Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 26 marzo 2016

Le cause del riscaldamento globale: uno studio della NASA

Da “NASA Global Climate Change”. Traduzione di MR



L'atmosfera terrestre vista dalla Stazione Spaziale Internazionale. Uno studio di NASA/Università di Duke fornisce nuove prove che i cicli naturali da soli non sono sufficienti a spiegare il riscaldamento globale atmosferico osservato nell'ultimo secolo. Foto: NASA.

Studio: il riscaldamento globale di lungo termine ha bisogno di forzanti esterne


Uno studio di scienziati del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA di Pasadena, in California, e della Duke University di Durham, in Carolina del Nord, mostra in dettaglio la ragione per cui le temperature globali rimangono stabili sul lungo termini a meno che non vengano spinte da forze esterne, come l'aumento di gas serra a causa degli impatti umani. L'autore principale Patrick Brown, uno studente di dottorato alla Scuola per l'Ambiente Nicholas di Duke ed i colleghi del JPL, hanno messo insieme i modelli climatici globali con le misurazioni satellitari dei cambiamenti dell'energia che giunge e che lascia la Terra al vertice dell'atmosfera negli ultimi 15 anni. I dati satellitari provenivano dagli strumenti del Clouds and the Earth’s Radiant Energy System (CERES) sulla navicella spaziale Aqua e Terra della NASA. Il loro lavoro rivela con nuovi dettagli in che modo si raffredda la Terra dopo un periodo di riscaldamento naturale.

Gli scienziati sanno da tempo che man mano che la Terra si riscalda è in grado di ripristinare la sua temperatura di equilibrio attraverso un fenomeno conosciuto come Planck Response (la risposta di Plank). Il fenomeno è un aumento generale dell'energia infrarossa che la Terra emette man mano che si scalda. La risposta agisce come una sorta di valvola di sicurezza, consentendo ad una quantità maggiore di calore accumulato di essere rilasciata attraverso il vertice dell'alta atmosfera della Terra verso lo spazio. La nuova ricerca, tuttavia, mostra che non è così semplice.

“La nostra analisi ha confermato che la risposta di Planck gioca un ruolo dominante nel ripristino della stabilità della temperatura globale ma, con nostra sorpresa, abbiamo scoperto che tende ad essere sopraffatta localmente da cambiamenti che intrappolano il calore in nuvole, vapore acqueo, neve e ghiaccio”, ha detto Brown. “Ciò inizialmente ha suggerito che il sistema climatico potrebbe essere in grado di creare cambiamenti ampi e sostenuti delle temperature da solo”. Una investigazione più dettagliata delle osservazioni satellitari e dei modelli climatici ha aiutato alla fine i ricercatori a riconciliare ciò che stava avvenendo globalmente con quello che stava accadendo localmente.

“Mentre le temperature globali tendono ad essere stabili a causa della risposta di Planck, ci sono altri meccanismi importanti e precedentemente meno valutati al lavoro”, ha detto Wenhong Li, assistente professore del clima alla Duke. Questi meccanismi includono il rilascio netto di energia in aree fredde in modo anomalo e il trasporto di energia verso regioni alle regioni continentali e polari. In quelle regioni, la risposta di Planck travolge le retroazioni positive di energia locale che intrappolano energia. “Ciò enfatizza l'importanza del trasporto di energia su larga scala e i cambiamenti di circolazione atmosferica nel riconciliare le retroazioni di energia locali con quelle globali e, in assenza di forzanti esterne, nel ripristinare l'equilibrio globale della temperatura della Terra”, ha detto Li.

I ricercatori dicono che le scoperte potrebbero finalmente aiutare a mettere a tacere la credenza degli scettici secondo i quali il riscaldamento globale a lungo termine avviene in maniera imprevedibile, indipendentemente dalle forzanti esterne come gli impatti umani. “Questo studio sottolinea che grandi cambiamenti della temperatura globale come quelli osservati durante l'ultimo secolo, richiedono forzanti come l'aumento della concentrazione di gas serra”, ha detto Brown. “Gli scienziati hanno creduto a lungo che l'aumento dei gas serra giocasse un grande ruolo nel determinare la tendenza al riscaldamento del nostro pianeta”, ha aggiunto il coautore Jonathan Jiang del JPL. “Questo studio fornisce ulteriori prove che i cicli climatici naturali da soli sono insufficienti a spiegare il riscaldamento globale osservato durante l'ultimo secolo”.

