Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 1 aprile 2015

Ultimissime: comincia il collasso dei ghiacciai antartici occidentali

Tradotto dal blog "Resource Crisis"




Una spaccatura gigantesca nel ghiacciaio dell'Antartide Occidentale come mostrata da una foto satellitaria. L'intero ghiacciaio ha cominciato a muoversi verso il mare.


Un rapporto IPCC diffuso oggi mostra dati satellitari relativi a una gigantesca spaccatura nel ghiacciaio dell'Antartide Occidentale, indicando che l'intero ghiacciaio ha cominciato a muoversi verso il mare. Alcuni rapporti recenti avevano già indicato che il processo di fusione dei ghiacci stava verificandosi più rapidamente di quanto non ci si aspettasse, ma i nuovi dati indicano un collasso rapidissimo e inatteso. Secondo la IPCC, alle velocità misurate, il collasso del ghiacciaio antartico occidentale sarà completo in meno di un decennio.
 
Il risultato del collasso del ghiacciaio sarà un incremento del livello globale del mare di circa 5 metri. Se lo stesso fenomeno interesserà tutta l'Antartide, come sembra sia il caso secondo alcuni dati riportati dall'IPCC, il risultato finale sarà un aumento del livello del mare di circa 60 metri. Il rapporto dell'IPCC non si dilunga sulle conseguenze sulle città costiere e sulle zone popolate a bassa quota sul livello del mare.

La maggioranza dei commenti a questo rapporto sembrano essere d'accordo sul fatto che i dati satellitari indicano veramente una velocità di fusione molto alta per il ghiacciaio antartico, come si ammette anche fra gli "scettici". Anthony Watts, famoso per il suo blog "Watt's up with that?" riferisce che si sente "vendicato" dai nuovi risultati che provano che i modelli climatici dell'IPCC erano sbagliati non essendo stati in grado di prevedere la rapidità della fusione dei ghiacci. Il visconte Cristopher Monckton ha commentato che il suo modello climatico "irriducibilmente semplice" "mostra che "il riscaldamento globale non ha niente a che fare con il collasso dell'Antartide, dato che "la pausa nel riscaldamento globale continua"

Molti scienziati hanno anche commentato sulle recenti notizie relative all'Antartide. Michael Mann, della Penn State University, ha dichiarato che "Quei ghiacciai hanno preso una bella botta dalla mazza da hockey!" Altri scienziati hanno dichiarato di sentirsi contenti dato che non saranno più chiamati "catastrofisti" e "allarmisti", ma molti hanno dichiarato di essere preoccupati perché, una volta dimostrato che il riscaldamento globale esiste per davvero, i loro contratti di ricerca potrebbero essere tagliati. 

Negli ambienti politici, la destra vede l'allagamento delle città della costa come una "punizione divina" per i peccati commessi in queste città (specialmente a New York). I giusti, si dice, saranno certamente risparmiati dalle onde incombenti, proprio come Mosè e il popolo eletto furono risparmiati quando attraversarono il Mar Rosso. I commenti della sinistra sono generalmente positivi, dato che si ritiene che l'allagamento delle regioni industrializzate e popolate della costa ridurrà l'inquinamento. Si spera anche che questo darà delle opportunità per delle comunità più resilienti e uno stile di vita a crescita zero basato su risorse locali.
La reazione dell'industria in generale è stata di cauto ottimismo. i portavoce dell'industria petrolifera e dell'industria minerale riferiscono di grande interesse nello sfruttamento minerale delle terre antartiche lasciate libere dai ghiacci, che si ritiene contengano petrolio, gas, carbone e molti altri minerali importanti. L'industria edile riferisce anche di un grande interesse in nuove opportunità di mercato, come la costruzione di barriere anti-allagamento e la rilocazione di intere città nell'entroterra. "Mai prima di ora", riferisce un portavoce dell'industria, "le prospettive dell'industria del cemento sono state tanto brillanti.
Anche a Washington, il nuovo rapporto IPCC è visto con cauto ottimismo. Il presidente ha parlato di una "nuova frontiera" che si sta aprendo con la fusione dei ghiacci antartici. Ha usato la frase "vai verso sud, giovane!" per indicare la nuova direzione per la crescita dell'economia

Altre notizie su questo soggetto: "La grande fusione della Groenlandia: minaccia o opportunità?"



Nota: mi hanno detto che qualcuno potrebbe prendere questo rapporto come una cosa seria; quindi fatemelo dire esplicitamente, nel caso: questo è un post del primo di Aprile. I ghiacci antartici si stanno fondendo, ma non così velocemente come si dice qui. 

martedì 31 marzo 2015

Il collasso della bolla dello scisto porta anche il collasso del negazionismo climatico?

