Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 10 ottobre 2012

I Pozzi Petroliferi sono dei Rivali Assetati per le Fattorie dell'Ovest


Di Jack Healy

Dal “New York Times”. Traduzione di Massimiliano Rupalti









Foto: Matthew Staver per The New York Times

Bob Bellis ha riempito la sua cisterna ad un idrante a Greeley, in Colorado, ad agosto, per rifornire un pozzo di perforazione. I contratti di cessione con le compagnie petrolifere sono degli introiti importanti per le città

Greeley, Colorado – Una nuova competizione per l'acqua sta emergendo in questa terra bruciata dalla siccità, una competizione che oppone gli agricoltori agli interessi del  petrolio e del gas, guidati dalle nuove tecniche di perforazione che usano potenti getti d'acqua , sabbia e sostanze chimiche per rompere il terreno e rilasciare riserve di petrolio e gas. Uno solo di questi pozzi può richiedere 5 milioni di galloni di acqua e le compagnie energetiche si stanno accalcando alle aste dell'acqua, ai laghetti di campagna, ai fossati di irrigazione e agli idranti antincendio pubblici per avere ciò che serve loro.

Questa sete sta aiutando a condurre una esplosione di produzione di petrolio qui, ma sta anche complicando la lunga ed emozionante lotta fra chi beve e chi no nell'arido e in rapida espansione West. I contadini e gli attivisti ambientalisti dicono di essere preoccupati che le  ricche compagnie energetiche acquisiranno forniture d'acqua, sempre più scarsa, perforando sempre più in profondità nuovi pozzi dove viene usata la tecnica del fracking. E questa estate che ha battuto ogni record di siccità, e che ha prosciugato pozzi e rovinato i raccolti, non ha che amplificato tali preoccupazioni.

“Non è una guerra ad armi pari”, dice Peter V. Anderson, che coltiva alfa alfa nelle pianure riarse del Colorado orientale. “Non credo che nella realtà i contadini possano competere con le compagnie del petrolio e del gas per l'acqua. I loro guadagni sono dannatamente più alti dei nostri”. Ma i funzionari dell'industria dicono che i contestatori esagerano gli effetti sulle forniture idriche.

I produttori di energia non si accaparrano – non possono – i diritti ai corsi d'acqua ed ai pozzi a spese dei contadini o dei proprietari di case. Per riempire le loro autobotti, affittano l'acqua in eccesso delle città o comprano acque reflue trattate che sarebbero altrimenti ributtate nei fiumi. In altri casi, comprano i diritti direttamente dai contadini o da altri utenti – un processo che in Colorado richiede l'approvazione della Corte. “Questo è un uso importante della nostra acqua – produrre energia che è il fondamento di tutto quello che facciamo”, ha detto Tisha Schuller, presidente della Colorado Oil & Gas Association. “Pensate ai grandi utilizzatori di acqua: agricoltura, sviluppo industriale. Tutte queste cose richiedono energia”.

In anni normali, i contadini ed i rancher come il Sig. Anderson dicono di pagare 30 dollari per un “Acro piede” (Acre Foot) d'acqua, che corrisponde a circa 326.000 galloni, un prezzo che può arrivare a 100 dollari quando l'acqua è scarsa. Ora le compagnie del petrolio e del gas stanno pagando, in parte del Colorado, qualcosa come da 1.000 a 2000 dollari per la stessa quantità di acqua trattata proveniente dalle condutture cittadine.

Quei soldi possono essere una benedizione per i servizi pubblici locali allo stremo e per i dipartimenti dell'acqua, ma i contadini dicono che non c'è modo in cui possano permettersi tali cifre. “Non saremo in grado di coltivare il cibo di cui abbiamo bisogno”, ha detto Ben Rainbolt, direttore esecutivo della Rocky Mountain Farmers Union. “Come potremo produrlo con meno acqua?” In primavera, durante un'asta annuale per le eccedenze di acqua nel Colorado del nord, il Sig. Anderson ed un pugno di altri contadini sono stati battuti dai camionisti che fornivano i pozzi del fracking. Anche se il Sig. Anderson alla fine ha ottenuto l'acqua di cui aveva bisogno, come hanno stabilito le offerte alla fine dell'asta, la sola ombra dei produttori energetici all'asta ha dato un accenno della loro presenza crescente nella corsa all'acqua dell'Ovest.

