Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 3 ottobre 2010

Come screditare gli ambientalisti con un video disgustoso



In questo video, vedete degli "ambientalisti" che uccidono degli scolaretti, facendoli esplodere. Quando una cosa del genere arriva da un gruppo che si definisce "ambientalista" è difficile pensare che siamo di fronte solo a un caso di stupidità. E' probabile invece che sia un caso di "astroturfing," ovvero un'azione da parte di falsi ambientalisti per screditare tutti quelli che sono preoccupati per il cambiamento climatico

Recentemente, mi è capitato in mano un volantino di un cosiddetto "gruppo spontaneo" contro l'energia eolica. E' una cosa così platealmente falsa che lo posso considerare solo come un imbroglio ordito dalla lobby dei combustibili fossili per sfruttare la buona fede degli ecologisti. Non sarebbe certamente la prima volta che il lupo si veste da agnello e che certi gruppi spontanei non lo sono affatto. E' molto facile imbrogliare la gente presentandosi sotto mentite spoglie; in effetti è una delle tattiche più efficaci in qualsiasi tipo di conflitto. Nel caso di un conflitto militare si parla di tecniche di "infiltrazione" o "False Flag" (Falsa Bandiera) che sono parte del concetto più generale di spionaggio.

La tecnica dell'infiltrazione non si usa soltanto in campo militare. In politica e in business, spesso si parla dello stesso concetto con il nome di Astroturfing. E' un termine che deriva da un mantello di erba sintetica usato per i campi sportivi; sembra erba, ma non lo è. Astroturfing indica l'azione di movimenti apparentemente spontanei ma che sono in realtà al soldo di qualche lobby o gruppo politico. Ci sono molti casi di Astroturfing provati, e molti di più sospettati. Per esempio, un caso classico è quello dei comitati spontanei per la difesa della "libertà di fumare" che, come si è scoperto poi - erano stati creati e stipendiati dall'industria del tabacco. (vedi la voce di Wikipedia su "astroturfing")

L'astroturfing  è una delle armi più efficaci dell'arsenale della propaganda moderna. Richiede un passo in più rispetto alle tecniche classiche che, normalmente, si basano soltanto sull'uso dei media (fra le altre cose, l'astroturfing è illegale nella pubblicità commerciale). Ma, quando ci sono le risorse, la volontà e sufficiente mancanza di scrupoli, l'astroturfing può avere un'efficacia devastante. E' l'equivalente di un virus che attacca un organismo dall'interno; se riesce a non farsi bloccare dal sistema immunitario, non lascia scampo. Ho citato prima l'esempio della campagna contro l'energia eolica che sfrutta la buona fede degli ambientalisti che sembrano particolarmente sensibili a cadere in queste trappole. E' possibile che la disintegrazione del movimento ambientalista come entità politica sia stata ottenuta mediante tecniche di infiltrazione di questo tipo.

Ma, nel campo del cambiamento climatico, l'astroturfing si è rivelato poco efficace, perlomeno fino ad oggi. Il dibattito è pieno di persone che si fingono scienziati - alcuni in buona fede, altri no - per negare la realtà del cambiamento climatico. Molte brave persone sono cadute nella trappola di credere a certi impostori, ma è difficile per chi non è uno scienziato improvvisarsi tale. Così, la scienza del clima ha resistito fino ad oggi ai vari tentativi di infiltrazione.

Tuttavia, la posta in gioco è enorme e le forze dell'antiscienza continuano a combattere con tutte le forze che hanno, soprattutto in questo momento in cui il falso scandalo del "Climategate" sta perdendo forza ed efficacia. E allora, sono sicuro che si sono domandati come possono utilizzare l'astroturfing per i loro scopi. Se non riescono a infiltrarsi nel mondo scientifico, possono però infiltrarsi facilmente nei movimenti ecologisti. Quindi, per screditare il concetto di cambiamento climatico, quale strategia migliore che quella di inventarsi un gruppo di fanatici ambientalisti che ammazzano quelli che non la pensano come loro? Detto fatto, appare il gruppo (cosiddetto) ambientalista  "10:10" che già appare sospetto come obbiettivi e come strategia. Il gruppo poi se ne esce con un filmino molto professionale che pare fatto apposta per screditare tutti quelli che si preoccupano del cambiamento climatico.

