Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 29 giugno 2014

Il mondo post-picco: Le strade di Sana'a intasate da macchine alla ricerca di benzina

Lo Yemen ha passato qualche anno fa il proprio picco di produzione petrolifera e, di recente, la produzione nazionale è scesa al di sotto delle importazioni. La situazione dello Yemen ci offre un piccolo flash di quello che potrebbe essere il nostro futuro post-picco, soprattutto per il fatto che nessuno nello Yemen sembra rendersi conto delle vere ragioni di quello che sta succedendo. La lettura dello "Yemen Times" è un po' come leggere una serie di romanzi dell'orrore. Qui, Max Rupalti traduce una di queste storie terrificanti (U.B.)


DaYemen Times”. Traduzione di MR

Di Ali Ibrahim Al-Moshki

Il presidente Hadi domenica ha dato ordini urgenti
al ministro del petrolio e al ministro delle finanze
 di sorvegliare le importazioni entro una settimana
per coprire la domanda di quattro mesi. 
SANA'A, 9 maggio – Il presidente Abdu Rabu Mansour Hadi domenica ha dato ordini urgenti al ministro del petrolio e a quello delle finanze di sorvegliare l'importazione di derivati del petrolio dall'estero entro una settimana per coprire la domanda per quattro mesi. Ciò avviene nel bel mezzo di una incessante crisi di combustibile nel paese.

Code infinite di auto in fila per la benzina hanno portato ad una grave congestione nella capitale. La scarsità è durata mesi ed ha portato alla chiusura di diverse stazioni di servizio.

“Ho passato circa 20 ore qui e non ho ancora fatto benzina. Ho paura che la stazione di servizio finirà la benzina prima che venga il mio turno”, ha detto Abdurabu Al-Qefri, un tassista di Sana'a. Al-Qefri ha detto allo Yemen Times che molte grandi strade sono chiuse a causa delle lunghe code di fronte alle stazioni di servizio.

“Non mi piace più uscire a causa degli ingorghi del traffico. Arrivo tardi al lavoro e torno anche a casa tardi”, ha detto l'automobilista Mohammed Ahmed Al-Mahali.

La Yemen Petroleum Company ha assicurato venerdì i consumatori che il carburante sarebbe stato fornito al ritmo normale, secondo l'agenzia di stampa di stato Saba.

Ad un incontro del Consiglio Supremo della Riunione Congiunta dei Partiti (RCP) domenica, l'organo ha fatto appello al governo perché prenda immediatamente le misure necessarie per affrontare questa crisi di carburante.

L'RCP ha detto che il governo dovrebbe lavorare per prevenire il contrabbando di combustibile ed arrestare i contrabbandieri di combustibile responsabili. Parte della ragione della carenza è il fatto che gli oleodotti hanno subito ripetuti attacchi da tribù armate. L'agenzia di stampa Saba ha detto lo scorso mese che gli attacchi agli oleodotti sono costati allo Yemen 4,75 miliardi di dollari negli ultimi tre anni.

Anche se lo Yemen è un produttore minore di petrolio nello scenario mondiale, il petrolio è una delle merci di esportazione più importanti del paese. I proventi del petrolio greggio costituiscono circa il 70% del bilancio pubblico del governo, secondo un rapporto della Banca Mondiale di inizio anno. Il rapporto ha detto che lo Yemen produce da 280.000 a 300.000 barili al giorno, dopo un picco di 400.000 barili al giorno.