Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 15 febbraio 2015

L'uso eccessivo di azoto e fosforo potrebbe causare la devastazione della Terra

Da “Daily Science Journal”. Traduzione di MR. (h/t Alexander Ač)

Di James Hailey



La Terra è sulla strada per diventare inabitabile a causa dell'aumentato uso di fertilizzanti artificiali come fosforo e azoto che stanno superando i limiti planetari. Il fatto è stato confermato dal direttore del Centro per la Limnologia dell'Università del Wisconsin di Madison, il professor Stephen Carpenter, che ha anche dichiarato che “Stiamo correndo verso e oltre i limiti biofisici che permettono la civiltà umana per come la conosciamo”. All'inizio del periodo dell'Olocene, la Terra era un posto molto migliore per vivere a causa delle attività umane che hanno portato a sviluppi raffinati in aspetti sociali, politici e religiosi. Carpenter ha commentato “Ogni cosa importante per la civiltà ha avuto luogo prima del 1914”. Alcune delle cose migliori di allora includevano l'agricoltura, l'ascesa e il declino dell'Impero Romano e la Rivoluzione Industriale. E dopo quell'era le attività umane hanno iniziato a distruggere la Terra.

Il professor Carpenter e la sua squadra hanno portato a termine una ricerca a proposito degli impatti del riscaldamento dovuto al carbonio, compresa la perdita di biodiversità e l'aumento del livello del mare. Spiegando le loro scoperte, i ricercatori hanno affermato che “Abbiamo (le persone) ampiamente cambiato i cicli dell'azoto e del fosforo più di qualsiasi altro elemento. (L'aumento) è nell'ordine del 200-300%. Al contrario, il carbonio è aumentato solo del 10-20% e guardate tutto il tumulto che ha causato nel clima”. Hanno anche sottolineato l'uso non necessario di fertilizzanti artificiali per stimolare l'agricoltura negli Stati Uniti in quanto la terra è già ricca di nutrienti. L'uso eccessivo di fertilizzanti su terre già ricche di nutrienti sta causando impatti negativi e sta spingendo la civiltà oltre i limiti di sicurezza. Alcuni paesi hanno terre ricche di azoto e fosforo, mentre molte altre hanno suolo in cui mancano questi elementi ed hanno difficoltà a coltivare alimenti senza fertilizzanti artificiali. Carpenter ha detto: “Ci sono alcune parti del mondo che sono eccessivamente inquinate di azoto e fosforo ed altre in cui le persone non ne hanno nemmeno a sufficienza per coltivare il cibo di cui hanno bisogno”. Per evitare di alterare l'ecosistema, ha consigliato che gli agricoltori industriali riducano l'uso eccessivo di fosforo e azoto. Ah aggiunto: “Potrebbe essere possibile che la civiltà umana viva al di fuori delle condizioni dell'Olocene, ma non è mai stato provato prima. Sappiamo che la civiltà ce l'ha fatta nelle condizioni dell'Olocene, quindi sembra saggio cercare di mantenerle”.