Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 25 gennaio 2015

Gli oceani si stanno scaldando sempre più in fretta

Da “The Guardian”. Traduzione di MR

Il NOAA ha dovuto riportare di nuovo in scala il suo grafico del calore oceanico per includervi il riscaldamento dell'oceano





Dati del contenuto di calore dell'oceano fino ad una profondità di 2.000 metri, dal NOAA.

Di John Abraham

Wow, questo è stato un brutto anno per coloro che negano la realtà e il significato del cambiamento climatico antropogenico. Naturalmente, c'è stata la recente raffica di rapporti sul fatto che le temperature di superficie avevano raggiunto i loro valori più alti mai registrati. Il record del 2014 è stato dichiarato per la prima volta su questo blog a dicembre e i risultati finali sono stati riportati a loro volta qui. Tutto ciò è successo in un anno che i negazionisti ci avevano detto non sarebbe stato molto caldo.

Ma quei negazionisti stanno passando un momento difficile ora mentre cercano una QUALSIASI prova sul pianeta che il cambiamento climatico non stia avvenendo. Il problema è che stanno calciando la palla fuori dai pali.

E proprio di recente è uscita l'informazione forse più importante sul 2014 – quanto si è veramente riscaldata la Terra. Ciò che troviamo è che il riscaldamento è così grande che il NOAA ha dovuto letteralmente rifare i suoi grafici. Lasciate un po' che vi spieghi.



Tendiamo a concentrarci sulla temperatura globale media che è la media delle temperature dell'aria vicino alla superficie (del mare o della terraferma). Lo scorso anno, le temperature globali dell'aria sono state da record. Ma questo non definisce il riscaldamento globale. Il riscaldamento globale è opportunamente visto come la quantità di calore contenuto all'interno de sistema energetico terrestre. Così, le temperature dell'aria potrebbero salire e scendere in ogni particolare anno mentre l'energia si sposta verso o dall'aria (principalmente dall'oceano). Ciò che vogliamo veramente sapere è: l'energia della Terra è salita o scesa?

Il trucco per rispondere a questa domanda è misurare il cambiamento di energia negli oceani. Un'esame approfondito dei metodi di misurazione del calore dell'oceano si trova qui; abbiamo pagato la tassa necessaria per rendere accessibile il saggio. Tutti possono scaricarlo e leggerlo. Quindi, cosa mostrano i nuovi dati? Be' risulta che l'energia immagazzinata nell'oceano (che costituisce il 90% o più del calore totale del “riscaldamento globale”) è aumentata significativamente. Sopra è mostrato un grafico del NOAA. Si può vedere che l'ultima parte dei dati è letteralmente fuori dal grafico. La gente del NOAA fanno un gran lavoro nell'aggiornare questo grafico ogni tre mesi circa. Ora possiamo dire che nel 2014 la Terra ha avuto più calore (energia termica) di qualsiasi altro anno registrato dagli esseri umani.

Possiamo anche dire che quelli del NOAA dovranno probabilmente riportare in scala il loro grafico per includere nuovi dati. Il sito del NOAA viene aggiornato dal dottor Tim Boyer si può trovare qui. Cliccate sulla seconda slide per vedere l'immagine rilevante.

Se le persone vogliono leggere una rassegna sul riscaldamento dell'oceano scritta per un pubblico generico, suggerisco il nostro recente saggio peer-reviewed che potete trovare qui. Quindi, quando guardiamo la 2014 e alle registrazioni riportate, ciò ci dà una pausa della cosiddetta pausa (h/t a Greg Laden per questa frase). Alcune persone hanno provato a raccontarci che il riscaldamento globale aveva avuto una “pausa”, che era finito  nel 1998 o che gli ultimi 15 anni circa non avevano visto un cambiamento nell'energia della Terra. Questi dati sul riscaldamento dell'oceano sono il più chiaro chiodo nella bara. Non c'è mai stata una pausa nel riscaldamento globale, non c'è mai stato uno stop e le persone che hanno cercato di raccontarci che c'è stata sono state... be', lascio decidere voi. Per me, i fatti parlano da soli.