15 commenti:

  1. intanto a Mauna Loa la CO2, dopo punte di 408 ppm, è sulle 406. Ma che volete togliere il welfare, le pensioni, le carte acquisti fino a 3 anni e dopo 65 per gli indigenti, l'ISEE per le famiglie numerose e anziani? Non siete folli, siete dei delinquenti, quindi passibili di pene severe e vendette personali. Ma chi se ne frega del GW, del CO2 e di tutte le fregnacce, che questo mondo va in rovina. Tutti si vogliono divertire, curare, prendere tutte le regalie possibili e fregarsene del prossimo, ora, qui e in futuro. La realtà era, è e sarà questa. Qui non si tratta di cambiare le emissioni, ma di cambiare il genere umano. Gesù non era così illuso, tanto da evocare una fine del mondo prossima ventura, ma noi umani, accecati dall'orgoglio delle nostre infinite ed immense capacità(?), ci riteniamo capaci di poter salvare capra e cavoli, dopo aver generato il danno e nonostante gli avvertimenti di LTG e altre grandi menti del passato. E anche se non c'entra un cavolo, per dare un esempio di quello di cui siamo veramente capaci, cioè di mentire, voglio dire che ieri al TG4 hanno detto che Palmira è stata liberata dall'ISIS grazie alle forze guidate dagli USA? Se questa non è la prova che ci considerano tutti dei cretini, ditemi voi cos'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è una punta di 408 e mo è scesa è l'andamento ciclico stagionale NORMALE; siamo nel periodo di maggiore sviluppo della flora nell'emisfero nord

      Elimina
    2. purtroppo non è così.

      Elimina
  2. OT :

    Sabato 26 marzo su Raitre quinta puntata di Scala Mercalli
    ORARIO CAMBIATO: probabilmente andrà in onda alle 23.00, RAI3, ma prestate attenzione ad eventuali variazioni dell'ultimo minuto, non si sa mai!
    Si parlerà di TRASPORTI:
    * Grandi opere: dai supertunnel ferroviari al canale di Panama e Nicaragua
    * Auto elettrica ed ad idrogeno
    * Traghetto elettrico in Norvegia e navigazione sostenibile al porto di Genova
    * Telelavoro: forse la miglior soluzione per ridurre i viaggi
    * Intervista a Domenico Gattuso dell'Univ. di Reggio Calabria sulla politica italiana dei trasporti;
    * Il riciclo dei rifiuti elettronici con Roberto Cavallo

    L'orario è stato spostato per mostrare una partita di calcio (amichevole).
    Se è troppo tardi per Voi, probabilmente la potrete vedere in streaming sul Vosto computer, sul sito di Rai Replay oppure sul sito Rai di Scala Mercalli.

    http://www.scalamercalli.rai.it/dl/portali/site/page/Page-1b0bb64f-44f2-43ea-9f7e-6d791bb192e6.html

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il pifferaio magico ovviamente preferisce far udire la musica sua ai ratti, così da farli divenire ancora più succubi, invece che far sentire una voce discorde dal coro, anche se molto molto edulcorata. Quello che è stato detto della liberazione di Palmira, del commento di sopra ne è un esempio.

      Elimina
    2. Peccato che su questo blog non sia possibile criticare luca mercalli. Sono due volte che scrivo commenti critici nei suoi confronti, ma niente non vengono pubblicati. Peccato davvero.

      Elimina
    3. Le critiche sono ammesse. Non gli insulti.

      Elimina
    4. e quali sarebbero gli insulti di grazia?

      Elimina
    5. Non vedo l'ora di vedere come luca mercalli ci spiegherà che le istituzioni che hanno causato i problemi dell'umanità, ce li risolveranno. Chiaramente essendo pagato per farlo essendo una persona preparata e essendo ospite di una di queste istituzioni, nello specifico la fao. Ovviamente il buon luca ci riuscirà benissimo e andremo a dormire più sereni con la coscienza ecologicamente pulita e la giusta fiducia nella classe dirigente. Alla fine meglio la partita, stessa utilità, ma meno pensieri.

      Elimina
    6. La puntata trasmessa, di "Scala Mercalli", è stata una puntata coraggiosa, per quanto riguarda la NUOVA linea "Lione-Torino", che le lobbies e le istituzioni "nazionali" (non quelle locali) vorrebbero affiancare alla già esistente linea, usata al solo 20 %.
      Questa puntata ha inoltre offerto una valutazione degli interventi sulla rete ferroviaria italiana, dalla parte del cittadino, quello che viene danneggiato dalla chiusura di centinaia di stazioni locali.
      Una difesa dell'Ambiente e del Buon Senso, che ho molto apprezzato.
      Ora che l'hai vista, Gaporion, che ne dici ?
      Goporion, non voglio essere polemico con nessuno, nemmeno con Te, solo desidero che la verità delle cose venga a galla, in questo mondo dove la disinformazione purtroppo impera.
      E desidero che le istituzioni siano al servizio del cittadino.
      Noto che le istituzioni locali talvolta lo sono, come tanti sindaci di comune della Val Susa, ed invece quelle centrali, nazionali, stanno dirigendo il nostro paese allo sfacelo sociale e ambientale.
      La qual cosa si può evitare, se si amano i propri concittadini e la natura.

