martedì 17 agosto 2021

Afghanistan: il crepuscolo dell'Impero Globale

 

 


Afghanistan: una macchia di terra frastagliata più o meno al centro della massa dell'Eurasia e dell'Africa. Per un paio di secoli ha respinto le invasioni dei più grandi imperi della storia moderna: Gran Bretagna, Unione Sovietica e ora Stati Uniti. È possibile fare un'ipotesi plausibile su cosa abbia portato gli Stati Uniti a invadere l'Afghanistan nel 2001 (petrolio, cos'altro?), ma ora il tempo dell'espansione per l'Impero Globale è finito. Stiamo entrando nella zona del crepuscolo che tutti gli imperi tendono a raggiungere e mantenere per un breve periodo prima del loro crollo finale.


Da "The Seneca Effect" 24 Luglio 2021

di Ugo Bardi

 

Nel 117 d.C., l'imperatore Traiano morì dopo aver ampliato l'Impero Romano alla più grande estensione che avrebbe mai avuto. Fu allo stesso tempo un trionfo militare e un disastro economico. Le casse dello stato erano quasi vuote, la produzione delle miniere era in declino, l'esercito era a corto di uomini e nelle province crescevano disordini. Il successore di Traiano, Adriano, fece del suo meglio per salvare la situazione (*). Abbandonò i territori che non potevano essere mantenuti, sedò i disordini interni, diresse le risorse rimanenti per costruire fortificazioni ai confini dell'Impero. Fu una strategia vincente e il risultato fu circa un secolo di " Pax Romana " . Fu il crepuscolo dell'Impero Romano, un secolo circa di relativa pace che precedette la discesa finale.

Tutti gli imperi nella storia tendono a seguire percorsi simili. Non che gli imperi siano intelligenti, sono dei puri olobionti virtuali quasi puri e tendono a reagire alle perturbazioni cercando di mantenere la loro omeostasi interna. In altre parole, hanno poca o nessuna capacità di pianificare il futuro. Tuttavia, sono dotati di un certo grado di "intelligenza di gruppo" e possono essere in grado di prendere la strada giusta per tentativi ed errori. A volte il processo è facilitato da un decisore intelligente al vertice. Possiamo attribuire il periodo della Pax Romana alle decisioni di Adriano e dei suoi successori ma, più probabilmente, l'Impero Romano seguì semplicemente la strada che doveva seguire,

L'impero attuale, quello occidentale (o globale) potrebbe entrare in un simile periodo di ridimensionamento e stabilizzazione: una Pax Americana. Ho notato questa tendenza quando mi sono reso conto che negli ultimi dieci anni l'Impero Globale non si era impegnato in nuove grandi campagne militari. Si potrebbe obiettare che 10 anni sono troppo pochi per essere utilizzati per rilevare tendenze significative. Esatto, ma ci sono altri elementi che mostrano che l'Impero Globale si sta ritirando e ridimensionando. Ad esempio, gli attacchi terroristici globali e le vittime di guerra sono in calo da almeno cinque anni consecutivi . E, naturalmente, c'è stato l'annuncio che gli Stati Uniti stanno lasciando l'Afghanistan. Rimarranno i mercenari a combattere e possiamo immaginare che i droni continueranno a pattugliare il cielo dell'Afghanistan, continuando la loro continua ondata di uccisioni insensate. Ma, nel complesso, questa guerra è finita.

La campagna in Afghanistan è stata un piccolo miracolo militare. Basti pensare alle sfide di mantenere un esercito in un territorio ostile, in una regione remota non collegata alla terraferma, e questo per 20 anni! Penso che non sia mai stato fatto prima nella storia, almeno non con successo. In una precedente campagna afghana, l'esercito britannico non fu così fortunato con un solo sopravvissuto di un intero esercito durante la ritirata da Kabul nel 1842. Più tardi, nel 1954, i francesi subirono un disastro simile con la loro base di Dien Bien Phu, a Vietnam. Invece l'esercito occidentale sta tornando dall'Afghanistan più o meno intatto. 

L'Impero Globale non ha veramente perso questa guerra, ha solo capito che era impossibile continuare a combatterla. In effetti, l'Afghanistan è stato spesso definito "Cimitero degli imperi", ma in realtà non lo è mai stato . Gli imperi non sono morti perché hanno dovuto lasciare questo paese remoto, sono morti per altri motivi e, nella loro agonia, hanno lasciato andare questo loro possesso remoto e insostenibile. Ma, prima che l'Impero d'Occidente scompaia per sempre, potremmo forse essere in grado di godere di un periodo di Pax Americana, proprio come fecero i romani dopo che Adriano divenne imperatore.

