Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 19 novembre 2014

La più grande storia del picco mai scritta

Da “Resource Crisis”. Traduzione di MR 

di Ugo Bardi




Herman Melville non ha mai parlato del “picco dell'olio di balena” nel suo “Moby Dick”, pubblicato nel 1851. Ma il racconto può essere capito tenendo conto del fatto che l'industria baleniera americana stava entrando nel suo picco produttivo proprio durante quegli anni. Potremmo considerare “Moby Dick” il più grande racconto mai scritto sul picco del petrolio.  


Nel 1970, gli Stati Uniti hanno superato il loro picco di produzione di petrolio greggio. La produzione ha raggiunto un massimo poi ha cominciato un declino che è durato fino a pochi anni fa. Il picco è stato un evento epocale, è stata la “grande svolta a U” dell'economia americana che ha inaugurato una nuova era di maggior iniquità sociale e di povertà diffusa.

Ma la reazione al picco in sé è stato un silenzio assordante. In precedenza, il picco era stato discusso e dibattuto in modo esteso sin da quando, nel 1956, il geologo Marion king Hubbert lo aveva previsto. Quando è arrivato, tuttavia, il picco non è stato notato, né discusso, né capito. E' stato un non-evento, sempre che ce ne sia stato uno, almeno in termini di percezione pubblica. La stessa cosa è successa per altri picchi importanti: il picco del carbone britannico negli anni venti del 900, il picco del petrolio dell'Unione Sovietica nel 1988 e altri. Questi picchi hanno portato grandi cambiamenti nel mondo e sono stati collegati alla caduta di grandi imperi. Ma non sono stati percepiti. La stessa cosa sta succedendo al picco del petrolio globale ("peak oil"): più ci avviciniamo, meno il pubblico se ne interessa.

C'è una ragione per cui questi eventi epocali non lasciano traccia nella percezione della gran parte delle persone. E' perché tendiamo a vedere il mondo in termini romanzeschi, non in termini di fatti e dati. Percepiamo solo le cose che generano una reazione emotiva su di noi e per generare questa reazione ci deve essere una storia, un racconto. Potremmo dire che tutta la narrativa è una ricerca di qualcosa, ha a che fare col riuscire contro le difficoltà, ha a che fare con le trasformazioni che avvengono a causa di eventi drammatici. E' questa trasformazione che fa risuonare la nostra mente con gli eventi descritti. Reagiamo agli eventi perché percepiamo una storia, non perché leggiamo i numeri scritti su una tabella. Pensate all'altro grande problema dei nostri tempi, il cambiamento climatico: ha un potenziale narrativo tremendo, non è solo che potrebbe eventi drammatici, ma perché sentiamo qualcosa per il nostro pianeta. Percepiamo il fatto che rischiamo di distruggere l'ecosistema terrestre e sentiamo qualcosa per questo: è il racconto di un evento drammatico. E' per questa ragione che oggi si discute tanto di“fantaclimatica” (cli-fi, in inglese).

Ma che dire del “racconto del picco”? Il picco del petrolio (o qualsiasi picco di produzione) è solo un punto su una curva dolce che è cominciata da zero e tornerà inevitabilmente a zero nel futuro. Potrebbe declinare più rapidamente di quanto è cresciuta (“Effetto Seneca”), ma rimane una curva continua. E non c'è un gran dramma di mezzo: sappiamo già (o dovremmo sapere) che, un giorno o l'altro, finiremo tutte le cose che consumiamo e che non possono essere sostituite. Quindi, cosa possiamo imparare da qualcosa di inevitabile? E' come morire di vecchiaia. Sappiamo che un giorno deve succedere, ma non ci sono molti romanzi basati sul morire di vecchiaia. Pensate se l'Iliade ci avesse raccontato che Ettore è morto in pace nel suo letto. Pensate se la Trilogia di Tolkien ci avesse raccontato che Frodo ha venduto l'anello in cambio di un piano pensionistico.


Per cui, in termini narrativi, dobbiamo vedere il picco indirettamente, attraverso le sue conseguenze e la storia che queste conseguenze raccontano. Pensate a Moby Dick, il romanzo di Herman Melville pubblicato nel 1851. Al suo interno non ci troverete nessun riferimento al “picco dell'olio di balena”. Eppure, c'era un picco del genere (come mostrato nell'immagine) proprio durante quegli anni. Le balene sono state efficientemente sterminate al punto che il loro numero è cominciato a diminuire e, con loro, anche la produzione di olio di balena. Alla fine l'industria dell'olio di balena è collassata a causa della sua stessa efficienza. Il fatto che le balene stessero scomparendo non è stato percepito dai balenieri del tempo e non ci sono prove che lo capissero – o anche solo immaginassero – il concetto di “picco della caccia alle balene”. Ma la malinconia che pervade Moby Dick e il suo tema fondamentale di una impresa irraggiungibile mostra che Melville ha percepito che ci fosse qualcosa di profondamente sbagliato nell'industria baleniera del tempo.

Il simbolismo contenuto in Moby Dick è stato descritto più volte. La nave del capitano Achab, il “Pequod”, è stata correttamente interpretata come “l'America” (o, più esattamente, gli Stati Uniti) e la ricerca disperata della balena bianca come simbolo della disperata ricerca umana di qualcosa di irraggiungibile. Il simbolismo di così tanto tempo fa rimane valido oggi se sostituiamo “olio di balena” col “petrolio greggio”. Vorremmo che il petrolio durasse per sempre, ma ciò è irraggiungibile per noi, così come lo era uccidere la balena bianca per il Capitano Achab. E, proprio come il Pequod e il suo equipaggio distruggono loro stessi nella caccia impossibile, così potrebbe succedere alla nave che è oggi l'America, distruggendo sé stessa nell'impresa disperata di spremere le ultime gocce di petrolio dalla crosta terrestre.

Forse un giorno qualcuno scriverà un racconto che rifletterà la nostra disperata ricerca di petrolio greggio in modo così perfetto – anche se indirettamente – come Moby Dick lo ha fatto per l'olio di balena ai suoi tempi. Se mai ci sarà un tale racconto, ci racconterà come siamo finiti nella terribile situazione in cui ci troviamo oggi. Ma non nominerà mai il “picco del petrolio” e nemmeno il petrolio greggio come fonte di energia. Proprio come Melville non ha mai detto nel suo racconto per cosa fosse usato l'olio di balena.

h/t “James B


lunedì 17 novembre 2014

La scivolata del prezzo del petrolio – Non c'è nessuna via d'uscita

 In questo momento, il prezzo del petrolio WTI è sceso sotto i 75 dollari al barile. Siamo decisamente in una "scivolata" (UB)


DaOur Finite World”. Traduzione di MR

Di Gail Tverberg

Il mondo è un posto pericoloso adesso. Gran parte dei venditori di petrolio hanno bisogno degli introiti della vendita del petrolio. Devono continuare a produrre, a prescindere da quanto diminuiscano i prezzi del petrolio, a meno che non vengano fermati dal fallimento, dalla rivoluzione e da qualcos'altro che dia loro un segnale molto chiaro che si devono fermare. I produttori di petrolio dello scisto statunitense rientrano in questa categoria, come la maggior parte degli esportatori di petrolio, compresi molti dei paesi dell'OPEC e la Russia. Alcune grandi compagnie petrolifere, come la Shell e la ExxonMobil, hanno deciso persino prima del recente crollo dei prezzi che non riuscivano a fare dei soldi sviluppando risorse producibili e disponibili ai prezzi allora a disposizione, probabilmente intorno ai 100 dollari al barile. Vedete il mio post L'inizio della fine? Le compagnie petrolifere tagliano gli investimenti. Queste grandi compagnie stanno vendendo terreni, se riescono a trovare qualcuno che li compri. Il loro comportamento alla fine porterà ad una diminuzione della produzione, ma non molto rapidamente – forse in un paio d'anni. Quindi c'è un determinato ritardo temporale nel rallentamento della produzione – persino con prezzi molto alti. Infatti, se la produzione da scisto statunitense continua ad aumentare, e la Libia e l'Iraq continuano a lavorare per mettere in distribuzione la loro produzione petrolifera, potremmo persino assistere ad un aumento della produzione mondiale, in un momento in cui la produzione mondiale deve diminuire.

