Medio Evo Elettrico

Ritorniamo al Medio Evo? Per forza: è quello che succede quando le civiltà crollano. Ma manteniamo qualche comodità, tipo l'energia elettrica!

sabato 17 aprile 2021

Il problema delle "due culture" è una questione di essenza, di interpretazione, oppure di altro...

 

 

Post di Fabio Vomiero

Sono passati molti anni oramai dalla pubblicazione del famoso saggio di Charles P. Snow sulle due culture (1963) in cui l'autore, fisico di formazione, denunciava in modo franco e quasi provocatorio l'evidente spaccatura intellettuale che si era venuta a creare all'epoca tra gli umanisti e gli scienziati, ma da allora, la riflessione filosofica sul ruolo della scienza e delle discipline umanistiche nell'ambito del panorama socio-culturale contemporaneo non si è ancora minimamente risolta.

Le scienze sperimentali e le discipline umanistiche, infatti, sono certamente due attività molto diverse tra di loro e per questo non vanno forzate necessariamente a stare dentro lo stesso contenitore, tuttavia è anche vero che a volte i confini appaiono così sottili e artificiosi da essere probabilmente più indefiniti e mobili di quanto comunemente si creda.

Ma andiamo con ordine, perchè come spesso accade nel caso dei dibattiti e delle discussioni, il primo problema è sempre quello di intendersi sull'uso dei termini e dei significati. Che cosa si intende, infatti, per cultura scientifica e cultura umanistica, ed è veramente un problema di cultura, o piuttosto di diverse modalità cognitive di approccio alla conoscenza. E poi, siamo proprio sicuri che queste "due culture" rappresentino veramente due mondi completamente diversi e tra di loro incommensurabili? Inoltre la questione è davvero effettivamente riducibile a quell'estrema semplificazione volgare che vuole la scienza occuparsi soltanto dell'oggettivo e del vero e le discipline umanistiche invece unicamente del soggettivo e della bellezza, o il tema è in realtà un po' più complesso...

Innanzitutto cominciamo con il dire che l'origine di questa dicotomia intellettuale è piuttosto recente e collocabile grossomodo tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento. Soltanto poco tempo prima, infatti, molti di quelli che oggi non esitiamo a definire come dei grandi scienziati classici, come per esempio Galilei, Keplero e Newton, si occupavano anche di discipline umanistiche (per esempio di filologia), oltre che a possedere spesso una solida vocazione religiosa. Era una cosa del tutto normale, tanto che Galilei fu persino definito dal Leopardi come uno dei più «limpidi padri della lingua italiana».

In Italia, però, una separazione concettuale piuttosto netta tra le due culture prese origine intorno agli inizi del Novecento quando alcuni autori, tra i quali Benedetto Croce e Giovanni Gentile (che fu ministro dell'istruzione, vedi riforma Gentile), riuscirono ad imporre persino ai programmi scolastici un modello culturale orientato alla netta supremazia della cultura umanistica su quella scientifica, cavalcando posizioni ideologiche dubbie e difficilmente dimostrabili (neoidealismo).

Più o meno nello stesso periodo, il filosofo tedesco Wilhelm Windelband propose una sorta di classificazione delle scienze basata sulla metodologia di studio, che venne poi ripresa e approfondita recentemente dallo psicologo americano Jerome Kagan in un interessante saggio del 2009, nel quale le scienze vengono suddivise in tre categorie: le scienze naturali, le scienze umanistiche e le scienze sociali.

Mentre le scienze naturali (fisica, chimica, biologia) utilizzano un approccio cosiddetto "nomotetico", caratterizzato cioè dalla ricerca di principi e di pattern (leggi), quelle umanistiche, che si occupano invece dello studio della cultura umana nel corso della storia, utilizzano invece un approccio "idiografico", che guarda invece alla specificità e alla particolarità, caratteristiche tipiche della creatività umana. Le scienze sociali, infine, come per esempio la sociologia, l'antropologia e l'economia si servono invece, a seconda dei casi, di entrambi i metodi.

Ma sebbene questa visione abbia influenzato sensibilmente la filosofia, in particolare quella delle scienze umanistiche e ancora oggi la ritroviamo spesso come elemento di superficiale spartiacque tra le due culture, le cose non sono affatto così semplici e nette.

