Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 8 febbraio 2014

La sensitività della Terra al cambiamento climatico: il doppio delle stime precedenti





Da “The Geological Society”. Traduzione di MR

La sensitività del clima terrestre al CO2 potrebbe essere doppia di quanto precedentemente stimato, secondo una dichiarazione pubblicata dalla Società Geologica di Londra. In un allegato a “Cambiamento climatico: prove dalle registrazioni geologiche” del 2010, la dichiarazione nota che molti modelli climatici di solito guardano a breve termine, a fattori rapidi, mentre calcolano la sensitività climatica terrestre – definita come l'aumento della temperatura globale terrestre apportato da un raddoppio del CO2 atmosferico. E' risaputo che un raddoppio dei livelli del CO2 atmosferico potrebbero sfociare in aumenti di temperatura fra 1,5 e 4,5°C, a causa dei rapidi cambiamenti come la fusione di neve e ghiaccio e il comportamento delle nuvole e del vapore acqueo. Le prove geologiche da studi del cambiamento climatico passato ora suggeriscono che se viene tenuto conto di fattori a lungo termine, come lo scioglimento delle grandi calotte polari e l'effetto del ciclo del carbonio, la sensitività della Terra ad un raddoppio di CO2 potrebbe essere doppio rispetto a quanto previsto da gran parte dei modelli climatici. Il dottor  Colin Summerhayes, che ha condotto il gruppo che ha fatto la bozza della dichiarazione, dice che “gli studi geologici del cambiamento climatico passato stanno gettando una luce nuova su come potrebbe rispondere la Terra alle emissioni di CO2 in aumento. La sensitività climatica suggerita dai moderni modelli climatici potrebbe essere buona per il breve termine, ma non comprende la gamma completa di cambiamento atteso sul lungo termine mentre il clima terrestre si sposta lentamente verso l'equilibrio”.

I livelli di carbonio atmosferici sono attualmente appena al di sotto delle 400 ppm – una cifra vista l'ultima volta durante il Pliocene, fra i 5,3 e i 2,6 milioni di anni fa. A quel tempo, le temperature globali erano di 2-3° superiori a quelle di oggi e i livelli del mare erano di diversi metri più alti, a causa della parziale fusione della calotta glaciale dell'Antartide. Se l'attuale tasso di aumento (2 ppm all'anno) continuasse, i livelli di CO2 potrebbero raggiungere le 600 ppm per la fine del secolo; livelli che, dice Summerhayes, “non si sono visti per 24 milioni di anni”. La dichiarazione sottolinea le prove secondo le quali un aumento relativamente modesto dei livelli atmosferici di CO2 e della temperatura risulterebbe in un aumento significativo del livello del mare, come nel Massimo Termico del Paleocene-Eocene (Paleocene-Eocene Thermal Maximum - PETM) di 55 milioni di anni fa che ha causato crisi marine ed estinzioni e con il sistema terrestre che ha impiegato circa 100.000 anni per recuperare. “Ora siamo ancora più sicuri dalle registrazioni geologiche” dice Summerhayes, “che la sola spiegazione plausibile per l'attuale riscaldamento è l'aumento esponenziale senza precedenti del CO2 e di altri gas serra. Le recenti raccolte di dati sul clima del passato, insieme ai calcoli astronomici, mostrano che i cambiamenti dell'orbita e dell'asse terrestri hanno raffreddato il mondo negli ultimi 10.000 anni. Normalmente ci si sarebbe aspettati che questo raffreddamento continuasse per almeno altri 1000 anni. “Tuttavia le registrazioni paleoclimatiche dell'Artico mostrano che il periodo 1950-200 è stato il più caldo intervallo di 50 anni in 2000 anni. Dovremmo raffreddarci ma non lo facciamo”.