Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 18 settembre 2010

L'orso e la Nissan



Questo filmato non va preso come niente di scientifico - è semplicemente un bel film, suggestivo e intelligente. Fra le altre cose è uno splendido esempio di pubblicità virale. Troppo bello per non passarvelo (Segnalazione di Massimo de Carlo su "Mondo Elettrico")

10 commenti:

  1. Si, bello, ma il finale è un po' disgustomarketing oriented! :-)

    RispondiElimina
  2. BELLO, MOOLTO BEELLO !
    solo che ci volete far intristire ancora di piu' se leggiamo qua
    http://www.motori24.ilsole24ore.com/Tecnologia/2010/05/nissan-leaf-italia.php

    vedremo quando arriverà in Italia: costi e incentivi
    Roberto

    RispondiElimina
  3. Ma no, Claudio, il finale è la parte più splendida!

    RispondiElimina
  4. bellissimo...il commento.

    RispondiElimina
  5. Mi scuso per il giudizio affrettato. Affrettatamente ho pensato che l'auto elettrica non possa risolvere i problemi dell'inquinamento o dell'approvvigionamento energetico, ma li possa solo spostare. Però apprezzo molto la bellezza del messaggio pubblicitario, e rispetto a tanti altre aziende automobilistiche che puntano su prestazioni, potenza e velocità, ecc. ... si, alla Nissan sono su un altro pianeta. Complimenti! :-)

    RispondiElimina
  6. @Claudio
    Sposatandolo che si risolve, molto ma molto di più di quanto credi.

    RispondiElimina
  7. Stavo riguardando questo filmino. Guardate, ragazzi, che è veramente perfetto: enormemente più efficace dele tremila pagine del rapporto IPCC. C'è un contenuto emozionale, una visione etica delle cose; e poi il finale, con la visione ottimistica che PUOI fare qualcosa. Dovremmo farne centinaia di questi film.

    RispondiElimina
  8. sul piano dell'efficacia, dei contenuti emozionali, non ho nulla da dire. E' perfetto! Se mi avventuro nella sua grammatica lo trovo infinitamente triste. Comunque bello.

    RispondiElimina
  9. spot geniale ma falso perchè

    - gli orsi polari non sono in via di estinzione certo che se si vietasse la pesca la caccia diretta e alle foche, vivrebbero meglio

    - si adattano a vivere sulla terraferma anche senza ghiaccio come su Wrangler o sulle Svalbard durante i picchi dell'eemiano con 6°C più di ora

    http://www.climatemonitor.it/?p=5645

    - non è detto che l'auto elettrica comporti minori emissioni, anzi se ne emettono di più per produrla e pesa di più (a parità di prestazioni) poi dipende dalla centrale elettrica se è a carbone come gran parte dell'energia prodotta in nord europa non so se calano le emissioni ( forse calano per le centrali elettriche a gas per via della resa ma è un'ipotesi da verificare) certo che se l'energia è nucleare o rinnovabile o vi è il sequestro l'auto elettrica abbassa le emissioni.

    - ma che ridurre le emissioni sia efficace come mitigazione è ancora da dimostrare anzi è messo in dubbio da molti, e non si può far finta che questa contestazione non ci sia basti pensare all'ultima peer review di Spencer

    Comunque segnalo una parodia di Max Giusti che fa un ambientalista fanatico che finisce sempre male (diciamo un volatile poco sapiente)
    Il personaggio è "Sergio l'ambientalista" (secondo me si trova in podcast su Rairadiodue)
    va in artico per testimoniare il disastro ma la nave cozza un iceberg: Sergio l'ambientalista si dispera ma non perchè morirà,

    ma perchè ha distrutto l'ultimo iceberg!

    poi trova un orso polare alla deriva sul ghiaccio e lo va ad abbracciare perchè salvare l'orso sarà un messaggio per il mondo....

    ma l'orso se lo mangia.

    RispondiElimina
  10. Assolutamente efficace perchè va a colpire quei contenuti mnestici che un investigatore del mondo attuale ha introitato cassandranicamente e già consolidato, ma è un'americanata (così come l'ho definita del mio commento al video) perchè il buon automobilista rispettoso dell'ambiente è un prototipo del buon americano arrivato, villetta unifamiliare, garage, giardino con erbetta ben curata. Insomma, un promotore immobiliare o un ex spietato galletto reduce del salvataggio di una banca sbancarottata, pronto a sbranare l'orso non appena si presenti una nuova occasione di business vampiresco.

    RispondiElimina