Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 22 giugno 2016

La produzione di petrolio greggio mondiale: comincia il grande declino?

Da “Peak Oil Barrel” Traduzione di MR

Di Ron Patterson

Sembra che la EIA abbia smesso di pubblicare le sue Statistiche Internazionali sull'Energia. Al loro posto ora pubblicano una versione ridotta sulla loro pagina web Total Energy dal titolo: Tabella 11.1b produzione mondiale di petrolio greggio. Ecco perché pubblicano i numeri di produzione di greggio + condensato di nazioni del Golfo Persico, Paesi selezionati non-OPEC, Totale non-OPEC e Mondo. I “paesi produttori selezionati non-OPEC sono Canada, Cina, Egitto, Messico, Norvegia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti. Hanno appena pubblicato i loro ultimi dati fino a febbraio 2016.


Tutti i dati che seguono sono in migliaia di barili al giorno e fino a febbraio 2016, salvo dove specificato diversamente.



Secondo loro greggio + condensato sono al picco, finora, a novembre del 2015, con 80.630.000 barili al giorno. La produzione di febbraio è stata di 79.653.000 barili al giorno, 977.000 barili al giorno al di sotto del picco. La produzione mondiale di greggio + condensato, dicono, è stato in media di 80.035.000 nel 2015. La media dei primi due mesi del 2016 è stata di 79.102.000 barili al giorno, 102.000 barili al giorno al di sotto della della media del 2015.

Quindi con la produzione mondiale che continua a diminuire, ci sono pochi dubbi che la produzione del 2016 sarà ben al di sotto di quella del 2015.


Secondo loro il non-OPEC ha raggiunto il picco nel marzo del 2015 con 46.504.000 barili al giorno, diminuita a febbraio di 925.000 barili al giorno con 45.579.000.


Pubblicano anche i dati dei membri dell'OPEC, Tabella 11.1a. Il greggio + condensato dell'OPEC non è riuscito a raggiungere il suo picco del 2012 ma ha raggiunto i 34.562.000 barili al giorno nel luglio 2015, ma a febbraio 2016 è sceso di 488.000 barili al giorno con 34.074.000.


Questa è la versione della EIA della produzione canadese. Sembra esattamente che i dati mostrati dal National Energy Board canadese siano di 150.000 barili al giorno in più di quelli dei dati EIA. Ovviamente il Canada conteggia qualcosa che la EIA non conteggia. Pare che la produzione canadese declinerà in modo sostanziale nel 2016. E quegli incendi di maggio non aiutano affatto.


La Cina ha raggiunto il picco. La sola cui si deve ancora rispondere è: quanto sarà rapido il declino?Ci sono diversi articoli sul web sul declino della Cina, ma ma dicono tutti praticamente la stessa cosa.

*La produzione cinese di petrolio greggio di aprile è la più bassa dal luglio 2013

I dati del Dipartimento Nazionale di Statistica pubblicati sabato hanno mostrato che la Cina ha prodotto 16,59 milioni di tonnellate di petrolio greggio lo scorso mese, circa 4,04 milioni di barili al giorno, il tasso più basso dal luglio 2013 su base giornaliera.


L'Egitto è in un lento declino. Ma lo sapiamo da anni.


Il Messico è riuscito a contenere il suo declino per qualche mese, ma la sua produzione ha ricominciato a diminuire.


La Norvegia, che ha prodotto circa 3 milioni di barili al giorno dal 1996 al 2004, ora è scesa a quasi la metà. Ma sono riusciti a fermare il declino nel 2012 e da allora hanno anche aumentato leggermente la loro produzione. E' probabile che continueranno a mantenere questa produzione per almeno un altro anno. Stanno riuscendo a resistere alla tendenza.


Il Regno Unito ha raggiunto il picco solo a poco meno di 3 milioni di barili al giorno nel 1998 e più o meno negli ultime tre anni hanno avuto una media di circa un terso di quella quantità. Ma il Regno Unito è anche riuscito a contenere il proprio declino. Per quanto tempo, non ne ho idea.


La Russia è stata un vero shock. Nessuno, fuori o dentro la Russia, si aspettava che aumentassero la produzione di oltre 200.000 barili al giorno negli ultimi mesi. *La produzione è diminuita del 7% ad aprile secondo il ministero dell'energia russo: *La produzione giornaliera russa è scesa ad aprile. La mia proiezione qui sopra è stata fatto usando il cambiamento medio della produzione dei dati del ministero dell'energia.

Ognuno ha un'opinione diversa su cosa aspettarsi dalla Russia il prossimo anno. Tutti ora si aspettano che la produzione aumenti leggermente quest'anno. Dico adesso perché tutti avevano un'opinione diversa pochi mesi fa. Ma...

I livelli di produzione di greggio della Russia sorprenderanno ancora?



Gli Stati Uniti sono, naturalmente, una parte grande di quanto sta succedendo alla produzione mondiale di petrolio e continueranno a giocare una parte importante. Penso che la produzione degli Stati Uniti si stabilizzerà poi aumenterà leggermente. Ma i tempi del boom portati dal costoso scisto sono finiti.


L'Iran è la ragione principale per cui il declino indotto dal prezzo non è diventato evidente.
In conclusione: nonostante il recente aumento della produzione russa così come il leggero aumento del Mare del Nord, nonostante il drammatico aumento di produzione dell'Iran dovuto all'alleggerimento delle sanzioni, la produzione mondiale di petrolio greggio è in declino. E mentre è vero che gran parte di questo declino è dovuto al crash del prezzo, rimane da vedere quanta produzione riprenderà quando il prezzo ritorni a... a... ovunque torni prima che si fermi.

Ma... il declino e solo iniziato. Il collasso del prezzo ha causato un plateau nella produzione mondiale di petrolio che è iniziato circa a marzo del 2015. Tuttavia, il declino non è realmente iniziato fino a gennaio 2016. Il drammatico aumento della produzione dell'Iran ha impedito al declino di divenire ovvio per tutti. Tuttavia, quando arrivano i dati di produzione di maggio, penso che diventerà evidente per tutti.