Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 24 dicembre 2014

Il 2014 sarà l'anno più caldo mai registrato

DaThe Guardian”. Traduzione di MR

Secondo i dati del NOAA, è certo che il 2014 stabilisca il nuovo record di temperatura



Di John Abraham 

Per quelli di noi che sono fissati sul fatto che il 2014 sarà o meno l'anno più caldo mai registrato, i risultati sono arrivati. Perlomeno sappiamo abbastanza da poterlo dichiarare. Secondo i dati globali del NOAA, il 2014 sarà l'anno più caldo mai registrato. Posso pronunciarmi anche prima della fine dell'anno perché ogni mese raccolgo le temperature medie globali. Finora, dicembre sta navigando di 0,5°C al di sopra della media. I modelli climatici e meteorologici prevedono che la prossima settimana sarà di circa 0,75°C al di sopra della media. Questo significa che dicembre si rivelerà di circa ',6°C al di sopra della media. Questi valori quotidiani sono precisi? Be', negli ultimi due mesi sono stati entro gli 0,05°C di tolleranza rispetto ai risultati finali ufficiali. Che cosa significa tutto questo? Be', se unisco i dati di dicembre con quelli da inizio anno ufficialmente riportati, prevedo che l'anomalia della temperatura annuale sarà di 0,674°C. Questo batte il precedente record di 0,024°C. E' un grande margine in termini di temperature globali. Per coloro di noi che non sono fissati col fatto che ogni singolo anno costituisca un record, ma che sono preoccupati delle tendenze, quest'anno è comunque molto importante. In particolare perché secondo coloro che negano la fisica fondamentale e la comprensione del cambiamento climatico, quest'anno non avrebbe dovuto essere particolarmente caldo.

Per coloro che pensavano che il cambiamento climatico fosse “naturale” e alimentato dalle correnti oceaniche, questo è stato un anno difficile. Per esempio, usando gli standard del NOAA, quest'anno non ha avuto nemmeno un El Niño. Il NOAA definisce un El Niño come 5 priodi di 3 mesi continui e sovrapposti in cui una particolare regione del Pacifico ha delle temperature elevate di più di 0,50°C. La cosa interessante è che ci troviamo vicini ad un El Niño e, se gli attuali modelli continuano per qualche altra settimana, sarà annunciato un El Niño. Ma non è ancora accaduto e se arriva un El Niño, questo condizionerà il prossimo anno più di quello passato. Come è possibile che si sia verificato l'anno più caldo allora, quando le carte non giocavano a suo favore? La risposta ovvia e corretta a causa delle continue emissioni di gas serra. Mentre scrivo questo post, sto partecipando ad una delle prime conferenze di scienze della Terra, l'Incontro d'Autunno AGU, che si tiene ogni dicembre a San Francisco. Migliaia di scienziati, compreso un gran numero di scienziati del clima, si incontrano, presentano e condividono le ultime ricerche sul nostro pianeta. Qui, fra gli esperti, c'è un po' di fissazione sui dati.

Dall'altra parte però, c'è stata poca fissazione sul cosiddetto “arresto” del riscaldamento globale che i negazionisti della scienza del clima hanno strombazzato negli ultimi anni. Gli ultimi dati dipingono un quadro chiaro. La Terra si sta scaldando. Gli oceani si stanno scaldando, la terraferma si sta scaldando, l'atmosfera si sta scaldando, il ghiaccio fonde e il livello del mare sale. Questi negazionisti della scienza del clima hanno avuto un anno difficile. E' stato mostrato che in molti casi la loro scienza è in errore e la loro comprensione del clima terrestre difettosa. Questa temperatura record, secondo il NOAA, ha reso la loro vita ancora più difficile. Il cosiddetto “arresto” del riscaldamento globale non è mai stato vero sin dall'inizio, come ho scritto di recente. Ma ora, non si può più affermare che il riscaldamento globale si sia fermato rimanendo seri. Naturalmente, i negazionisti della scienza cercheranno qualcos'altro per tentare di gettare il dubbio sul concetto di riscaldamento globale. Qualsiasi cosa sceglieranno si dimostrerà sbagliata. Lo è sempre. Ma forse possiamo usare il 2014 come opportunità per imparare. Speriamo che nessuno si faccia ingannare la prossima volta che verranno fatte affermazioni fantasiose sulla morte del cambiamento climatico.