Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 22 aprile 2016

Abbiamo meno tempo del previsto per evitare il disastro climatico

Da “University of Queensland”. Traduzione di MR (via Bodhi Paul Chefurka)



Le emissioni di CO2, e quindi il riscaldamento globale, potrebbero aumentare più rapidamente di quanto previsto, secondo un nuovo modello dei ricercatori dell'Università del Queensland e dell'Università di Griffith. Il modello include l'”uso di energia per persona” come fattore di previsione, invece di concentrarsi sulle economie o le popolazioni.

Prevede che la crescita della popolazione ed economica insieme con l'aumento dell'uso di energia per persona potrebbero aumentare significativamente la domanda globale di energia e le emissioni di CO2, causando un aumento della temperatura media del mondo di 1,5° già nel 2020. Il modello è stato sviluppato dal professor Ben Hankamer dell'Istituto per le Scienze Biomolecolari dell'Università del Queensland (IMB) e dal dottor Liam Wagner dell'Università di Griffith.



“Alla conferenza sul Cambiamento Climatico dell'UNU le nazioni si sono accordate per mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C, preferibilmente limitandolo agli 1,5°C per proteggere le isole-stato”, ha detto il professor Hankamer. “Il nostro modello mostra che ci potrebbe essere rimasto meno tempo del previsto per impedire che la temperatura mondiale salga al di sopra di queste soglie”. “La popolazione mondiale è prevista in aumento a oltre 9 miliardi di persone per il 2050, cosa che, insieme alle strategie internazionali “pro-crescita”, porterà ad una domanda di energia in continua crescita”.

Il professor Hankamer ha detto che è vitale passare dai combustibili fossili che emettono CO2 alle risorse rinnovabili per adattare questi aumenti mentre si tiene sotto controllo la temperatura. “Il sole è di gran lunga la fonte rinnovabile più grande”, ha detto. “In sole due ore fornisce sufficiente energia solare alla superficie terrestre da alimentare l'intera economia globale per un anno – ora è il momento di fare il passaggio.

“Una strategia senza costi che i governi dovrebbero considerare per tracciare velocemente questa transizione è quella di dirottare i 500 miliardi di dollari usati per sussidiare l'industria dei combustibili fossili a livello internazionale per assistere il settore rinnovabile globale”. Il dottor Wagner ha detto che il modello ha contestato l'ipotesi secondo cui l'aumento dell'efficienza e la conversione compenserebbe l'aumento della domanda.

“Abbiamo applicato con successo il nostro modello alla domanda mondiale di energia dal 1950 al 2010 e dimostrato che gli aumenti di efficienza energetica da soli non compensano l'aumento dell'uso di energia per persona”, ha detto. “Detto semplicemente, man mano che diventiamo più efficienti nel produrre, i beni diventano più economici e ne compriamo di più”. Il dottor Wagner ha detto che gli aumenti massicci nel consumo di energia sarebbero necessari per alleviare la povertà.

“Le nostre scelte includono: continuare sulla strada del business ad usual col 50% della popolazione che vive con meno di 2,50 dollari al giorno; aumentare la crescita economica alimentata dai combustibili fossili ed accelerare verso il cambiamento climatico pericoloso o tracciare velocemente una transizione verso le rinnovabili in modo ordinato”. Visto che l'80% dell'energia mondiale viene usata come combustibili e solo il 20% sotto forma di elettricità, i combustibili rinnovabili in particolare saranno cruciali”.

Il dottor Ian Ross del IMB ed il professor John Foster della Scuola di Economi dell'Università del Queensland sono stati parte integrante dello sviluppo del modello. Il lavoro è pubblicato sulla rivista PLOS ONE. La squadra ha avuto il sostegno del  Consiglio per la Ricerca Australiano, del governo australiano e dell'Università del Queensland.

4 commenti:

  1. quel signore in alto coll'ampolla con del liquido verde nella mano sembra voglia dire che può fare dei combustili liquidi forse dalle alghe e risolvere così il problema dei fossili e del gw. Speriamo che non sia un'altra truffa del BAU.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... credo che anche bruciare liquidi derivati dalle alghe causerebbe rilascio di CO2 in atmosfera e quindi gw (riscaldamento globale).
      non sono un chimico
      . gradirei una conferma dal professor Bardi.

      Gianni Tiziano

      Elimina
    2. . o anche una non conferma.

      Elimina
  2. http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/internet_social/2016/04/16/ecosia-un-google-verde-che-pianta-alberi-e-salva-pianeta_6a564c02-521b-4696-bc3c-4f9d86f9c733.html
    Motore di ricerca verde.
    Finalizzato a piantare alberi. Più lo si usa e più alberi vengono piantati.
    Tiene conto per ciascun utente di quanti alberi ha contribuito a far piantare.
    È uno sballo!

    RispondiElimina