Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 14 gennaio 2014

Il GISS della NASA mostra che il novembre del 2013 è il più caldo mai registrato. Il Jet Stream mutilato porta 4-8°C al di sopra della media in Russia e sull'Artico

Da “robertscribbler”. Traduzione di MR

(Anomalia della temperatura globale a novembre 2013. Fonte dell'immagine: NASA )

I record di temperatura continuano a cadere. Nonostante un autunno e un'inizio di inverno in qualche modo più freddi della media in gran parte degli Stati Uniti, il mondo ha continuato nella sua inesorabile tendenza al riscaldamento frantumando un precedente record di temperatura media massima del mese di novembre. Secondo il GISS della NASA, novembre 2013 è stato il più caldo mai registrato da quando sono iniziati i rilevamenti nel 1880. Di 0,77°C al di sopra della media 1951-1980, il novembre 2013 è stato di 0,02°C più caldo del novembre del 2010, il precedente novembre più caldo.

Quasi tutte le regioni del globo hanno mostrato temperature al di sopra della media. Le due eccezioni sono state l'Antartide occidentale e le regioni adiacenti del Nord America centro-orientale. Le temperature in queste regioni sono state da 0,5 a 4,1°C al di sotto del normale. Le regioni più calde del mondo hanno riguardato l'Antartide, l'Oceano Pacifico al di sotto dell'Alaska, l'Alaska e un grande fascia che comprende la Russia e le regioni adiacenti dell'Artico. Il caldo dell'Antartico è andato da 1 a 4°C al di sopra del normale ed ha coperto gran parte del continente. Ampie regioni dell'Alaska e degli oceani Pacifico e Artico adiacenti sono andate da 0,5 a 4°C al di sopra della media.

Ma la zona più calda comprende una enorme sezione della Russia e dell'adiacente Oceano Artico. Lì, una ondulazione persistente e di grande ampiezza nel Jet Stream ha portato temperature molto più calde della media molto a nord, forzando le temperature in una gamma da 4 a 8°C al di sopra della media su un'enorme regione e portando un cuneo di caldo fino al Polo Nord. Secondo la dottoressa Jennifer Francis e il dottor Jeff Masters, una tale ampiezza delle onde del Jet Stream sono sia i motori principali del meteo estremo sia il diretto risultato delle massicce perdite di ghiaccio marino che hanno luogo dal 2007.

Novembre 2013 è il primo esempio di amplificazione polare

Un più rapido riscaldamento ai poli, o amplificazione polare, è stata coinvolta in un rallentamento osservato nel Jet Stream che è diventato sempre più pronunciato negli anni recenti, dando come risultato sia ondate di calore e siccità sia eventi di forti piogge. Le temperature osservate hanno mostrato una amplificazione classica e pronunciata ai poli con l'emisfero nord che ha l'amplificazione più pronunciata. Vale la pena di notare che non è previsto che l'emisfero meridionale si amplifichi così rapidamente, in quanto l'oceano meridionale agisce da enorme dissipatore.

(Anomalie zonali delle temperature di novembre 2013. Fonte dell'immagine: NASA)

Le letture di CO2 e metano osservate durante il periodo sono state a loro volta molto alte sull'Artico e sul nord della Russia con numerosi picchi sulla gamma da 1.900 e 2.200 ppm (parti per miliardo) di metano e livelli di CO2 che salgono al di sopra delle 400 ppm per gran parte della regione dell'Artico a fine novembre. Anche se è probabile che contribuiscano all'amplificazione dell'Artico, questi valori di per sé non sono sufficienti per spiegare le temperature molto alte osservate in Russia durante il periodo che, come segnalato sopra, hanno coinciso con uno schema che blocca l'ondulazione nel Jet Stream dell'emisfero settentrionale. Il caldo anomalo dell'Alaska è anche coinciso con una forte ondulazione che è persistita sulla regione per gran parte di quest'anno.

Queste condizioni di caldo da record sono eccezionali, specialmente se si considera che l'ENSO rimane in uno stato neutrale. Tali condizioni non promettono bene per l'ENSO del prossimo anno, quando emergerà.