      Gianni Tiziano

      Elimina
    7. Bah!!! Sono un convinto no tav e quindi mi ha fatto piacere vedere trattati gli argomenti in proposito in tv, non esito a pensare che sia stata mandata in onda la partita al posto della trasmissione apposta per questo motivo. Ciò non toglie lo spot per l'Impregilo che costruirà le nuove chiuse a Panama, Impregilo impresa capofila pure di tutto il Tav e il magnifico spottone per la toyota un qualcosa di imbarazzante, sarà durato un quarto d'ora. Per il resto solita fuffa della trasmissione che serve a rassicurarci su come alla fine tutto andrà bene e a farlo andare bene saranno gli stessi che ci governano, sia istituzioni pubbliche che private. Insomma un servizio fatto bene, quello sul tav e per il resto spot pubblicitari di colossi industriali e di progetti volti alla crescita infinita, non so come chiamare altrimenti il progetto delle nuove chiuse a panama per le nuove navi giganti, se non religione della crescita infinita e un po di fuffa, su un traghetto elettrico che fa 30 km in un fiordo. Strano che sia mancata la solita sviolinata su come sia buona la fao che ci ospita nella sua "prestigiosa" sede. PS nell'epoca del politically correct non abbiate paura della polemica per favore.

      Elimina
    8. L'ampliamento del Canale di Panama è quasi finito.
      I lavori sono completati al 96 %.
      Impregilo partecipa ai lavori con una quota del 38 % all'interno del consorzio di imprese realizzatrici.
      Sono andato a vedere il sito Impregilo su internet.
      Forse vent'anni fa, avrei pensato che erano belle realizzazioni tecnologiche.
      Ora, soffro a vederle.
      Sono dighe, ponti e gallerie.
      Aggressione alla natura.

      C'è comunque una gran differenza fra il canale di Panama, già realizzato, e il progettando canale del Nicaragua.
      Dove Panama ha indetto un referendum per la realizzazione, Nicaragua ha imposto il progetto alla popolazione contadina e indigena.
      Dove Panama ha studiato come poter sfrattare gli indigeni facendoli soffrire il meno posssibile, il Nicaragua manda a dire agli sfrattandi che se ne devono andare, non si sa dove.

      Il canale del Nicaragua sarebbe una devastazione ambientale e anche sociale.
      Perchè il Nicaragua non ha indetto un referendum sul progetto ?

      Perchè in Italia, allo stesso modo, non si indicono referendum sulla realizzazione delle grandi opere ?

      Gianni Tiziano

      Elimina
  3. Carissimo Prof. Bardi,
    scusate il pessimismo estremo, ma oltre al collasso ecologico mi sembra che un altro stia arrivando, e molto più rapidamente :
    il collasso economico.
    I blog italiani ed internazionali non fanno che ricordarcelo quotidianamente. Ne riporto uno che ha una bella sintesi :
    http://www.rischiocalcolato.it/2016/03/lettere-rischio-calcolato-si-esatto-cosi.html?utm_source=feedburner&utm_medium=twitter&utm_campaign=Feed%3A+RischioCalcolatoInEvidenza+%28Rischio+Calcolato+%C2%BB+IN+EVIDENZA%29

    Che dire ? Buona bacarotta a tutti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. potrebbe essere l'unica chance che i capi hanno per impedire alle locuste la totale distruzione del campo pianeta Terra.

      Elimina
  4. Scala Mercalli:
    Mentre pubblicizzavano la nuova Toiota ad idrogeno ci hanno dato le informazioni necessarie per capire:
    Costa il triplo di un auto elettrica. (Richiede platino)
    Le bobole devono contenere 800bar (quasi il quadruplo di un auto a metano)
    L'idrogeno viene ottenuto prevalentemente a spese me metano.

    Intanto Luca si gode la C0 elettrica.

    @Gaporion
    Per andare in TV è necessario accettare un po' di compromessi ed annaquare un po' i problemi.
    Per la gente normale è gia travolgente, per noi ci sono questi blog.

    RispondiElimina