Una diminuzione dei prezzi del petrolio potrebbe non risolvere il problema della domanda

Allo stesso tempo, la domanda non riprende velocemente quanto la caduta dei prezzi. Abbiamo a che fare con un mondo che ha un'enorme quantità di debito. La Cina in particolare ha vissuto una sagra del debito che non può continuare allo stesso ritmo. Una riduzione del debito della Cina, o anche una sua minore crescita, riduce la crescita di domanda di petrolio. La stessa situazione vale per i paesi che ora sono saturi di debito e che cercano di avvicinarsi al proprio pareggio di bilancio. Inoltre, la sospensione dell'alleggerimento quantitativo da parte della Federal Reserve ha tagliato un grande flusso di fondi per i mercati emergenti. A causa di questo cambiamento, la domanda del mercato emergente del petrolio è crollata. Ciò è accaduto in parte a causa dei minori fondi di investimento disponibili e in parte perché il valore delle valute del mercato emergente sono crollate in rapporto al dollaro. Ancora una volta, una diminuzione del prezzo del petrolio è improbabile che risolva questo problema in misura significativa. L'Europa e il Giappone stanno avendo difficoltà ad essere competitivi nel mondo di oggi. Una diminuzione dei prezzi del petrolio aiuterà un po', ma i loro problemi rimarranno in gran parte a causa della misura in cui sono collegati ai salari, alle tasse ed ai prezzi dell'elettricità in confronto ad altri produttori. La riduzione dei prezzi del petrolio non risolverà questi problemi, a meno che non porti a salari inferiore (oh, oh!). La riduzione dei prezzi del petrolio è invece probabile che porti un problema diverso – la deflazione – che è difficile da affrontare. La deflazione potrebbe portare indirettamente a default del debito ed a un ulteriore crollo della domanda di petrolio e dei suoi prezzi. Così, i prezzi del petrolio è probabile che continuino nella loro scivolata per un po', finché non sarà compiuto il danno reale, forse per diverse economie simultaneamente.

Il ruolo degli Stati Uniti nello scontro fra sovrapproduzione di petrolio/bassa domanda

Gli Stati Uniti sono il paese col maggior aumento di produzione di petrolio negli ultimi anni. Questa crescita della produzione di petrolio non sembra si sia fermata negli scorsi anni.


Figura 1. Produzione di petrolio statunitense mensile fino al 24 ottobre. Grafico EIA.

Allo stesso tempo, lo stesso consumo statunitense non è aumentato (Figura 2).


Figura 2. Consumo statunitense di petrolio (chiamato “Prodotto fornito”). Grafico EIA.

Il risultato è una diminuzione della necessità di importare. Diversi esportatori di petrolio sono stati danneggiati dalla diminuzione delle importazioni degli Stati Uniti. La Nigeria estrae un petrolio molto leggero che compete per lo spazio nelle raffinerie con il petrolio dalle formazioni di scisto. Le nostre importazioni di petrolio nigeriano si sono ridotte a zero (Figura 3). (Le quantità che mostro su questo e diversi altri grafici sono “importazioni nette”. Queste riflettono transazioni in entrambe le direzioni. Spesso gli Stati Uniti importano petrolio greggio ed esportano prodotti petroliferi, a volte allo stesso paese. In quel caso, stiamo vendendo servizi di raffineria).


Figura 3. Importazioni statunitensi nette di petrolio dalla Nigeria. Grafico EIA.

Le nostre importazioni di petrolio dal Messico sono a loro volta in discesa (Figura 4), in parte perché il loro petrolio è crollato.


Figura 4. Importazioni statunitensi di petrolio nette dal Messico. Grafico EIA.

E solo negli ultimi mesi che le importazioni statunitensi dall'Arabia Saudita hanno cominciato ad esserne colpite significativamente (Figura 5).



Figura 5. Importazioni statunitensi di petrolio nette dall'Arabia Saudita. Grafico EIA.

L'Arabia Saudita, come altri esportatori di petrolio, dipendono dagli introiti della vendita del petrolio per fornire introiti delle tasse per il proprio bilancio. Mentre hanno un fondo di riserva per i giorni peggiori, sul lungo termine anche loro dipendono dagli introiti delle esportazioni di petrolio. Se le esportazioni dell'Arabia Saudita verso gli Stati Uniti diminuiscono, l'Arabia Saudita ha bisogno di trovare qualcun altro a cui vendere queste potenziali esportazioni, oppure gli introiti per finanziare il proprio bilancio diminuiranno. In alternativa, può ridurre il prezzo che richiede alle raffinerie statunitensi, per influenzare le decisioni d'acquisto – cosa che ha appena fatto. Abbassare il proprio prezzo per le raffinerie statunitensi tende a spingere il prezzo mondiale del petrolio verso il basso. Naturalmente, gli Stati Uniti parlano anche di permettere una quantità maggiore di esportazioni di petrolio greggio, visto che il petrolio dalle formazioni di scisto aumenta. Questo aumento renderebbe il surplus di petrolio sul mercato peggiore, ed il prezzo del petrolio più basso, se la domanda di petrolio non si riprende.

Dipende da Arabia Saudita e OPEC

In Occidente, siamo stati portati a credere che l'OPEC in generale e l'Arabia Saudita in particolare, esercitino un grande controllo sui prezzi del petrolio. Ci è stato detto che diversi paesi OPEC hanno una capacità di riserva. Diversi dei paesi del Medio Oriente sostengono di avere delle riserve molto ampie e siamo stati portati a credere che possano possano aumentare la propria produzione se investono più soldi per farlo. Ci è stato anche detto che quei paesi ridurranno la produzione di petrolio, se necessario, per mantenere alti i prezzi. Una parte significativa di ciò che siamo stati portati a pensare è esagerata. Le esportazioni di petrolio dell'Arabia Saudita erano molto maggiori negli anni 70 di quanto non siano ora (Figura 6). Quando tagliano la produzione di petrolio e le esportazioni negli anni 80, probabilmente avevano una capacità di riserva.



Figura 6. Produzione, consumo ed esportazioni petrolifere saudite sulla base dei dati EIA.

Ma dove ci troviamo ora, la situazione è fortemente cambiata. La popolazione dei paesi produttori del medio oriente è aumentata. Con lei è aumentato l'uso del petrolio che estraggono. I loro bilanci sono aumentati e i paesi necessitano di maggiori introiti dalle tasse sul petrolio per soddisfare i loro bilanci. Alcuni paesi, compresi Venezuela, Nigeria ed Iran, hanno bisogno di prezzi del petrolio ben al di sopra dei 100 dollari al barile per sostenere i propri bilanci (Figura 7).


Figura 7. Stima del prezzo di pareggio per il petrolio OPEC, compresi i requisiti fiscali da parte dei paesi che controllano, da APICORP.

Se i prezzi del petrolio sono troppo bassi, i sussidi per cibo e petrolio dovranno essere tagliati, così come le spese sui programmi per dare lavoro e nuove infrastrutture come gli impianti di desalinizzazione. Virtualmente, nessun paese OPEC può andare d'accordo con prezzi del barili attorno agli 80 dollari al barile (Figura 7). Gran parte del comportamento dell'OPEC negli ultimi anni sono sembrati comportamenti che ci si aspetterebbe se i paesi dell'OPEC non fossero per nulla diversi dagli altri produttori di petrolio – le loro forniture di petrolio sono state soggette a limiti ed hanno avuto la tendenza a muoversi per il proprio interesse. Quando i prezzi del petrolio stavano salendo rapidamente nel periodo 2007-2008, hanno aumentato la produzione, ma non di molto e non molto rapidamente (Figura 8). Quando i prezzi del petrolio sono diminuiti, hanno diminuito la produzione al livello precedente, prima del grande aumento dei prezzi del petrolio.


Figura 8. Produzione petrolifera OPEC e non OPEC relativa al prezzo del petrolio. (Produzione di greggio e condensati proveniente dalla EIA). 

Un'altra situazione si è verificata quando la produzione della Libia è diminuita nel 2011. L'Arabia Saudita ha detto che avrebbe aumentato la sua fornitura per compensare, ma è riuscita a produrre soltanto greggio molto pesante mentre ciò che serviva era il petrolio leggero. Di fatto, anche l'aumento del petrolio pesante è in qualche modo dubbio. Inoltre, le dinamiche dell'OPEC sono state cambiate considerevolmente negli ultimi anni. Parte del problema ha a che fare col fatto che sia i prezzi del petrolio sia la quantità di esportazioni di petrolio sono stati più o meno piatti nel periodo fra il 2011 e metà del 2014. In una situazione del genere, gli introiti dalle esportazioni di petrolio tendono ad essere piatti. I membri dell'OPEC hanno scoperto che questo è un problema, perché le loro popolazioni hanno continuato a crescere e il loro fabbisogno di acqua e cibo d'importazione è continuato ad aumentare. Questi paesi hanno bisogno di sempre più introiti dalle tasse, ma gli introiti dal petrolio non li stanno fornendo. Come minimo, i paesi dell'OPEC hanno un forte “bisogno” di mantenere il loro attuale livello di esportazioni petrolifere. L'altra parte delle dinamiche in cambiamento dell'OPEC ha a che fare con l'aumentata volatilità della produzione petrolifera. I bombardamenti della Libia e le sanzioni contro l'Iran hanno entrambi prodotto situazioni instabili. Le esportazioni di petrolio da entrambi quei paesi sono minori che in passato, ma possono improvvisamente aumentarle qualora i loro problemi vengano “risolti”, aggiungendole alle pressioni verso il basso del prezzo. Un altro problema è il tentativo significativo di aumentare la produzione dell'Iraq negli ultimi anni. Se la produzione petrolifera dell'Iraq (più la produzione statunitense da scisto) è troppa per soddisfare la domanda mondiale di petrolio, dovrebbero essere gli altri dell'OPEC a “risolvere” il problema?


