Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 22 marzo 2016

Vivere tempi interessanti: le emissioni di CO2 hanno raggiunto il picco?

Da “Cassandra's Legacy”. Traduzione di MR





Di Ugo Bardi 

Le proiezioni che stavano circolando durante gli ultimi mesi si sono rivelate corrette. Ora è ufficiale: le emissioni globali di biossido di carbonio (CO2) hanno raggiunto un picco nel 2014 e sono scese nel 2015. E potrebbe trattarsi di un cambiamento epocale.

Non pensate che il picco delle emissioni, da solo, ci salvi dall'imminente disastro climatico, ma se le emissioni di CO2 cominceranno un declino irreversibile, abbiamo bisogno di ripensare diverse ipotesi che abbiamo fatto su come affrontare il cambiamento climatico. In particolare l'esaurimento dei fossili, che di solito solito viene ritenuto un fattore minore nel determinare la traiettoria dell'economia mondiale durante i prossimi decenni; ma potrebbe non essere così. L'esaurimento non è una cosa buona in sé, ma potrebbe aiutarci (forse) a restare entro i limiti “sicuri” ed evitare un disastro climatico.


Le emissioni di CO2 sono principalmente il risultato della combustione di combustibili fossili e di attività rese possibili dalla combustione di combustibili fossili. E siccome pensiamo che la produzione di combustibili fossili raggiunga il picco e declini in conseguenza all'esaurimento, non dovrebbe essere una sorpresa che le emissioni di CO2 dovrebbero a loro volta raggiungere il picco. Ma è sorprendente il fatto che potremmo già vedere il picco. Per esempio, Laherrere aveva ipotizzato che il picco di tutti i combustibili fossili non sarebbe avvenuto prima del 2025. E molte persone avrebbero visto queste previsioni come incredibilmente catastrofiste. Gran parte degli scenari pubblicati per il futuro vedevano le emissioni di CO2 aumentare per almeno qualche decennio in futuro, a meno che non si fossero prese misure economiche o legislative draconiane per limitarle.

Così, ciò che stiamo vedendo potrebbe essere semplicemente una fluttuazione, non necessariamente “il picco”. Ma potrebbe anche essere quello vero: il punto di non ritorno. Da adesso in avanti, potremmo trovarci a rotolare dall'altra parte della curva di Hubbert. Sarebbe la vera vendetta dello scenario “caso base” di LTG che aveva visto la combinazione dell'esaurimento graduale e dell'inquinamento come la causa dell'inizio del declino terminale del sistema industriale basato sui fossili ad un certo punto durante il secondo o terzo decennio del XXI secolo.

Ipotizziamo di trovarci veramente al picco sia delle emissioni sia del consumo di energia fossile, cosa succede adesso? Per prima cosa, l'evento verrebbe sicuramente male interpretato. I tecno ottimisti diranno che ciò che stiamo vedendo è la prova che l'ingegno umano può risolvere tutti i problemi mentre la folla degli anti-scienza saluteranno questi risultati come la prova di due cose: 1) il clima non è niente di cui preoccuparsi e 2) che si è dimostrato che quegli stupidi scienziati del clima avevano torto ancora una volta.

Naturalmente, nessuna di queste interpretazioni è corretta e la situazione rimane critica per diverse buone ragioni. Posso elencarne almeno tre:

1. Non c'è davvero nessuna ragione di compiacersi di essere tanto intelligenti. La riduzione delle emissioni potrebbe essere parzialmente dovuta ad una migliore efficienza, all'energia rinnovabile e cose simili. Ma, principalmente, è il risultato del rallentamento dell'economia globale. I dati del FMI indicano che il PIL mondiale ha raggiunto il picco nel 2014, insieme alle emissioni di CO2 e nel 2016 potrebbe contrarsi ancora di più (vedete anche Tyler Durden). Le ragioni di tutto questo hanno a che fare col graduale declino del rendimento energetico dei combustibili fossili, a sua volta collegato all'esaurimento progressivo. Questo ha generato il disastro che ha colpito l'industria petrolifera e l'intera industria mineraria sotto forma di collasso dei prezzi. Col declino dell'industria estrattiva, la ragione per cui le emissioni hanno raggiunto il picco è che le persone sono più povere, non più intelligenti (alla faccia della cosiddetta “dematerializzazione” dell'economia).

