Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 19 febbraio 2011

Segare il ramo su cui stai seduto


Immagine da "wildolive"


-Che il ramo cada è soltanto una teoria.

- I rami nella foresta sono sempre caduti.

- Sono stato qui a segare per un bel po', e ancora non è successo niente.

- Bisogna studiare ancora molto le leggi del ramo prima di poter essere sicuri che debba cadere.

- Sappiamo che nel passato i rami tendevano a crescere. In effetti, è probabile che andiamo verso una nuova era di ramo sempre più grosso.

- Al Gore è grasso, per questo il ramo non può cadere.

- Siamo in primavera, non vedi che spuntano nuove foglie? Il ramo sta bene.

- Ehi, ma non pensi ai posti di lavoro per i boscaioli?

- E' una cosa giusta da fare: si chiama potatura. 

- Smettere di segare sarebbe un danno per l'economia perché ridurrebbe le vendite della segatura.

- Non c'è prova che l'effetto della sega sia di aumentare le dimensioni del taglio.

- Ho visto dei messaggi che si sono scambiati le guardie forestali dieci anni fa. Parlavano di nascondere la crescita dei rami.

13 commenti:

  1. - In realtà, se il ramo cade, è colpa del vento. Per tutto l'Olocene (ma anche nell'Eemiano, quando qualcuno giura di aver visto alberi senza rami) è sempre stato così: fra vento e caduta dei rami c'è una evidente correlazione.

    - Ma che caduta e caduta: curando, coccolando e massaggiando un po' vista, udito e tatto, scopriamo con sorpresa che in realtà sono i nostri organi di senso ingannevoli a farci credere che i rami cadano. Invece crescono, ma non vogliono che ce ne accorgiamo.

    RispondiElimina
  2. Nell'Eemiano, i rami cadevano, ma nessuno si faceva male perché la gente rimbalzava sugli ippopotami che nuotavano nel Tamigi. :-)

    RispondiElimina
  3. post carino pero' mi sembra che siate arrivati allo sbattimeto cerebrale totale

    2+2 fa quattro sempre e non qualche volta

    saluti
    roberto de falco

    RispondiElimina
  4. - Segare il ramo non può comportarne la caduta, a meno di non violare la legge di gravità.

    RispondiElimina
  5. Stefano Caserini20 febbraio 2011 11:39

    Post azzeccato

    ne aggiungo un paio anche io

    - Gli esperti sono in disaccordo sulle dimensioni del taglio già presente: è una misura affetta da molte incertezze

    - Guarda le foreste quanto sono grandi: cosa vuoi che faccia una ramo tagliato .. è una cretinata!
    (www.climalteranti.it/2009/07/02/il-1912-praticamente-ieri/)

    RispondiElimina
  6. Beh, va anche detto che i rami degli alberi antartici stanno crescendo!

    RispondiElimina
  7. il mahatma Ghandi insegnava la disobbedienza civile, mentre noi ci stiamo scavando la fossa con le nostre mani. Tra un'ora tutti ai nastri di partenza......

    RispondiElimina
  8. manca l'aspetto religioso.
    Dio ha detto "andate e salite ammucchiandovi tutti sullo stesso ramo", quindi il ramo reggerà. Se non reggerà, sarà volontà divina.
    Così è scritto.

    jj

    RispondiElimina
  9. Il ramo non esiste e non esiste la sega. E' tutto un complotto dei ramisti.

    RispondiElimina
  10. Segavano i rami sui quali erano seduti. E si scambiavano a gran voce le loro esperienze, di come segare più in fretta. E precipitarono con uno schianto. E quelli che li videro, scossero la testa e continuarono a segare."

    no, non l'ho detto io ma Bertoldt Brecht

    Giovanni Filippi

    RispondiElimina
  11. Il vecchio ramo
    Una sega che va
    Rumore del legno

    (Haiku poco noto di Basho)

    RispondiElimina
  12. Che gli scricchiolii aumentino con l'assottigliarsi del ramo non dimostra che questo dipenda dalla sega e che chi la sta usando possa evitare l'ingestibile.

    (Costa dixit # 579, mutatis mutandis)

    RispondiElimina
  13. Non mi pare corretto starmene seduto qui sul ramo con le mani in mano, mentre gli altri continuano a segare come ossessi. Mi guardano con aria stranita come se fossi un alieno.

    RispondiElimina