Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 16 ottobre 2015

Il declino della produzione di petrolio negli Stati Uniti

Da “reuters”. Traduzione di MR (via Cristiano Bottone)

Di Dmitry Zhdannikov e Ron Bousso



Una pompa in funzione in un pozzo preso in affitto dalla Devon Energy Production Company vicino a Guthrie, Oklahoma nel settembre 2015.REUTERS/NICK OXFORD


Alcuni dirigenti petroliferi martedì hanno avvertito di un declino “drammatico” della produzione statunitense che potrebbe spianare la strada ad una futura impennata dei prezzi se la domanda di combustibili aumenta.

I delegati della conferenza Oil and Money a Londra, un incontro annuale di funzionari esperti di petrolio, hanno detto che i prezzi mondiali del petrolio sono stati troppo bassi per sostenere la produzione di petrolio da scisto, la maggiore aggiunta alla produzione mondiale dell'ultimo decennio.

“Stiamo per assistere ad un declino molto drammatico della crescita della produzione statunitense”, ha detto alla conferenza l'ex capo dell'azienda petrolifera EOG Resources, Mark Papa.
Papa, ora partner della compagnia di investimento Riverstone Holdings LLC, ha detto che la produzione mondiale di petrolio questo mese sarà in stallo e comincerà a declinare dall'inizio del prossimo anno. Papa ha detto che la ragione principale di questo declino sarebbe una mancanza di finanziamento bancario per i nuovi sviluppi dello scisto.

I dati ufficiali mostrano che in tutti gli Stati Uniti la produzione ha già cominciato a declinare dopo un picco di 9,6 milioni di barili al giorno (bag) ad aprile, anche se la produzione in alcune grandi aree di scisto, compreso il Nord Dakota, è stata mantenuta finora stabile. La EIA martedì prevede che la produzione potrebbe scendere a circa 8,6 milioni di barili al giorno il prossimo anno.

Fino a quest'anno, la produzione statunitense di petrolio stava crescendo al tasso più rapido mai registrato, aggiungendo 1 milione di bag di nuova offerta all'anno grazie all'introduzione di nuove tecniche di trivellazione che hanno liberato petrolio e gas dalle formazioni di scisto.

Ma i prezzi del petrolio si sono quasi dimezzati durante l'ultimo anno a causa dell'eccesso di offerta in un calo che si è accentuato dopo che l'OPEC nel 2014 ha cambiato strategia per proteggere la propria quota di mercato contro i produttori a più alto costo, piuttosto che tagliare la produzione per far aumentare i prezzi come ha fatto in passato.

L'indice di riferimento del Brent greggio è aumentato del 5%, o 2,50 dollari al barile, a 51,75 dollari martedì mentre gli investitori digerivano le notizie dalla conferenza di Londra. Ha raggiunto un picco negli ultimi anni oltre i 115 dollari al barile nel giugno del 2014.

Il grande salto

Il dirigente capo della Royal Dutch Shell Plc era d'accordo, dicendo che i produttori statunitensi di petrolio faticano a rifinanziare le loro attività, mentre i prezzi rimangono così bassi, portando ad una minore produzione in futuro.

“I produttori ora stanno cercando del nuovo contante per sopravvivere e probabilmente lotteranno per averlo”, ha detto Ben van Beurden. Più a lungo termine, c'è un rischio che i livelli più bassi della produzione globale possano portare ad un'impennata dei prezzi del petrolio. Se i prezzi rimanessero bassi per un lungo periodo e la produzione di petrolio fuori dall'OPEC e quella degli Stati Uniti declinasse a causa degli tagli della spesa di capitale, non rimarrebbe alcuna capacità significativa di risparmio nel sistema.

“Ciò potrebbe causare un picco verso l'alto dei prezzi, dando inizio ad un nuovo ciclo di forte crescita della produzione di petrolio di scisto negli Stati Uniti e di conseguente volatilità”, ha detto van Beurden.

Adam Sieminski, amministratore della statunitense EIA, a margine della conferenza ha detto ai giornalisti che l'industria petrolifera statunitense aveva reagito ai prezzi più bassi migliorando la propria produttività.

Non può durare per sempre

“Ora stiamo vedendo i limiti perlomeno sul breve termine, e stanno iniziando a condizionare la produzione”, ha detto Sieminski. “Vedremo (il declino della produzione petrolifera statunitense) protrarsi fino alla prossima estate”.

Il segretario generale dell'OPEC , Abdullah al-Badri, ha detto che l'offerta di petrolio dei produttori non OPEC potrebbe essere zero o negativa nel 2016 a causa del minore flusso di investimento dall'alto.

Ma Papa ha detto che se i prezzi del greggio leggero statunitense tornassero a 75 dollari al barile, la produzione di petrolio statunitense riprenderebbe a crescere di circa 500.000 bag – o circa metà dei tassi di crescita record osservati negli ultimi cinque anni.

“Vedo gli Stati Uniti come dei produttori in crescita a lungo termine”, ha detto. “Se prevalgono i prezzi bassi del petrolio, allora la correzione dei prezzi sarà molto più severa”.