Troia non Cadde per Colpa degli Immigranti


venerdì 10 agosto 2018

Le Regole del Blog di Cassandra




Allora, mi sa che i commenti a questo blog abbiano preso una certa china che non va per niente bene. Capisco che siamo tutti stressati, che abbiamo bisogno di sfogarci ogni tanto, che le cose sono difficili. Bene, però mi sembra il caso di non peggiorare, quantomeno.

Fino ad oggi, mi sono limitato a eliminare lo spam e anche i commenti esplicitamente offensivi. Ora, mi sembra il caso di intervenire in modo un tantino più - diciamo - "pro-attivo." Ovvero, da ora in poi, non saranno passati i seguenti commenti (se non nel caso siano selezionati come cattivi esempi da additare al generale ludibrio).

1. Commenti gratuitamente offensivi nei riguardi di altri commentatori o persone comunque identificate o identificabili.

2. Commenti ripetitivi, insistenti, rognosi, polemici e batti e ribatti, e ho ragione io, ed è perchè ho ragione io, e com'è che non ve ne accorgete?

5. Commenti razzisti, biologicamente, culturalmente, o ideologicamente che siano.

4. Commenti complottisti vari, in particolare saranno eliminati con una certa soddisfazione tutti quelli che parlano di complotti catto-comunisti per sostituire la popolazione europea con più controllabili masse islamiche, come pure quelli che parlano di un complotto delle elite o della chiesa cattolica e del papa per nascondere il problema della sovrappopolazione.

5. In compenso, si accettano volentieri i commenti dei Troll Russi, casomai arrivassero. Si accettano anche poemi in endecasillabi e rime baciate, haiku in stile giapponese, e messaggi da pianeti alieni.
 

Ah.... non saranno passate nemmeno lamentele a proposito delle regole di cui sopra. 


55 commenti:

  1. Buongiorno, sono un troll ma non russo, anzi non ho mai russato in vita mia, posso entrare lo stesso? ;)

    RispondiElimina
  2. Quindi non si può scrivere la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo è un caso di post passato per illustrare il concetto di cattivo esempio.

      Elimina
    2. Magari però Lorenzo stava solo scherzando. È facile fraintendere quando si comunica attraverso un mezzo che non fa trasparire nessuna informazione non-verbale. Paradossalmente proprio questa facilità di fraintendimento giustifica l'adozione di regole di moderazione,dato che dal fraintendersi al offendersi il passo è breve almeno quanto dal offendersi all'offendere.

      Un saluto a tutti

      Elimina
    3. Alessandro, ;-) cosa ne dici di questi tre simboli tipografici, a proposito dell'impossibilità di comunicare scherzo humor e ironia?.
      E comunque il tizio in questione, non scherza, basta leggere i post sul suo blog.
      Il fatto è che ormai stiamo mietendo i frutti della lunga ignavia che abbiamo opposto ai nostri errori.
      Ormai siamo alla maledizione dei cavoli delle capre dei lupi dei pastori e dei contadini, perchè di fronte al turbolento guado, invece di fare le mosse opportune per oltrepassarlo abbiamo fatto e continuiamo a fare quelle sbagliate.
      Solo che cavoli e capre li abbiamo coltivati ed allevati noi, e quei noi siamo gli stessi contadini e pastori che hanno pure cercato di addomesticare il lupo.
      Forse sarebbe meglio ridere o almeno sorridere invece che piangere del mal che a noi stessi causiamo.
      Anche questo è diventato arduo, perchè la satira è un'arte difficile, e come per la poesia se non sei versato è meglio scrivere in prosa.

      Ma, passati i troni, passati i treni, sorpassati i troll, passerà pure quest'epoca d'inesaudite attese.

      Marco Sclarandis.