Con la campagna afghana finita, potremmo chiederci perché l'impero vi si è impegnato. Le guerre, come tutte le imprese umane, sono generate da quelle entità virtuali che chiamiamo meme. Questi sono schemi di idee che dominano la mente umana, è stato Daniel Dennett a dire che gli esseri umani sono scimmie infestate da meme. Quindi, l'interpretazione generale di questa storia è legata a un meme apparso all'indomani degli attacchi dell'11 settembre 2001, presumibilmente ideato da un malvagio sceicco di nome Osama bin Laden che aveva una base militare nascosta in un complesso di grotte nel nord dell'Afghanistan. Il collegamento di questo meme con la realtà è sempre stato fragile, a dir poco, non migliore di quello delle "armi di distruzione di massa" in Iraq. E, infatti, non sono mai state trovate tracce di Osama o di un'importante base militare che nascondesse terroristi in Afghanistan. Ma il potere dei memi non dipende dal loro legame con la realtà.

Ma probabilmente c'è stato un meme molto più potente che ha portato all'invasione americana dell'Afghanistan. Non aveva niente a che fare con uno sceicco barbuto nascosto in una grotta. Piuttosto, si trattava del problema che ha generato la maggior parte delle guerre recenti: il petrolio greggio. 

Naturalmente, l'Afghanistan non ha petrolio, e questo si sapeva. Ma negli anni '90 le riserve petrolifere della regione del Caspio, adiacente all'Afghanistan, erano state oggetto di un gioco di ingrandimento che portava ad esagerarne l'estensione almeno di un ordine di grandezza. Di conseguenza, gli Stati Uniti potrebbero aver cercato il meme marrone scuro di "Una nuova Arabia Saudita" che implicava la presa del controllo dell'Afghanistan.

Nel lontano 2004, ho scritto la storia dello sviluppo di questo meme in un post in italiano . Di seguito, l'ho aggiornato e condensato in una versione in inglese. A quel tempo, non potevo immaginare che la campagna afghana sarebbe andata avanti per quasi due decenni, ma i meme sono inarrestabili quando si impadroniscono delle menti umane. 

Tuttavia, non credo che ci sia una spiegazione razionale per questi eventi. Proprio come disse Tolstoj sull'invasione francese della Russia, nel 1812, la guerra in Afghanistan avvenne "perché doveva accadere". E se è finita, adesso, è perché doveva esserlo. 

La mia interpretazione è che negli ultimi 10 anni o giù di lì abbiamo creato una creatura della Rete dotata di intelligenza a sciame che sta conquistando la memesfera dell'umanità. Forse mi sbaglio e, ovviamente, non ho prove che sia così. Ma ho la forte impressione che i grandi giochi che fanno gli imperi potrebbero non essere più nelle mani di quegli psicopatici che si definiscono "imperatori". E il futuro sarà quello che deve essere.

Vedi anche questo post di Tom Engelhart che fa osservazioni molto simili sulla fase di ritiro dell'Impero americano. 

(*) A proposito di Adriano, probabilmente conoscete il libro intitolato "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar. È un libro eccellente sotto molti aspetti, prima di tutto come capolavoro letterario, ma anche perché comprende e descrive chiaramente la situazione dell'Impero Romano dopo che Traiano l'aveva quasi distrutto allargandone i confini. Ma, nonostante il ritratto lusinghiero di Yourcenar, Adriano non era il signor simpaticone imperatore. Era spietato contro i suoi nemici politici e contro ogni opposizione. Nel 136 dC distrusse ciò che restava di Gerusalemme dopo la sconfitta del 70 dC, tentando di cancellare anche il nome della città che venne ricostruita con il nome di Aelia Capitolina.

LA FEBBRE DELL'OLIO DEL CASPIO.

di Ugo Bardi

Una versione più lunga di questa storia è stata pubblicata in italiano sul sito “ASPOITALIA” nell'agosto 2004.


La febbre del petrolio caspico è iniziata alla fine degli anni '90, quando in Occidente è diventato di moda parlare delle "immense riserve" di greggio che si potevano trovare nell'area intorno al Mar Caspio. Questa regione doveva essere così ricca che sarebbe stato possibile trasformarla in una "Nuova Arabia Saudita" (a volte "Un nuovo Golfo Persico"). Ma la storia era iniziata molto prima. 

Già a metà del XIX secolo furono scavati i primi pozzi petroliferi vicino a Baku, nella regione dell'Azerbaigian. Nel 1873, Robert Nobel, fratello di Alfred Nobel, l'inventore della dinamite, guidò una spedizione da San Pietroburgo verso sud. Trovò a Baku, sulla sponda del Caspio, un'industria petrolifera già operativa. Nobel ha investito in questo settore, sviluppandolo notevolmente. Alla fine del diciannovesimo secolo, Baku era la più grande area produttrice di petrolio del mondo, superando addirittura l'industria petrolifera americana dell'epoca.

