Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 30 ottobre 2012

Nel frattempo, in Antartide......


Di Ben Cubby

Da “The Age”. Traduzione di Massimiliano Rupalti.



Un Iceberg si stacca dalla costa di Knox in Antartide. Foto: Reuters


Secondo uno studio di riferimento che ha usato i satelliti per “pesare” le vaste terre emerse, l'Antartide sta perdendo 190 milioni di tonnellate di ghiaccio al giorno. Anche se parti dell'Antartide dell'est stiano crescendo, i ghiacciai nell'Antartide occidentale si stanno fondendo più velocemente, portando così ad una perdita netta di ghiaccio nel continente, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Nature. “Siamo sicuri che la copertura di ghiaccio si stia riducendo e lungo la costa del Mare di Amudsen il ritmo sta accelerando”, ha detto il capo ricercatore Professor Matt King dell'Università della Tasmania. La rapida fusione in alcune parti del continente viene parzialmente compensata da forti nevicate altrove, il che significa che la perdita netta di ghiaccio è di circa 69 milioni di tonnellate. Studi precedenti erano riusciti a mappare accuratamente le terre emerse sotto gran parte dell'enorme piattaforma di ghiaccio dell'Antartide e questa conoscenza è cruciale per misurare lo spessore del ghiaccio.

Mentre il ghiaccio fonde, le stesse terre emerse si alzano gradualmente a un ritmo di 2 millimetri all'anno, come una torta che si cuoce lentamente nel forno. “E' come se steste in piedi su una spiaggia con della sabbia bagnata e spostate il piede, l'impronta scompare molto rapidamente, essa torna al suo posto”, ha detto il Professor King. La risposta è stata un nuovo modello analitico che era in grado di mettere insieme i dati satellitari con le osservazioni sul posto, riguardo alla fusione del ghiaccio e al sollevamento del terreno, ed ha rivisto verso il basso la velocità di sollevamento dello stesso. Lo studio fa un uso unico dei dati satellitari, dal progetto noto come GRACE, acronimo di  Gravity Recovery and Climate Experiment (Recupero della Gravità ed Esperimento Climatico). Satelliti gemelli orbitano sulla Terra a 220 chilometri di distanza fra loro e a 500 chilometri dalla superficie. Mentre orbitano, dei piccoli cambiamenti nella massa terrestre sotto di loro condizionano la loro posizione relativa fra di loro. Sono equipaggiati con strumenti sensibili al punto di misurare un cambiamento di distanza di circa 10 micrometri, circa un decimo dello spessore di un capello umano.


Accoppiati con sistemi di posizionamento globale, i satelliti possono rimandare indietro informazioni dettagliate sulla gravità terrestre e quindi delle sue terre emerse, anche quando la superficie del pianeta si trova nascosta in profondità sotto il ghiaccio. Un risultato delle scoperte è che la fusione del ghiaccio in Antartide non contribuisce molto all'aumento del livello globale dei mari così come presumevano alcuni altri studi. Mentre il continente contiene sufficiente acqua ghiacciata da far salire il livello dei mari di 59 metri, se si dovesse fondere tutta, le scoperte mostrano che al momento esse contribuiscono per meno di un millimetro all'anno. Il Professor King ha detto che le scoperte hanno mostrato che i livelli del mare erano già saliti più velocemente di quanto non avessero fatto per secoli senza gran parte dell'acqua extra della calotta di ghiaccio dell'Antartide. “La fusione in alcune aree chiave ha accelerato fra il 2006 e il 2010, quando lo studio si è concluso”, ha detto. “Quindi, esso mostra che c'è da attendersi che l'aumento del livello del mare cambi piuttosto nettamente se il tasso di fusione continua ad aumentare, al di là di quanto sta già accadendo”.