Come ci si poteva aspettare, a un giorno di distanza dall'apparizione del film, tutto il web in inglese è già pieno di attacchi contro gli ambientalisti e gli ecologisti, accusati, sulla base del video, di voler sterminare non solo chi non la pensa come loro ma l'umanità intera (per esempio qui, in un blog dai colori particolarmente brutti).

Ripeto il concetto: certi casì di stupidità sono troppo mostruosi per non pensare che dietro ci sia qualcuno che sta usando tecniche di astroturfing per imbrogliarci. Ma loro possono imbrogliarci soltanto sfruttando la nostra ingenuità - se non ci facciamo fregare la loro tattica non servirà a niente: dipende soltanto da noi.

24 commenti:

  1. Ugo... andando a fare un whois sul dominio, appare come proprietario il nome di Franny Armstrong, che ha lavorato per la produzione di "the age of stupid" e molte altre cose:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Franny_Armstrong
    c'è anche un altro riferimento a spanner film:
    http://spannerfilms.net/
    sempre sul whois...
    ecco il report completo:
    http://www.who.is/whois/1010global.org/

    come lo spieghi?

    RispondiElimina
  2. però, caro Ugo, il fatto è che ce ne sono come loro, solo che normalmente non li si vede
    per esempio, sono stato parecchio in Greenpeace, che è un'ottima organizzazione per tanti aspetti, ma ti assicuro che sia a livello di base sia di dirigenza ce ne sono eccome che la pensano come nel video, e non ne fanno tanto mistero
    il problema è che è un astroturfing purtroppo non inverosimile, e c'è chi ha avuto esperienza diretta di simili fanatici ambientalisti
    per il resto, mi sembra che la tua analisi sia decisamente corretta

    RispondiElimina
  3. Beh, Federico, non è che io o chiunque ci possiamo mettere a fare ipotesi su come e perché una come Franny Armstrong sia passata da un film abbastanza interessante ("The Age of Stupid") a una stupidata assoluta come questo film disgustoso. Forse ha voluto strafare, forse qualcuno l'ha pagata (perché no - tutti abbiamo bisogno di soldi); non lo so e non lo posso sapere. Ma non è questo il punto.

    Il fatto è che questo film sembra concepito apposta per danneggiare il movimento ambientalista per quanto riguarda la questione climatica. Ora, se vai a vedere il loro sito, vedi che di scienza questi non ne sanno gran che e i loro scopi sono assai confusi. Ma il sito è estremamente ben fatto dal punto di vista di PR - questi di comunicazione se ne intendono, eccome! Sono dei robusti professionisti.

    Come è possibile che dei professionisti del genere si siano dati la zappa sui piedi in questo modo (meglio detto, si siano sparati negli organi riproduttivi con un fucile a pompa gauge 12)?

    Se vai ora a vedere la blogosfera in inglese vedrai che infinito disastro hanno combinato. L'ultima raspata viene dall'orribile James Delingpole che se la prende con gli "ecofascisti"

    http://blogs.telegraph.co.uk/news/jamesdelingpole/100056586/eco-fascism-jumps-the-shark-massive-epic-fail/

    Insomma, questi sono indubbiamente dei folli ma, come dice Shakespeare "in questa follia c'è un metodo".

    RispondiElimina
  4. Caro Francesco, i fanatici esistono in tutti i movimenti di idee. Ma, normalmente non hanno ne le risorse ne la capacità di fare un film così professionale come questo. A meno che qualcuno non glie le offra apposta......

    RispondiElimina
  5. Tanto per dare un esempio di "hell raising" generato da questa schifezza; questo è un commento dal blog di Delingpole. (NWO sta, credo, per "New WOrld Order"

    "To many of us, those who have put a lot of time into understanding the issue and who already had a lot of knowledge about the increasingly disturbing NWO agenda, something like this comes across as a very direct and real threat. I feel like I just had war declared against me, and I feel strangely freed of any further need to remain peaceful myself."

    RispondiElimina
  6. sicuramente Ugo, sono d'accordo con te che questo è un clamoroso autogoal nella comunicazione ambientalista, talmente clamoroso che puzza molto, troppo di bruciato...

    RispondiElimina
  7. Scusate se ricito: "Mai attribuire alla malizia ciò che è perfettamente spiegabile con l'incompetenza". Scusa Ugo ma, dato il whois, mi pare evidente che qui gli ambientalisti abbiano fatto tutto da soli. Il problema sono gli abbraccia-alberi che sperano di ottenere con la mitigazione dell'effetto serra ciò che non ottennero con il "luminoso sol dell'avvenire". Gente capace di mettere nello stesso calderone effetto serra, OGM, campi elettromagnetici e scie chimiche e farne un bel fuoco luddista.