A quel tempo il petrolio veniva principalmente trasformato in kerosene e poi utilizzato come combustibile per le lampade ad olio. Le lampade dei nostri bisnonni nell'Europa occidentale erano quasi certamente accese con olio fornito dall'industria mineraria del Caucaso (la pubblicità del cherosene, nella figura, sembra provenire dalla Lettonia, ma l'olio sicuramente proveniva dal Caucaso). Con lo sviluppo del motore a combustione interna, all'inizio del XX secolo, il petrolio iniziò ad essere sempre più utilizzato come combustibile. Il valore strategico dei giacimenti del Caucaso era importante già nella prima guerra mondiale, quando la penuria di petrolio fu uno dei fattori che causò la sconfitta degli Imperi Centrali. Ma divenne evidente con la seconda guerra mondiale che fu, per molti versi, la prima, vera "guerra per il petrolio".

Quando i tedeschi invasero l'Unione Sovietica nel 1941, uno dei loro principali obiettivi strategici erano i giacimenti petroliferi del Caucaso. Nelle offensive del 1941 e 1942, i tedeschi tentarono di avanzare verso il Caucaso, ma la battaglia di Stalingrado pose fine ai loro tentativi. Quello fu il punto di svolta della guerra. Se i tedeschi fossero riusciti a impossessarsi del Caucaso, la storia sarebbe potuta essere molto diversa (e forse stareste leggendo questo post in tedesco).

Dopo la seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica iniziò a incontrare difficoltà nell'espandere la produzione di petrolio dal Caucaso. Dagli anni '50 in poi, le riserve degli Urali, della regione del Volga e della Siberia orientale furono l'obiettivo principale dello sviluppo. Queste riserve hanno reso l'Unione Sovietica il più grande produttore di petrolio del mondo fino a circa 1990.

Alla fine degli anni '80, la produzione di petrolio sovietica ha iniziato a mostrare segni di difficoltà e, nel 1991, è stato raggiunto il picco di produzione, con il declino che inizia in seguito. Allo stesso tempo, arrivò il crollo della stessa Unione Sovietica. Ci sono molte interpretazioni sul motivo di questo crollo, ma è possibile che il calo della produzione di petrolio non sia stata una conseguenza ma la causa principale del crollo dell'impero sovietico, la struttura politica creata per sfruttarlo.
 
Questa storia ci dice molto sulla situazione nel Caucaso dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Poiché i giacimenti petroliferi erano stati sfruttati per oltre un secolo, non dovremmo sorprenderci se fossero esauriti e in declino. Ma l'industria petrolifera occidentale guardava con un certo interesse all'area del Caspio, credendo che la loro tecnologia superiore potesse estrarre petrolio non accessibile ai sovietici.  
 
Già nel 1985, Harry E. Cook, dell'United States Geological Survey (USGS) iniziò ad esplorare l'Asia centrale per possibili nuove riserve di petrolio. Successivamente, sotto la guida di Cook, è stato formato un consorzio chiamato "Progetto USGS-Kazakhstan-Kyrgyzstan Oil Industry" che includeva ENI/AGIP, nonché BG, BP, ExxonMobil, Inpex, Phillips, Royal Dutch Shell, Statoil, TotalFinaElf e diversi ex - Istituti di ricerca sovietici.

Il primo contratto con il consorzio per l'esportazione del petrolio del Caspio in Occidente è stato firmato nel 1994. Si è rivelato un compito difficile a causa della necessità di trasportare l'attrezzatura in un luogo geografico remoto, non accessibile via mare. È stato necessario attendere fino al 1999 prima che diventasse possibile esportare il petrolio del Caspio attraverso l'oleodotto Baku-Novorossiirsk, che termina sul Mar Nero. Da lì, il petrolio potrebbe essere spedito in tutto il mondo.

Ma negli anni '90 era apparso anche un tipo virtuale di petrolio che esisteva solo nella mente delle persone. La storia è iniziata nel 1997 con la pubblicazione di un Rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti: (Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Rapporto sullo sviluppo energetico della regione del Caspian, aprile 1997). (una versione del rapporto può essere trovata a questo link ). 
 
Nella relazione si trova la seguente tabella:

Sembra che i dati del rapporto derivino dal lavoro di Cook che afferma che il giacimento di Kashagan potrebbe contenere fino a 50 miliardi di barili, un valore che qui è stato ulteriormente gonfiato a 85 miliardi, tanto che il totale per il Kazakistan è arrivato a ben 95 miliardi barili. L'ammontare complessivo delle “possibili” riserve nell'area è stato stimato in 178 miliardi di barili di petrolio. Non è chiaro cosa intendessero gli autori con il termine "olio possibile". Nella pratica della segnalazione delle riserve petrolifere, il termine "riserve possibili" è normalmente associato a una stima probabilistica, solitamente del 5%. Quindi, quello che diceva il rapporto era che c'era"una probabilità del 5% di trovare 163 miliardi di barili"

Una tale stima statistica era incomprensibile per il politico medio e questi dati sono stati mal interpretati. Il primo esponente politico a parlare pubblicamente della scoperta di nuove, "immense riserve" del Mar Caspio sembra essere stato il vicesegretario di Stato americano Strobe Talbott nel 1997. Talbot usò in quell'occasione, forse per la prima volta, la frase "riserve fino a duecento miliardi di barili di petrolio".

