venerdì 1 aprile 2022

I Russi Bombardano Pisa! Un esclusiva del "Tirreno"

 


Post cortesia di Galina Belaeva (nota che era stato pubblicato ieri per errore sul blog in inglese. Lo ripubblico oggi sul blog in Italiano con la stessa data) 


7 commenti:

  1. ecco cos'era quell'oggetto che è passato sopra casa mia in direzione della costa.

    RispondiElimina
  2. Ora che Putin sta aumentando la pressione, le nazioni europee hanno davanti a sé una scelta difficile: o possono giocare a pallone e dimostrare al mondo che i loro sforzi per liberarsi dalla loro dipendenza dall'energia russa sono stati per lo più vani. Oppure possono affrontare una crisi economica "catastrofica" con l'impennata dei prezzi dell'energia, portando a razionamenti, blackout e altre misure che faranno sembrare la crisi petrolifera degli anni '70 negli Stati Uniti un gioco da ragazzi.https://www.zerohedge.com/energy/gazprom-halts-gas-shipments-europe-critical-pipeline
    Draghi ha assicurato che all'Italia non mancherà il gas!
    Quale dei due è il pesce d'Aprile? Zerohedge o Draghi?

    RispondiElimina
  3. https://www.agriculture.com/markets/newswire/update-1-plains-drought-to-curb-us-wheat-harvest-adding-to-global-supply-worries
    tra guerre in Europa e siccità in America i granai del mondo sono proprio messi male. Ieri sera ho fatto una passeggiata e le 8 pizzerie intorno casa avevano molti clienti. Pare che la civiltà della pizza sia ancora viva e vegeta. E pensare che col costo di una pizza ci faccio diverse pastasciutte con un bel piatto di verdure. Ciò significa che i soldi non mancano, manca la voglia di cucinare e mangiare in modo sano.

    RispondiElimina
  4. Suvvia Prof, dal tempo dei trinariciuti (comunisti) e baciapile (DC) si sà che i giornali sono vagamente diretti.....
    Lei stesso ci ha citato una sua esposizione alla propaganda, l'unico appunto che si può fare al Tirreno è la totale INCOMPETENZA dei giornalisti! Purtroppo si sà che la decadenza di una civiltà passa proprio dall'incapacità di mantenere ciò che è stato costruito in passato, si dà per scontato tutto e le claassi dirigenti smettono di essere selezionate per le capacità e vengono scelte per connessioni sociali o "fedi" di varia natura.
    Nel complesso di questo periodo si VEDE ciò che covava sotto le ceneri, il regalo del COVID, della guerra e di ciò che verrà è questo! Strappato il velo del "buisness as usual" a tutti i costi (pensare è faticoso) potremo iniziare a risolvere i problemi.

    RispondiElimina
  5. https://thehitc.com/german-industry-raises-alarm-about-energy-rationing-plan/
    senza il gas russo la Germania va a gambe ritte, ma il fatto che auto e come ho constatato con le gomme per la mia che non si trovavano, insieme a tanti altri prodotti divenuti poco reperibili, già da prima dell'Ucraina, sono sicuro che non ci dicono come stanno le cose: https://www.resilience.org/stories/2012-01-04/there-more-it-oil/ Oramai non è solo la crescita imposta dall'economia del BAU che non è più possibile, ma nemmeno mantenere lo standard di vita attuale. Nei nostri paesi energivori e divoratori di tutto vedo che stanno pigiando sul pedale dell'inflazione, poi magari della stagflazione, poi della crisi economica, poi sui razionamenti, poi magari sulla varianti, poi la quarta dose, poi su chissà che cosa. La festa è semplicemente finita e non tornerà più.

    RispondiElimina
  6. poco fa mi è capitato un estratto conto di 2 anni fa dove ho potuto vedere che la pensione di allora era 10 euro in meno. Alla faccia del PNNR e di Draghi, che viene sbandierato da tutti i media di regime come il salvatore del benessere italiano. Chissà quante baggianate ci hanno raccontato di questa pandemia e di questa guerra. Una sola cosa è certa, cioè che ci hanno imbrogliato ben bene, tra media di regime, contro informazione e ora pure contro-contro informazione. Mi pare che siamo proprio al si salvi, chi può. Ovvero nessuno. La pubblicità che ho visto ieri su un blog: "Corri dietro al sole", mi ha rammentato il Duce, che incitava a conquistare un posto al sole o l'impero su cui non tramonta mai il sole di spagnola memoria. Quindi il problema non è solo fisico, ma essenzialmente antropologico. Il problema è l'uomo, che accecato dalle passioni, non rispetta nulla, nè l'ambiente creato, nè i suoi simili e nemmeno sè stesso.

    RispondiElimina
  7. https://crashoil.blogspot.com/2022/03/impacto-inminente.html?m=1
    il mondo è a corto di petrolio e l'impatto della scarsità di diesel è imminente. Ci sono delle raccomandazioni IEA per la riduzioni dei consumi energetici, guarda caso rivolte ai paesi OCSE, che sono, riguarda caso, i paesi ostili nella guerra ucraina, che risono, riguarda caso, i paesi consumatori compulsivi. Sembra quasi sia scoppiata proprio per colpire la compulsività degli sprechi che in tali paesi sono ormai inaccettabili. Troppo bello per essere vero. Ma il tempo è galantuomo e io sono sulla riva per sincerarmene. Il Tirreno di sabato titolava che le vacanze di Pasqua stanno andando giù a picco, causa guerra ovviamente. Turiel dà una versione molto diversa e cioè che quest'anno mancherà il 10% dell'offerta globale di petrolio. Quale sarà la verità?

    RispondiElimina