Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 7 agosto 2010

Cristo non è morto dal sonno, ovvero il CO2 scalda l'atmosfera.


Il titolo di questo post mi viene da una cosa che mi diceva sempre mio nonno, che di riscaldamento globale non sapeva niente ma che in tanti anni aveva trovato tanta gente che aveva cercato di imbrogliarlo


Agosto è un buon periodo per girellare in santa pace per internet. Si trovano le cose più strane e più assurde e i blog dei negazionisti sono un'infinita sorgente di orrore.

L'ultima che mi è capitata è un post su "Wattsupwiththat" di un certo Tom Vonk, che viene definito "fisico," dove il pover'uomo si affanna a dimostrare con sottili argomenti che il CO2 non può scaldare l'atmosfera.

Ora, non vi sto a demolire punto per punto le fesserie che racconta Vonk. Vi dico solamente che gli stessi negazionisti - alcuni dei quali non sono completamente rincoglioniti - si sono sentiti in dovere di specificare che, in effetti, sono fesserie.  Questo lo trovate nei commenti al post e in un post specifico di "Jeff Id".

Fatemi aggiungere, comunque, che bisognerebbe far notare al sig. Vonk che se fosse vera la sua teoria, che immagino si debba applicare a tutti i gas serra, allora la temperatura media del nostro pianeta dovrebbe essere 20 gradi sottozero, invece che ai 14-15 gradi come è oggi. Questo a meno che Vonk non si metta anche a demolire la teoria del corpo nero.

Ma quello che stupisce in questa faccenda non è il fatto che ci sia qualcuno in giro che non ha capito niente di fisica dell'atmosfera. E', piuttosto, l'ammontare di lavoro messo su per dimostrare l'indimostrabile. Vonk si arrabatta a dimostrare su solide basi fisiche che l'acqua non è bagnata, che le mele non cascano dagli alberi e che il piombo galleggia sull'acqua. E lo fa con una certa proprietà di linguaggio - effettivamente costui deve aver studiato fisica in un certo momento della sua esistenza. Quale misterioso corto-circuito cerebrale l'ha portato a disonorare gli studi che ha fatto? Soffre di Alzheimer? Di delirium tremens? Di sindrome del clavicembalo mal temperato? O cosa? E quello che gli ha pubblicato il post (Anthony Watts) di cosa soffre?

Un'altra cosa che stupisce è la grande quantità di commenti favorevoli che il post di Vonk ha ricevuto. In assoluta beatitudine, molti i commentatori rispondono, più o meno, "Nun c'ho capito gnente di quello che hai scritto, però, ammazzate-o, Come sei bbravo!" Ci deve essere qualcosa di profondamente sbagliato nel modo in cui funziona la testa di certa gente.

Diceva mio nonno, buonanima, che a furia di chiacchere ti possono convincere anche che Cristo è morto dal sonno. Allora, stiamoci attenti a quelli che ti riempiono la testa di chiacchere. Se volete capire bene come funziona il meccanismo di riscaldamento globale, non date retta a Vonk, ma leggetevi articoli scritti da gente seria.  Questo, per esempio, è molto buono su "realclimate."

Non mi sembra che ci sia una cosa equivalente in Italiano, forse se qualcuno di voi mi può segnalare un buon link? Comunque, questa estate vedrò di scriverci sopra qualcosa io.