Talbot aveva arrotondato le "possibili riserve" a 200 miliardi di barili. Altre persone hanno parlato di 250 miliardi, e in alcuni casi si è sentito parlare di 300 miliardi di barili. Se queste stime fossero state vere, avrebbe significato che il Caspio avrebbe potuto aumentare le riserve petrolifere globali di circa il 20%, non di poco! Ma l'effetto principale di queste nuove riserve sarebbe stato quello di rompere drasticamente il quasi monopolio dei paesi dell'OPEC e del Medio Oriente sul petrolio e cambiare completamente il quadro geopolitico della produzione mondiale di petrolio. Questa è stata l'origine dell'entusiasmo per "Una Nuova Arabia Saudita" che potrebbe esistere nella regione del Caspio. 

Con il procedere dell'esplorazione, i dati disponibili sono stati ulteriormente elaborati. Nel 2000, l'USGS ha pubblicato un rapporto firmato da Thomas Ahlbrandt che arrivava a una stima delle riserve mondiali superiore di almeno il 50% rispetto a tutte le stime precedenti. Questo rapporto è stato criticato da molti esperti e contraddetto dall'andamento dei ritrovamenti successivi, ma è stato un altro degli elementi che hanno portato al mito del Mar Caspio come nuovo olio El Dorado.

La storia dei "200 miliardi di barili" ha iniziato a generare dubbi dal momento in cui è apparsa . Già nel 1997 un rapporto di Laurent Ruseckas al congresso degli Stati Uniti ridimensionava le stime parlando di un "massimo possibile" di 145 miliardi di barili, valore che andava preso come estremo improbabile, con un ragionevole valore massimo di circa 70 miliardi di barili. Ruseckas ha anche sottolineato che qualcuno si stava entusiasmando troppo.

Lo scetticismo iniziò a diffondersi rapidamente. Un articolo del 1998 sulla rivista Time affermava che se queste stime fossero corrette, la regione del Caspio potrebbe contenere "l'equivalente di 400 giacimenti giganti", eppure ci sono solo 370 giacimenti giganti nel mondo ( Robin Knight, “ Is The Caspian An Oil El Dorado (  Time Magazine, 29 giugno 1998, Vol. 151 No.26) . Nel 1999, un rapporto presentato al gruppo SPD al parlamento tedesco ( 1999 da Friedrich-Ebert-Stiftung, Washington Office 1155 15th Street, NW Suite 1100 Washington, AD 20005) era intitolato, significativamente, " Non più il 'Grande Gioco' nel Caspio ”. In una sezione di questo rapporto, Friedemann Muller ha affermato che: "La cifra spesso riportata - preferibilmente da politici di una certa età - 200 miliardi di barili è frutto della fantasia ”. La questione delle riserve gonfiate è apparsa anche sulla stampa popolare, ad esempio, in un articolo "NOW" di Toronto dell'11 novembre 2001, Damien Cave ha descritto le stime del Caspio di 200 miliardi di barili come " follemente ottimistiche, almeno nei prossimi vent'anni". .

Il mondo reale ha iniziato a intromettersi nella fantasia dei politici quando il consorzio OKIOC (ENI, BP, BG, ExxonMobil, Inpex, Phillips, Shell, Statoil e TotalFinaElf) ha iniziato a trivellare sul fondo del Mar Caspio. A quanto pare, i risultati non sono stati impressionanti, dal momento che il consorzio ha iniziato a sfaldarsi dopo la prima perforazione esplorativa. Nel 2003 ExxonMobil, Statoil, BP e BG se ne erano andati. L'Agip rimane e diventa il principale operatore del consorzio. Nell'aprile 2002, Gian Maria Gros-Pietro, allora presidente dell'ENI, parlando al Vertice economico eurasiatico ad Almaty, in Kazakistan, dichiarò che l'intero Caspio potrebbe contenere solo 7-8 miliardi di barili. Altri hanno stimato fino a 13 miliardi di barili per il solo giacimento di Kashagan. Per tutta l'area intorno al Mar Caspio, si può parlare di importi compresi tra 30 e 50 miliardi di barili. Queste riserve non sono trascurabili ma disponibili solo a costi elevati e non certo una nuova Arabia Saudita.

All'inizio degli anni 2000, la situazione era ragionevolmente chiara, almeno agli occhi degli esperti. Colin Campbell, il fondatore dell'Association for the Study of Peak Oil (ASPO) lo ha riassunto così in una comunicazione privata all'autore di queste note.