DaResource Crisis”. Traduzione di MR

Di Ugo Bardi


La stampa occidentale è stata impegnata in una grande campagna pubblicitaria destinata a convincere il pubblico che il Cambiamento Climatico non esiste o non è causato dall'uomo. Forse questa campagna potrebbe finire presto, insieme al collasso della bolla del petrolio e del gas di scisto negli Stati Uniti


Così, abbiamo oggi un candidato presidenziale negli Stati Uniti che nega esplicitamente il ruolo umano nel cambiamento climatico (e nel fare questo si paragona a Galileo!). Non è solo, la maggioranza del Senato americano sembra prendere la stessa posizione. Inoltre, l'opinione pubblica negli Stati Uniti, in gran parte, sembra essere meno incline a vedere il cambiamento climatico come un problema serio che non l'opinione pubblica di qualsiasi altro grande paese del mondo (immagine sotto da Ecowatch).


lunedì 30 marzo 2015

Persefone e Thanatos: la morte nell'era post-picco

di Jacopo Simonetta

Pochi giorni fa, scorrendo un notiziario, sono stato colpito da questa frase:

“L’86 per cento dei decessi è provocato da malattie croniche, che colpiscono più dell’80 per cento delle persone oltre i 65 anni. Una vera piaga, che costa alla sanità 700 miliardi di euro all'anno” (cioè poco meno dell’80% del budget sanitario UE ).

A me non manca molto alla fatidica soglia dei 65 anni, ma ricordo bene che, quando ero bambino, lo stesso concetto sarebbe stato espresso nei seguenti termini: "l’86% delle persone muore di vecchiaia; siamo una comunità pacifica e prospera.”

In fondo, contrarre una malattia cronica a 65 anni, in mancanza di cure adeguate, significa morire intorno ai 70.   Grosso modo l’età a cui sono defunti  la stragrande maggioranza dei nostri antenati che non lo hanno fatto prima. Non per nulla Dante stesso definisce “il mezzo del cammin di nostra vita” i suoi 35 anni.

Che cosa è cambiato di così radicale in così poco tempo?    Non la paura della Morte, ché c’è sempre stata.   La mia ipotesi è che sia cambiato molto profondamente il nostro atteggiamento verso il limiti che le leggi della natura (od il volere divino che dir si voglia) ci impongono.   La morte essendo il supremo fra questi limiti.

Chi sostiene che l’Uomo (astrazione collettiva di noi stessi) abbia sempre cercato di superare i suoi limiti ha probabilmente ragione, ma solo in parte.   Da un lato, effettivamente, la storia ci insegna che le società umane hanno sempre tentato, con maggiore o minore successo, di crescere  superando i limiti ecologici imposti dal loro ambiente.    Le armi, l’agricoltura, le costruzioni, il disboscamento, la medicina e la magia sono solo alcuni fra gli innumerevoli esempi possibili.

Tuttavia, è anche vero che tutte le culture, meno la nostra, hanno sempre posto l’accento sul fatto che l’uomo saggio è colui che conosce e rispetta i limiti.   La morale popolare, non meno delle scuole filosofiche, incoraggiava la gente ad accettare il mondo com'è.   Il cercare di soverchiare le forze che si oppongono ai nostri desideri era visto come un fatto quanto meno imprudente, se non decisamente riprovevole; finanche blasfemo.  

Chi si ribella al volere Divino,  di solito viene duramente punito.

L’idea che, al contrario, sia eroico infrangere i ceppi imposti da tanto vecchiume intellettuale, asservendo all'Uomo le leggi stesse della natura è, credo, un concetto presente sotto traccia fin dall'antichità, ma diventato dominante solo con l’Illuminismo.   E solo nel corso del XX secolo ha guadagnato le masse popolari, almeno in occidente.  

Penso che la ragione di questa radicale trasformazione sia, in gran parte, connessa con quella che potremmo chiamare la “rivoluzione petrolifera” che, per quasi un centinaio d’anni, ci ha permesso di infrangere quasi tutti i limiti che la storia ci aveva insegnato a considerare invalicabili.    Per fare un solo esempio, abbiamo potuto volare e ben più in alto degli uccelli, fin sulla Luna.  Ed abbiamo potuto curare la maggior parte delle malattie ereditate dal nostro passato.   Certo, nel frattempo ne abbiamo create di nuove, ma comunque l’industria sanitaria globale è in grado di assicurarci oggi 10 anni buoni di vita in più rispetto ai nostri bisnonni.