Figura 9. Importazioni nette statunitensi dall'Iraq. Grafico EIA.

La Figura 9 sembra indicare che le importazioni statunitensi dall'Iraq siano aumentate negli ultimi mesi. Naturalmente, se importiamo di più dall'Iraq, dovremo probabilmente tagliare le importazioni altrove. Ciò non genera un buon clima fra gli esportatori OPEC.

Gli Stati Uniti non dovrebbero prendersi qualche responsabilità nel risolvere il problema?

Ci si potrebbe chiedere se gli Stati Uniti non debbano ridurre la propria produzione di petrolio, in risposta ai prezzi bassi. Naturalmente, come indicato sopra, le grandi compagnie statunitensi (come Shell, Chevron ed Exxon) stanno riducendo gli investimenti in molti giacimenti e questo è probabile che alla fine porti ad una minore produzione. La domanda è se questo sarà un cambiamento sufficiente e sufficientemente rapido. E' meno probabile che i trivellatori dello scisto riducano intenzionalmente e rapidamente. I trivellatori dello scisto hanno affittato superfici enormi e sono riluttanti a farsi indietro adesso. Per questo, parte dei loro costi sono già stati pagati, riducendo i loro costi nell'andare avanti nelle superfici già in sviluppo. Hanno anche debiti che devono essere ripagati e molti accordi contrattuali in atto che ammorbidiranno l'impatto della discesa del prezzo del petrolio, almeno per un po'. A causa di tutti questi fattori, c'è una tendenza a continuare col business as usual il più a lungo possibile. Se i trivellatori dello scisto pianificheranno o meno di ridurre la produzione di petrolio, alcuni di loro potrebbero esservi costretti, che credano o meno che sia probabile che la produzione sia redditizia sul lungo termine. E' probabile che il problema sia il crollo del flusso di cassa a causa dei prezzi bassi, se il crollo del prezzo non viene mitigato da contratti futuri. A causa di questo, alcune compagnie potrebbero essere costrette a ridurre le trivellazioni molto presto. Un'altra alternativa potrebbe essere l'aumento dei prestiti, ma i prestatori potrebbero non essere molto contenti di una tale modalità. Notiamo che alcune compagnie si trovano già in situazioni di flusso di cassa davvero negative – in altre parole, in situazioni in cui continuano ad aggiungere nuovo debito. Per esempio, Continental Resources, il più grande operatore di Bakken, mostra un eccezionale debito in rapida crescita fino al 30 giugno 2014, senza apparentemente acquisire nuove superfici significative (Figura 10).


Figura 10. Cifre scelte dai documenti SEC della Continental Resources.

Quando le compagnie sono già in una tale situazione di flusso di cassa negativo, potrebbero esserci più problemi del previsto.

Se i prezzi del petrolio bassi “rimangono in giro” per mesi o anni, cosa potrebbe significare?

In una situazione del genere, ci troviamo in un territorio inesplorato. Uno dei grandi problemi è la potenziale deflazione. Il problema non sembrano essere solo i prezzi del petrolio bassi, ma anche i prezzi bassi di molti altri beni. La preoccupazione è che i salari crolleranno, così come le entrate pubbliche. Sembra che salari bassi ci siano già in Spagna. A meno che i governi non si inventino un modo per “risolvere” la situazione, questa renderà il pagamento del debito molto difficile. Un debito inferiore tenderà a rinforzare i prezzi bassi del petrolio e di altri beni. Se i prezzi bassi diventano la norma per molti tipi di beni, possiamo attenderci grandi tagli della produzione di quei beni. Sarebbe la situazione degli anni 30 del secolo scorso che ritorna di nuovo. Ben Bernanke ha detto che spedirebbe degli elicotteri di soldi per impedire una situazione del genere. La domanda è se questo può essere realmente fatto, dato che gli Stati Uniti (e diversi altri paesi) hanno già “stampato soldi” dal 2008. Ad un certo punto, sembra che gli arsenali delle banche centrali si esaurirà. Se c'è una riduzione del debito e della produzione di beni, molti beni che siamo giunti ad attenderci nel mercato spariranno, così come molti posti di lavoro. E' probabile che ci siano rotture nella catena dei rifornimenti che portano ad ulteriori riduzioni della produzione.

Con tutti questi problemi di debito, c'è il problema di quanto il mercato internazionale resisterà. Gli aspiranti esploratori si fideranno dei compratori che hanno di recente fatto default del debito e non sembrano essere in grado di guadagnare abbastanza per pagare i beni che stanno attualmente ordinando? La discussione è stata prevalentemente sul petrolio, ma il gas naturale liquefatto (GNL) è probabile che venga a sua volta condizionato dai prezzi bassi. La Reuters riporta che la probabilità di esportazioni statunitensi di GNL verso l'Asia sia bassa, per diverse ragioni, compresa la scoperta che i costi sarebbero maggiori di quanto ipotizzato originariamente e il processo di regolamentazione meno dolce. Un'altra ragione per cui le esportazioni di LGN è probabile che siano bassi è il fatto che i prezzi asiatici sono crollati da un massimo di 20,50 dollari/mmBtu a febbraio ad un minimo di 10,60/mmBtu in agosto. Senza prezzi dei LGN mantenuti alti è difficile sostenere l'enorme investimento in infrastruttura necessario per le esportazioni di LGN.

I prezzi del petrolio possono rimbalzare indietro?

Se potessimo in qualche modo risolvere i problemi mondiali di debito, un aumento del prezzo del petrolio sembra essere molto più probabile di quanto appaia ora. Finché il crollo della domanda è legato al declino del debito, le potenziali reazioni sembrano essere nella direzione della deflazione e la possibilità di fare default sempre più probabile, abbiamo un problema. La sola direzione in cui andrebbero i prezzi del petrolio è verso il basso. Lo so che abbiamo delle banche centrali molto creative, ma il problema in esame sono in realtà i ritorni decrescenti. Prima che i ritorni decrescenti diventassero un problema, era possibile estrarre e raffinare petrolio a basso costo. Col petrolio a basso costo, era possibile creare un'economia con petrolio a basso prezzo. I lavoratori sembravano essere molto produttivi in una situazione del genere, in parte perché il petrolio a basso prezzo permetteva una maggiore meccanizzazione della produzione e il trasporto a basso costo dei beni. Una volta che i ritorni decrescenti si sono insediati, il petrolio è diventato sempre più costoso da estrarre, perché avevamo bisogno di usare più risorse per ottenere petrolio che era molto profondo, o in formazioni di scisto, o che richiedeva impianti di desalinizzazione per sostenere la popolazione. Una volta che abbiamo dovuto assegnare le risorse per questi sforzi, erano disponibili meno risorse per usi più generici. Con meno risorse per attività generiche, la crescita economica è stata inibita. Questo ha avuto la tendenza a portare a meno posti di lavoro, in particolar modo quelli ben pagati. Ciò rende anche il debito più difficile da ripagare. La storia mostra che molte economie hanno collassato a causa dei ritorni decrescenti.