  Si diceva che l'area contenesse oltre 200 Gb [miliardi di barili] di petrolio (credo provenissero dall'US Geological Survey), ma i risultati dopo dieci anni di costruzione sono stati deludenti. Già nel 1979, i sovietici avevano trovato il campo di Tengiz sulla terraferma in Kazakistan. Esso contiene circa 6 miliardi di barili di petrolio in una barriera calcare a una profondità di circa 4500 m. Questo petrolio, tuttavia, contiene fino al 16% di zolfo, che era troppo anche per l'acciaio sovietico, così hanno scelto di non sfruttare il campo . Dopo la caduta dell'Unione Sovietica, arrivarono la Chevron e altre compagnie americane che riuscirono ad estrarre quel petrolio, ma con molte difficoltà e ad alti costi economici e ambientali.

Successivamente, in una serie di rilievi effettuati sul fondo del Mar Caspio, a circa 4000 metri di profondità fu trovata un'enorme struttura che per molti versi somigliava a quella di Tengiz.  Questa zona (Kashagan) aveva anche caratteristiche geologiche simili a quelle del gigantesco giacimento di Al Ghawar in Arabia Saudita. Se fosse stato pieno, avrebbe potuto effettivamente contenere 100 miliardi di barili o forse più e competere con i pozzi sauditi.

A quel punto, un uomo d'affari americano, Jack Grynberg, mise insieme un grande consorzio di compagnie petrolifere che includeva BP, Statoil, Total, Agip, Phillips, British Gas e altri. Questo consorzio si proponeva di sfruttare i depositi che si pensava esistessero in questa struttura.

La perforazione esplorativa è stata enormemente difficile. Il campo era offshore, quindi era difficile e complesso trasportare l'attrezzatura nell'area. Inoltre, quelle acque erano un terreno fertile per gli storioni che producono caviale russo. Infine, il clima invernale della zona è rigido con formazioni di ghiaccio sulla superficie dell'acqua e venti molto forti. Alla fine, al costo di 400 milioni di dollari, il consorzio è riuscito a perforare un pozzo profondo 4.500 metri nella zona più orientale dell'impianto. Seguì un silenzio mortale, seguito poco dopo dal ritiro di BP e Statoil dalla società. British Gas ha annunciato in un rapporto che il giacimento potrebbe contenere tra i 9 ei 15 miliardi di barili. Il motivo è che, a differenza di Al Ghawar, il campo è molto frammentato con i campi separati da rocce di bassa qualità. Si tratta di un campo interessante ed è certo che si troveranno ulteriori riserve, ma non è certo in grado di incidere in modo significativo sugli approvvigionamenti mondiali. C'è molto gas nelle vicinanze, ma le difficoltà di trasporto sono immense. "

Tuttavia, i due mondi, quello dei politici e quello degli esperti, si erano disaccoppiati e molti credevano ancora nell'esistenza di "200 miliardi di barili" nella regione del Caspio. Da sinistra si citavano le "immense riserve" del Caspio. come prova del malvagio imperialismo occidentale. Da destra, c'era un clamore per mettere le mani su quel ben di Dio il prima possibile. A titolo di esempio, possiamo citare il discorso che il senatore statunitense Conrad Burns, che si era recato personalmente in Kazakistan, tenne alla Heritage Foundation, il 19 marzo 2003.

"Ogni dollaro che spendiamo per il petrolio del Medio Oriente, abbiamo a che fare con petrolio canaglia. Denaro che va a costruire armi di distruzione di massa e anche ad alimentare quei gruppi terroristici che hanno bisogno di soldi per operare in tutto il mondo", ha detto Burns. "Non dobbiamo guardare al Medio Oriente, perché le riserve nel bacino del Caspio potrebbero essere grandi quanto quelle del Medio Oriente"
e :

A livello internazionale, il nostro Paese sta ignorando le opportunità che esistono in Russia e nel bacino del Mar Caspio. Nell'area del Mar Caspio sono state trovate riserve fino a 33 miliardi di barili, un potenziale superiore a quello degli Stati Uniti e il doppio di quello del Mare del Nord. Le stime parlano di ulteriori 233 miliardi di barili di riserve nel Caspio. Queste riserve potrebbero rappresentare fino al 25% delle riserve accertate mondiali. La Russia potrebbe avere riserve ancora più abbondanti. 

Questi numeri sono tutti sbagliati. Per prima cosa, le riserve del Mare del Nord sono stimate intorno ai 50 miliardi di barili, e 33 non sono certo il doppio di 50. Quanto ai "255 miliardi di barili", sommati agli altri 33 fanno un totale di 288 miliardi di barili, che è fuori della grazia di Dio. Ma, chiaramente, Burns non è stato l'unico politico americano a pensare in questi termini. E molto di quello che è successo dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001 può essere spiegato come un tentativo del governo degli Stati Uniti di assumere il controllo diretto dei giacimenti petroliferi strategici del Medio Oriente e dell'Asia centrale. Non per niente Conrad Burns fu un convinto sostenitore anche dell'invasione dell'Iraq.