Naturalmente a patto di poter disporre di cure adeguate che, per l’appunto, hanno un prezzo di circa 700 miliardi di euro l’anno.   Pari a circa 1400 euro l’anno a cittadino europeo, bambini compresi.   Chi potrebbe dire di no?
Ma si tratta solo della classica “punta dell’iceberg”.   In ogni aspetto della nostra vita attuale, gli anziani gravano sulle spalle dei giovani in un’infinità di modi.    Dalla competizione per il lavoro, al fatto che i giovani devono oggi versare circa 1/3 dei loro proventi per pagare, a persone che nella vita hanno guadagnato molto più di loro, delle pensioni che loro avranno mai.   O che, nella migliore delle ipotesi, avranno molto più tardi e molto più misere.

L’allungamento della aspettativa media di vita è senz'altro la più popolare delle conquiste della modernità e quella a cui siamo meno disposti a rinunciare.   Possiamo tollerare tagli drastici a qualunque aspetto della nostra vita: dall'occupazione agli stipendi, dalla difesa alla tutela dell’ambiente in cui viviamo; ma non ai servizi sanitari.   E ciò malgrado gli ultimi anni dei malati cronici non siano certamente “rose e fiori”; anzi somiglino spesso ad un autentico calvario, sia per i malati che per le loro famiglie.

Certamente abbandonare i vecchi nella sofferenza sarebbe infame.   Ma è giusto che chi si è mangiato la mela dei migliori 50 anni dell’intera storia dell’umanità si mangi adesso anche il torsolo?   E' possibile e legittimo cercare un compromesso fra questi due estremi?   Chi deve decidere quando è il momento di “staccare la spina”?

Questioni estremamente delicate che hanno a che fare con il nebuloso confine fra cura ed accanimento terapeutico, fra sostegno al trapasso ed eliminazione; e molto altro ancora.

Non mi sentirei di dare un giudizio etico di questo genere, ma di sicuro, una società che intende sopravvivere non destina ai vecchi più risorse di quelle che destina ai giovani.   Non lo hanno mai fatto le società che sono sopravvissute a lungo.

E questo ci riporta al nostro rapporto con i limiti in generale e con la Morte in particolare.

La Morte è un fatto estremamente semplice, ma un concetto estremamente complesso che, nelle culture politeiste, si riverbera sull'esistenza di una nutrita schiera di divinità connesse con questo semplice evento.   Qui vorrei ricordarne solo due, fra le tante: Thanatos e Persefone.

Thanatos impersona la Morte come annientamento dell’individuo che, semplicemente, cessa di esistere.   Un aspetto certamente reale della Morte e l’unico che interessi noi oggi.
Persefone rappresenta invece la Morte nel suo aspetto soccorrevole e consolatorio.   E’ colei che sottrae i malati, i vecchi ed i feriti al dolore ed alla paura, per dar loro pace e riposo.   Un aspetto non meno reale del primo, ma che noi abbiamo dimenticato.  

Un fatto singolare questo, giacché fra la civiltà classica e la civiltà illuminista ci sono oltre 1.000 anni di civiltà cristiana.    Apparentemente, la fede in una vita eterna dopo la morte del corpo avrebbe dovuto sviluppare un buon rapporto con la Morte, mentre è proprio alla fantasia medioevale che dobbiamo l’immagine attuale dello scheletro con la falce.    A dire il vero, in molte rappresentazioni di età feudale, non mancava una vena di ironia o di polemica sociale; ma forse per effetto della Peste Nera, la “danza macabra” è diventar sempre più macabra, fino a raggiungere l’apoteosi della tetraggine ossessiva del XVII secolo.

Forse, ma è un’ipotesi personale, un simile sviluppo è dipeso dal fatto che la paura dell’inferno ha prevalso sulla speranza nel Paradiso.

Comunque sia, per noi oggi la Morte è annientamento e nessuno è disposto a subirla senza combattere.   Anche per i parenti e gli amici, lasciar morire qualcuno è spesso avvertito come un tradimento.  

Una cosa che ci tocca molto profondamente, eppure ancora oltre questo livello ce n’è un altro, che tocca direttamente l’archetipo su cui si fonda la nostra, attuale, visione del mondo: il Progresso.  

Per oltre un secolo abbiamo faticosamente guadagnato anni di vita.   Da quando siamo nati, abbiamo vissuto nella certezza che il progresso avrebbe ricacciato lo spettro della morte sempre più lontano nel tempo.     Possiamo ora comprendere che morire ad un’età ragionevole è la miglior cosa che possiamo fare per aiutare il nostro prossimo?    Tornare ad accettare  il limite supremo rischierebbe di spalancare la porta all'accettazione di tutti gli altri limiti che abbiamo tanto orgogliosamente infranto e questo significherebbe rinunciare a tutto ciò in cui abbiamo creduto e crediamo.   Non lo faremo.

