Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 20 agosto 2011

Clima: responsabilità e conversione


E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all'improvviso lo avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno. Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda. »   (Atti 9,1-9)
(immagine: La conversione di San Paolo, di Caravaggio)


Il dibattito sul clima non è un dibattito. E' uno scontro di visioni del mondo. Non si può uscirne passo dopo passo, non c'è una posizione intermedia. O uno crede alla scienza, oppure crede che la scienza sia un imbroglio e gli scienziati dei criminali. E' possibile, però, "convertirsi," un po' come è successo a Paolo di Tarso, fulminato sulla via di Damasco. 

Negli ultimi tempi, ci sono state molteplici "conversioni" di persone abbastanza note che sono passate dallo scetticismo alla comprensione, fra gli altri Mitt Romney, possibile candidato repubblicano alle prossime elezioni presidenziali. Non pretendo di listarli tutti, vi cito solo un paio di esempi di persone che hanno descritto con qualche dettaglio il loro percorso per arrivare alla conversione.


Il primo esempio è D.R. Tucker, blogger repubblicano che ha descritta nel suo blog.

http://climatecrocks.com/2011/07/18/confessions-of-a-climate-change-convert/

e Michael Stafford, un altro blogger conservatore americano, che l'ha descritta qui.

http://www.townsquaredelaware.com/my-road-to-damascus-coming-to-terms-with-global-climate-change/

Tutti e due riferiscono di essere stati "sconfitti dai fatti", di essersi convinti leggendo il rapporto IPCC del 2007 (Tucker) e dal rapporto della NAS del 2010 (Stafford).

In realtà, questa è probabilmente una razionalizzazione a posteriori per entrambi. Nella maggior parte dei casi, i neghisti si chiudono a riccio nella loro visione e si rifiutano di considerare i fatti. Ma è anche vero che i fatti sono un po' come l'acqua che erode piano piano le fondamenta di un edificio; molte costruzioni anti-scientifiche sembrano solide viste dall'esterno, ma possono crollare all'improvviso.

Stafford, in effetti, menziona esplicitamente la conversione di San Paolo nel suo blog e parla del dovere morale di prendere una posizione a proposito del riscaldamento globale. Evidentemente una persona di fede, cita la posizione della chiesa cattolica sul problema e conclude dicendo:

Affrontare il riscaldamento globale antropogenico (AGW) oggi è un imperativo etico e morale. Non farlo vuol dire ripudiare le nostre responsabilità verso gli altri, verso i poveri e, soprattutto, verso le future generazioni. E' un fallimento di enorme portata della fede, della fiducia e del nostro dovere. 

Insomma, non è tanto una questione di dati, quanto una questione di responsabilità. E non c'è un uomo o una donna che sia così chiuso nella sua bolla di rifiuto della realtà da non riuscire a sentire questa responsabilità. Certo, è soffocata dall'infinito rumore delle sciocchezze che ci raccontano tutti i giorni. Ma, forse, basta stare in silenzio per un po' per ritrovare la strada giusta.