Alla fine, non sembra paranoico pensare che gli Stati Uniti abbiano attaccato l'Afghanistan nel 2001 per sgombrare il campo al passaggio di un oleodotto dal Caspio che sarebbe arrivato fino all'Oceano Indiano passando per il Pakistan . Un grande sogno, se mai ce n'è stato uno. Ma nel Caucaso non c'erano "immense riserve" e, quindi, non c'era bisogno di un oleodotto per trasportarle. E la realtà, come al solito, alla fine ha preso il sopravvento.

14 commenti:

  1. Prof osservi anche la geografia e scoprirà che l'Afghanistan è un ponte perfetto tra Cina e Iran, coperto a nord da satelliti russi. Probabilmente è il modo ideale per inserire un cuneo tra 3 potenze emergenti e contemporaneamente pungolare un Pakistan che sta iniziando ad orbitare nell'universo cinese.
    A caso sono rimaste comode comode a Kabul le ambasciate proprio di Iran, Cina, Russia e Pakistan, i russi hanno già dichiarato che per loro i talebani sono ok ma niente terroristi o si arrabbiano (i talebani sono per i russi un gruppo terrorista dal 1980) mentre i cinesi hanno già contratti e penne pronte.
    Per 40 anni il povero Afganistan è stato teatro di manovre di destabilizzazione dell'Eurasia... Pensare che fino agli anni 80 si erano sistemati benino, le città come nodi occidentalizzati (basta vedere le foto) circondate da campagne gestite sul canone tribale, uno degli elementi a suffragio è che nella valle del Panjshir la situazione è mutata solo dopo il 2001 e l'assassinio di A. S. Massoud feroce difensore di quello status quo sia dai russi che dai talebani.
    Li si fosse lasciati a gestirsi senza la spinta USA per una proxy war e già erano a posto, poi nel 2000 la riottanza cinese e una Russia in ripresa e un Iran in ascesa hanno destabilizzato di nuovo la situazione. Probabilmente avremmo potuto assistere a una fusione di modo di vita e governo stile irano-pakistano con le influenze russo ortodosse (pare che i russi non siano visti così male come si crede) e cinesi. Il fondo ogni sistema tende a minimizzare l'energia libera, guerre, repressioni o fanatismi semplicemente sono troppo energivori per durare, se perturbato un sistema passerà molteplici stadi ma tenderà sempre a ricadere verso lo stato più stabile! In rambo 2 i Mujahideen avevano i cavalli ma i talebani le auto, quindi ricambi, tecnici istruiti e tutto l'armamentario correlato, quindi per il sistema servirà una classe istruita e con capacità quindi il fanatismo rimarrà solo come facciata:parile altisonanti ma nei fatti è meglio mediare e avere auto, TV, aria condiziona e una sanità piuttosto che fare i pecorai in una tenda al caldo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ata, non tieni in conto che auto, tv, ecc. dipendono dal petrolio. Quindi largo a guerre, repressioni e fanatismi vecchio stile per i quali basta una scimitarra o un coltellaccio da macellaio. Ad Adrianopoli l'esercito imperiale d'oriente aveva forze gote 3 volte superiori davanti. L'imperatore d'oriente cercò di temporeggiare per far arrivare in tempo quello d'occidente coi rinforzi che avrebbero portato ad uno scontro di 2 romani contro 3 goti, invece di 1 contro 3. I romani speravano così grazie ad una migliore tecnica militare ed un migliore armamento di farcela, invece lo scontro deflagrò spontaneamente a trattative ancora in corso e si rivelò la fine dell'impero d'occidente, perchè quello d'oriente riuscì a deviare le orde gote, che dettero vita ai regni ostrogoti e visigoti italici, prima di essere sostituiti da un altra orda pure lei deviata, quella dei progenitori miei e del prof. Pistoia, Firenze, Lucca e tutta la parte nord della Toscana erano fino al 12°secolo abitate da popolazioni che vivevano secondo gli usi e costumi longobardi, ossia germanici, come l'ordalia.