Una ventina d’anni fa battevo le scuole e le riunioni dicendo che ridurre i consumi  non era una scelta, perché si sarebbero ridotti comunque.   La scelta, sostenevo, era tra ridurli subito diventando più furbi, oppure aspettare che si riducessero da soli, diventando più poveri.    Abbiamo scelto la seconda opzione e stiamo cominciando a vedere quali ne siano le conseguenze.

Con l’accorciamento della vita media è un poco la stessa storia.    Possiamo scegliere se farlo oggi che siamo ancora in grado di alleviare le sofferenze e facilitare il trapasso, oppure aspettare che accada come conseguenza di un tracollo economico.    In altri termini, non possiamo evitare di morire, ma possiamo scegliere fra Persefone e Thanatos.    L’accettazione ci porta in grembo alla prima, l’ostinazione ci consegna al secondo.  

Vorrei qui concludere con tre citazioni: una di un filosofo antico, una di un sapiente moderno, una di un vecchio minatore francese:

“La morte, il più atroce di tutti i mali, non esiste per noi. Quando noi viviamo la Morte non c'è, quando c'è Lei non ci siamo noi.”
Epicuro

“La morte è l’artificio tramite il quale si tramanda la Vita”
Johann Wolfgang von Goethe

“Mah, io credo che bisogna anche andarsene, se vogliamo lasciare qualcosa agli altri.”
Le père Fargeix


domenica 29 marzo 2015

Il Tao della Liberazione



Il Tao va molto di moda in questi ultimi anni, e per delle buone ragioni. Tanto è vero che io stesso porto spesso con me, mentre viaggio in aereo, una copia del "Tao Te Ching" nella traduzione di Ursula Le Guin. E' un'ottima lettura per l'unico posto rimasto (per ora) libero da Internet: la cabina di un aereo in volo.

Quindi, mi sono avvicinato con un certo interesse a questo libro di Boff e Hathaway, senza spaventarmi troppo delle sue 686 pagine. Devo dire, ne valeva la pena. E' decisamente un bel libro, ben scritto e ben argomentato.

Gli autori del "Tao della Liberazione" si sono presi un bell'impegno a raccontare in un unico testo praticamente la "teoria del tutto" così come la vediamo in questi anni del secolo ventunesimo; passando dalla cosmologia alla teologia, comprendendo l'ecologia e la psicologia. Nessuno dei due è uno scienziato, ma quando hanno affrontato argomenti strettamente scientifici lo hanno fatto correttamente, senza sbavature e senza errori; senza cadere (non troppo, perlomeno) nelle chiacchere vaporose sulla scienza "olistica" e "post-einsteiniana" che fa spesso Fritjof Capra che (purtroppo) firma l'introduzione. Insomma, vale la pena di leggere questo libro per farsi un'idea di tutto quello che passa nella "mente collettiva" umana in questo difficile periodo.

Il problema con questo libro è che, come tanti libri di questo genere, è pieno di esortazioni a fare certe cose. Ma come passiamo dalla teoria alla pratica?

Al momento, intorno a noi, tutti sono pienamente convinti che i guai che stiamo passando siano dovuti agli immigrati e all'Euro  - ne consegue che buttando in mare gli immigrati e tornando alla vecchia lira, tutti i problemi si risolveranno per incanto e vivremo felici e contenti.

Come possiamo contestare un'opinione cosi largamente condivisa? Presentare nel dibattito il concetto di Tao della liberazione, oppure il microcosmo olistico, non è cosa facile, anche se uno ci volesse provare.

Dovremmo trovare il modo di passare dall'esortazione all'azione. Ma come? Qualcuno ha qualche idea?




(h/t Giorgio Mastrorocco)

 

Il culto dello sportello: il castello di Macbeth, quello dove non viene mai nessuno


Per la serie "Il culto dello sportello", ecco un altro post che descrive una storia veramente accaduta;  solo un tantino riarrangiata per non rendere il luogo e le persone troppo riconoscibili (Per altre storie di culto dello sportello, vedi  qui, e qui)


Da qualche tempo, è venuto fuori che i nostri  uffici amministrativi sono aperti al pubblico soltanto dalle 11 alle 13. Il concetto è un po' strano, dato che, normalmente, il "pubblico" non ha ragione di accedere all'edificio che è frequentato soltanto dal suo personale. Ma, per qualche ragione, da un certo punto in poi, tutti quelli che non hanno a che fare con l'amministrazione, che una volta erano considerati "colleghi," sono ora stati degradati alla condizione di "pubblico" e come tali non hanno la possibilità di parlare a quelli che un tempo ritenevano loro colleghi; se non ad orari ristretti.

