione del ghiaccio, risultato delle temperature più alte, possa contribuire all'aumento del livello del mare. Lo studio è stato pubblicato nella rivista Nature Geoscience. Gli scienziati hanno raccolto i dati presi dalla stazione Byrd, installata dagli Stati Uniti a metà degli anni 50 e posizionata verso il centro della Calotta Glaciale dell'Antartico Occidentale (CGAO). Prima gli scienziati non erano in grado di trarre qualsiasi conclusione dai dati della Byrd in quanto i dati erano incompleti. Il nuovo lavora ha utilizzato modelli computerizzati dell'atmosfera ed un metodo di analisi numerica per provvedere alle osservazioni mancanti. I risultati indicano un aumento di 2,4°C nelle temperature medie annuali fra il 1958 e il 2010. “Quello a cui assistiamo è uno dei segnali di riscaldamento più forti sulla Terra”, dice Andrew Monaghan, uno dei coautori e scienziato al National Centre for Atmospheric Research americano. “Questa è la prima volta che siamo stati in grado di determinare che c'è un riscaldamento in corso durante la stagione estiva”, ha aggiunto. 

Dall'alto al basso

Potrebbe essere naturale aspettarsi anche in Antartico le estati sarebbero state più calde che in altri periodi dell'anno. Ma la regione è così fredda che è estremamente raro che le temperature vadano sopra lo zero. Secondo il coautore Prof. David Bromwich dell'Ohio State University, questa è una soglia critica. “Il fatto che le temperature stiano aumentando in estate significa che c'è una probabilità che la CGAO non venga fusa solo dal basso come sappiamo oggi, ma in futuro sembra probabile che che si fonderà anche dall'alto”, ha detto. La precedente ricerca pubblicata su Nature indicava che la CGAO viene riscaldata dall'oceano, ma questo nuovo lavoro suggerisce che anche l'atmosfera sta giocando un ruolo. Gli scienziati dicono che l'aumento di temperatura è stata causata dai cambiamenti dei venti e dei modelli climatici provenienti dall'Oceano Pacifico.

“Stiamo assistendo ad un impatto più dinamico dovuto al cambiamento climatico che avviene altrove sul globo che sposta verso il basso ed aumenta il trasporto di calore verso la CGAO”, ha detto il Dr. Monaghan. Ma non è stato in grado di dire con certezza che il maggior riscaldamento che ha trovato il suo gruppo sia dovuto alle attività umane. “La giuria è ancora in camera di consiglio per questo. Quella parte della ricerca non è stata fatta. La mia opinione è che probabilmente sia così, ma non posso dirlo definitivamente”. A questa opinione ha fatto eco quella del Prof. Bromwich, che ha suggerito che servirebbero ulteriori studi.

La calotta glaciale Larsen B è collassata in un solo mese nel 2002

“Gli impegni ora sono di analizzare i contribuiti relativi della variabilità naturale”, ha detto”. “Questo luogo ha un tempo molto variabile  - una parte del quale è influenzato dalle azioni umane e parte del quale non lo è. Penso che sia prematuro rispondere a questa domanda ora”. Qualsiasi sia la fonte, gli scienziati sono preoccupati che questo riscaldamento possa portare ad una maggiore fusione ed avere effetti diretti ed indiretti sul livello del mare. Ma gli scienziati dicono che è improbabile che questo avvenga per diversi decenni perché gran parte dell'acqua probabilmente percola sotto il ghiaccio e si ricongela.

Ritmo glaciale

L'effetto indiretto è che può mettere in “pre-condizione” le banchise che galleggiano ai margini della calotta glaciale. Gli scienziati dicono che questo è ciò che è avvenuto nel 2002 nella penisola antartica, quando la calotta Larsen B è collassata in modo spettacolare in un solo mese. “L'acqua fusa è scesa nei crepacci riempendoli”, ha detto il Dr. Monaghan. “Proprio come una buca sulla strada in inverno, l'acqua congelerà e si espanderà fino a romperla”. Egli è preoccupato che possa avvenire qualcosa di simile nella CGAO. “Ciò che abbiamo visto dopo il collasso di Larsen è stato che i ghiacciai che sono stati colpiti dalle banchise hanno accelerato tremendamente, di un fattore di 8. Questa è una potenziale preoccupazione della maggiore fusione in Antartico occidentale se la tendenza al riscaldamento che abbiamo trovato in estate continua”. Gli autori dicono di essere sicuri che i dati della stazione Byrd siano rappresentativi della regione perché la postazione scientifica si trova su un altopiano e le condizioni sono essenzialmente uniformi in un raggio considerevole.