Una nota certamente interessante di questa classificazione è però l'utilizzo del termine "scienza" non soltanto per definire le scienze naturali sperimentali, ma anche quando ci si riferisce alle discipline umanistiche, il che ha perfettamente senso quando, invece di guardare alla sfera umanistica considerando soltanto la bellezza e la soggettività delle sue opere letterarie e artistiche, si voglia veramente cogliere e comprendere anche la complessità metodologica e procedurale di fondo di altre sue espressioni. Si pensi per esempio allo studio del linguaggio (linguistica) o alla grammatica, alla filologia, alla storiografia, alla musicologia, alla teoria dell'arte, alla logica. Tutte discipline che, inevitabilmente, non possono che essere guidate anche da una forte vocazione di tipo scientifico. Anche in questi campi della conoscenza, infatti, così come nelle scienze naturali, gli studiosi sono spesso alla ricerca sia di principi metodologici che di pattern empirici da formalizzare poi in strutture logiche, procedurali o matematiche. Si pensi ancora alla critica e alla ricostruzione delle fonti in storiografia e in filologia, oppure alla tridimensionalità o alla prospettiva nella teoria dell'arte o ancora al tentativo di stabilire la validità o meno di una linea di ragionamento per quanto riguarda la logica.

D'altro canto, invece, nel campo delle scienze naturali, le nuove consapevolezze epistemologiche acquisite principalmente in seguito alla relatività, alla teoria quantistica e alla teoria della complessità, hanno nel frattempo infranto quel plurisecolare sogno della fisica classica riduzionista di poter spiegare perfettamente, e di riuscire a prevedere nel dettaglio ogni fenomeno naturale, ponendo così di fatto una seria limitazione al mito positivista della calcolabilità ultima del mondo da parte della scienza.

La moderne scienze della vita ci hanno insegnato per esempio che, diversamente dalla visione per certi versi ingenua di stampo fisicalista, una "legge fisica" descrive soltanto classi di eventi e non i singoli eventi, e che quindi la legge fisica e la causa non escludono il caso, la fluttuazione, il "qui e ora" del singolo evento che invece può essere determinato e vincolato in larga parte anche dalle particolari e mutevoli condizioni al contorno.

Vi è pertanto la diffusa sensazione che oramai, per diversi motivi, i tempi siano tornati buoni per l'inaugurazione di una nuova epoca in cui le scienze naturali e le scienze umanistiche possano finalmente tornare a dialogare e a capirsi, con lo scopo dichiarato e condiviso di ampliare reciprocamente i propri tessuti teorici, metodologici e sperimentali.

D'altra parte, i risultati che si stanno conseguendo oggi nei programmi di ricerca più complessi e ambiziosi, come per esempio nel campo delle neuroscienze, della paleoantropologia evoluzionistica, della climatologia storica, o della sociobiologia, suggeriscono come l'approccio più fecondo e produttivo sia in realtà proprio quello pluri- e inter-disciplinare.

Pare allora che il problema vero non riguardi affatto la teoria della conoscenza e nemmeno l'incommensurabilità tra le discipline, ma sia piuttosto da ricercarsi nell'impostazione intellettuale dell'agente attore ed interprete di tutto questo e cioè del singolo scienziato (alcuni) e del singolo umanista (molti di più), i quali, complici anche un ambiente culturale formativo oramai inadeguato e una radicata predisposizione cognitiva alle lotte partitiche, si ostinano a rinvigorire un inutile conflitto tra posizioni scientiste da una parte e ascientifiche o addirittura antiscientifiche dall'altra, ostacolando di fatto il progresso sia delle scienze naturali che delle discipline umanistiche.

10 commenti:

  1. ...Quello che a noi stà più a cuore, l'ipotesi di Gaia, è stata confermata come evidenza scientifica ad Amsterdaam nel 2002 alla conferenza sul clim terrestre e le scienze complesse, ma i suoi corollari spirituali ed etici ci riportano ai concetti di Ubris e del bosco sacro (memeton, mimidas ripsettivamente in antico greco e celtico, locus in latino e licht in germanico della radura illuminata all'interno del bosco sacro) caro ai nostri predecessori Europei sia che fossero Elleni, Celti, latini o germani: l'Europa, come indica il nome greco "terra di origine di tutte le acque" (originariamente per i greci la regione montuosa al confine con l'ALbania) è la cultura legata al bosco, alla separazione cioè fra bosco e terre sfruttabili dall'uomo, come celebravano anche i lupercalia. Insomma lasciamo i momnotesimi alla lande desertiche loro origine, come universlamente stabilito da Renan oltre un secolo fa, e recuperiamo il senso del limite e della protezione del bosco.....C'è area morale, spirituale sscientifica più ,ibrida?

    RispondiElimina
  2. hanno tutte e due origine dall'intelligenza. Per me la dicotomia non esiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Goethe dovrebbe di esempio a tutti, meno che ai 7,7 mld di locuste.