Gran parte delle persone presume che naturalmente i prezzi del petrolio aumenteranno. E' ciò che hanno imparato nelle discussioni su offerta e domanda nell'economia di base. Penso che ciò che abbiamo imparato dall'economia di base sia sbagliato perché il modello di offerta e domanda che la maggioranza degli economisti usa ignora anelli di retroazione importanti. (Vedete il mio post Perché i modelli standard dell'economia non funzionano – la nostra economia è una rete). Sentiamo dire spesso che non c'è abbastanza petrolio ad un dato prezzo, la situazione porterà alla sostituzione o alla distruzione della domanda. A causa della natura di rete dell'economia, questa distruzione della domanda si manifesta in un modo diverso da quanto la gran parte degli economisti si aspetta – si manifesta con meno persone che hanno posti di lavoro ben pagato. Con salari più bassi, proviene anche dalla minore disponibilità di debito. Ci ritroviamo con una disparità fra ciò che i consumatori si possono permettere di pagare per il petrolio e quanto costa estrarre il petrolio. E' questo il problema che stiamo affrontando oggi ed è una cosa molto difficile. Abbiamo sentito per così tanto tempo che il problema del picco del petrolio sarà un'offerta inadeguata e prezzi alti che non riusciamo ad adeguarci alla situazione reale. Di fatto, i due problemi più grandi dei limiti del petrolio è probabile che siano la contrazione del debito e la contrazione dei salari. La ragione per cui l'offerta di petrolio diminuirà è probabile che sia perché i consumatori non si possono permettere di pagarlo; non hanno lavoro ben pagato e non possono avere prestiti. Per certi versi, la situazione dei prezzi del petrolio alti mi ricorda il guidare su una strada per cui siamo stati avvisati di guardare con attenzione a sinistra per potenziali problemi. Di fatto, il potenziale problema è proprio dalla parte opposta – sulla destra. Il problema è trascurato da moltissimo tempo, perché gran parte di noi ha prestato attenzione alla finestra sbagliata.

Per approfondire questo tema, leggete i miei due ultimi post:
Il Wall Street Journal capisce tutto al contrario sul picco 
Otto pezzi del nostro dilemma del prezzo del petrolio 

domenica 16 novembre 2014

Stiamo diventando tutti psicopatici

Il nostro sistema economico del “io prima di tutto” ha cambiato la nostra etica e le nostre personalità.

DaAlternet”. Traduzione di MR (h/t Maurizio Tron)




Foto: Shutterstock/TijanaM

Di Paul Verhaeghe

Tendiamo a percepire le nostre identità come stabili e fortemente separate dalle forze esterne. Ma in decenni di ricerca e pratica terapeutica, mi sono convinto che il cambiamento economico sta avendo un effetto profondo non solo sui nostri valori, ma anche sulle nostre personalità. Trent'anni di neoliberismo, forze di libero mercato e privatizzazione hanno lasciato il segno, mentre la spinta incessante al successo è diventata la norma. Se siete scettici, vi sottopongo questa semplice dichiarazione: il neoliberismo meritocratico favorisce certe personalità e ne penalizza altre.

Ci sono certe caratteristiche ideali per fare carriera oggi. La prima è l'eloquio, essendo l'obbiettivo quello di conquistare più gente possibile. Il contatto può essere superficiale, ma siccome ciò si applica oggigiorno alla maggior parte delle interazioni, in realtà questo non verrà notato.

E' importante essere bravi a ingigantire le proprie capacità il più possibile – conosco un sacco di gente, ho un sacco di esperienza alle mie spalle e di recente ho portato a termine un grande progetto. In seguito, la gente scoprirà che ciò era più che altro aria fritta, ma il fatto che inizialmente è stata ingannata indica un altro tratto della personalità: si può mentire in modo convincente e sentirsi poco in colpa. E' per questo che non ci si prende mai la responsabilità del proprio comportamento.

In cima a tutto questo, siamo flessibili ed impulsivi, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide. In pratica, questo porta a un comportamento rischioso, ma non fateci caso, non sarete voi che dovrete raccogliere i cocci. La fonte di ispirazione di questa lista? L'elenco di controllo di Robert Hare, il più famoso specialista in psicopatia oggi.

Questa descrizione naturalmente è una caricatura portata agli estremi. Ciononostante, la crisi finanziaria ha illustrato a livello macro sociale (per esempio, nei conflitti fra i paesi dell'Eurozona) ciò che la meritocrazia neoliberale fa alla gente. La solidarietà diventa un lusso costoso e lascia spazio ad alleanze temporanee, essendo la preoccupazione principale quella di trarre più profitto dalla situazione che non dalla competizione. I legami sociali coi colleghi si indebolisce, così come l'impegno emotivo per l'impresa o l'organizzazione.

Il bullismo che era confinato alle scuole, ora è una caratteristica comune del luogo di lavoro. Questo è un sintomo tipico dell'impotente che sfoga la propria frustrazione sul debole; in psicologia è conosciuta come aggressione trasposta. C'è un senso di paura celato, che va dall'ansia di prestazione ad una più ampia paura della minaccia dell'altro.

Le prove continue al lavoro causano un declino dell'autonomia ed una dipendenza crescente da norme esterne, spesso mutevoli. Ciò risulta in quello che il sociologo Richard Sennett ha opportunamente descritto come “l'infantilizzazione dei lavoratori”. Gli adulti mostrano scoppi di collera infantili e sono gelosi di banalità (“Lei ha avuto una sedia da ufficio nuova ed io no”), raccontano bugie a fin di bene, ricorrono all'inganno, provano piacere per le sfortune altrui e nutrono meschini sentimenti di vendetta. Questa è la conseguenza di un sistema che impedisce alle persone di pensare in modo indipendente e che non tratta gli impiegati da adulti.

E' più importante, però, il grave danno al rispetto per sé stessi fatto alle persone. Il rispetto per sé stessi dipende grandemente dal riconoscimento che riceviamo dagli altri, come pensatori che vanno da Hegel a Lacan hanno mostrato. Sennett giunge ad una conclusione analoga quando riconosce che la domanda principale dei dipendenti di oggi è “Chi ha bisogno di me?”. Per un gruppo di persone sempre più grande, la risposta è: nessuno.

La nostra società proclama in continuazione che tutti possono farcela se si impegnano abbastanza, il tutto mentre rafforza il privilegio e mette sempre più pressione sui propri cittadini oberati ed esausti. Un numero sempre maggiore di persone non ce la fa, si sente umiliata, colpevole e si vergogna. Ci dicono da sempre che siamo più liberi di scegliere il corso delle nostre vite di quanto lo siamo mai stati prima, ma la libertà di scegliere al di fuori della narrativa di successo è limitata. Inoltre, coloro che non ce la fanno sono ritenuti dei perdenti o dei parassiti che approfittano del nostro sistema di sicurezza sociale.

Una meritocrazia neoliberista vorrebbe farci credere che il successo dipende dallo sforzo individuale e dai talenti, intendendo che la responsabilità sta interamente nell'individuo e le autorità dovrebbero dare alle persone quanta più libertà possibile per raggiungere i loro obbiettivi. Per coloro che credono alle favole della scelta libera, l'autogoverno e l'autogestione sono i messaggi politici preminenti, specialmente se appaiono promettere libertà. Insieme all'idea dell'individuo perfettibile, la libertà che percepiamo di avere in occidente è la più grande falsità di questa epoca.

Il sociologo Zygmunt Bauman ha riassunto perfettamente il paradosso della nostra epoca così: “Non siamo mai stati così liberi. Non ci siamo mai sentiti così impotenti”. Infatti siamo più liberi che in passato, nel senso che possiamo criticare la religione, approfittare del nuovo atteggiamento libertario verso il sesso e sostenere qualsiasi movimento politico ci piaccia. Possiamo fare tutte queste cose perché non hanno più significato – la libertà di questo tipo è indotta dall'indifferenza. Tuttavia, dall'altra parte, le nostre vite quotidiane sono diventate una battaglia continua contro la burocrazia che farebbe impallidire Kafka. Ci sono regole su tutto, dal contenuto di sale del pane alla possibilità di tenere pollame nelle aree urbane.

La nostra presunta libertà è legata ad una condizione centrale: dobbiamo avere successo – cioè “fare” di noi stessi qualcosa. Non c'è bisogno di cercare lontano per degli esempi. Un individuo altamente qualificato che pone la famiglia davanti alla carriera è oggetto di critiche. Una persona con un buon lavoro che rifiuta una promozione per investire più tempo in altre cose viene vista come pazza – a meno che quelle altre cose non assicurino successo. Una giovane donna che voglia diventare un'insegnante elementare si vede consigliare dai propri genitori di prendersi un master in economia – un'insegnante elementare, ma a cosa stava pensando?

C'è un continuo lamentarsi della cosiddetta perdita di norme e valori nella nostra cultura. Eppure le nostre norme e valori sono parte integrante della nostra identità. Quindi non possono essere perse, solo cambiate. Ed è esattamente ciò che è successo: un'economia cambiata riflette un'etica cambiata e determina una identità cambiata. L'attuale sistema economico sta facendo emergere il peggio di noi.

sabato 15 novembre 2014

Il Wall Street Journal capisce tutto al contrario sul picco

DaOur Finite World”. Traduzione di MR

Di Gail Tverberg


Lunedì 29 settembre, il Wall Street Journal (WSJ) ha pubblicato una storia intitolata  “Perché le previsioni del picco del petrolio non si sono avverate”. La storia è scritta come se ci fossero solo due risultati:

  1. La versione del picco del petrolio di cosa aspettarsi dai limiti del petrolio è corretta o
  2. I Ritorni Decrescenti possono e vengono rinviati dal progresso tecnologico – la visione del WSJ. 


