Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 1 ottobre 2016

Alzheimer come risultato di processi di combustione? Come al solito, sappiamo cosa non dovremmo fare, e continuiamo a farlo




Particelle di magnetite nel cervello umano. Dal recente articolo di Barbara Maher et al. Non si sa esattamente che effetto facciano alla salute del cervello umano, ma sicuramente non fanno bene


Particelle di ossido di ferro come una delle cause dell'epidemia di Alzheimer? Questo recente articolo su PNAS suggerisce che sia così, dai risultati di un'esplorazione del cervello umano che ha rilevato la presenza di particelle di ossido di ferro (magnetite) in molti campioni. Sono di grandezza dell'ordine del decimo di micron, talmente piccole che, evidentemente, passano attraverso la barriera ematoencefalica dopo che uno le ha respirate.

Gli autori usano la classica prudenza dei testi scientifici. Spiegano che la magnetite è un materiale chimicamente attivo e che la sua presenza nel cervello umano potrebbe essere una causa di Alzheimer, man non c'è la certezza che lo sia.

Questa è una classica difficoltà con tutti gli studi che ci sono stati sulla questione delle "nanoparticelle". Chiaramente le si trovano in varie zone del corpo umano; ma è anche vero che provare la correlazione fra nanoparticelle e patologie è sempre difficile; a volte impossibile. E non è nemmeno il caso di dare la colpa a queste particelle per tutti i vari guai che ci affliggono.

D'altra parte, è anche vero che non si può aspettare che una bomba esploda prima di mettersi a disinnescarla. Sappiamo che queste particelle metalliche si formano principalmente il risultato di processi di combustione: motori, macchinari, processi, veicoli, ecc. Anche gli inceneritori danno probabilmente un contributo anche se non sono la causa principale del problema.

Insomma, la nostra mania di bruciare cose ci fa danni. E, come sempre, sappiamo cosa non dovremmo fare, e continuiamo a farlo

http://www.pnas.org/content/113/39/10797.full 

(se ne volete una copia, scrivetemi a ugo.bardi(cosinostrambo)unifi.it)


12 commenti:

  1. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0899825616300458 questo recente articolo mi sembra rilevante. valuta l'uso delle risorse usando la teoria dei giochi applicata ad un modello di premi e costi realistico secondo la psiche umana

    RispondiElimina
  2. Il primo atto di ....
    diversificazione ?
    arroganza ?
    dell'essere umano è stato quello di usare
    il FUOCO.

    Nessuna altra specie animale sulla Terra lo fa.
    Noi non solo lo usiamo, ne ABUSIAMO.
    Dobbiamo imparare, tornare a ricordare ad usarne sempre meno.
    Ma, dovremmo farlo da oggi, subito, a livello GLOBALE oltre che INDIVIDUALE.
    Gli accordi di Parigi sul Clima non sembrano sortire gli effetti necessari.

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.lescienze.it/news/2016/09/30/news/doudna_crispr_editing_genetico_intervista_mautino-3256145/
      “Una tecnica, ormai conosciuta come CRISPR, potentissima e, soprattutto facilissima da usare. E’ possibile comprare un kit per farsi la CRISP a casa propria. Quanto tempo ci vorrà prima che qualcuno la provi sugli esseri umani?”
      « La divinità è giorno-notte, inverno-estate, guerra-pace, sazietà-fame. Ed essa muta come il Fuoco. »
      Eraclito.
      Gianni, fuma e bevi e non pensarci su.
      Con simpatia,
      Angelo

      Elimina
    2. Se verrà usata per guarire da tante malattie geniche,
      è una rivoluzione ben gradita!

      Elimina
    3. OGM, staminali, ieri agnelli e vitellini replicati con grossi problemi dal DNA, oggi questa CRISP casalinga? Intanto si stanno muovendo tanti mln di $.

      Elimina
    4. @ Alessandro : Se verrà usata, lo sarà anche per altro. Abbiamo travalicato da tempo la linea del "lecito". Siamo in piena battaglia con la Natura. Abbiamo firmato la nostra condanna.