      Elimina
  3. ecco un esempio di Cassandra che sarebbe da iniziare a prendere in seria considerazione..
    https://www.qualenergia.it/articoli/cambiamenti-climatici-anche-con-2-gradi-in-piu-siamo-fritti/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è molto plausibile come articolo: c'è solo da spearare che queste retroazioni positive siano lente rispetto ai tempi per poter prendere delle contromisure, perché altrimenti al momento non c'è nessun modo per disinnescare il processo.
      anche azzerando dall'oggi al domani le emissioni (che sarebbe già un suicidio globale di per sè stesso) sarebbe un processo irreversibile se fosse già avviato (senza avere altri mezzi oggi sconosciuti).
      quindi accontentiamoci per adesso di aver individuato il problema, sperando di averlo individuato in tempo per trovare un modo reale di risolverlo, senza la fretta apocalittica di trovare soluzioni drastiche che non farebbero altro che creare in anticipo altre catastrofi diverse da questa.

      Elimina
  4. Sono ben accette le poesie Vogon ? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche poesie Vegan sulla bellezza dei semi di soia

      Elimina
    2. Che triste noia
      mangiar la soia
      sinceramente
      non sa di niente
      fa pure male
      darla al maiale.
      Io mangio solo
      il buon fagiolo
      di nostra specie
      e il caro cece.
      Poi accipicchia
      c’è la lenticchia.
      E qualche assaggio
      d’un buon formaggio.
      E un genuino
      bicchier di vino.
      E’ l’italiano
      vegetariano.
      Lascio l’oriente
      ad altra gente.
      Angelo
      (eh, tenere a bada i commentatori, di questi tempi...non sarà facile) (dov'è finito l'ispirato poeta di madre natura? Sparito per qualche caloria? Ma dai!)

      Elimina
  5. A professo?^ il petroli non doveva finire nel 2010?
    Il ricercato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A studè, ma 'ndo hai trovato questa fesseria?
      Il ritrovato

      Elimina
    2. Mesarovic, Pestel
      Strategie per sopravvivere
      Pag.144.

      Saluti
      Giovanni

      Elimina
    3. Sei andato a ripescarti un libro del 1974. Non l'ho mai letto, ma l'opinione generale è che è un libro obsoleto, oggi, perché cercava di fare cose che gli strumenti disponibili all'epoca non permettevano di fare, ovvero disaggregare il sistema-mondo in molteplici sotto-sistemi.

      Forse a pagina 144 avranno anche scritto che il petrolio finirà nel 2010. Mi sembra poco probabile ma anche se lo avessero fatto la risposta è comunque "e con ciò"?

      Elimina
    4. E con ciò mi vien da dire che non siete affidabili!
      Gli strumenti dell'epoca permettevano di far "girare" modelli con decine di migliaia di equazioni e forse più qual è il modello di Pestel. Perchè allora dovrei credere in WORLD3? Quel volume è il secondo rapporto al Club di Roma, se lei che è membro del Club di Roma non l'ha letto allora siamo messi proprio bene per non dire altro ..... Saluti. Giovanni

      Elimina
    5. Allora, questo commento già ricade nel concetto del "Batti e ribatti, e più ribatto più ho ragione," e quindi sarebbe da cancellare, ma te lo passo come cattivo esempio.

      A commento del commento, ti spiego due o tre cosette

      1. Non hai capito nulla di come funzionano i modelli sistemici

      2. Il club di roma ha pubblicato centinaia di rapporti - alcuni sono stati delle pietre miliari nella scienza, altri sono stati dimenticati perché irrilevanti - questo è il caso del rapporto di Pestel e Mesarovich. Ha valore storico, ma non ha lasciato traccia in termini di studi scientifici.

      3. Se poi qualche sbobinato si va a leggere più o meno a caso una pagina precisa di un rapporto di più di 40 anni fa e da lì tira fuori un numero che poi si interpreta a modo suo e da quello deduce che tutto quello che ha fatto il club di roma in 50 anni sono scemenze - beh, è uno sbobinato.

      4. Non hai capito nulla di come funzionano i modelli sistemici

      E con ciò, discussione chiusa.

      Elimina
    6. Povero me, manca proprio di umiltà e forse anche di intelligenza che, più o meno può essere anche definita così:" La natura non è benigna, non guarda con tenerezza i figli incoscienti e non regala loro consigli di saggezza. Opera sull'uomo perché l'uomo è un organismo appartenente alla biosfera e obbediente alle sue leggi. Sta all'uomo capire per tempo queste leggi. Se lo stato, l'economia non capiscono, ci sarà la collisione con la barriera della dinamica organica. E lì si vedrà chi è intelligente.

