Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 6 maggio 2016

Il cambiamento climatico spazzerà via 2,5 trilioni di dollari in patrimoni finanziari.

Da “The Guardian”. Traduzione di MR (via Cristiano Bottone)

Le perdite potrebbero volare a 2,4 trilioni di dollari è distruggere l'economia globale, nello scenario peggiore, suggerisce la prima modellizzazione economica




L'impatto economico del cambiamento climatico potrebbe devastare l'economia mondiale, secondo uno studio della London School of Economics (LSE). Foto: Carlo Allegri/Reuters

Di Damian Carrington

Il cambiamento climatico potrebbe tagliare il valore dei patrimoni finanziari mondiali di 2,5 trilioni di dollari, secondo la prima stima proveniente dalla modellazione economica. Negli scenari peggiori, spesso usati dai legislatori per verificare la salute finanziaria delle aziende e delle economie, le perdite potrebbero aumentare vertiginosamente a 24 trilioni di dollari, o il 17% dei patrimoni mondiali, e distruggere l'economia globale.

La ricerca ha anche mostrato il senso finanziario dell'intraprendere un'azione per mantenere il cambiamento climatico diminuirebbe a 315 miliardi di dollari in meno, anche includendo i costi del taglio delle emissioni.

“Il nostro lavoro suggerisce agli investitori a lungo termine ci andrebbe meglio in un mondo a basso tenore di carbonio”, ha detto il professor Simon Dietz della London School of Economics, l'autore principale dello studio. “I fondi pensione dovrebbero essere al vertice di questo problema e molti di essi lo sono”. Ha detto, tuttavia, che la consapevolezza nel settore finanziario è stata bassa.



Mark Campanale del thinktank Carbon Tracker Initiative ha detto che le perdite finanziarie reali dovute al riscaldamento globale incontrollato potrebbero essere più alte di quanto stimato dal modello finanziario che sta dietro al nuovo studio. “Potrebbe essere molto peggio. La perdita di capitale finanziario potrebbe essere molto maggiore e rapida delle perdite di PIL [usate per modellare i costi del cambiamento climatico nello studio]. Basti guardare al valore del gigante del carbone Peabody Energy. Valeva miliardi di dollari solo pochi anni fa ed ora non vale niente”.

La Banca d'Inghilterra e la Banca Mondiale hanno avvertito dei rischi del cambiamento climatico per l'economia globale e il G20 ha chiesto all'International Financial Stability Board di investigare il problema. A gennaio, il World Economic Forum ha detto che una catastrofe causata dal cambiamento climatico era la minaccia potenziale più grande all'economia globale nel 2016. “Gli impatti fisici del cambiamento climatico sono un rischio sistemico su scala di massa”, ha detto Ben Caldecott, il direttore del programma di finanza sostenibile dell'Università di Oxford. “Gli investitori possono fare molto di più per differenziare fra aziende più o meno esposte e possono aiutare a ridurre il rischio per l'economia globale sostenendo azioni ambiziose per il cambiamento climatico”.

Il nuovo studio pubblicato nella rivista peer-review Nature Climate Change, ha usato la modellazione economica per stimare l'impatto del cambiamento climatico incontrollato. Ha scoperto che in quello scenario, i patrimoni oggi erano effettivamente valutati in 2,5 trilioni di dollari, ma che c'era una possibilità del 1% che la sopravvalutazione poteva essere di 24 trilioni di dollari.


Una strada di York, Regno Unito. Gli eventi meteorologici innescati dal cambiamento climatico hanno un'ampia gamma di impatti sull'economia nel suo complesso. Foto: Jeff J Mitchell/Getty Images

Le perdite sarebbero causate dalla distruzione diretta dei patrimoni da parte di eventi meteorologici estremi in aumento ed anche da una riduzione dei guadagni da parte di coloro che vengono colpiti dalle alte temperature, dalle siccità e da altri impatti del cambiamento climatico. Se viene intrapresa un'azione per affrontare il cambiamento climatico, lo studio ha scoperto che le perdite finanziarie sarebbero ridotte in generale, ma che altri patrimoni come le aziende di combustibili fossili perderebbero valore. Gli scienziati hanno mostrato che gran parte delle riserve di carbone, petrolio e gas di cui tali aziende sono proprietarie dovranno rimanere nel sottosuolo se l'aumento globale della temperatura deve essere mantenuto al di sotto dei 2°C. La capitalizzazione totale in borsa delle aziende di combustibili fossili oggi è di circa 5 trilioni.

“Non c'è nessuno scenario in cui il rischio per i patrimoni finanziari non siano colpiti dal cambiamento climatico. S tratta solo di fiction”, ha detto Dietz. “Ci saranno vincitori e perdenti”. I grandi investitori come il fondo d'investimento statale norvegese – il più grande al mondo – hanno già iniziato a svendere le azioni ad alta concentrazione di carbonio come le aziende del carbone. Gli investitori sono anche stati avvertiti sull'investimento in nuove centrali a carbone e a gas dopo il 2017 da un secondo nuovo studio. La ricerca mostra che per centrare l'obbiettivo dei 2°C, non può essere costruita nessuna nuova centrale che emetta carbonio da nessuna parte nel mondo, a mano che non vengano subito dopo chiuse o dotate di tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio.

“Gli investitori che mettono soldi in nuove infrastrutture che emettono carbonio devono farsi domande difficili riguardo a quanto tempo potranno operare quei patrimoni e valutare il rischio di future chiusure e cancellazioni”, ha detto il professor Cameron Hepburn dell'Università di Oxford.