Mi pare, però, che un terzo risultato sia non solo possibile, ma sia quello che sta effettivamente accadendo:

     3. Ritorni Decrescenti dei limiti del petrolio stanno già cominciando a colpire, ma gli impatti e la forma attesa della discesa sono molto diversi da quelli previsti da molti Picchisti.

Zona di confusione

Nel modo di pensare di molte persone, l'economia è separate dalle risorse e dall'estrazione di queste risorse. Se crediamo agli economisti, l'economia può crescere all'infinito, con o senza l'uso di risorse, Chiaramente, con questa visione, il prezzo di queste risorse non conta molto. Se un tipo di risorsa diventa più costosa, possiamo sostituirla con altre risorse, una volta che la risorsa scarsa diventi sufficientemente costosa da rendere dare senso finanziario all'alternativa. Gli stipendi possono crescere arbitrariamente – tutto ciò che serve è che ognuno di noi paghi vicendevolmente salari più alti. E possiamo risolvere ogni problema del sistema finanziario con la stampa di più denaro e più debito.

Questa versione sbagliata di come funziona la nostra economia è stata tramandata dal mondo accademico e dal nostro sistema peer review, dove ogni accademico che segue pedissequamente le tracce dei ricercatori precedenti. Finché i nuovi ricercatori seguono lo stesso pensiero sbagliato dei loro predecessori, i loro articoli saranno pubblicati. Gli economisti  sono stati particolarmente coinvolti nel mettere insieme questa visione del mondo errata, ma anche i politici hanno aiutato. A loro sono piaciuti i risultati dei modelli prodotti dagli economisti, erano tutti potenti. Tutto ciò che dovevano fare i politici era ritoccare il sistema finanziario, e l'economia sarebbe cresciuta per sempre. Non c'era nemmeno bisogno delle risorse!

L'impegno dei Picchisti

I Picchisti sono entrati in una situazione con questa visione del mondo sbagliata ed hanno cominciato a provare a rimetterne a posto i pezzi. Un pezzo che era chiaramente sbagliato era la relazione fra le risorse a l'economia. Le risorse, specialmente le risorse energetiche, sono necessarie per produrre qualsiasi bene e servizio che compriamo. Se quelle risorse cominciassero a giungere a ritorni decrescenti, sarebbe più difficile per l'economia crescere. L'economia potrebbe persino contrarsi. Il Dottor Charles Hall, recentemente andato in pensione come professore del SUNY-ESF, ha inventato una misura dei ritorni decrescenti – il crollo del Energy Returned on Energy Invested (EROEI). Come avverrebbe la contrazione? Per questo, i Picchisti si sono rivolti al lavoro di M. King Hubbert, che ha lavorato in un settore della geologia. Ha scritto circa il modo in cui ci si può aspettare che la fornitura di una risorsa declini con ritorni decrescenti. Hubbert non era preoccupato dall'effetto che i ritorni decrescenti avrebbero avuto sull'economia – il caso speciale in cui si poteva trovare un sostituto perfetto e messo a regime, in anticipo rispetto al declino causato dai ritorni decrescenti.

Figura 1. Figura dal saggio del 1956 di Hubbert, Energia nucleare e combustibili fossili.

Nell'esempio mostrato sopra, Hubbert ipotizza che il nucleare a buon mercato avrebbe rilevato i combustibili fossili prima che questi cominciassero a declinare. Hubbert ha persino parlato di fare combustibili liquidi a basso costo usando le risorse nucleari molto abbondanti, quindi il sistema poteva continuare come prima. In questo caso particolare, Hubbert ha suggerito che il declino delle risorse poteva seguire una curva simmetrica, declinando lentamente in uno schema simile al proprio aumento del consumo, visto che questo schema si verifica spesso estraendo una risorsa in natura. Molti Picchisti sembrano credere che questo schema avverrà nel caso più generale, anche dove non c'è un sostituto perfetto disponibile. Un sostituto perfetto dovrebbe essere a basso costo, abbondante ed essenzialmente non comportare alcun costo di transizione.

Nel caso particolare che ha modellato, Hubbert indicava che la produzione avrebbe cominciato a declinare quando circa il 50% delle riserve sarebbero state esaurite. I Picchisti hanno usato spesso questo approccio, o sue variazioni (la cosiddetta “Linearizzazione di Hubbert"), per prevedere la produzione futura e per determinare le date in cui la produzione di petrolio avrebbe “raggiunto il picco”. Naturalmente, col miglioramento della tecnologia, dell'altro petrolio è divenuto accessibile, facendo crescere le riserve. Inoltre, quando il prezzo è aumentato, le risorse che non sono mai state economicamente estraibili lo sono diventate. La produzione è continuata oltre le previsioni delle date del picco, sempre di più. I Picchisti hanno capito bene almeno una parte della storia – il fatto che stiamo di fatto raggiungendo i ritorni decrescenti rispetto al petrolio. Per questo dovrebbero essere lodati. Ciò che non si sono prefigurati è tuttavia, (1) come funziona realmente il sistema energetico-economico e (2) quali pezzi del sistema possono rompersi prima. Questo problema in realtà non è colpa dei Picchisti – è il risultato di aver iniziato con un modello molto sbagliato dell'economia e non aver capito quali pezzi di quel modello dovevano essere sistemati.

Come funziona realmente il sistema economico

Abbiamo a che fare con un'economia messa in rete, una che è auto-organizzata nel tempo. La rappresenterei come una rete vuota, costituita da imprese, consumatori e governi.

Figura 2. Cupola costruita usando Bastoncini di Leonardo.
Questo sistema economico usa energia di vari tipi oltre a risorse di vari tipi per fare beni e servizi. Ci sono molte parti di questo sistema, comprese leggi, tasse e commercio internazionale. Il sistema cambia gradualmente e si espande, con nuove leggi che sostituiscono le vecchie, nuovi clienti che sostituiscono i vecchi e nuovi prodotti che sostituiscono i vecchi. La crescita del numero di consumatori tende a portare alla necessità di più beni e servizi di ogni tipo. Una parte importante dell'economia è il sistema finanziario. Connette una parte del sistema con l'altra e quasi magicamente segnala quando di verificano delle scarsità, di modo che si possa produrre di più di un prodotto mancante, o che si possa sviluppare un sostituto. Il debito è a sua volta parte del sistema. Con un debito in aumento è possibile utilizzare profitti che saranno guadagnati in futuro, o introiti che saranno guadagnati in futuro, per finanziare gli investimenti attuali (come le fabbriche) e gli acquisti attuali (come le auto, le case e l'educazione superiore). Questo approccio funziona bene se un'economia cresce abbastanza. La domanda aggiuntiva creata attraverso l'uso del debito tende ad aumentare i prezzi dei beni come petrolio, metalli ed acqua, dando un incentivo economico alle società per estrarre questi elementi ed usarli nei prodotti che fanno. L'economia non può contrarsi in nessun modo significativo per diverse ragioni:


  1. Con una popolazione in aumento, c'è la necessità di più beni e servizi. C'è anche la necessità di più posti di lavoro. Un'economia messa in rete in crescita fornisce numeri crescenti sia di posti di lavoro sia di beni e servizi. Un'economia in contrazione porta e licenziamenti e meno beni e servizi prodotti. Si presenta come una recessione
  2. L'economia messa in rete cancella automaticamente i prodotti obsoleti e si ri-ottimizza per produrre i beni necessari ora. Per esempio, i costruttori di frustini da calesse sono piuttosto rari oggi. Così, non possiamo rapidamente tornare ad usare cavallo e calesse, anche se dovessimo, se il petrolio diventa scarso. Non ci sono abbastanza cavalli e calessi e non ci sono servizi per la pulizia del letame di cavallo. 
  3. L'uso del debito per la finanza dipende da una produzione futura sempre in aumento. Se l'economia si contrae o anche se solo smette di crescere rapidamente come in passato, tendono ad esserci un problema di default del debito. 
  4. Se il debito comincia a contrarsi, i prezzi dei beni come petrolio, oro ed anche del cibo tendono a diminuire (analogamente alla situazione che vediamo adesso). Questi prezzi più bassi scoraggiano l'investimento nella creazione di nuovi beni. Alla fine, portano ad una minore produzione e a licenziamenti. Se si verifica la deflazione, il debito può diventare davvero difficile da ripagare. 


In che condizioni può crescere l'economia?