      Luigi SERTORIO/Erika RENDA".

      A proposito dei modelli sistemici o modelli dinamici, mi sa dire in 5 minuti:
      1) Definizione di funzione di trasferimento;
      2) Aumento giornaliero del debito pubblico in Italia.

      Saluti
      Giovanni

      Elimina
    7. Anche questo commento è pubblicato per la serie "cattivi esempi". Con il quale dimostri - ulteriormente - non solo che non hai capito nulla di modelli sistemici, ma che hai anche la presunzione di venir qui a fare l'esame a me sulla base di due o tre concetti che hai raccattato a caso e a vanvera sul Web.

      Mi dispiace, figliolo, ma sei tu che l'esame non l'hai passato. Ripresentati alla prossima sessione e studia meglio le dispense.

      Elimina
    8. Ah... e se ti diverti con queste cose - come mi sembra - prova ad andare da Burioni a fargli un esame sui vaccini. E vediamo come ti risponde.

      Elimina
    9. Anzi, aggiungo qualcosa sulla linea delle immortali parole di Burioni. Ovvero, se vuoi parlare con me di dinamica dei sistemi, ci sono due possibilità:

      1. Mi chiedi delle cose che non sai e io te le spiego volentieri. Dopo mi ringrazi.

      2. Prendi un dottorato sulla dinamica dei sistemi, pubblichi un po' di articoli seri sulle riviste scientifiche, dopo di che ne discutiamo alla pari e, se tu mi spieghi qualcosa che non sapevo, ti ringrazio.

      Queste sono le due possibilità - invece non va bene che tu venga qui in forma anonima (o al massimo firmandoti "Giovanni") a fare il maleducato chiamandomi "a professo'" e poi tiri fuori qualche scemenza presa a caso dal Web e pretendi di aver ragione. No, mi dispiace, non ci sei proprio.

      Elimina
    10. A presto Prof!

      Comunque su libro di Pestel (che dovrebbe leggere se non altro per valenza storica) ci sono serie critiche al modello WORLD3. In particolare a pag.44 c'è scritto:
      "Una visione del sistema mondiale come un sistema omogeneo, cioè una visione che lo descriva riferendosi alla crescita demografica di tutto il mondo, al reddito pro capite come media eseguita su tutto il mondo e così via, come è stato fatto in ricerche precedenti basate su modelli mondiali (WORLD3), conduce a un'inesatta rappresentazione del meccanismo operativo del sistema e può risultare fuorviante; conduce cioè alla formulazione di problemi che che non hanno alcun fondamento reale e quindi a indicazioni erronee per risolverli. E' essenziale riconoscere il fatto che la comunità mondiale è fatta di parti dotate di passato, presente e futuro differenti. Non è quindi possibile considerare il mondo come un tutto uniforme, bensì lo si deve vedere come formato da regioni distinte, benché interconnesse".

      In altri termini: IL Club di Roma che smentisce il Club di Roma!

      Una domanda: ma dopo Wordl2, World3, Pestel sono stati fatti modelli più sofisticati e quindi più affidabili?
      Poi le chiedo l'amicizia su Facebook!

      Cordiali saluti
      Giovanni RAZZANI

      Elimina
    11. Infatti, il libro di Pestel ha valenza storica - era pensato in parte come una correzione ai concerti dei "Limiti alla crescita" che alcuni nel club di Roma consideravano troppo radicali. Il libro di Pestel è citato e discusso nel mio libro "The Limits to Growth Revisited" (Springer 2011).

      Ci sono oggi varie versioni del modello usato in quegli studi. C'è in giro una versione chiamata Word6, ma si usa ancora Word3. Ci sono anche modelli più evoluti e recenti, uno lo trovi a www.medeas.eu - creato da un team di cui fa parte anche il mio gruppo di ricerca.