    Per carità, potrebbero esserci delle regie occulte, gente che ha dato loro le dritte per farla ancora più fuori dal vasino, ma gli attori in palcoscenico qui recitano col metodo Stanislavski - ci credono sul serio. Mi ricorda le Brigate Rosse (violenza a parte): gente convinta di lottare per gli operai, anzi, "la classe operaia", ma che di fatto ha garantito che il PCI non arrivasse al governo per altri venti anni. Forse furono aiutati dalla CIA, chissà, ma indubbiamente ci misero del loro.

    RispondiElimina
  8. Markgots, le brigate rosse erano anche più infiltrate degli ambientalisti :-)

    RispondiElimina
  9. Sì, infatti, ho tirato fuori l'esempio apposta. Tra gli ambientalisti ci sono milioni di utili idioti. Capaci di fare il lavoro a gratis, senza bisogno di corromperli o minacciarli.

    RispondiElimina
  10. Per dare un idea di questa cosa; credo che valga la pena riportare in toto una dichiarazione di Franny Armstrong al Guardian. Vi rendete conto che questa minaccia pubblicamente di amputazione le persone che non sono daccordo con lei?

    "Doing nothing about climate change is still a fairly common affliction, even in this day and age. What to do with those people, who are together threatening everybody's existence on this planet? Clearly we don't really think they should be blown up, that's just a joke for the mini-movie, but maybe a little amputating would be a good place to start?"


    Di fronte a una roba del genere, credo che ci sono alcune possibilità di interpretazione:

    1. Questa Franny Armstrong è completamente stupida. Credo che non sia possibile. Una stupidità a questo livello non le permetterebbe di fare film dove se la prende con gli stupidi: dove potrebbe trovarne di più stupidi di lei?

    2. Il compagno di Franny Armstrong l'ha incornata con un elfa blu di "Avatar" e per questo lei odia segretamente gli ambientalisti a un livello tale da volerli vedere morti tutti quanti. Mi sembra poco probabile considerando la stazza delle elfe del film, cosa che renderebbe difficile a un maschio umano di soddisfarle per motivi che non descrivo esplicitamente, ma che dovrebbero essere ovvi.

    3. Franny Armstrong è stata pagata da qualcuno per fare un lavoro di propaganda contro gli ambientalisti. Perché no?

    RispondiElimina
  11. x Markgots. Si, infatti il trucco dell'Astroturfing è proprio questo: trovare degli utili idioti. Non per dar ragione alla legge di Godwin sui Nazisti, ma uno degli esempi più classici di utile idiota è quel tale - iscritto al partito comunista - che dette fuoco al Reichstag di Berlino nel 1933. Non si conoscono esattamente i dettagli, ma sembra certo che fu manovrato dai nazisti. E' sempre il solito trucco e funziona sempre.

    RispondiElimina
  12. La musica è dei Karate

    RispondiElimina
  13. Quello che trovo veramente fuori luogo nel video non e` tanto la fine brutale di quelle persone, perche' sicuramente, messa in modo abbastanza divertente, potrebbe essere accettabile.

    Viene pero` presentata in modo totalmente gratuito, senza collegarsi ad alcun aspetto informativo. Ad esempio chi non agisce ora finisce con il suicidarsi, o, se vogliamo, essere ucciso dalla natura.

    La figura dell'autorita` (maestra, manager) che elimina queste persone con un telecomando va invece a pescare nella dolorosa storia dell'oppressione capitalista dei lavoratori, pervasa di timore, sottomissione e disseminata di cadaveri - e tuttora in corso.
    Facendo cosi` associa inevitabilmente il messaggio ambientalista al potere costituito, cosa paradossale in quanto detto potere, per definizione, ha i mezzi per agire sul cambiamento climatico oggi stesso, ma non li usa per convenienza di categoria, per accrescersi.

    Mi sembra anche che il prof. Bardi cada nell'errore tipico dei complottisti, ovvero basarsi unicamente sul cui prodest per attribuire le responsabilita`, senza considerare altri fattori, senza avere prove, soprattutto.

