Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 27 maggio 2014

Liberare l'Europa da Gazprom? La genialata dell'anno.


Da “Zerohedge”. Traduzione di MR

Nonostante le pressioni in corso da parte della macchina della propaganda per un piano di salvataggio per “liberare l'Europa dalle grinfie della Gazprom”, il Financial Times riporta che il capo della Cheniere Energy, che dovrebbe diventare il primo esportatore statunitense di gas naturale il prossimo anno, ha detto che la capacità dell'energia statunitense di salvare l'Europa dalla sua dipendenza dalle forniture russe è stata sopravvalutata. Detto in parole semplici, visto che Putin lo sa troppo bene (ma Obama e la sua allegra brigata nei media mainstream sembrano destinati a perpetuarla), l'AD della Cheniere spara: “E' lusinghiero che si parli di noi così, ma sono tutte sciocchezze. Sono delle sciocchezze così evidenti che non posso credere che qualcuno ci creda davvero”.

Come riporta il Financial Times:

Charif Souki, dirigente della Cheniere, ha detto che l'idea che le sole esportazioni la sua azienda liberino l'Europa dalla Gazprom russa era una “sciocchezza” e che solo solo dai 6 agli 8 degli oltre 20 progetti di esportazione concorrenti erano “reali”. 
...
Lo stallo oriente-occidente sull'Ucraina ha scatenato un dibattito politico sul fatto che gli Stati Uniti possano allentare le loro restrizioni alle esportazioni energetiche di modo che gli europei possano comprare gas naturale liquefatto, o GNL, dal boom del gas di scisto americano. 

Alla domanda se Cheniere possa salvare i paesi dell'est europeo dalla loro dipendenza dalla Russia, il signor Souki ha detto: “E' lusinghiero che si parli di noi così, ma sono tutte sciocchezze. Sono delle sciocchezze così evidenti che non posso credere che qualcuno ci creda davvero”. 

Gli Stati Uniti stanno lavorando per aumentare il numero di trattati commerciali per permettere qualsiasi esportazione di GNL ma...

Il signor Souki ha detto che i soli che ha considerato reali sono i 6-8 che hanno iniziato un processo separato – i quali ha detto che hanno comportato costi per 100 milioni di dollari – per ottenere i permessi dalla Commissione Federale Regolatrice per l'Energia (Federal Energy Regulatory Commission – FERC), che valuta gli standard ambientali e di sicurezza.

”Finché qualcuno non mi dice che sono disposto a spendere 100 milioni di dollari, non li considero reali”, ha detto.

E questo non avverrà presto in un'Europa a corto di contanti e limitata dalla burocrazia. Inoltre, è probabile che i prezzi aumentino, perché nemmeno Obama può imporre al mercato dove spostare i propri prodotti... 

Il signor Souki ha detto che non aveva alcun controllo su dove i suoi clienti vendevano quel GLN. “Sono sicuro che saranno opportunisti e, se serve loro per il mercato interno, lo prenderanno per il proprio mercato e, se non ne hanno bisogno, se ne andrà altrove”. 

O può andare altrove.