Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 24 marzo 2014

Il riscaldamento globale si auto-rinforza

Da “Common dreams”. Traduzione di MR

Circolo vizioso: la quantità di riscaldamento coinvolto nella perdita di ghiaccio dell'Artico ora ammonta a circa un quarto di tutto il riscaldamento. 

Di Jacob Chamberlain


Ghiaccio marino dell'Artico che fonde (Foto: Ian Joughin / Fonte: LiveScience)

Una delle difese fondamentali della natura contro il riscaldamento globale – la riflessione dei raggi solari dalla Terra da parte del ghiaccio marino dell'Artico – è vittima del... riscaldamento globale. E, secondo uno studio pubblicato lunedì, l'anello di retroazione malefico è peggiore di quanto si pensasse. La nuova ricerca, pubblicata negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, mostra che la capacità del ghiaccio artico di riflettere la luce del Sole – conosciuta scientificamente come albedo – è diminuita drammaticamente dal 1979, con i calcoli che mostrano la capacità della regione di riflettere la luce solare ridotta di più del doppio di quanto hanno mostrato studi precedenti. Quando una quantità minore di raggi solari viene riflessa verso lo spazio, l'oceano aperto assorbe più calore, portando ad una ulteriore fusione di ghiaccio nella regione. Il problema si auto alimenta ed è fonte di grande preoccupazione per gli scienziati e per coloro che sono preoccupati dal cambiamento climatico.

“E' una cosa grossa – inaspettatamente grossa”, ha detto l'autore principale dello studio Ian Eisenman, uno scienziato del clima dell'istituzione Scripps di Oceanografia in California, sul tasso di perdita. “Il ritiro del ghiaccio marino dell'Artico è stato un attore importante nel riscaldamento globale che abbiamo osservato negli ultimi decenni”. E Mark Flanner, un ricercatore climatico all'Università del Michigan, ha detto al New Scientist che lo studio “riafferma che la retroazione dell'albedo è un potente amplificatore del cambiamento climatico, forse anche di più di quanto simulato dall'attuale generazione di modelli climatici”. Il rapporto è il primo che usa misurazioni satellitari che risalgono al 1979 per valutare la diminuzione della riflessione della luce solare nella regione. La quantità di riscaldamento dell'Artico causata da questo fenomeno ora ammonta a circa un quarto del riscaldamento totale causato dall'effetto serra, hanno detto i ricercatori. “Fondamentalmente, questo significa più riscaldamento”, ha detto Eisenman.

Dallo studio:


Il ritiro del ghiaccio marino dell'Artico è stato uno dei cambiamenti climatici più drammatici degli ultimi decenni. Circa 50 anni fa era stato previsto che un inscurimento dell'Artico associato alla scomparsa del ghiaccio sarebbe stata una conseguenza del riscaldamento globale. Usando le misurazioni satellitari, questa analisi quantifica direttamente quanto l'Artico si sia inscurito visto dallo spazio in risposta al recente ritiro del ghiaccio marino. Pensiamo che questo declino abbia causato 6,4 ± 0.9 W/m2 di riscaldamento radiativo dal 1979, considerevolmente maggiore delle aspettative dei modelli e delle recenti stime dirette. In media, a livello globale, questo cambiamento dell'albedo equivale al 25% della forzante diretta del CO2 durante gli ultimi 30 anni.