Chiaramente aggiungere più persone aggiunge più crescita. Ciò può essere fatto aggiungendo più bambini che vivono fino alla maturità. Può essere fatto anche dalla globalizzazione – aggiungendo gruppi di persone che in precedenza facevano beni e servizi solo fra di loro in quantità limitata. Quando questi gruppi si collegano all'economia più allargata, i loro modi più vecchi e più semplici di fare le cose tendono ad essere sostituiti da attività più produttive (che comportano più tecnologia e più uso di energia) e maggior commercio internazionale. Naturalmente, ad un certo punto il numero di nuove persone che possono essere collegate all'economia globale giunge ad essere molto piccolo. La crescita dell'economia mondiale diminuisce, semplicemente a causa della diminuita capacità di aggiungere paesi “sottosviluppati” all'economia messa in rete. Oltre ad aggiungere più, persone, è anche possibile rendere i singoli cittadini “migliori” rendendo i lavoratori più efficienti nel produrre beni e servizi. La maggior parte delle persone pensa che la maggiore produttività si verifichi attraverso cambiamenti tecnologici, ma secondo me rappresenta realmente una combinazione di cambiamenti tecnologici oltre ad una combinazione di risorse non costose di vari tipi. Questa combinazione spesso comprende combustibili fossili a basso costo, forniture abbondanti di acqua a basso costo, suolo fertile, e depositi minerali facili da estrarre. Avendo queste cose disponibili rende possibile lo sviluppo di nuovi strumenti (come nuove attrezzature agricole, seminatrici e veicoli), di modo che i lavoratori possano diventare più produttivi.

I ritorni decrescenti sono la cosa che tende a “scombinare” questa crescita pro capite. Coi ritorni decrescenti, i combustibili fossili diventano più cari da estrarre. L'acqua spesso deve essere ottenuta per desalinizzazione o attraverso pozzi più profondi. I suoli hanno bisogno di più modifiche per essere fertili come in passato. I depositi minerali contengono sempre meno metallo, quindi devono essere estratti più materiali estranei col metallo per poi essere separati. Se anche la popolazione cresce, c'è la necessità di una maggior produzione agricola per acro, portando alla necessità di tecniche più avanzate. Aggirare i ritorni decrescenti tende a rendere ogni tipo di bene e servizio più costoso, relativamente ai salari. L'aumento dei prezzi dei beni non sarebbe un problema se i salari aumentassero allo stesso tempo di beni e servizi. Il problema è che in un certo senso i ritorni decrescenti rendono i lavoratori meno efficienti. Ciò accade a causa della necessità di aggirare i problemi (come scavare pozzi più profondi e rimuovere più materiale estraneo dai depositi minerali). Per molti anni, i cambiamenti tecnologici potrebbero compensare gli effetti dei ritorni decrescenti, ma ad un certo punto tendono a stagnare o persino a declinare. La Figura 3 mostra che i salari pro capite hanno avuto la tendenza a crescere negli Stati Uniti quando il petrolio era al di sotto di circa 40 0m 50 dollari al barile, ma hanno avuto la tendenza a stagnare quando i prezzi sono stati al di sopra di quel livello.

Figura 3. Salati medi statunitensi in dollari del 2012 in confronto al prezzo del petrolio Brent, anch'esso in dollari del 2012. I salari medi sono salari totali sulla base dei dati BEA adattati dal CPI-Urban , diviso la popolazione totale. Così, riflettono i cambiamenti della percentuale di popolazione impiegata così come i livelli di salario. 
Quali effetti dovremmo aspettarci dai ritorni decrescenti rispetto all'offerta di petrolio? 

Ci sono diversi effetti previsti dei ritorni decrescenti:


  1. Aumento dei costi di estrazione di petrolio ed altri beni soggetti ai ritorni decrescenti.
  2. Salari di tutti i tipi stagnanti o in diminuzione eccetto che per i lavoratori d'élite.
  3. Tassi di interesse ultra bassi per cercare di rendere i beni più abbordabili ai lavoratori stremati dai salari stagnanti e dai prezzi alti. 
  4. Aumento del debito governativo, nel tentativo di stimolare l'economia e per fornire programmi di assistenza ai molti lavoratori senza lavori ben pagati. 
  5. Aumento della preoccupazione per il default del debito, quando la quantità eccezionale di debito diventa sempre più assurda in relazione ai salari dei lavoratori e quando tutti gli incentivi al debito finiscono il loro corso, in paesi come la Cina.
  6. Un problema a due facce col petrolio. Da un lato c'è la recessione,quando i prezzi del petrolio aumentano a livelli che non possiamo permetterci. L'Economista James Hamilton ha mostrato che 10 recessioni su 11 successive alla Seconda Guerra Mondiale sono state associate a dei picchi del prezzo del petrolio. Ha anche mostrato che c'è una buona ragione per attendersi che la Grande Recessione sia stata collegata all'ascesa dei prezzi del petrolio antecedenti il 2007. Ho scritto un saggio su questo – Limiti dell'offerta di petrolio e crisi finanziaria continua.
  7. Il secondo problema col prezzo del petrolio è il contrario – i prezzi del petrolio troppo bassi in relazione al costo di estrazione, perché i salari non sono abbastanza alti da permettere ai lavoratori di permettersi il prezzo pieno di beni fatti con petrolio costoso. Questo è davvero un problema con una accessibilità inadeguata (chiamata domanda inadeguata dagli economisti).
  8. Collasso finale dell'intero sistema. 


Ci sono stati molti studi sui collassi delle economie passate. Questi collassi hanno avuto la tendenza a verificarsi quando le economie hanno raggiunto i ritorni decrescenti dopo un lungo periodo di crescita. I problemi sono stati spesso simili a quelli che vediamo oggi: salari stagnanti dei lavoratori comuni e crescita del debito. C'erano sempre più richieste al governo di trovare soluzioni ai problemi dei lavoratori, ma i governi hanno trovato sempre più difficile raccogliere tasse sufficienti per tutti i programmi di sostegno necessari. Alla fine, i sistemi economici hanno avuto la tendenza al collasso, in un periodo di anni. La forma di uso della risorsa nei collassi è stata decisamente non simmetrica. La Figura 4 mostra il mio punto di vista della forma tipica dei collassi delle economie non basati sui combustibili fossili sulla base del lavoro di Peter Turchin e Surgey Nefedof.


Figura 4. Forma del Ciclo Secolare tipico, sulla base del lavoro di Peter Turchin e Sergey Nefedov in Cicli Secolari.

Secondo me, la data della diminuzione dell'offerta di petrolio sarà determinata da ciò che sembrano ai più come problemi finanziari. Una possibile causa è che il prezzo del petrolio sarà troppo basso per i produttori (una condizione che si sta verificando ora). I governi penseranno che sia impopolare aumentare i prezzi del petrolio ma, allo stesso tempo, sarà impotente nel fermare gli impatti negativi che le diminuzioni del prezzo hanno sull'offerta mondiale di petrolio. La diminuzione dei prezzi del petrolio ha effetti particolarmente negativi sugli esportatori di petrolio, perché questi ultimi dipendono dagli introiti del petrolio per il finanziamento dei propri programmi di sostegno. Stiamo già vedendo questo adesso, con l'aumento delle tensioni in Medio oriente, l'aumento della belligeranza in Russia e i problemi del Venezuela. Questi problemi tenderanno a ridurre la globalizzazione, portando a meno crescita mondiale e ad una maggiore tendenza dell'economia mondiale alla contrazione.

Sfortunatamente, non ci sono modi ovvi di risolvere i nostri problemi. I sostituti costosi del petrolio (cioè, i sostituti che costano più di 40 o 50 dollari al barile) è probabile che abbiano un impatto ugualmente negativo sull'economia quanto il petrolio costoso. L'idea che i prezzi dell'energia possano aumentare e l'economia possa adattarsi ad essi è basata sula pia illusione. La nostra economia messa in rete non può contrarsi. Tende piuttosto a rompersi. Anche i tentativi ben intenzionati di ridurre l'uso di petrolio è probabile che si rivoltino contro, perché tendono a ridurre i prezzi del petrolio e ad avere altri effetti indesiderati. Inoltre, un uso del petrolio che una persona considererebbe frivolo (come una vacanza in Grecia), rappresenta un lavoro necessario per un'altra persona.
I Picchisti dovrebbero essere biasimati per aver mancato i limiti “reali” del petrolio?

