Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 30 ottobre 2016

Godetevi la Terra finché dura: i livelli di carbonio atmosferico superano il punto di non ritorno

Da “UK Complex”. Traduzione di MR

Di Mac MacCann

La cattiva notizia: Il problema del cambiamento climatico terrestre ha appena superato un punto di non ritorno. I livelli di carbonio atmosferico hanno superato le 400 ppm e non torneranno “mai più, in un futuro indefinibile”, a livelli ambientalmente amichevoli.

La buona notizia? Ah no, aspettate. Mi spiace, siamo praticamente fottuti.

Sapevamo già che la cosa era seria. Dopotutto, negli ultimi 20 anni, l'umanità ha distrutto oltre due milioni di kmq – il 10% - della natura selvaggia terrestre. Il cambiamento climatico ha “devastato” il 93% della Grande Barriera Corallina. Il mondo è così fottuto che il genio Stephen Hawking di recente ha affermato che “la specie umana non ha futuro se non va nello spazio”.

Ma ora sappiamo davvero, davvero, che siamo nei guai. Lo scienziato Ralph Keeling, che è responsabile del programma di monitoraggio del biossido di carbonio dell'Istituto Scripps di Oceanografia, ha scritto in un blog che “sembra già sicuro dire che non vedremo un valore mensile al di sotto delle 400 ppm quest'anno – o mai più per un futuro indefinibile”.

Analogamente, il capo degli scienziati del clima della NASA Gavin Schmidt ha detto a Climate Central, “Secondo me, non vedremo mai più un mese al di sotto delle 400 ppm”.

Il biossido di carbonio, CO2, è il “gas serra principale che sta contribuendo al recente cambiamento climatico”, secondo la EPA (Environmental Protection Agency). La NASA dice che la temperatura media di superficie del pianeta si è riscaldata di 1°C dall'inizio della Rivoluzione Industriale, a causa del “aumento del biossido di carbonio e di altre emissioni umane in atmosfera”.

Quest'anno è sulla buona strada per essere il più caldo mai registrato —  a seguito di 16 mesi di caldo record di fila, la striscia più lunga che il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) abbia mai registrato nei suoi 137 anni.



Col cambiamento climatico ci sono una sacco di problemi. A causa sua, un quarto delle specie terrestri si potrebbero estinguere entro il 2050. Il cambiamento climatico incasina anche le catene alimentari, come stanno scoprendo nel modo più duro gli orsi polari. Milioni e milioni di persone dovranno spostarsi a causa dell'aumento dei livelli del mare. Gli scienziati stimano che oltre 13 milioni di americani potrebbero doversi spostare per il 2100.

Anche se 400 ppm è più che altro un punto simbolico che un reale punto di non ritorno (per esempio, non c'è una differenza enorme fra 395 e 405 ppm), le scoperte dell'Osservatorio di Mauna Loa alle Hawaii sono preoccupanti perché settembre è tipicamente il punto più basso dell'anno per il biossido di carbonio atmosferico. Keeling ha spiegato, “A novembre, saremo in marcia verso la metà in crescita del ciclo, in direzione di nuovi massimi e forse persino superando la barriera delle 410 ppm”.

Nel 2012, l'Artico ha superato la soglia delle 400 ppm – la prima area a farlo. Negli ultimi anni, l'Antartide è stata la sola stazione di monitoraggio del biossido di carbonio che non ha raggiunto le 400 ppm, ma ha superato quella soglia a giugno – per la prima volta in milioni di anni.
Il lato positivo, immagino, è che questo può essere l'ennesimo motivo per cliccare “Hot in Herre” di Nelly. (Il rapper che ha potuto pagare i propri debiti grazie alla campagna di 'click' sulla sua canzone, ndt).