      Elimina
    12. senza nulla togliere ai supercalcolatori, ma gli occhi cogli altri 4 sensi, il cervello e il cuore non sono sufficenti?
      https://www.meteogiornale.it/notizia/52228-1-meteo-estremo-anteprima-di-un-disastro-che-ci-riguarda-tutti

      Elimina
  6. Hahahahah che spasso prof!!!

    RispondiElimina
  7. per i commenti come haiku, ti posso prendere in parola... infatti ne scrivo un buon numero :)

    RispondiElimina
  8. Caldo! E' dura,
    in queste condizioni,
    comporre haiku.

    RispondiElimina
  9. le regole ci vogliono, anche se poi, come disse un collega, morto a 66 anni, solo i citrulli le osservano. Forse è anche morto a quell'età, per la sua dissolutezza. Comunque gli argomenti di questo blog, volenti o nolenti, sono di una certa importanza, quindi non mi pare che gli animi possano passarci sopra come ad una pastasciutta. Anche quando facevo le scuole primarie dalle suore, ci permettevano di sfogarci quella mezz'ora nel cortile e poi, dopo, pretendevano silenzio ed attenzione in modo molto rigido. Quindi niente sfogo non va bene, troppo pure. In mediat stat virtus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Anche quando facevo le scuole primarie dalle suore ..."

      ah, questo spiega tutto :) :) deve essere stato terribile

      L.


      Elimina
    2. sai, lì a quei tempi esisteva la meritocrazia, quindi, se avevi voglia e capacità di impegnarti a imparare ed eri tranquillo come carattere, te la passavi alquanto discretamente. Lì veniva applicato il concetto dantesco di unire canoscenza e virtute, cioè coscienza ad intelligenza, mentre mi pare che ora non esista più nemmeno il voto in condotta, forse perchè sarebbero bocciati quasi tutti. Come disse un mio conoscente, che ha avuto problemi colla giustizia: "Allora tu che hai studiato, rubi più di me, che ho fatto solo le medie". Le capacità sono rispettate sia dal lato della virtute, che della criminalità.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. In mediat stat virtus, sed fortiter lacrimamus omnes de dissolutum quidam, quia juvenile aetate moruit, requiescat anima sua, et tiremus innantiis; in hoc blog quidem meditamus gravia probloemia, cui supra sicut pastasciuttam passandum non est

      Pastasciuttam?

      ...

      ...

      Maccherones

      ...

      Ochei.



      Elimina
  10. Però i troll russi silo in russo, altrimenti è troppo facile!

    RispondiElimina
  11. Tormento Vogon per Vegan

    La soia? Che noia!
    Che il mondo profumi
    di cacio e salumi,
    o d'arrosto, piuttosto!

    Come prima portata
    abbiamo la pajata:
    Si prenda d'agnello
    un tenue budello
    ancora intasato
    di latte cagliato,
    si avvolga a spirale,
    un poco di sale,
    del pepe se piace
    e poi su viva brace
    dorare lo si faccia;
    un po' di vernaccia,
    ed ecco servito
    un cibo da re.

    Basta, bastaa! Non resistooo!

    O laggiù? Cosa vedo!
    Già prepara lo spiedo
    l'impassibile cuoco
    per poi metterlo al fuoco
    alternando sul ferro
    come trucido sgherro
    dei pezzetti di pane
    -non lo fa per la fame,
    ma perché assorba il grasso,
    ché non goccioli in basso-
    con il cuore e i rognoni
    e la milza e i polmoni
    -oh che duro destino-
    di quel povero ovino.
    E col fegato infine
    ne prepara tartine
    le impastella e le frigge
    ed al Vegan le infligg
    Ahhh! Ahhh! Mi appello alla Convenzione dei Diritti dell'Uo'

    Zitto! Che adesso viene il bello!