No! I Picchisti hanno dato un contributo importante nel richiamare alla nostra attenzione il problema generico dei ritorni decrescenti dell'offerta di petrolio. Una delle loro maggiori difficoltà è stata che sono partiti lavorando con una storia dell'economia che era molto distorta. Hanno capito come sistemare parti della storia, ma sistemare tutta la storia era al di là delle loro capacità. Il grafico seguente mostra un riassunto di alcuni modi in cui il loro punto di vista ed il mio differiscono:

Figura 5. Riassunto dell'autrice di alcune differenze di vedute.
Una delle aree che i Picchisti hanno avuto la tendenza ad ignorare è stata il fatto che un sostituto del petrolio deve essere perfetto – cioè, essere disponibile in quantità enormi, a buon mercato, senza grandi costi di sostituzione – per non condizionare negativamente l'economia e per permettere il tasso di declino lento suggerito dal modello di Hubbert. Altrimenti, i problemi di ritorni decrescenti rimangono, portando a salari in declino ed all'aumento dei costi di realizzazione di beni e servizi. Per i Picchisti, saltare sul carro accademico è stata una tentazione, in cerca di sostituti del petrolio. Finché i Picchisti non fanno troppe richieste riguardo ai sostituti – solo confronti di EROEI – sembra che l'eolico e il solare FV siano delle promesse. Ma una volta che uno si rende conto che la nostra reale necessità è quella di mantenere in crescita l'economia, diventa chiaro che tali “soluzioni” sono tristemente inadeguate. Ci serve un modo di superare i ritorni decrescenti per mantenere l'intero sistema in funzione. In altre parole, ci serve un modo per far aumentare i salari e far diminuire il prezzo dei beni finiti in relazione ai salari. Non c'è nessuna possibilità che l'eolico e il solare FV faranno questo per noi. Abbiamo un problema molto più fondamentale di quanto le “nuove rinnovabili” possano risolvere. Se non riusciamo a trovare una soluzione, è probabile che la nostra economia raggiunga quello che somiglia ad un collasso finanziario a breve termine. Naturalmente, la ragione reale sono i ritorni decrescenti del petrolio e anche di altre risorse.


I trivellatori accumulano più debito che petrolio cercando fortuna nello scisto

DaBloomberg”. Traduzione di MR (h/t Luìs De Souza)

Nota: questo articolo è di circa un mese fa (8 settembre) ma il recente calo dei prezzi petroliferi lo rende ancora più attuale (UB)
 




Foto: Michael Friberg/Bloomberg Markets



Halcon Resources sta trivellando nello scisto di Tuscaloosa Marine. Lo strato di roccia, due miglia sottoterra, frammista a sabbia e detriti. La formazione si allunga dal confine occidentale della Louisiana al Mississippi sudoccidentale.

Floyd Wilson tamburella con le dita sul tavolo liscio della conferenza. Gli hanno appena chiesto, per una seconda volta, come ha reagito quando la sua Halcon Resources Corp. (HK) ha cancellato 1,2 miliardi di dollari dopo i deludenti risultati in due esplorazioni chiave. Wilson una volta ha detto agli investitori che la superficie potrebbe contenere l'equivalente di 1,2 miliardi di barili di petrolio. Fissa il suo interlocutore con i suoi occhi blu e si sporge in avanti. A 67 anni solleva 250 libbre (110 chilogrammi) e lo guarda. Fuori dalle ampie finestre della sua suite da dirigente al 67mo piano, Houston è immersa nel vapore del suo smog di luglio. Risponde, serio, con un'oscenità di una sillaba: “Vaff....”.


Foto: Michael Friberg/Bloomberg MarketsL'amministratore delegato di Halcon Resources Corp. Floyd Wilson ha venduto la sua compagnia precedente, Petrohawk Energy Corp., per 15,1 miliardi di dollari nel 2011. Sta inseguendo la sua prossima grande scoperta petrolifera con Halcon.
Wilson ha ragione a maledire, la rivista Bloomberg Markets ne riferirà nel suo numero di ottobre. Sul muro dietro di lui sono appesi dei certificati incorniciati delle quatrro compagnie energetiche pubbliche che ha messo in piedi nella sua carriera di 44 anni. La Petrohawk Energy Corp., che ha scoperto lo scisto di Eagle Ford, in questo momento la seconda formazione di petrolio più prolifica del paese. Ha venduto Petrohawk tre anni fa per 15,1 miliardi. Poi è venuta la Halcon. Da quando Wilson ha rilevato come presidente e amministratore delegato nel febbraio 2012, le quote della compagnia sono scese di circa la metà, scambiate a 5,67 dollari il 5 settembre. La Halcon ha speso 3,4 dollari per ogni dollaro guadagnato dalle operazioni nei 12 mesi fino al 30 giugno. Ciò è il massimo, ma 60 compagnie elencate dal Bloomberg Intelligence North America Independent E&P Valuation Peers index. La compagnia ha perso 1,4 miliardi di dollari in quei 12 mesi. Il debito di Halcon era di circa 3m2 miliardi di dollari il 5 settembre, o 23 dollari per ogni barile di petrolio di riserve provate, più di qualsiasi altro concorrente.

‘Ah’

Wilson va avanti imperterrito. “Cosa fate se avete torto? Andate a casa a piangere?” Scuote la testa.
“Ah”. Un decennio dentro al boom dello scisto che ha reso fracking una parola famigliare e Wilson un uomo ricco, i trivellatori che sostengono il sogno dell'indipendenza energetica statunitense. Mentre la produzione di petrolio tocca il record in 28 anni, gli investitori e i politici si stanno bevendo la visione di un rinascimento energetico interno.



Le compagnie stanno pagando un prezzo pesante per i guadagni. Come la Halcon, la maggior parte stanno spendendo soldi più in fretta di quanti ne facciano, una media di 1,17 dollari per ogni dollaro guadagnato nei 12 mesi finiti il 30 giugno. Solo sette delle ditte statunitensi elencate nell'indice di Intelligence E&P di Bloomberg hanno fatto in quel periodo più soldi di quello che gli è costato continuare a trivellare. I risultati di due compagnie comprendono solo i primi sei mesi del 2014.

Carenza di contante

Foto: Michael Friberg/Bloomberg Markets 
Dei bestioni collegano il tubo che è attaccato ad 
una testa perforante a 12.000 piedi sottoterra 
in un sito della Halcon Resources 
nella Contea di Wilkinson, in Mississippi.
Queste compagnie stanno tamponando le carenze di cassa con debito spazzatura. Dovevano 190,2 miliardi di dollari alla fine di giugno, dai 140,2 miliardi di dollari della fine del 2011. (Sei delle sessanta compagnie che non hanno registrazioni disponibili per l'intero periodo, non sono state incluse). Standard & Poor valuta il debito di 41 delle compagnie, compreso quello della Halcon, inferiore all'investment grade, il che significa che i fondi pensione o le compagnie di assicurazione non possono investirci. S&P valuta le obbligazioni Halcon  CCC+, che la compagnia di rating descrive come passibili di non pagamento. Il gestore finanziario Tim Gramatovich vede un disastro incombente sull'industria. “Non ho prestato soldi a nessuno in questo lasso di tempo e non credo che lo farò. Questa cosa sta andando assolutamente alle stelle”, dice Gramatovich, responsabile degli investimenti della Peritus Asset Management LLC di Santa Barbara, in California. La ditta gestisce investimenti di circa 1 miliardo di dollari, compreso il debito e il patrimonio netto di compagnie petrolifere e di gas che non stanno trivellando lo scisto.

Riserve provate

I recenti risultati pessimi della Halcon mostrano quanto rapidamente un futuro brillante possa sfumare. Come molte delle sue simili, la Halcon usa due gruppi di numeri per descrivere la sua prospettiva. Alla Commissione per le Sicurezze e lo Scambio (CSS), la compagnia riporta ciò che è conosciuto come riserve provate. La CSS richiede un conteggio annuale e limita questi calcoli a ciò che la ditta è ragionevolmente certa di poter estrarre dai pozzi esistenti e da altre proprietà in procinto di essere trivellate entro cinque anni, sulla base di fattori come la geologia, l'ingegneristica e la produzione storica.



A investitori e prestatori, la Halcon evidenzia anche una cifra molto maggiore che chiama potenziale di risorsa. Queste stime, pur se liberamente definite da linee guida industriali, non seguono la regola della CSS o la linea temporale, come rivela la Halcon all'inizio delle sue presentazioni. Di fatto, come osserva la Halcon, la CSS proibisce alle compagnie di fare dichiarazioni di potenziale di risorsa nei rapporti ufficiali sulle riserve. L'agenzia non regolamenta ciò che le compagnie dicono alle conferenze per gli investitori, nei comunicati stampa o nei loro siti web. Nessuno lo fa.

