Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 12 febbraio 2012

Grazie a Dio, non sono paranoico! Continua la propaganda contro la scienza del clima


Come si cerca di screditare una ricerca climatica scomoda. Antonello Pasini ce lo racconta in un suo recente articolo.


Più di una volta, mi è capitato di essere tacciato di complottismo, se non di paranoia, per aver sostenuto che i denigratori della scienza del clima usano trucchi di tipo propagandistico e politico. Per esempio, ho sostenuto che alcuni commentatori che sostengono tesi anti-scientifiche sono false identità create apposta per sviare la discussione. Almeno in un caso, sono riuscito a smascherarne uno.

Ma questo delle false identità è solo uno dei metodi usati dai denigratori della scienza. Un altro metodo è un classico della politica e in italiano si chiama schedatura o "dossieraggio". Consiste nel tenere a portata di mano un dossier di informazioni sui tuoi avversari politici da usare per attaccarli al momento opportuno. Il dossieraggio viene spesso usato per diffondere informazioni riservate o private, a volte ottenute illegalmente.  Anche quando non è così, comunque, viene usato scegliendo le informazioni da diffondere con lo scopo di dare un'impressione distorta sulle idee e sul comportamento della persona attaccata.

Ora, ho sempre avuto l'impressione di soffrire di paranoia nel pensare che si usino certi metodi in un dibattito che vorrebbe essere scientifico, come quello sul clima. E invece, grazie a Dio, non sono paranoico! Gli avversari della scienza usano davvero il dossieraggio!

Questo ce lo racconta Antonello Pasini in un suo recente articolo sul Sole 24 ore. Ci riferisce di un commento molto critico a un suo recente studio, dove troviamo, fra le altre cose, che per criticare Pasini sono andati a ripescare, e rinfacciargli, le sue parole a un intervento tenuto a Riccione nel 2008. Il punto è che il testo di quel particolare intervento non si trova con Google (si trova solo l'annuncio del convegno). Sembrerebbe che esista solo in forma cartacea e una rivista pubblicata nel 2008 non è che si trova schioccando le dita. Questo vuol dire che qualcuno aveva raccolto documentazione su Pasini, pronta da usare alla prima occasione per screditarlo.

Quindi, dossieraggio contro Antonello Pasini. E' un dossieraggio, diciamo, "moderato" in quanto non usa informazioni private o delicate. Niente di illegale, ma è comunque utilizzato per distorcere il pensiero di Pasini e presentarlo come un estremista climatico, un catastrofista e un allarmista. Dossieraggio o no, questa gente si qualifica per quello che sono. Non hanno argomenti e quindi gli rimangono solo le offese. Pretendono di fare scienza, ma fanno solo propaganda politica

Lascio la parola a Antonello Pasini. Anche lui forse pensava di essere paranoico; grazie a Dio non lo è. Ma quanti di noi sono "schedati" da questa gente?

Dall' articolo di Antonelo Pasini).

P.S.: vorrei concludere con una sensazione. Ho la sensazione che questi signori abbiano un dossier su di me, che in qualche modo mi abbiano schedato. Avrebbero una copia del 2008 di questo oscuro settimanale diocesano; un mio amico ex-scettico mi ha detto che sanno addirittura qual è stato il mio compenso per la conferenza cui si riferisce questo settimanale - dato che pare sia comparso online sul sito del Comune di Riccione; raccolgono i comunicati stampa dell'ANSA che mi riguardano (ad esempio sulla presentazione del libro del dicembre 2010)... Mi aveva detto Guido Guidi (deus ex machina del suddetto blog) che voleva passare ai servizi segreti: evidentemente lui e i suoi amici si stanno preparando...

Un caro amico mi ha anche detto: chiaramente ti temono e tu per loro sei pericoloso. Grazie comunque a Climate Monitor. Io non ho scheletri nell'armadio, ma tutta questa attenzione nei miei riguardi non fa altro che convincermi di più che agire correttamente e secondo coscienza è sempre la cosa migliore! 


Da leggere su questo argomento anche l'articolo di Sylvie Coyaud, "L'inquisizione degli Yahoo"