    Liberata la griglia
    dall'orrenda poltiglia
    l'azion poi si sviluppa
    preparando una zuppa:
    dati gli ossi alla volpe
    bolliranno le polpe
    in un brodo ristretto
    che per esser perfetto
    sarà pieno di odori:
    salvia, pomodori,
    sedano e rosmarino
    curcuma, cumino
    curry e paprika
    estratto di orti'
    estratto di ortica?
    estratto di ortica, sì, e non mi interrompere, kribbio! ché perdo il ritmo!
    ...
    allora si diceva
    paprika,
    estratto di ortica,
    patate rape e aglio,
    ginger fino a conguaglio,
    sedano, e scorzonera.
    Bollire fino a sera;
    quando è abbastanza sodo
    da tener ritto un chiodo
    siamo quasi alla fine.
    ghhh ghhh
    Adesso, le costine!
    Le facciamo impanate,
    al forno con patate,
    oppure a scottadito,
    mio piatto preferito?
    ...
    ...
    Beh?
    ...
    ...
    Porca miseria, ha perso i sensi! Proviamo a fargli annusare una fetta di buristo ...


    R









    RispondiElimina
  12. Erre, che procedura
    Per preparar la cena,
    Riposati la schiena
    E mangia una verdura!
    Eh,eh.
    Questi carnivori riescono a complicare ogni cosa. Guarda come siamo messi. Letame dappertutto. Ieri ho fatto un giro in bicicletta sull'argine del Po e mi sono intossicato. E poi mi vengono a parlare di specialità gastronomiche. Senza offesa, erre, si fa tanto per parlare. In fondo siamo qui per questo.
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche qui non siamo messi bene. Costeggiando l'Ombrone pistoiese a valle del capoluogo, tra scarichi di deiezioni animali ed umane, dal torrente dove 60 anni fa facevamo bambini il bagno, esce puzzo di bottino. E non so come facciano, cinesi e rumeni ci pescano pure. Ho visto torrenti con avannotti ed acqua pulita dalle parti di Volterra, che ha un territorio comunale 20 volte il mio e un decimo di abitanti. E poi dicono male del BAU, che ha permesso di vivere a popolazioni anche quintuplicate in zone una volta agricole. Tra un pò anche centuplicate, ma questo è il progresso, baby. Purchè continuino ad arrivare gli idrocarburi, ovviamente.

      Elimina
  13. Scusi prof. in effetti il livello dei commenti mi pare stia scadendo, ma a volte possono essere corresponsabili anche egli stessi post troppo generici...La butto là: perchè non un bel post sulla bicicletta elettrica/elettrificata, stato dell'arte, legislazione italiana (ovviamente fortemente contraria), prospettive...etc etc. Non mi ricordo ci sia mai stato ma potrei non ricordare bene. Buon proseguimento di sudario a tutti. (fra l'altro la bici elettrica è un grosso ventilatore naturale per chi la utilizza senza dovere impiegare altra energia per il movimento)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Fra: A parer mio se vuol opinione tecniche su biciclette elettriche ci sono forum/blog/siti più indicati.
      Se invece parliamo di risorse è chiaro che rispetto ad una normale bici inquina molto di più.

      Elimina
  14. Incidentalmente, una nota per quelli che tirano fuori Galileo Galilei per protestare contro quello che chiamano "censura"

    1. Galileo era uno scienziato serio e competente, non un dilettante presuntuoso

    2. Galileo, se aveva qualcosa da dire, la pubblicava in un libro - oggi l'avrebbe pubblicata su una rivista scientifica. Non avrebbe certo perso il suo tempo a mandare commenti farlocchi nei blog.

    3. Se vi credete di essere Galileo Galilei, ragazzi, siete messi veramente male.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio dire nulla su Galileo, del quale non conosco altro a parte le dicerie da liceo, però ho letto di prima mano e per intero due libri di Francesco Redi. Direi che il livello (a meno di attaccarsi con mani, piedi e denti alla "prospettiva storica") è proprio banalotto. Mi piacerebbe fare un copia-e-incolla con alcuni "gustosi" passaggi, ma richiederebbe troppo spazio. I testi ai quali faccio riferimento sono "Esperienze intorno alla generazione degl’insetti", "Osservazioni intorno agli animali viventi che si trovano negli animali viventi".

      Ai tempi del liceo, il mio libro di biologia citava il personaggio come "uno dei primi veri, grandi scienziati". Chissà gli altri!