Il risultato è che se vi capita di passare fuori orario per uno dei corridoi sui quali si affacciano gli uffici dell'amministrazione, le troverete tutte rigorosamente chiuse - anzi serrate - come è ben chiaro da un cartello che appare su ognuna: "aperto al pubblico solo dalle 11 alle 13". Questo da ai corridoi stessi un aspetto un po' spettrale; qualcosa tipo il castello di Macbeth, dove si sa che non veniva mai nessuno (e per delle buone ragioni).

Così, io e una collega ci avventuriamo un giorno in direzione una delle stanze del castello; per prima cosa assicurandoci di presentarci ben dopo che le 11 del mattino, per essere sicuri. Sono le 11 e un quarto e, in effetti, la porta fatidica non è sbarrata. Per la verità, non è nemmeno spalancata; è socchiusa.

La collega bussa piano, non risponde nessuno. Proviamo a spingere delicatamente la porta; si apre verso il misterioso antro che si cela dall'altra parte. Entriamo in punta di piedi, dicendo "E' permesso?"

All'altro capo della stanza, l'impiegato ci da le spalle seduto davanti allo schermo del suo PC. Via via che ci avviciniamo, non da segno di averci notati. Soltanto quando non ne può proprio più fare a meno, gira la testa nella nostra direzione, lasciando però le spalle rivolte allo schermo. Se mai c'è stato un linguaggio del corpo che indica "ho da fare, non mi disturbate" questa posizione lo esprime con una chiarezza quasi lancinante.

La collega è persona di grande cortesia e pazienza e si esprime in modo gentilissimo, "sa'... abbiamo questo problema.... è una piccola cosa... ma ci servirebbe questo documento dalla nostra amministrazione con una certa urgenza....."

La risposta non è propriamente scortese, ma sembra che arrivi da un'entità ultraterrena che occupa per puro caso il corpo del terrestre che abbiamo di fronte. "Non dipende da me. Non posso fare niente."

La collega insiste in modo sempre molto urbano. La risposta è sempre la stessa, "non è questo l'ufficio, dovete sentire un altro ufficio." Provo a intervenire io, sempre in modo il più possibile cortese. Dico, "Sa, quell'ufficio che lei menziona lo avevamo già contattato l'altro giorno. Ma ci avevano detto che prima dovevamo sentire lei...."

Scuote la testa, "non ci posso fare nulla, non dipende da me." La collega esprime ancora domande sempre più supplichevoli, ma l'impiegato sta lentamente riportando la direzione della sua testa verso lo schermo. Ancora un chiaro esempio di linguaggio del corpo: colloquio finito, arrivederci.

Usciamo dalla stanza, credo che anche la collega si sia domandata se non fosse il caso di farlo come si faceva con gli imperatori cinesi, ovvero camminando all'indietro. Forse avremmo anche dovuto inchinarci a toccare il pavimento con la testa. Niente da fare, quel documento non l'abbiamo avuto.

____________________


Raccontando questa curiosa storia, mi viene in mente che, in tutta la mia carriera, mi ero fatto un punto d'onore di lasciare sempre aperta la porta del mio ufficio nel sulla base dell'idea che se un collega aveva bisogno di me, se c'ero, non dovevano nemmeno bussare. Evidentemente, sbagliavo qualcosa di fondamentale.

Quale mostruosa cosa è successa che ha trasformato i colleghi amministrativi in creature che devono difendersi dagli attacchi degli altri colleghi barricandosi dietro le loro porte? Quale ancestrale terrore affliggeva l'impiegato che ci ha lanciato messaggi del corpo così chiari quando abbiamo tentato di parlargli? Forse davvero, come nel castello di Macbeth, ogni tanto qualcuno sparisce anche qui da noi e non se ne trova più traccia? Mah?







sabato 28 marzo 2015

Il culto dello sportello secondo Eugenio Benettazzo

Il tema del "il culto dello sportello" è stato affrontato diverse volte in questo blog, (vedi, per esempio qui, e qui) sulla base del concetto  che non di solo esaurimento delle risorse muore la civiltà. Può morire, (come insegna Joseph Tainter) anche per i ritorni decrescenti della eccessiva burocrazia.  Ecco una interpretazione sul tema  dal blog di Eugenio Benettazzo.  E' discutibile il comportamento aggressivo di Benettazzo in questo frangente, come pure il fatto di considerare gli impiegati statali come "nemici del popolo", da controllare e, se necessario, da punire senza pietà. Ma è  una storia meritevole di essere letta.

