Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 18 novembre 2013

La terra continua a surriscaldarsi (anche se i media hanno deciso di ignorarlo).


La scoperta di Cowtan e Hay che ha corretto la curva di crescita della temperatura planetaria è stata quasi completamente ignorata dai media in Italia. Solo sulle testate on line si può leggere qualcosa in proposito. Ecco qui un articolo di Maddalena Montecucco su "Lettera43". Calca un po' troppo la mano su certe cose: le vecchie rivelazioni non erano sbagliate, solo un po'  sottostimate: non c'è stato nessun "flop della scienza". Tuttavia,  nel complesso, l'articolo centra bene i punti essenziali

http://www.lettera43.it/ambiente/la-terra-continua-a-surriscaldarsi-il-flop-della-scienza_43675113835.htm

AMBIENTE

La Terra continua a surriscaldarsi: il flop della scienza

Smentita la fine del global warming: sbagliate le vecchie rilevazioni. La temperatura è sempre più alta.

di Maddalena Montecucco

Nessuna pausa al surriscaldamento globale. Ma solo un errore di calcolo.
Per anni si è creduto che la temperatura della superficie terrestre non si fosse alzata, supportando le tesi di chi considera una bufala il global warming.
IL CLIMA IMPAZZITO. A dimostrare che il clima appare impazzito ci sono le catastrofi: gli oltre 80 tornado nel Midwest americano, pur abituato a essere flagellato dal maltempo, sono un record. E che dire di Haiyan, il tremendo tifone che ha devastato le Filippine a inizio novembre.
Perfino la città di New York ha dovuto fare i conti con il meteo, alla fine di ottobre 2012, quando su Manhattan si è abbattuto l'uragano Sandy.
COLPITA ANCHE L'ITALIA. Fenomeni rari, ma sempre più frequenti. Che lasciano una scia di morte e distruzione. E che non hanno risparmiato il nostro Paese: come le violente trombe d'aria che si sono abbattute sull'Emilia e sulla Lombardia tra maggio e luglio 2013. Per non parlare delle nevicate record, che hanno congelato il Nord Italia nel febbraio 2012.
TEMPERATURA IN CRESCITA. Come ha riportato il quotidiano britannico The Independent, l'aumento della temperatura non si è infatti arrestato, anche se dopo l'impennata degli Anni 70 il processo sembrava essere rallentato.
La cosiddetto 'pausa' che avevano scovato i ricercatori e che aveva incoraggiato gli scettici a mettere in dubbio il global warming, era solo un 'vuoto' di dati.
Le nuove misurazioni hanno dimostrato che negli ultimi 15 anni il surriscaldamento globale è aumentato con una forte accelerazione. Insomma, si è trattato di un errore.
LA SCOPERTA DELL'ERRORE. A scoprirlo sono stati due scienziati, che hanno trovato una falla nella raccolta dei dati relativi alla calotta artica.
Kevin Cowtan dell'Università di York e Robert Way dell'ateneo di Ottawa hanno escogitato un sistema differente per studiare il fenomeno mediante letture dal satellite. E hanno smentito la 'pausa' della crescita della temperatura.
RILEVAZIONE DIFFICILE. Tuttavia, che le stime sull'artico non fossero del tutto attendibili era risaputo.
La colpa era da attribuire al sistema di rilevazione dei dati, difficile in un ambiente tanto ostile: «La mancanza di dati dalle aree polari è conosciuto da tempo, ma credo che questo studio lo abbia principalmente risolto», ha commentato al The Indipendent Stefan Rahmstorf del Postdam institute for climate impact research in Germania.
Per ora il global warming continua. Con buona pace di chi lo credeva un lontano ricordo.
Lunedì, 18 Novembre 2013


6 commenti:

  1. La settimana scorsa a Falconara,vicino Ancona l'onda più alta mai registrata : 8,5 metri contro il precedente record di 8,0 metri di 3 anni anni fa...Nessuna casa doveva esser costruita oltre la ferrovia nel dopoguerra..Adesso vogliamo spender soldi per riparare le strade lungomare rovinate dalle mareggiate ?..I soldi non ci sono e fra 1 mese siamo da capo..meglio pensare ai fiumi ed alle dighe nell'entroterra...Che bella doveva esser la spiaggia adriatica 100 anni fa con quei 100-150 metri di fascia dunale ancora integra..Cosa ne pensate dell'emergenza batterio ( o batteri) degli ulivi nel Salento ? Ora di dirottare un quinto degli stipendi pubblici verso queste opere di resilienza.

    RispondiElimina
  2. ma basta con queste menate! una volta dicono che la temperatura sale, il giorno dopo che scende, poi che risale, poi che riscende.....ma state tutti un po zitti che ci avete stufato con le vostre previsioni catastrofiche. La temperatura sale? Ci adatteremo. Scende? Continueremo ad adattarci.Sale e scende periodicamente? Normale. Accade da milioni di anni. Una cosa é certa: i saputoni non sono in grado di sapere un tubo di niente. Azzeccano sempre al....50% come me. Con la differenza che quelli rastrellano un sacco di soldi per ricerche che non servono a niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma basta con tutte queste menate: un giorno il dottore mi dice che ho la pressione alta, il giorno dopo che che scende, poi che risale, poi che riscende.... ma che stia un po' zitto, mi ha stufato con le sue previsioni catastrofiche. Mi verrà un infarto? Mi adatterò. Mi verrà un'emorragia cerebrale? Continuerò ad adattarmi. Infarti e emorragie cerebrali succedono a tutti, da migliaia di anni. Una cosa è certa, quel saputone non è in grado di sapere un tubo di niente. Azzecca sempre al... 50% come me. Con la differenza che lui rastrella un sacco di soldi per cure che non servono a niente

      Elimina
  3. Ci sono 3 fattori da valutare:
    1- il sovraffollamento mondiale
    2- il surriscaldamento globale
    3- la violenza di questi fenomeni

    Nel mondo ci stiamo moltiplicando rispetto a diversi decenni fa, grazie all'aumento della vita media.
    L'ovvia conseguenza è un aumento dei consumi e delle energie che servono per soddisfare le relative esigenze. Energia=calore che molto spesso equivale a inquinamento.
    Tutto ciò comporta un aumento della temperatura media del globo terrestre che incide in maniera devastante sul clima attuale, dando vita a fenomeni imprevedibili per la loro violenza e devastazione.

    La soluzione?Imparare a consumare di meno per produrre di meno ed equilibrare la bilancia.

    http://figlidinoi.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. mi sto cominciando a chiedere se siamo una specie veramente intelligente. Probabilmente l'intelligenza è un dono di pochissimi, anche se tutti pensiamo di esserlo, anche più degli altri. Una volta la chiamavano superbia, ma il suo antagonista, l'umiltà, è come la bella pariglia, che niuno se piglia. E allora avanti a tutta manetta verso lo schianto finale, che per ora riguarda quei 12 sventurati sardi o quegli 8 sfortunati amerigani o i 1200 filippini o..o...o...che non ci fregano un cavolo, finchè non succede nulla a noi, che siamo forti, ricchi, belli ed intelligenti, in poche parole intoccabili come gli dei olimpici. Io, invero, a quest'ora mi sentirei un pò stanchino.

    RispondiElimina
  5. 7.000.000.000 di esseri umani sul pianeta terra oggi, è troppo.
    200.000.000 erano l'anno 1 dopo Cristo.
    1.000.000 diecimila anni fa.
    Mi sembra ovvio che parte del problema ambientale sia il numero eccessivo degli esseri umani.
    Tiziano

    RispondiElimina