Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 15 aprile 2011

Fracking gas: un'altra tegola che ci arriva sulla testa


e fai ancora più danni all'atmosfera......



Del "fracking gas" detto anche "non convenzionale" oppure "shale gas" avrete certamente sentito nominare. E' descritto come l'ultima meraviglia che la tecnologia di estrazione ci regala - un vero oceano di gas che ci farà nuotare nell'abbondanza per decenni.

Come sempre, un certo scetticismo è di rigore di fronte ai grandi proclami di abbondanza. Lo faceva correttamente notare, fra gli altri, Massimo Nicolazzi su ASPO-Italia. Il gas non convenzionale potrebbe non essere così abbondante come ci raccontano e, soprattutto, la sua estrazione è costosa.

Ma non c'è dubbio che lo "shale gas" esiste e, se uno è in grado di pagare i costi di estrazione, ne può ricavare una boccata di energia in un momento di necessità quasi disperata. E' quello che sta succedendo negli Stati Uniti, dove la produzione di gas naturale ha ripreso fiato dopo un periodo di declino ed è attualmente ai massimi storici.

Il problema è un altro: è un problema ambientale. Ed è qui che ci arriva la classica tegola sulla testa. Un recente studio della Cornell University, descritto in dettaglio sul sito della BBC, è arrivato a delle conclusioni agghiaccianti in termini di effetti sul clima. ("agghiaccianti" forse non è la parola appropriata parlando di riscaldamento globale; qui sarebbe il caso di dire "ustionanti")

Estrarre lo shale gas richiede processi complessi di fratturazione della roccia mediante iniezioni di acqua ad alta pressione e di altre sostanze. Questo non è soltanto costoso, ma anche inefficiente nel senso che l'operazione rilascia quantità di gas metano importanti nell'atmosfera. Ne rilascia molto di più di quanto non faccia l'estrazione del gas "convenzionale" dove si va semplicemente a estrarre da un deposito sotto pressione.

Il metano, come si sa, è un gas serra molto più potente del biossido di carbonio. Col tempo si trasforma in biossido di carbonio  e come risultato la sua azione di "forcing" climatico scende col tempo; ma non va mai a zero. Secondo i ricercatori di Cornell, tenendo conto delle perdite nell'operazione di estrazione, il danno climatico fatto dal fracking gas è superiore a quello fatto dal carbone a parità di energia generata su una scala di tempo anche fino a 100 anni.

Si sta avverando la previsione peggiore, ovvero che la carenza di combustibili fossili non riduce le emissioni di gas serra. Al contrario, può anche peggiorare le cose, dato che ci stiamo riducendo ad attaccarci a risorse difficili e costose che fanno più danni all'atmosfera a parità di energia generata. (vedi anche questo articolo di Luca Chiari e Antonio Zecca)

In sostanza, un'altra bella tegola sulla testa che ci arriva in un momento diffficilissimo in cui la propaganda anti-scienza è ancora in grado di bloccare ogni iniziativa per ridurre le emissioni. L'unica speranza è premere al massimo sulle rinnovabili. Ci potremo liberare di questa robaccia soltanto se riusciamo a renderla non economica sul mercato.

Nota: l'articolo originale di Robert Howarth non sembra essere accessibile sul sito della rivista "Climatic Change" ma lo si può trovare qui (ringrazio Hydraulics per la segnalazione). Per una discussione più approfondita sulla questione dello shale gas, vedi il mio articolo sul blog Cassandra's legacy