“Le compagnie energetiche si stanno muovendo rapidamente per consolidare le forniture”, ha detto Reagan Waskom, direttrice dell'Istituto per l'Acqua del Colorado all'Università di Stato del Colorado. “La troveranno e la pagheranno quello che hanno bisogno di pagarla, e questo è di un'ordine di grandezza superiore a quanto i produttori agricoli possano permettersi di pagare. Ciò cambia tutta la questione”.

La compagnie del petrolio e del gas stimano che useranno circa 6,5 galloni di acqua in Colorado quest'anno e quella cifra costituisce solo lo 0,1% dell'uso complessivo di acqua, secondo i dati dello stato. Il loro consumo rappresenta più acqua di quanta se ne consumi per innevare artificialmente le piste da sci o per mantenere versi i campi da golf presenti nello stato. Ma ciò è irrisorio in confronto al diluvio necessario per l'irrigazione e l'agricoltura, che conta per l'85,5% dell'uso d'acqua del Colorado.

Tuttavia, l'industria sta crescendo rapidamente. La Commissione per il Petrolio ed il Gas del Colorado stima che il fabbisogno d'acqua per il petrolio ed il gas nello Stato crescerà del 16% nei prossimi 3 anni. “I soldi fanno scorrere l'acqua all'insù” ha detto Mike Chiropolos, un avvocato della Western Resource Advocates, un gruppo ambientalista che ha sede a Boulder. “Sta solo diventando più preziosa e più scarsa”.

In giugno, il gruppo ha pubblicato uno studio che il Colorado di sottostimare la quantità d'acqua usata per il la fratturazione idraulica, nota anche come fracking, dicendo che le cifre vere stanno fra i 7,2 e i 13 miliardi di galloni all'anno – abbastanza per approvvigionare 296.100 persone. Nonostante la siccità e le preoccupazioni circa le forniture idriche, diverse città – e persino contadini con disponibilità d'acqua – si stanno delineando come venditori ansiosi.

In luglio, dopo aver ricevuto proposte da diverse compagnie energetiche, Aurora, un sobborgo di Denver, ha approvato un accordo da 9,5 milioni di dollari per cedere 2,4 milioni di galloni d'acqua corrente alla Anadarko Petroluem Corporation in 5 anni. Questa non proveniva da forniture potabili. Era acqua in eccedenza che “non potevamo captare, immagazzinare, insomma non ne facevamo niente”, ha detto Greg Baker, un portavoce del dipartimento per l'acqua della città.

Ma l'accordo – il primo di questo tipo ad Aurora – ha provocato dure proteste da parte di chi si oppone al fracking. I contrari hanno detto che l'accordo con Anadarko dirotterebbe acqua che sarebbe giunta ad altri utenti lungo il fiume South Platte e l'avrebbe spedita lontana dalla comunità. Molly Markert, una consigliera della città che ha votato contro la cessione, ha detto che era a disagio nel vendere acqua pubblica alle compagnie energetiche.

“Non sono una sostenitrice del fracking”, ha detto la Sig.ra Markert. “Non voglio favorirli”. Per anni, Greeley ha ceduto le sue eccedenze d'acqua ai contadini, alle compagnie di costruzione e ad altri. Nel 2008, le compagnie del petrolio e del gas hanno iniziato a fare delle offerte, ha detto Jon Monson il direttore delle acque e delle fognature della città. Gran parte dell'acqua va ancora all'agricoltura, ma la città ha affittato 1.300 acri alle compagnie energetiche lo scorso anno e sta per affittarne altri 1.800 acri quast'anno, qualcosa come 586 milioni di galloni.

E' un tornaconto favorevole per la città: i contadini pagano 30 dollari ad acro. Le compagnie del petrolio e del gas ne pagano 3.300, il che farà incamerare al dipartimento delle acque della città da 4 a 5 milioni di dollari quest'anno. Essendo l'acqua così preziosa,  Kreg Edrington, 26 anni, poche mattine fa, si è collegato con la sua autocisterna da una bocchetta antincendio a Greeley ed ha aperto la valvola. Come una mandria di elefanti assetati, le autocisterne hanno cominciato a mettersi in coda per riempire le loro pance d'acciaio. In meno di 15 minuti, l'autocisterna del Sig. Edrington ricolmo di acqua della città in cessione ed era pronto a fare il suo giro su strade sterrate verso un sito di perforazione, dove avrebbe svuotato la cisterna per poi tornare a prendere altra acqua.

“Questo è quanto”, ha detto “Ora me ne vado”.