      Elimina
    2. Io sono vicino di casa di Teodolinda, il Codice Longobardo lo conosco e ti assicuro che si integrava benissimo con quello romano, Goti, Unni e così via non a caso sono stati eventi destinati a passare mentre i Longobardi si sono integrati: sciabole e razziatori sono dipendenti dai produttori primari, i barbari quindi possono solo essere temporanei mentre gli invasori spesso hanno capacità e organizzazione che sono carenti nei luoghi conquistati e integrano integrandosi. Un esempio sono proprio gli islamici, la spagna prima della Reconquista o la sicilia morizzata vedevano una convivenza abbastanza pacifica e molto fruttuosa tra i conquistatori e i locali, le architetture, la letteratura (avevano i testi che noi avevamo perso), l'idraulica e molti aspetti di giurisprudenza erano avanzatissimi per il periodo!
      Per la cronaca poi i Talebani sono una setta, quella Wahhabita (https://it.wikipedia.org/wiki/Wahhabismo ), recentissima e molto anomala,la diffusione reale di un interpretazione adatta solo alla penisola araba (con eccezioni visto Laurenc) è legata proprio alla potenza economica delle case regnanti locali usate come "guardiani dei pozzi" che ne hanno finanziato e favorito l'espandersi, l'altro lato sono i turchi con il loro sistema meno "radicale": l'influenza pragmatica di Ataturk limita pesantemente gli aspetti radicali per un funzionalismo, nonostante le spinte contrarie le modifiche strutturali a questa impostazione possono essere solamente cosmetiche prima di bloccare i meccanismi e sottrarre la potenza bellica.
      In sostanza la logica di fondo ormai è che per avere potere militare devi avere un industria (i priettili non crescono sugli alberi) e per avere l'industria devi avere tutto un contorno che mal si adatta all'idea di "barbari", nel piccolo funziona fintanto che trovi qualcuno che produce e ti vande ma a questo punto il venditore ti tiene al guinzaglio: se non ti vende ogni proiettile usato è perso e insostituibile, se lo invadi distruggi il macrosistema produttivo e torni al punto precedente e infine le scorte si esauriscono molto più in fretta di quanto si pensi perchè conservare i proiettili vuol dire non addestrare.

      Elimina
  2. Ricordo di aver letto anni fa alcuni articoli della stampa alternativa dove si affermava che la guerra in Siria era stata provocata da forze straniere, occidentali, per le medesime ragioni (far passare un oleodotto, o gasdotto non ricordo bene).

    Più anni sommo, più nefandezze ho visto, e resto disgustato.
    Ci sono centri di potere che agiscono senza cuore.
    Voglio tramutarmi in qualcosa che non sia Homo sapiens, forse farfalla, forse goccia d'acqua, o soffio di vento.

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualunque essere vivente diventerai, sarà benigno. Tra l'altro in ebraico antico vento e spirito erano indicati dalla stessa parola.

      Elimina
    2. qualunque essere vivente diventerai, sarà benigno. Tra l'altro in ebraico antico vento e spirito erano indicati dalla stessa parola. Il sostantivo era "ruach". https://www.google.com/search?q=spirito+in+ebraico&oq=spirito+ebraico&aqs=chrome.1.69i57j0i22i30l4.22758j1j7&sourceid=chrome&ie=UTF-8

      Elimina
    3. Come sempre la verità probabilmente è a più strati, il progetto del gasdotto esiste ma vi è un progetto parallelo che passa per Israele, la Siria era ed è filorussa ed ospita il poto di Taurus ovvero l'unica base navale russa in acque calde e direttamente sul mediterraneo, la Siria dispone di buoni giacimenti di petrolio, le insurrezioni sono state possibili perché era in boom economico dovuto al continuo ammodernamento etc
      Come vedi di ragioni concomitanti ce ne sono a iosa, in particolare molte sono valide per più attori :la Siria come media potenza in MO e sul mediterraneo dava fastidio a tutti salvo a quelli del patto di Shanghai, Israele, Turchia ed Egitto sono i primi a vedersi interessati a non avere un altro giocatore in campo!
      Poi tutti giocano al loro gioco, i turchi hanno rubato petrolio e eliminato il problema curdo, Israele ha falciato (con scarsi risultati e....) un possibile alleato di palestinesi ed hamas mente il povero Egitto si sta ancora assestando tra Libia e problemi interni (i Fratelli Mussulmani sono filoturchi) e ringrazia. USA e Nato si sono infilati solo per il necessario, hanno creato un curdistan fasullo che si reggere sul petrolio siriano e probabilmente progettano di usarlo come spina nel fianco sia per l'Iran che per il presunto alleato turco. Nel frattempo osservano e studiano gli avversari per comprendere le reali capacità, i russi dal canto loro fanno pratica sul campo e testano i nuovi giocattoli e le strategie.
      Ovviamente questo è un assaggio della superficie, io non ho che informazioni pubbliche (80% del totale di quelle utili) ma probabilmente esistono altri livelli paralleli meno evidenti.

      Elimina
  3. https://quifinanza.it/info-utili/video/cure-domiciliari-covid-intesa-stato-regioni/519138/
    finalmente finisce la vigile attesa e tachipirina per il covid. Unico neo: le regioni hanno 12 mesi per uniformarsi. Quindi passerà ancora tanta acqua sotto i ponti e green pass + obbligo vaccinale ci accompagneranno ( tranne che per quel 20-25% di renitenti) per ancora molti mesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per lei mago

      https://www.byoblu.com/2021/08/19/quando-la-vocazione-non-basta-senza-vaccino-non-si-diventa-preti/

      Per quello l'esercito più potente che sia mai esistito ha perso contro una accozzaglia di barbuti in pigiama e ciabatte (ma quando vanno a dormire si dovranno legare, altrimenti al mattino si trovano a decine di metri di distanza. Mio padre diceva che mio nonno al ritorno dalla guerra nel 18 aveva riempito un pentolone di acqua bollente coi pidocchi che aveva addosso e sui vestiti. Ed era rapato a zero!). Ricordo anche ai seminaristi l'ultimo insegnamento di Cristo: Lc22, 35-38.