      @Angelo : grazie per la segnalazione.

      Gianni Tiziano

      Elimina
  3. non vogliamo vivere con virtute e canoscenza? Becchiamoci anche l'epidemia di Alzheymer, oltre alle varie epidemie come l'aumento dei tumori al cervello causati dalle onde elettromagnetiche e chissà quante altre. Tanto poi ci sono (per ora) Big Pharma e le Asl. L'economia consumistica fomenta l'aumento continuo di consumi e inquinanti, plagiando a questo pro fin da bambini le persone. Il BAU è inesorabile e inattaccabile, perchè le masse decerebrate sono trasformate in bruti satanici, schiavi di egoismo, istinti e vizi. S.Paolo, Freud e Dante, quanta ragione avevano!!! La soluzione a queste epidemie? Non esiste umanamente, almeno a livello generale. Comporterebbe l'abbandono di vizi ed egoismi, possibile solo a livello spirituale e metafisico. Nella Bibbia e nel Corano è previsto un tale momento, ma solo per intervento esterno all'umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi un angelo verra a toglierti le particelle magnetiche dal cervello? funziona cosi? ma percaso ha una calamita gigante?

      Elimina
    2. scherzare sulle tragedie è forse l'unico modo per non impazzire di fronte alla propria impotenza. O forse uno è già pazzo per scherzarci? Boh? Intanto qui fuori urlano come pazzi. Forse hanno troppa magnetite nel cervello e troppi pochi neuroni.Con la tua calamita gigante si potrebbe tentare di sollevarli per vedere quanta ne hanno ormai dentro!! Che fine!!!

      Elimina
  4. La pubblicazione ovviamente non è consultabile gratuitamente; Lei parla di "epidemia " di Alzhaimer, termine sconveniente per tanti motivi...Le cose sono 2 : o tali campioni sono stati rinvenuti in tutti i soggetti con alzheimer estremamente precoce, diciamo quei rari casi sotto i 60 anni ,e d aggiungerei anche in aree geografiche estremamente ristrette ad importanti siti industriali, vedi Vorkuta, la città russa che detiene il primato di luogo densamente popolato più inquinato al mondo,( e per distacco enorme) , oppure la sua significanza non tanto in ambito medico,( e ci sarebbe da parlarne a iosa,) ma in quello della sostenibilità è del tutto fuorviante...Lasciamo agli epidemiologi ed ai neurologi la disquisizione su queste quisquiglie per i prossimi 1? 2? 3? lustri a venire : nel frattempo in campo medico ad ogni bar di quartiere si parlerà dei bei tempi andati quando le polmoniti si potevano ancora curare con gli antibiotici... L'estrema attenzione per le patologie degenerative è segno della crisi morale da sbornia di combustibili fossili : Dawkins ci ricorda come circa un terzo dei mammiferi (dal metabolismo notevolmente più veloce dei rettili ad esempio) in natura perisca di tumore, quando non per predazione ,fame od invecchiamento naturale...Che volemo fa professore, smettemo de respirà ossigeno a livello intracellulare ? ..é una scelta fatta circa 400 milioni di anni fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fra,scusa la mia ignoranza, ma le polmoniti ora con che si curano?

      Elimina
    2. Quelle batteriche con gli antibiotici..Si tornerà ai tassi di mortalità anteguerra..C'è chi dice fra 15 anni, chi fra 30...Tertium non datur...( E parlo di soggetti non immunodepressi come gli hiv positivi, trapiantati,diabetici...ALtro grandissimo segno dell'immaturità morale del mai stream mediatico in medicina è la sponsorizzazione dei trapianti,ovviamente degli allotrapianti, come ultima frontiera medica almeno fino ad una decina di annifa..Si comincia a capire che abbiamo continuato a zeppare tonnellate di insostenibilità nel vaso di pandora in medicina...)

      Elimina