      Elimina
  3. Non esistono due culture. Esiste la cultura.
    Ed esistono purtroppo persone come Croce e Gentile (ma ce ne sono anche fuori d'Italia) che negano alla scienza la dignità di cultura.
    E Snow, di fatto, si accoda a loro pur credendo di andarci contro.
    Snow ha danneggiato l'accettazione della scienza tanto quando Croce e Gentile, pur con l'obiettivo di fare il contrario. Purtroppo voler fare una cosa non significa anche saperla fare.

    RispondiElimina
  4. incredibile ironia e una altrettanto meravigliosa melodia. Necessaria in tempi difficili e infatti è arrangiata sull'inno dei sommergibilisti del 1942.
    https://comedonchisciotte.org/inno-dei-vaccinisti/

    RispondiElimina
  5. Per definizione la scienza è ciò che usa il metodo scientifico, in questa luce le scienze che studiano la società sono alla meglio una "scienza a metà": possono utilizzare il metodo per singoli segmenti a volte ma spesso si riducono a osservazioni di patten temporanei.
    Un esempio semplice è osservare la moda, sociologia pura, e tentare di dedurne i patten, fintanto che un fenomeno è identificato e persiste si possono applicare e sfruttare mille analisi per massimizzare la propria posizione relativa all'interno per i prori fini ma non esiste un sistema predittivo per conoscere la durata del fenomeno o per modificarlo se non marginalmente. Negli anni dalle ripetute osservazioni si è sviluppato il marketing che è uno studio ed una collezione di strumenti e tecniche di varia efficacia per influire sulle mode e si sono altrettanto sviluppati metodi di managment per coordinare e gestire gli effetti del fenomeno, entrambe queste branche però non si definiscono scienze.

    Nonostante ritenga la filosofia una delle basi necessarie ad ogni altro aspetto della vita e del pensiero umano comunque non sento l'esigenza di aggiungervi un etichetta di scienza, altrettanto non vedo la necessità di portare ogni aspetto del sapere umano all'interno di questa etichetta. Il lavoro delle dottrine umanistiche è utile e fondamentale anche se non utilizzano metodi scientifici, nulla toglie al lavoro degli archeologi se le loro scoperte non sono riproducibili come niente influisce ai sociologi se non sono in grado di alterare i patten osservati. Ognuno contribuisce a modo proprio ad espandere la conoscenza umana e non vedo perchè vogliamo tentare di ridurre questa ecologia di approcci ad una monocoltura, sotto un'unico cielo vivono i 10000 esseri senza per forza essere cloni, ogni volta che si tenta questa strada ci si trova in mano un nulla devastante.... mi ricorda il famoso tentativo di creare il "nuovo uomo sovietico"!

    RispondiElimina
  6. Scienza e Umanesimo costituiscono indubbiamente due facce di una stessa "medaglia" e sono dunque reciprocamente complementari, ma va tenuto presente pure che oggi la mole di conoscenze disponibili e la complessita' sociale sono tali da rendere oggettivamente non più proponibili figure "universali" sul modello Leonardo da Vinci & affini...

    RispondiElimina
  7. https://www.meteogiornale.it/news/2021/04/ghiacci-del-polo-nord-niente-fusione-record-della-banchisa/
    ed in Francia vigneti di valore devastati dalle gelate. Ovviamente nessuno può mettere in relazione quanto accade con la riduzione del 70% del traffico aereo, pena denunce a ripetizione delle lobby aeree. Per certi versi la scienza è ancora sotto scacco, come ai tempi di Galileo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fatto che la scienza sia sempre stata osteggiata dai poteri mi fa pensare che la cultura umanistica abbia una deriva supponente e boriosa sull'animo umano e quindi ben accetta, mentre la scientifica, limitando questa deriva coi paletti delle leggi fisiche, sia vista come da tenere sotto controllo, sotto osservazione, quasi fosse un pericolo per i piani del potere. Stessa sorte, anzi peggio, tocca ai valori spirituali, che con la loro immanenza scomoda, azzerano la boria umanistica. Quindi non vanno controllati, ma annullati.

      Elimina
  8. https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/04/09/trivelle-cingolani-da-via-libera-a-sette-progetti-di-estrazione-da-emilia-a-sicilia-ambientalisti-altro-che-transizione-ecologica/6159312/
    diciamocelo con franchezza: questa società capitalistica non può, anche se volesse, fare a meno dell'energia degli idrocarburi, in primis petrolio. Non potendo fare un cambio di paradigma, rimangono solo soluzioni drastiche. Scegliete voi quelle che preferite, tanto poi verranno scelte senza nessun consenso palese. Quindi mettiamoci l'animo in pace e sediamoci a vedere gli eventi come ad un film. Infatti un americano in un blog dice sempre: passa i popcorn.

    RispondiElimina