Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


lunedì 28 gennaio 2019

Saluti dalle Balenottere.



Ugo Bardi come il Capitano Ahab and Mihaela Sima (coordinatrice del convegno) come Moby Dick in un piccolo pezzo teatrale per il "II simposio sulla sostenibilità nei campus universitari", tenuto a Firenze il 12 Dicembre 2018. Notate il "sonar" sulla testa di Mihaela -- è così che le balene si orientano!




Un raccontino un po' natalizio segnalato da Elena Corna. Ne approfitto anche per segnalarvi anche che  mio nuovo libro "Il Mare Svuotato,"  che stiamo scrivendo in collaborazione io e Ilaria Perissi. Dovrebbe uscire a fine anno con Editori Riuniti.


UB


Lezione sotto il mare


Stefano Benni, Lezione sotto il mare, in La grammatica di Dio, 2007.

A un miglio di profondità, nell'Oceano Pacifico, nella fossa di Buenas Umbras, era in corso uno strano assembramento di balene. Un capodoglio enorme, più di venti metri, pinneggiava in surplace.

Almeno una ventina di giovani balenottere gli stavano di fronte, in fila per quattro. Qual era il mistero di questo anomalo branco? Nessun mistero: era una scuola, il capodoglio era il maestro e le venti balenottere le allieve. La lezione si teneva in ultrasuoni e il titolo era: Capolavori della letteratura cetacea.

- Care scolare,- disse il maestro - parleremo oggi di quello che è ritenuto il libro più importante della nostra storia. E cioè Il diavolo zoppo. Voi lo conoscete bene, vero?

Le balenottere annuirono scodando, senza molta convinzione.

- Come sapete, il libro è stato scritto nell'anno dei sette iceberg, da un capodoglio albino di nome Mobius Benedick. Egli fu perseguitato tutta la vita da un baleniere al quale, in leale duello marino, aveva staccato una gamba. Ovviamente a provocare, come sempre, era stato l'umano. Ma costui, gonfio d'odio, si mise a perseguitare Mobius per tutti gli oceani.... Qualcuno sa come si chiamava questo baleniere?

- Crab? - suggerì una balenottera rotonda.

- No - sospirò il maestro.

- Lo so...Calab... no, anzi, Akab - disse una balenotta tigrata

- Brava Rigutina, così suona il suo nome nella lingua degli uomini. Ebbene, il racconto di Mobius Benedick inseguito da Akab, le sue riflessioni sulla morte e sulla caducità dell'esistenza, le avventure e i colpi di scena, fino al tragico finale, fanno di questo libro un capolavoro pelagico che non può mancare nell'archivio ultrasonico di nessuna balena. Ora, sapete dirmi come gli umani chiamavano Mobius Benedick, il nostro niveo, grande scrittore? Tu, Pinnamozza, là in fondo, mi stai ascoltando o fai merenda di meduse? Sai rispondere?

- Ehm...ecco...

- Cosa stavo dicendo?

- Dunque...parlava di iceberg... e di un marinaio con un occhio solo.

- Uffa Pinnamozza, come al solito non sei stata attenta...e io so perchè...La tua membrana sta ascoltando un altro ultrasuono... dimmi cos'è.

- Ma veramente, signor maestro...

- Dimmelo!

- Stavo ascoltando Ventimila baci sotto il mare, ovvero la storia di Balenonzolo e Balenadia, una bella storia d'amore...

- E tu Pinnablù?

- Io... stavo ascoltando una raccolta di barzellette sui trichechi.

- E tu Codaforata?

- Io ascoltavo musica, i Killerwhales, un gruppo di heavy-ocean molto tosto...

Vuol sentire anche lei, professore?

Il maestro sospirò con grandi bolle, poi disse: - Va bene, intervallo, tutte in superficie.

E mentre le balenottere gioiose correvano verso l'aria per schizzarsi e giocare, pensava: Ma che senso ha ancora studiare Mobius Benedick? E' sempre più difficile far leggere queste giovani bestie. E soprattutto, ne vale la pena?

Poi emerse, e guardando un'isola lontana pensò: Che solitaria fatica insegnare i classici! Chissà se gli umani stanno meglio...

6 commenti:

  1. O capitan che navighi sul mare
    Tra l'alte onde e i turbinosi venti
    Forse sai tu dove ci vuoi portare
    In quali nuove terre o continenti

    Stan sopra il ponte ignari i marinai
    Tirando funi e dispiegando vele
    Passano gli anni senza saper mai
    Per dove stia puntando il timoniere

    E la vedetta vigila dall'alto
    Per avvistare terra ed annunciare
    A fine viaggio ancora quanto manca

    Ma non s'intende dal tuo chiuso sguardo
    Se stai cercando spiagge da approdare
    O stai seguendo una balena bianca
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'era una volta un bel paese di poeti e navigatori, ora grazie ai FF è diventato un paese di partite IVA.
      E nel regno di ottava rima,
      detta terra toscanina,
      ora regna nel cuore stanco
      la disperazion più fina.

      Elimina
  2. Su Sole 24 ore:
    Cambiamento climatico: il re è nudo. Un ricercatore di Oxford smaschera l’ipocrisia della politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'articolo denuncia il menefreghismo dei petrolieri, che in modo ipocrita promettono sostenibilità e cattura della CO2 (?), ma poi ovviamente se ne fregheranno allegramente.

      Elimina
  3. https://www.eia.gov/petroleum/drilling/pdf/dpr-full.pdf
    pare che il favoloso annunciato aumento di produzione di LTO sia ormai un sogno.

    RispondiElimina
  4. forse per questo la recessione globale è già presente e questi alla televisione non fanno altro che strombazzare di cantieri, TAV e altre menate di fantastici sviluppi economici futuri. Comunque oggi ai Gigli, immenso centro commerciale, trovare un posto libero per mangiare un pò di cibo spazzatura era un'impresa e i pochi posti auto che si liberavano, erano spesso motivo di litigio con insulti e minacce. E continuiamo pure così.

    RispondiElimina