      Guido.

      Elimina
    2. Guido, mescolare sacro e profano è anatema. Quando dico ai preti che il primo prossimo sono io, schizzano sulla sedia per poi risedersi quando spiego che quando non si ama se stessi, non si può nemmeno amare gli altri, il prossimo. Abusare del comandamento di amare il prossimo è ormai endemico nella chiesa. Una volta non era così e i preti che esageravano con le raccolte erano additati come poco cristiani dalla maggior parte del clero. Va bene anche come dice Luca, avere qualche piccola riserva di sostentamento, pure la possibilità di difendersi, se aggrediti, ma il limite tra la prudenza e l'avidità, come tra la violenza e la difesa, è molto labile e chi non ha la vocazione e la fede, lo travalica facilmente. Per me i seminaristi vengono obbligati a vaccinarsi per farli recedere dalla loro intenzione di fare i sacerdoti. Il demonio è molto più astuto del Papa e di tutto il clero messo insieme. Solo Dio lo può fermare.

      Elimina
  4. E' atteso che le dinamiche di Polarizzazione Ambientale + Polarizzazione Economica,
    facciano emergere un asse Iran+Cina+proxies

    alias Impero Sumerico+Impero Gengiskano+proxies

    proxies=tutto quello che sta in mezzo tra Iran e Cina, inclusi gli stati più deboli, incapaci di sottrarsi (per svariegati motivi) alla galassia economica Cino+Iraniana.

    Le alleanze in Asia si svilupperanno per Latitudine e NON per Longitudine (come nella guerra fredda)

    Lets wait and see...

    RispondiElimina
  5. "nel 1991, è stato raggiunto il picco di produzione, con il declino che inizia in seguito. Allo stesso tempo, arrivò il crollo della stessa Unione Sovietica."

    L'Unione Sovietica crollò nel 1991 perché il prezzo del petrolio non copriva neanche le spese per estrarlo; quindi, anche al massimo della produzione, non guadagnavano niente!

    Ricordiamoci che i Paesi produttori di petrolio sono ricchi quando il prezzo del petrolio è molto più alto dei costi per estrarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non a caso si cominciano a vedere i paesi del golfo finanziare il solare, EROEI e costi sono legati quindi risparmiare sull'investimento energetico di produzione recupera margini.
      https://www.solarthermalworld.org/news/oman-get-2-gwth-solar-steam-plant-enhanced-oil-recovery
      Ma già che ci siamo li vediamo attrezzarsi per il futuro, idrogeno e ammoniaca.
      https://www.pv-tech.org/abu-dhabi-to-host-green-hydrogen-and-ammonia-facility-powered-by-800mw-of-solar/
      Come ho spesso detto i deserti sono energia comoda, per trasportarla la forma chimica è perfetta se usa elementi dei cicli tamosferici e idrici, il processo Sabatier usa CO2 e H2O per avere metano (libera 3O2), l'ammoniaca usa N2 e H2 e libera ossigeno, altre vie sono possibili ma meno studiate per terminare con eventualmente nuovi idrocarburi. Il problema è l'energia ma un deserto pannellato è una fonte perfetta e immagazzinando in forma chimica il problema dell'incostanza è annullato: si produce quando c'è per quanta energia c'è!
      Per i paesi produttori, soprattutto la zona araba, è la necessità di manodopera qualificata, fintanto che facevano i "guardiani dei pozzi" tutto bene, infrastrutture dense e poco impegnative una volta costruiti i pozzi e raffinerie in partnership, gestire vasti campi di produzione con tecnologia avanzata richiede istruzione e manodopera abbondante..... Si prevede una normalizzazione verso standard più civili di governo o la caduta.

      Elimina
  6. https://comedonchisciotte.org/psicosi-di-massa-come-creare-unepidemia-di-malattia-mentale/
    Le masse non hanno mai avuto sete di verità. Si allontanano dall’evidenza che non è di loro gusto, preferendo divinizzare l’errore, se l’errore le seduce. Chiunque possa fornire loro delle illusioni è facilmente il loro padrone; chi cerca di distruggere le loro illusioni è sempre la loro vittima”.
    Come poteva LTG essere ben accetto dalle masse, più propense a impazzire prima di accettare una qualsiasi realtà loro sgradita. Si potrebbe chiamare il coraggio della verità, che quasi nessuno ha.

    RispondiElimina