      Elimina
  15. Infine, a proposito di quelli che si credono di essere Galileo, un commento ricevuto proprio ora. Mi sa che sia una presa di giro, ma se qualcuno vuol contattare Salvatore per sapere il segreto del moto perpetuo, scrivetemi - vi mando il suo tel e email.


    salvatore ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Energia gratis, motore ad acqua, l'eredità di Tesl...":

    Salve mi presento il mio nome e Bonaccorso Salvatore avrei tanto piacere di conoscerla per sapere a lei interessa il movimento perpetuo io so come mettere in movimento perpetuo la ruota che a tutta la forza che si vuole, se lei o qualche professore di fisica e interessato e vuole contattarmi lo faccia lascio il mio numero di telefono xxxxx la mia emeil xxxxx@gmail.com Distinti Saluti...

    Pubblica
    Elimina
    Contrassegna come spam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.passionescienza.it/il-moto-perpetuo/
      Qui tra i commenti, c'è un tipo che scrive anche lui "alla russa". Dice di aver scoperto il moto perpetuo. Sarà mica la stessa persona?
      Ma non c'era anche Grillo, che portava in scena, nei suoi spettacoli, l'auto ad acqua? Mmmmmmm......
      Mi viene da pensare che questo non è un ingenuo. Magari è un troll russo.
      Angelo

      Elimina
    2. Probabilmente un troll, o più smeplicemente un buontempone. Non particolarmente pericoloso, direi.

      Elimina
    3. "Ho scoperto il segreto del moto perpetuo"
      Magari voleva solo dire che ha scoperto che é irrealizzabile! :)

      Elimina
  16. Ieri mi parve di vedere
    in moto la perpetua
    chè nemmeno benedetta
    dal prete sulla bicicletta
    salirebbe
    forse si è trattato di miracolo
    di visione ultraterrena
    svista traveggola il curato
    mi rassicurato al fresco oggi
    piuttosto
    dimmi il perpetuo moto
    cha da una vita invano cerchi
    desisti o l'hai trovato
    Padre la prego non mi offenda
    la mia è vera e ardente fede
    vedrà che un giorno la canonica
    scalderò con un lumino intero inverno
    Altissimo assolva questa pecorella
    che nell'inferno del ridicolo non si perda.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma a che tempo sei rimasto? Anche se ancora nel Diritto canonico i sacerdoti diocesani possono avere una domestica (perpetua) di almeno 70 anni, o ce l'hanno molto più giovane, o convivono con un uomo (come il mio proposto), a seconda dei gusti. Per fortuna ce ne sono ancora con la mamma o anche vivono soli. A questi ultimi bisognerebbe fare un monumento per la loro abnegazione, che uno creda o no.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Mago, ma non si può scherzare?
      Sto prendendo in giro i rabdomanti del moto perpetuo.

      Un saluto, Marco Sclarandis

      Elimina
  17. (corretta piccola svista)

    Ieri mi parve di vedere
    in moto la perpetua
    chè nemmeno benedetta
    dal prete sulla bicicletta
    salirebbe
    forse si è trattato di miracolo
    di visione ultraterrena
    svista traveggola il curato
    mi ha rassicurato al fresco oggi
    piuttosto
    dimmi il perpetuo moto
    cha da una vita invano cerchi
    desisti o l'hai trovato
    Padre la prego non mi offenda
    la mia è vera e ardente fede
    vedrà che un giorno la canonica
    scalderò con un lumino intero inverno
    Altissimo assolva questa pecorella
    che nell'inferno del ridicolo non si perda.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  18. Si vede Marte
    In questa fresca notte
    Dure regole

    RispondiElimina
  19. https://www.meteogiornale.it/notizia/52228-1-meteo-estremo-anteprima-di-un-disastro-che-ci-riguarda-tutti
    che si creda negli annunci di sventura degli scienziati o dei ormai tanti, troppi, veggenti sparsi per il mondo o no, la resa dei conti si avvicina.

    RispondiElimina
  20. Qualcosa di leggero, leggete sul log di Paolo Attivissimo l'articolo del 14 agosto 2018 : il-dilemma-dei-cambiamenti-climatici ;
    Sopratutto le ultime righe sono illuminanti.

    RispondiElimina