Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 24 gennaio 2016

La fusione dei ghiacci minaccia miliardi di persone

Da “Voice of America”. Traduzione di MR 


Pastori che pascolano i loro Yak nelle praterie dell'altipiano tibetano nella contea di Nagu, in Tibet, il 6 luglio del 2006.

Di Yeshi Dorje 

Con le temperature che aumentano 4 volte più velocemente che in qualsiasi altro posto in Asia, l'altipiano tibetano potrebbe presto perdere gran parte dei sui ghiacciai e permafrost, alterando le forniture di acqua in tutta l'Asia, dicono alcuni scienziati cinesi. Da tempo famoso come “il tetto del mondo”, l'altipiano tibetano ha più o meno la dimensione dell'Europa occidentale e fornisce acqua a quasi 2 miliardi di persone in Asia come fonte di diversi grandi fiumi, compresi Yangze, Mekong, Saluen (Gyalmo Ngulchu), Indo, Brahmaputra e Fiume Giallo. Ma a causa dell'impatto del cambiamento climatico, i ghiacciai si stanno ritirando rapidamente, le praterie si stanno a loro volta ritirando man mano che la desertificazione si espande, le precipitazioni della regione sono diventate irregolari, nei grandi fiumi i livelli delle acque stanno crollando e il permafrost sta fondendo. La fusione dei ghiacciai tibetani, la più grande massa di acqua dolce congelata al di fuori delle regioni polari, è collegata a molte conseguenze ambientali localmente e globalmente, comprese le ondate di calore in Europa, secondo alcuni studi. 

Ritiro dei ghiacci

I funzionari cinesi stimano che il Tibet abbia il 14,5% della massa totale dei ghiacciai del mondo. Mentre ci sono teorie diverse su cosa stia causando la fusione dei ghiacciai, i ricercatori sono concordi che il ritmo sia impressionante. 


L'altipiano tibetano sullo sfondo della catena himalaiana, visto in volo sul Nepal.

L'agenzia di stampa di stato cinese Xinhua ha scritto ad aprile che scompare una media di 247 kmq di ghiacciai ogni anno e che sono scomparsi circa 7.600 kmq di ghiacciai, o circa il 18% del totale, dagli anni 50. Zhang Mingxing, un funzionario cinese che che guida la Tibet Mountaineering Administration, ha detto che il ghiacciaio al campo base dell'Everest, a 5.200 metri sul livello del mare, è già scomparso. “Non ci sono [rimaste] altro che pietre” è stato citato dalla Xinhua. Una precedente ricerca cinese di sostanze all'interno dei ghiacciai tibetani indicava che il carbonio dall'incendio di foreste, delle colture e dalle stufe da cucina dall'India hanno causato la fusione. Mentre questi potrebbero essere fattori che contribuiscono, gli scienziati dicono che l'aumento globale delle temperature è indiscutibilmente la causa primaria. I tibetani dicono che c'è stato un cambiamento drastico delle temperature dagli anni 80. Un tibetano che vive negli Stati uniti che di recente è tornato a Lhasa ha espresso shock vedendo l'impatto climatico sull modo di vestire delle persone. “Quando vivevo a Lhasa, era molto raro che le persone potessero andarsene in giro in maglietta”, ha detto l'uomo, che ha chiesto che il suo nome rimanesse nascosto. “Ora le persone vanno in giro in pantaloncini!” Il National Geographic nel 2010 ha scritto che un ghiacciaio si stava ritirando di circa 300 metri all'anno, la lunghezza di una campo da football statunitense. Già nel 2009, l'importante glaciologo cinese Qin Dahe diceva che i ghiacciai sull'altipiano tibetano stavano fondendo più rapidamente che in altre parti del mondo. Sul breve termine, ha avvertito, la fusione innescherà più alluvioni e smottamenti. Sul lungo termine: “le forniture d'acqua della regione saranno in pericolo”. Alcuni ricercatori hanno predetto che gran parte dei ghiacciai himalayani saranno scomparsi fra 20 anni.