2. Il fatto che le emissioni potrebbero aver raggiunto il picco non significa una riduzione nell'accumulo di CO2 nell'ecosistema. Stiamo solo rallentando il flusso, ma le riserve continuano ad essere riempite. Il CO2 si accumula in due bacini principali: l'atmosfera e gli oceani e potrebbe essercene già troppo in entrambi. E questo non dice nulla sui possibili effetti di retroazione al di fuori del controllo umano, come il rilascio di metano dagli idrati. Quindi stiamo ancora rischiando molto in termini di cose molto spiacevoli che potrebbero accadere in futuro (compreso un cambiamento climatico fuori controllo).

3. Anche ipotizzando che le emissioni siano di fronte ad un declino irreversibile, è probabile che il tasso di declino sia ancora troppo lento per restare entro i limiti che sono percepiti come (forse) sicuri. Ipotizziamo che le emissioni seguiranno una curva tipo Hubbert, cioè che scenderanno alla stessa velocità con cui sono salite finora. Ciò significa che in futuro emetteremo approssimativamente quanto abbiamo emesso fino ad oggi. Questo ci può salvare da un cambiamento climatico catastrofico? Non proprio. Finora abbiamo emesso un totale complessivo di 1.465 gigatonnellate (Gt) di CO2 che potrebbe essere la quantità che emetteremo in futuro. Sfortunatamente, secondo Meinshausen et al, per avere un 25% di probabilità di restare al di sotto dei 2°C di limite, non possiamo emettere più di circa 1.000 Gt di CO2. E non ci siamo. Secondo  Meisenhausen, con 1.500 GT di CO2 emessa, ci troviamo quasi esattamente ad una probabilità del 50% di restare al di sotto dei 2°C. Se il vostro hobby è quello di giocare alla roulette russa con una pistola vera, vi dovrebbe piacere la situazione in cui ci troviamo.

Eppure, il possibile picco delle emissioni di CO2, anche se non sufficiente a salvarci, potrebbe non essere una cosa brutta visto che, perlomeno, rende più facile il compito di restare entro i limiti di sicurezza. E non solo quello. Questi nuovi dati ci portano a ripensare alcuni degli assunti radicati. Finora, abbiamo ipotizzato che sarà necessario un sforzo erculeo per costringere il sistema economico a smettere di usare risorse che si pensava fossero abbondanti ed economiche. Così erculeo che sembrava essere totalmente impossibile. Ma, se ci troviamo davvero al picco dei fossili, lo sforzo necessario potrebbe essere molto meno erculeo: l'esaurimento ci aiuterà molto (perlomeno in un certo senso, anche se non sarà un aiuto piacevole). A questo punto, l'enfasi dovrebbe passare dalla “esclusione” dei combustibili fossili – che se ne andranno in gran parte da soli – alla “inclusione” delle rinnovabili – che ha bisogno di uno sforzo specifico. E se vogliamo includere le rinnovabili dobbiamo farlo prima che il collasso dell'industria dei combustibili fossili renda impossibile investire a sufficienza nel loro sviluppo.

Infine, c'è un'altra possibilità interessante (nel senso dell'antica maledizione cinese: 'possa tu vivere tempi interessanti'). Il declino potrebbe non seguire una curva di Hubbert ma, piuttosto, una curva di Seneca. Cioè, le emissioni potrebbero declinare più rapidamente di quanto sono cresciute in passato. Ciò comporta, naturalmente, un collasso parallelo della produzione di combustibili fossili e del PIL mondiale. Il conseguente collasso economico potrebbe mantenerci entro i limiti climatici “sicuri”. Questo sarebbe così terribile  da essere quasi inimmaginabile ma, perlomeno, meglio di alcuni orribili scenari climatici. E, perché no, potremmo avere sia il collasso dell'economia sia il cambiamento climatico fuori controllo! (Non solo fuoco o ghiaccio, ma fuoco e ghiaccio).

Davvero, viviamo in tempi interessanti.



_______________________________________

Nota: da alcuni messaggi che ho ricevuto, sembra che molte persone trovino che il mero concetto che il PIl mondiale possa declinare sia impensabile e contrario ad alcuni principi universali. Eppure, sembra proprio che si stia contraendo, almeno secondo alcuni dati. Vedete questo grafico da Vox .