    Cheers,
    astabada

    RispondiElimina
  14. Astabada, è ovvio che non abbiamo prove che qualcuno abbia realizzato questo film per mettere in cattiva luce gli ambientalisti - ma è anche vero che non ci sono prove che sia stato realizzato in buona fede. Non possiamo entrare nella testa di chi lo ha realizzato; quindi entrambe le ipotesi sono ugualmente valide e - considerando il "cui prodest" mi sembra ragionevole che la prima abbia più peso della seconda.

    E' un caso diverso da quello, per esempio, delle torri gemelle, dove se uno se ne viene fuori con l'idea balzana della "demolizione controllata" deve portare delle prove.

    RispondiElimina
  15. ciao Francesco,
    dici che in greenpeace molti la pensano come nel video...dici anche di essere stato nell'associazione per molto, io lo sono (come volontario) da dieci anni probabilmente allora ci siamo conosciuti...ma mi sembra molto strano che tu abbia conosciuto persona che la pensano cosi, dato che la filosofia di Gp è quella della non violenza e di tutto quello che ne scaturisce, sia nelle azioni che nel pensiero...io cmq in dieci anni non ne ho mai trovate eppure davvero ne ho conosciute tantissime, volontari e dirigenza...

    prof Bardi mi scuso per l'ot, leggo sempre il suo blog con molto interesse, ma ci tenevo a precisare questa cosa

    Roberto

    RispondiElimina
  16. Non è OT. Il "fanatismo" negli ambientalisti si esprime in tanti modi, ma non è mai violento, che io sappia.

    RispondiElimina
  17. Signor Bardi, le ipotesi non sono ugualmente valide.
    Il video è stato realizzato e promosso da gente che si definisce ambientalista e che ha una storia e un curriculum. Se lei non ha prove che facciano anche solo sospettare che il video sia stato commissionato per screditare le posizioni che dichiara di sostenere, tutto ciò che può fare è rimanere ai fatti che conosce, ovvero sapere che è un lavoro di Franny Armstrong, che è nota per certe idee e certi lavori.
    Qualsiasi altra sua ipotesi vale quanto il NWO di Delingpole.

    RispondiElimina
  18. Vedi, anononimo, è esattamente come dici tu. E' proprio così che funziona: La signora Armstrong si di dichiara ambientalista; la signora Armstrong dichiara di voler amputare le mani a chi non è ambientalista, ne consegue che tutti gli ambientalisti sono dei violenti dedicati ad amputare le mani a chi non la pensa come loro. Questo è esattamente il ragionamento di Delingpole, e il bello è che c'è chi ci crede.

    RispondiElimina
  19. E non le sembra molto più logico pensare che la signora Armstrong abbia semplicemente sbagliato e forse sia anche un po' affetta da fanatismo, piuttosto che sospettare gratuitamente che sia stata pagata come doppiogiochista?
    Detto in altri termini, non le pare molto più sensato rimanere ai fatti conosciuti, invece che diventare Delingpole?

    RispondiElimina
  20. Anonimo, pensala come vuoi. A me sembra sospetto. Se tu invece ci credi, credici pure.

    RispondiElimina
  21. Personalmente preferisco tutto un altro genere di "umorismo":

    http://fakescience.tumblr.com/post/1243445157/greenhouse-gases-cause-global-warming

    Almeno questo fa ridere! :)

    RispondiElimina
  22. Ho visto il video, solo una persona fortemente disturbata può credere di convincere qualcuno con una schifezza del genere.

    Scandaloso.

    RispondiElimina
  23. Arrivo un po' tardi in questo interessante dibattito. Il video è piuttosto impressionante e manda un messaggio assurdamente sbagliato: le società che vivono in modo insostenibile si eliminano da sole, senza che nessuno premi un pulsante rosso.
    Sul sito inglese di 10:10 appare uno "statement" del direttore inglese in cui si scusa per l'errore (http://www.1010global.org/uk/2010/10/statement-1010-uk-director). Il video ora è stato rimosso dal sito.
    Il sito sembrava serio, così come la campagna 10:10. Possono essere "utili idioti", oppure anche "giovani rampanti" che, volendo sfondare nel campo della comunicazione, tentano la provocazione, senza rendersi conto dell'idiozia.

    RispondiElimina
  24. Quali "prove" occorrerebbero, a chi sospetta l'astroturfing, per convincersi del contrario?

    RispondiElimina