Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 29 marzo 2015

Il Tao della Liberazione



Il Tao va molto di moda in questi ultimi anni, e per delle buone ragioni. Tanto è vero che io stesso porto spesso con me, mentre viaggio in aereo, una copia del "Tao Te Ching" nella traduzione di Ursula Le Guin. E' un'ottima lettura per l'unico posto rimasto (per ora) libero da Internet: la cabina di un aereo in volo.

Quindi, mi sono avvicinato con un certo interesse a questo libro di Boff e Hathaway, senza spaventarmi troppo delle sue 686 pagine. Devo dire, ne valeva la pena. E' decisamente un bel libro, ben scritto e ben argomentato.

Gli autori del "Tao della Liberazione" si sono presi un bell'impegno a raccontare in un unico testo praticamente la "teoria del tutto" così come la vediamo in questi anni del secolo ventunesimo; passando dalla cosmologia alla teologia, comprendendo l'ecologia e la psicologia. Nessuno dei due è uno scienziato, ma quando hanno affrontato argomenti strettamente scientifici lo hanno fatto correttamente, senza sbavature e senza errori; senza cadere (non troppo, perlomeno) nelle chiacchere vaporose sulla scienza "olistica" e "post-einsteiniana" che fa spesso Fritjof Capra che (purtroppo) firma l'introduzione. Insomma, vale la pena di leggere questo libro per farsi un'idea di tutto quello che passa nella "mente collettiva" umana in questo difficile periodo.

Il problema con questo libro è che, come tanti libri di questo genere, è pieno di esortazioni a fare certe cose. Ma come passiamo dalla teoria alla pratica?

Al momento, intorno a noi, tutti sono pienamente convinti che i guai che stiamo passando siano dovuti agli immigrati e all'Euro  - ne consegue che buttando in mare gli immigrati e tornando alla vecchia lira, tutti i problemi si risolveranno per incanto e vivremo felici e contenti.

Come possiamo contestare un'opinione cosi largamente condivisa? Presentare nel dibattito il concetto di Tao della liberazione, oppure il microcosmo olistico, non è cosa facile, anche se uno ci volesse provare.

Dovremmo trovare il modo di passare dall'esortazione all'azione. Ma come? Qualcuno ha qualche idea?




(h/t Giorgio Mastrorocco)