YOU ARE FIRED

Di Eugenio Benettazzo - pubblicato in data 12 Marzo 1015

Tradotto dall’inglese il titolo di questo post significa “lei è licenziato”. Vi racconto un episodio che ho vissuto di recente. Mi sono recato presso un ente pubblico in una provincia del Veneto per richiedere un determinato certificato ai fini lavorativi per l’estero. Arriva il mio turno presso lo sportello preposto, mi consegnano i moduli da sottoscrivere per il rilascio di tale documentazione, dopo di che mi evidenziano che devo allegare anche marche da bollo per qualche dozzina di euro. Faccio presente che per i certificati sono esentati dall’imposta di bollo in quanto il soggetto richiedente è un altro stato comunitario ed inoltre la casistica per cui tale documentazione viene richiesta rientra in un caso di evidente esenzione. Ricordo inoltre al funzionario dello sportello che due anni fa feci la medesima richiesta e che lo sportello di allora evase il tutto senza applicazione di imposta di bollo. L’operatore preposto mi ribadisce che non può protocollare la richiesta di emissione del certificato senza le dovute (secondo lui) marche da bollo. Dopo insistenze varie da parte mia e tentativi di ragionamento inutili vista la chiusura mentale dell’operatore, alla fine proprio quest’ultimo mi indica di rivolgermi al dirigente di servizio al fine di avallare il deposito dell’istanza presso l’ente pubblico in assenza di imposta di bollo. Mi reco presso l’ufficio di questo dirigente, distante pochi metri dallo sportello aperto al pubblico, ed espongo la mia richiesta facendo notare che due anni prima era stata evasa senza tante difficoltà.

Risposta del dirigente: non è possibile accoglierla in quanto generica, deve indicare gli articoli di legge per cui le spetta l’esenzione. Esco dall’ufficio piuttosto infastidito, non tanto per il contenuto della risposta, quanto per il tono arrogante e indisponente di questo dirigente. In quel momento ho pensato: al diavolo questo ufficio, faccio la richiesta direttamente all’ambasciata tra qualche settimana che sono più cortesi e disponibili e so per certo che l’imposta di bollo non è dovuta. Tuttavia l’idea di avergliela lasciata vinta mi avrebbe rovinato la giornata, cosi sono ritornato allo sportello ed ho chiesto l’estratto della legge di riferimento da cui si evincono i casi di esenzione. Sempre con fare indisponente, l’operatore preposto mi fornisce una copia di tale provvedimento legislativo, sottolineando che loro non sono tenuti a fornire tale documentazione. Mi metto a leggere il tutto, non ricordandomi gli articoli del dispositivo ma i casi di esenzione e dopo quindici minuti finalmente individuo il mio caso specifico. A quel punto ricompilo il modulo di richiesta indicando la legge, l’articolo specifico e la finalità della richiesta. Mi rimetto in coda e quando arriva il mio turno consegno il tutto. L’operatore mi guarda con occhio indispettito e infastidito, mi dice che senza il benestare del suo dirigente la richiesta in ogni caso non può essere accolta e mi invita per questo a ritornare presso il suo ufficio. Nel frattempo avevo notato inconsciamente numerose lamentele anche di altri utenti per il modo di relazionarsi che aveva questo operatore di sportello.

Ritorno nell’ufficio del dirigente, presento il nuovo modulo con le indicazione specifiche di esenzione e faccio presente che allo sportello non sono disposti a protocollarlo. Risposta del dirigente: non basta l’indicazione che attesta l’esenzione, lei deve allegare anche la richiesta del soggetto che esige tale documentazione. Faccio presente che la eventuale richiesta che pretendete sarebbe scritta in inglese da un dipartimento ministeriale di un paese comunitario e che pertanto difficilmente sarebbe accettata in quanto non in lingua italiana. In ogni caso ribadisco che qualche minuto fa lei mi aveva richiesto solo di inserire gli articoli della tal legge dai quali si evince l’esenzione.

Risposta (gridando) del dirigente: adesso basta, non ho tempo da perdere con queste fesserie, vada fuori dai coglioni o chiamo la vigilanza. Il dirigente nell’esprimersi in questo modo si era anche alzato e mi aveva strappato di mano i moduli in questione, spingendomi verso la porta di uscita. Le grida hanno attirato l’attenzione di tutti i presenti, chi non aveva assistito al tutto immaginava una colluttazione o una rissa. Riprendo i miei moduli e ritorno allo sportello, non arrabbiato o adirato, ma ben motivato in quelle che sarebbero state le mie successive mosse. L’operatore, che nel frattempo aveva sentito la voce grossa di questo dirigente, mi ribadisce che non può ricevere i moduli di richiesta che voglio presentare. A quel punto chiedo a questo soggetto di fornire le sue generalità ovvero nome e cognome. Risposta evasiva di questa persona: non sono autorizzato a dirle come mi chiamo.