Fabbisogno d'acqua

Quei ghiacciai che si contraggono alimentano alcuni dei fiumi più grandi che corrono lungo Cina, India, Pakistan, Bangladesh, Laos, Thailandia, Vietnam e Cambogia. “L'acqua è la risorsa più importante che possiede questa regione, la regione comune di Tibet, parte della Cina, India, Buthan e tutto questo”, ha detto R. Rangachari, studioso onorario del Centro Indiano per la ricerca Politica ed ex segretario del ministro delle risorse idriche indiano. “L'acqua è la chiave per rimuovere la povertà, generare elettricità, agricoltura, eccetera”, ha detto al servizio tibetano di VOA. Un ex ricercatore del cambiamento climatico dell'altipiano tibetano dell'Accademia delle Scienza Cinese, che ha parlato in modo anonimo, ha detto che il deflusso glaciale diminuito ha già ridotto i livelli d'acqua dello Yangtze e del Fiume Giallo. “Le sorgenti di ogni grande fiume provengono dall'altopiano tibetano e c'è un minore afflusso d'acqua verso quei fiumi”, ha detto. Il ministro della risorse idriche cinese nel 2013 ha annunciato che almeno 28.000 piccoli fiumi sono improvvisamente scomparsi in Cina nel 2011. Mentre Pechino non ha citato le cause specifiche, il ricercatore anonimo ha detto che il riscaldamento dell'altipiano tibetano era perlomeno in parte il responsabile. “Un'altra ragione importante è la fusione del permafrost”, che porta al drenaggio sotterraneo dell'acqua, ha detto. “Come quando si ha una spugna spessa”. L'ultima ricerca condotta dall'Accademia delle Scienze Cinese ha previsto che più dell'80% del permafrost dell'altipiano tibetano potrebbe essere scomparso entro il 2100 e che quasi il 40% di esso scomparirebbe in un “futuro prossimo”. 

Aumento del rischio di conflitti

I cambiamenti apparenti dell'altipiano tibetano hanno fatto sorgere preoccupazione sul potenziale di conflitti per sicurezza idrica nella regione, in particolare fra Cina ed India. Per mitigare l'impatto ambientale, la Cina ha portato avanti la costruzione di dighe lungo i fiumi che discendono dall'altopiano tibetano, nonostante le lamentele delle nazioni che stanno a valle che hanno bisogno dell'acqua. Di fatto, il Saluen rimane il solo fiume tibetano che non è stato ancora interrotto da grandi dighe. Il fiume Yarlung Tsangpo del Tibet, che alimenta il fiume Brahmaputra in India, recentemente ha visto la costruzione di una sola diga. 


Vista del fiume Saluen da un piccolo villaggio thailandese-Karen, Tha Tafang, sul lato thailandese del fiume il 17 novembre del 2014.

Secondo Rangachari, l'India prende i problemi idrici molto sul serio. “Nessuno vuole cedere i propri diritti per far qualcosa – [specialmente] ciò che sta facendo l'altro”, ha detto. “I confini politici possono essere creati dall'uomo, ma la geografia è creata da Dio”. I tibetani chiedono un intervento internazionale ed attenzione per l'altipiano, descrivendo l'acqua come il petrolio del futuro, una risorsa non rinnovabile per cui le persone potrebbero combattere. “Il Tibet è molto importante perché molti esperti dicono che le guerre prima venivano combattute per la terra, ma oggigiorno vengono combattute per l'energia e presto ci saranno guerre per l'acqua”, ha detto Lobsang Sangay, capo dell'amministrazione tibetana in esilio. Il governo tibetano in esilio ha lanciato una campagna per chiedere una maggiore attenzione ecologica per “il tetto del mondo” alla COP21, il summit climatico di Parigi del 30 novembre-11 dicembre. A settembre, il leader spirituale tibetano in esilio, il Dalai Lama, ha a sua volta chiesto alla comunità internazionale di porre una maggiore attenzione ai cambiamenti ambientali che hanno luogo nella sua terra natale. “Questa è una preoccupazione per oltre 1 miliardo di vite umane”, ha detto il Dalai Lama in un messaggio video.

4 commenti:

  1. Deprimente. Perchè la colpa è nostra e continuiamo a peccare.
    Questo secondo me è il peccato.
    Fare qualcosa di male.
    Vivere secondo il BAU (Business As Usual).

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
  2. mal voluto, non è mai troppo. E gli innocenti pagano per il colpevole, anche se di innocenti ce ne sono rimasti fin troppo pochi.

    RispondiElimina
  3. La Cina oggi è tra i grandi devastatori ambientali sul banco degli imputati. Procapite consuma molto meno di uno statunitense ma i numeri demografici la pongono sul podio degli inquinatori del pianeta. Se non è la sua classe politica per prima a prendere atto che se il paese non cambia paradigma economico ben presto si troverà senza acqua potabile sufficiente per la sua enorme popolazione e coinvolta in un probabile conflitto militare con l'India, chi deve prenderne atto? La scadenza ambientale per la scimmia glabra è sempre più vicina ma la decrescita su base volontaria di tutto, popolazione in primis, è ancora di la a venire. Purtroppo

    RispondiElimina