Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 24 luglio 2014

Il solare vince in Australia!

DaThe Guardian”. Traduzione di MR

di


Per il 2018, il solare potrebbe essere economicamente in grado di alimentare le grandi città. Per il 2040 oltre la metà di tutta l'elettricità potrebbe essere generata nello stesso luogo in cui viene usata. I grandi impianti centralizzati a carbone sono al tramonto.


In una democrazia energetica guidata dal solare, anche il carbone anche se libero non avrebbe valore. Foto: AAP

La settimana scorsa, per la prima volta che io ricordi, il prezzo all'ingrosso dell'elettricità nel Queensland è passato in territorio negativo – a metà giornata. Per diversi giorni il prezzo, normalmente intorno ai 40-50 dollari per megawatt/ora, si è aggirato intorno allo zero. I prezzi si sono sgonfiati durante la settimana, in gran parte a causa dell'influenza di una delle più nuove e grandi centrali dello stato – il solare su tetto. I movimenti del “prezzo negativo”, per come sono conosciuti, non sono rari. Ma devono accadere solo di notte, quando gran parte della popolazione dorme, la domanda è bassa e gli operatori dei generatori a carbone sono riluttanti a spegnere. Quindi pagano altri per raccogliere la loro produzione. Questo non deve accadere all'ora di pranzo. I prezzi giornalieri devono riflettere la maggior domanda, quando la gente è sveglia, gli edifici adibiti ad uffici sono attivi, le fabbriche stanno producendo. E' in questo momento che i generatori a combustibili fossili farebbero normalmente gran parte dei loro profitti. L'influsso del solare su tetto ha trasformato questo modello dalla sua testa. Ora ci sono 1.100 MW di solare su più di 350.000 edifici nel solo Queensland (3,400 MW su 1,2 milioni di edifici nel paese). Produce elettricità proprio nel momento in cui i generatori a carbone facevano profitti (mentre il sole splende).

L'impatto è stato così profondo, e i prezzi all'ingrosso spinti così in basso, che pochi generatori a carbone in Australia hanno fatto un profitto lo scorso anno. Difficilmente qualcuno di loro farà profitti quest'anno. I generatori di proprietà dello stato come Stanwell incolpano in modo particolare il solare su tetto. Tony Abbott, il primo ministro, ama dire che l'Australia è la terra dell'energia a buon mercato ed ha ragione, almeno per metà. Non costa molto spalare una tonnellata di carbone in una caldaia, generare vapore e spingerlo in una turbina per generare elettricità. Il problema per i consumatori australiani (e per gli elettori) viene dal costo di dispacciamento di quegli elettroni – attraverso le reti di trasmissione e distribuzione, dai costi al dettaglio e dalle tasse. Questo è il costo che porta le famiglie a mettere il solare sul tetto, in proporzioni tali che il livello del solare su tetto è previsto dagli stessi modelli del governo, e da gruppi privati come Bloomberg New Energy Finance, in aumento nel prossimo decennio. Le famiglie vengono consigliate a spendere fino a 30 miliardi di dollari in moduli sui tetti. La settimana scorsa l'Operatore del mercato indipendente WA (West Australia) ha previsto che il 75% degli appartamenti scollegati o semi scollegati e il 90% delle imprese commerciali potrebbero avere il solare su tetto per il 2023/24. L'impatto sui mercati del Queensland della scorsa settimana è una delle ragioni per cui le utility, i generatori e i venditori al dettaglio di elettricità in particolare vogliono franare lo sviluppo del solare. Le giravolte dei prezzi all'ingrosso dell'elettricità raramente si riflettono nelle bollette dei consumatori. Ma immaginiamo che il prezzo all'ingrosso dell'elettricità crolli a zero, e rimanga lì, e che i benefici venissero passati ai consumatori. Di fatto, quell'energia prodotta dal carbone diventerebbe improvvisamente libera. Potrebbe poi competere col solare su tetto?

La risposta è no. Solo i ricarichi della rete e quelli dei venditori al dettaglio da soli assommano a più di 19c/kWh, secondo il commissario dell'energia australiano. Secondo le stime dell'industria, il solare va da 12c/kWh a 18c/kWh, a seconda dalle risorse solari dell'area. Quei costi sono previsti in discesa ulteriore, fino a circa 10c/kWh e più bassi. Il carbone, naturalmente, non sarà mai libero. E la rapida adozione del solare su tetto – soprannominata la democratizzazione dell'energia – sta portando la più grande sfida al sistema di generazione di energia elettrica centralizzato da quando è stato istituito più di un secolo fa. Gli operatori di rete del Queensland, realizzando la domanda repressa di solare su tetto, ora stanno permettendo ai consumatori di installarne quanto ne vogliono, alla condizione che non esportino il surplus di elettricità indietro alla rete. Le famiglie e le imprese hanno un piccolo incentivo ad esportare il surplus di energia. Non vengono pagati granché per questo in ogni caso. La Ergon Energy ammette che questo è probabile che incoraggi le famiglie a installare batterie di stoccaggio. Il passo successivo, naturalmente, è che le famiglie e le imprese si scolleghino completamente dalla rete. In aree remote, questo potrebbe avere senso, perché il costo di dispacciamento è alto e in stati come il Queensland e il WA è massicciamente sussidiato dai consumatori della città. La prospettiva realmente spaventosa per i generatori a carbone, tuttavia, è che questa equazione diventerà economicamente conveniente nelle grandi città.

La banca di investimento UBS dice che questo potrebbe avvenire già nel 2018. Il CSIRO, nel suo rapporto sulla rete del futuro dice che più della metà dell'elettricità nel 2040 potrebbe essere generata, ed immagazzinata, dai “pronsumatori” nel punto di consumo. Ma avvertono che a meno che le utility in carica non possano adattare i loro modelli commerciali per abbracciare questo cambiamento, il 40% dei consumatori lascerà la rete. Anche se gli operatori di rete e i venditori al dettaglio imparano come competere – dalle imprese di telecomunicazioni, dagli specialisti di dati e software come Google e Apple e dagli esperti di gestione dell'energia – non è chiaro come la generazione centralizzata a combustibili fossili si possa adattare. In una democrazia energetica, il carbone persino se libero non ha valore.