Il tutto aveva destato l’attenzione dei vari utenti presenti che erano allibiti per quanto stava succedendo. Ribadisco all’operatore che è tenuto a identificarsi, gli ricordo che sta aggravando la sua situazione e nel contempo richiedo il nome del direttore del personale. Spero mi crederete, la persona in questione si alza dalla sua postazione e va a nascondersi dietro agli armadi delle pratiche: gli altri utenti non credevano ai loro occhi. Dopo svariati richiami a uscire dal nascondiglio in cui tentava di celarsi, mi si avvicina una persona (che sembrava un altro utente) e mi dice che il dirigente delle risorse umane si chiama >>omissisis<< e che il suo ufficio è al terzo piano. Mi reco velocemente presso tale ufficio, busso, entro ed espongo quanto mi è appena accaduto.

Quest’altro dirigente mi risponde: io non ci posso fare niente. Lo invito a quel punto a scendere con me per avere un conforto anche dagli altri utenti che hanno assistito al tutto. Risposta: non mi posso muovere da questo ufficio se la deve vedere con i vari soggetti di persona; se ritiene di aver subito un torto scriva al Ministro. Aspettavo una risposta di questo tipo ed a quel punto ho calato l’asso. Faccio presente al dirigente in questione che questa conversazione è appena stata registrata, ed esibisco un registratore portatile dalla tasca. Provvederò ad inviare un esposto alla Procura della Repubblica per quanto subito e patito come utente di servizio pubblico e per la sua resistenza a verificare la gravità dei fatti esposti essendo il dirigente preposto alle risorse umane di tutto l’ente pubblico.

A quel punto il dirigente in questione ha cambiato improvvisamente atteggiamento, scusandosi per quanto accaduto e che probabilmente vi era stata un incomprensione. Mi ha invitato ad aspettarlo fuori del suo ufficio e che nel giro di una manciata di minuti avrebbe risolto il tutto parlando al telefono con i vari soggetti preposti. Attendo sul corridoio, dopo di che esce dall’ufficio dicendomi che è tutto sistemato, il modulo di richiesta verrà accolto con gli estremi di esenzione indicati e che a nome di tutto l’ente pubblico si scusa per il disagio che ho dovuto subire. Scendo e mi reco allo sportello incriminato: l’operatore di prima mi riceve con un sorriso imbarazzante, si scusa per quanto accaduto e garantisce l’evasione della pratica in tempi inferiori rispetto alla prassi. Solo il dirigente che mi aveva trattato con frasi e tono poco edificanti non si è fatto vivo. La soddisfazione non è stato ottenere quello che ti aspettava, quanto aver ricevuto il sostegno degli altri utenti che avevano assistito al tutto. Se fossimo stati in UK o negli USA l’operatore di sportello ed il primo il dirigente sarebbero stati licenziati in tronco seduta stante, il primo per essersi rifiutato di farsi identificare ed il secondo per il linguaggio oltraggioso ed il danno d’immagine procurato al medesimo ente pubblico. Una delle riforme strutturali strategiche e prioritarie che necessita l’Italia è il licenziamento dei dipendenti pubblici a fronte di meccanismi di valutazione a feedback negativo da parte degli stessi utenti fruitori del servizio finale. Chi ha avuto modo di leggere il MEI troverà nel PIVADIP (pag. 5 del Manifesto) proprio questa tipologia di proposta ovvero l’istituzione di una piattaforma di valutazione dei dipendenti pubblici.


Le cause profonde dei cambiamenti nei sistemi complessi

Dalla pagina FB di Bodhi Paul Chefurka. Traduzione di MR

In un post recente ho detto che la trappola nascosta della ricerca delle cause radicali dei cambiamenti nei sistemi complessi è che tendenzialmente non ce n'è nessuna. Al posto delle cause radicali di solito troviamo una matassa ingarbugliata di anelli di retroazione. La credenza di aver trovato le cause è semplicemente una credenza ed una credenza fragile. Di solito basta una ricerca molto breve con una mente aperta per scoprire altri fattori che contribuiscono. L'investigazione finisce per rimettere in discussione quanto “profonda” possa davvero essere qualsiasi causa.

Ho compreso questa trappola nell'ultimo anno durante le mie investigazioni della scienza dei sistemi complessi e della cibernetica. Il soddisfacente senso di vendetta nella scoperta di una causa profonda “Be', guarda, ECCO il tuo problema!”) si dissolve in una poltiglia man mano che le cause si rivelano essere anche degli effetti. La causa profonda candidata si rivela necessaria ma non sufficiente o mentre potrebbe essere esplicativa in alcune aree fallisce completamente nel fornire una lettura in altre.

Questa intuizione della possibile invalidità del “concetto di causa profonda” mi ha spinto a tornare sulle mie posizioni (tutte opportunamente registrate nel mio sito web) e a cominciare a scaricare in mare cause radicali come sacchi di patate andate a male. Le cause radicali candidate che ho scaricato nell'ultimo anno sono:

» Sovrappopolazione;
» Agricoltura;
» Combustibili Fossili;
» Tecnologia;
» Soldi;
» Urbanizzazione;
» Comportamento sociale;
» Capitalismo;
» Imperialismo;
» Comportamenti umani come visione a breve termine, avarizia, biasimo, competizione e politica; persino
» Termodinamica del non equilibrio

Ora, tutti questi fattori ovviamente giocano un ruolo nel Grande Casino Globale. La mia affermazione è che non possiamo indicare nessuno di questi e dire “Be', guarda, ECCO il tuo problema!”.

Sto per ripudiare ancora un'altra credenza che è stata alla base di gran parte del mio pensiero per gli ultimi sei anni. La credenza è l'idea che un qualche peculiare “senso della separazione” umano sia ciò che ci permette di vedere l'universo come un semplice sacco di risorse da usare a nostro piacimento per soddisfare i nostri bisogni percepiti. Ho scritto per la prima volta di questa credenza alla fine del 2008, nel saggio “Separazione, Risveglio e Rivoluzione”.

Mi sono gradualmente reso conto che di fatto TUTTI gli animali senzienti vedono l'universo in questo modo – o esplicitamente come fra i mammiferi come i coyote o gli esseri umani, o implicitamente come nel caso di insetti, serpenti o molluschi. La percezione del mondo come una serie di risorse esterne è alla base della rete alimentare in generale e del rapporto predatore-preda in particolare. Essere in grado di vedere “l'altro” come cibo per sé stessi rende possibile il comportamento “prendi ciò di cui hai bisogno” che è universale per gli organismi viventi.

L'Homo Sapiens si comporta esattamente come ogni altro animale in questo senso, ma con due aggiunte cruciali: la nostra capacità di formare pensieri complessi ed astratti e le nostre capacità di risoluzione dei problemi esageratamente buone.

La nostra natura animale fondamentale (insieme ai vari principi che governano la crescita, l'acquisizione e la competizione per le risorse) stabiliscono le direttive del nostro comportamento generale. La nostra capacità tipicamente umana di risolvere i problemi attraverso la logica e l'astrazione ci trasforma quindi negli esecutori mangia-mondo di quelle direttive.

Una capacità che da un'enorme spinta alla nostra impresa di consumare il mondo è la nostra abilità di reinquadrare i nostri “desideri” come “bisogni”, dandoci così una giustificazione conveniente per la loro soddisfazione. L'abilità di ingannarci in questo modo sembra essere ancora un altro risultato della nostra abilità di creare astrazioni – stavolta dai concetti di “desiderio” e “bisogno”. L'astrazione ci aiuta a combinare le due cose mentre le analizziamo usando processi cognitivi di alto livello.

Sospetto che questo fondamento comportamentale sia piuttosto indipendente da fattori culturali. Diverse culture potrebbero avere modi molto diversi di eseguire le direttive di base, i programmi culturali che sono pesantemente influenzati dallo loro situazione locale particolare nel tempo e nello spazio. Tuttavia secondo me diverse culture NON eseguono diverse direttive di base – il programma fondamentale è coerente in tutti gli organismi (noi compresi), come espresso dalle loro interazioni coi loro ambienti locali.

Di fronte a questo, non c'è alcun bisogno di coinvolgere o dare la colpa alla cognizione, alla consapevolezza di sé o alla coscienza per lo scatenarsi del nostro processo di crescita collettiva. La consapevolezza di sé naturalmente gioca un ruolo nella nostra capacità di applicare l'astrazione e la logica alle nostre attività di risoluzione dei problemi. Ma finora non ho visto nessuna prova convincente del fatto che il sistema ha bisogno di noi per essere consapevole di sé per funzionare come funziona. E' probabilmente per questo il perché gli esseri umani possono far funzionare una civiltà con così poche prove di introspezione, obbiettività o consapevolezza di sé.

Come gli altri candidati che ho elencato sopra, la consapevolezza di sé probabilmente non è una causa profonda del “singhiozzo del mondo” - per la semplice ragione che non ce n'è una.