Tradizione onorata

Le discrepanze fra le riserve provate e il potenziale di risorsa sono comuni nell'industria e gli investitori possono rimanere fregati, dice  Ed Hirs, un direttore di gestione alla Hillhouse Resources LLC di Houston , una compagnia energetica indipendente che insegna anche economia energetica all'Università di Houston. “Ci sono molti modi per fare soldi nel settore del petrolio e del gas e non tutti comportano il trivellare per il petrolio”, dice. “Basta trivellare il portafogli degli investitori. Quando gli investitori sono disposti a tirarvi i soldi, si possono fare soldi da questo affare. E' una tradizione lungamente onorata”. La presentazione agli investitori di Halcon di agosto per la Conferenza su Petrolio e Gas di Denver di EnerCom Inc. illustra quanto le cifre possano essere lontane. La compagnia ha detto agli investitori che aveva un potenziale di risorsa pari a 1,3 miliardi di barili di petrolio. Si tratta di circa 10 volte le riserve provate che ha riportato alla CSS alla fine del 2013. Quando gli è stato chiesto quanta fiducia dovrebbero riporre gli investitori sulle stime delle risorse, Wilson ha detto: “Non dovrebbero riporne alcuna. Dovrebbero solo fare entrare in testa che là ci sono dei rialzi. E se i professionisti sono bravi a fare quello che fanno o sono fortunati, quel rialzo potrebbe essere trasformato in valore”.

Successo spettacolare

Sarebbe più facile respingere le stime ottimistiche di Halcon se Wilson non avesse avuto un successo così spettacolare in passato. Nato in una base militare in Georgia, si è guadagnato una laurea in ingegneria all'Università di Houston ed ha fatto i primi passi nel mercato del petrolio nel 1970. Wilson dice di essere stato un cattivo impiegato, quindi si è messo in proprio. Ha venduto la prima compagnia che ha reso pubblica, la Hugoton Energy Corp., alla Chesapeake Energy Corp. (CHK) per 326 milioni di dollari nel 1998, mostrano le registrazione della CSS sotto. La sua seconda, 3TEC Energy Corp., è stata comprata da Plains Exploration & Production Co. 417.6 milioni di dollari nel 2003. riporta la CSS sotto. Wilson si è trasferito alla Petrohawk nel 2004, sicuro che avrebbe venduto la compagnia in tre anni. Non essendoci riuscito, ha portato la Petrohawk in nuove e non sperimentate attività nello scisto. La scommessa ha pagato.

Premiare gli azionisti

Nel 2008, sotto la pressione degli azionisti per tagliare le spese e ridurre il debito, Wilson e la sua squadra hanno fatto la scoperta della vita – la formazione di Eagle Ford, che ora pompa 1,5 milioni di barili di greggio e 6,5 miliardi di piedi cubici (184 milioni di metri cubi) di gas naturale ogni giorno. La sua vendita di Petrohawk nel 2011 alla BHP Billiton Ltd. è stata la seconda transazione più grande nell'industria del petrolio e del gas in Nord America in più di 5 anni, che segue solo l'acquisto della XTO Energy Inc. da parte della Exxon Mobil Corp. Per 35 miliardi di dollari nel 2010, secondo i dati compilati da Bloomberg. “Ho fatto davvero bene per tutti gli azionisti in ogni momento”, dice Wilson. “Quei numeri sono pubblici, non li devo dimostrare”. Incoraggiato dal trionfo di Petrohawk, Wilson e i suoi partner hanno messo insiem 55 milioni di dollari ed hanno rilevato la RAM Energy Resources con base a Tulsa, in Oklahoma, nel febbraio del 2012. Ulteriori 550 milioni di dollari sono venuti da EnCap Investments LP, una ditta patrimoniale privata che precedentemente aveva sostenuto Wilson. In onore dei suoi recenti successi, Wilson e i suoi partner hanno rinominato la compagnia Halcon, falco in spagnolo.

Le più grandi prospettive

Sei settimane dopo, nell'aprile del 2012, Wilson ha detto agli investitori presenti alla conferenza dell'Associazione Indipendente Americana del Petrolio all'Hotel Sheraton vicino a Time Square, New York, che il potenziale complessivo di risorsa della Halcon era di 1,4 miliardi di barili. Il numero è stato sosprendente perché era 66 volte maggiore delle riserve provate della Halcon riportate alla CSS nel marzo del 2012. La presentazione della Halcon ha evidenziato le due prospettive maggiori: 875 milioni di barili nello scisto di Utica, che si estende lungo la Pennsylvania, l'Ohio e la Virginia Occidentale e ulteriori 306 milioni a Woodbine, nel Texas orientale. Le note finali dicono che Halcon ha già trivellato un unico pozzo in entrambi i siti. Gli investitori erano impazienti di sostenere la Halcon. Sono stati raccolti 2,1 miliardi di dollari in obbligazioni nei 12 mesi che hanno seguito la presentazione di aprile. Il Canada Pension Plan Investment Board, un fondo di 227 miliardi di dollari che gestisce i beni pensionistici di 18 milioni di canadesi, ha pagato 300 milioni di dollari per una quota di partecipazione del 11.4% nell'ottobre 2012. Mei Mavin, una portavoce del fondo pensionistico, ha rifiutato di commentare.

Molto entusiasta

Col passare dei mesi, la Halcon ha avuto problemi nel trasformare il potenziale di riserva in riserve provate. Wilson sembrava ottimista. Durante un appello a una conferenza dell'agosto 2013, ha detto: “Siamo molto entusiasti dell'attività a Utica/Point Pleasant”. Wilson dice che un pozzo della Halcon era uno dei più importanti del bacino e, anche se parte della sua superficie era “pascolo per le capre”, la compagnia si stava preparando per lo sviluppo su piena scala di Utica. Tre mesi dopo, la compagnia ha riportato una perdita di 1,2 miliardi, ampiamente collegata ai bacini di Utica e Woodbine. La Halcon ha venduto la propria superficie di Woodbine per 450 milioni di dollari nel febbraio del 2014. Dopo quasi due anni di trivellazione, la Halcon ha riportato alla CSS, nel marzo del 2014, di avere 16,4 milioni di barili di riserve provate ad Utica e Woodbine – la stessa superficie in cui nell'aprile del 2012 Wilson aveva detto che conteneva il potenziale per 1,2 miliardi di barili. L'abbondanza stimata era semplicemente evaporata – suscitando l'oscenità di Wilson. “Il potenziale di risorsa, che significa 'Chi lo sa?'”, dice nella sua intervista di luglio. “Ma è possibile. Il potenziale di risorsa ad Eagle Ford nel sud del texas è aumentato di 10 volte nel tempo. Quindi il nostro mestiere può essere difficile. Può andare in entrambe le direzioni”.

Praterie delle terre scure

Le ultime prospettive della Halcon stanno al di sotto delle querce e sotto le praterie delle terre scure a nord di Houston, nella sua esplorazione di El Halcon, e sotto gli aridi altipiani del North Dakota occidentale, dove la compagnia sta trivellando lo scisto di Bakken. I due bacini costituiscono la maggior parte della produzione di Halcon. La più grande scommessa di Wilson è sui 315.000 acri (127.000 ettari) dello scisto non verificato di Tuscaloosa Marine, conosciuto come TMS, uno strato di roccia che si estende dal confine occidentale della Louisiana al Mississippi sud-occidentale. “Deve funzionare per loro”, dice Leo Mariani, un analista esperto della RBC Capital Markets LLC di Austin, in Texas. “Se la superficie non funzionasse e non potessero abbassare i costi, si troverebbero in un grande problema”.

Sfida ingegneristica

Strizzare petrolio dal TMS è una sfida ingegneristica. La formazione si trova 2 miglia sottoterra nella roccia frammista a sabbia e detriti. In un umida mattina di luglio, un segno sull'argilla rossa della contea di Wilkinson, nel Mississippi, annuncia il pozzo Fassmann 9H-1 della Halcon. Un impianto della Helmerich & Payne Inc. Flex3 si erge sopra la radura. Un monitor nella roulotte del supervisore con l'aria condizionata mostra che la punta perforatrice ha raggiunto una profondità di 12.000 piedi (3.660 metri). La progressione è lenta. Nella cabina dell'operatore dell'impianto, 30 piedi più in alto, un uomo manovra una punta circolare avvitata alla fine di una tubazione di 2 miglia, monitorando la progressione su un banco di monitor lampeggianti. La punta deve perforare il TMS orizzontalmente nel punto giusto. Il suo margine di errore: 5 piedi.

Luna calante

Sbaglia. La frustrazione è forte mentre la temperature sale a 91°F (33°C). Le ore passano, misurate in piedi di tubo. Mentre una luna quasi piena sorge, una squadra di soccorso vestita con tute ignifughe emerge, già sudata, dai dormitori al margine della radura. Lampi di calore sulle nuvole purpuree verso sud. Sono oltre le 9 di sera quando un supervisore riceve un messaggio. La trivella ha deviato dal suo corso. E' tempo di riprovare. A più di 13 milioni di dollari l'uno, i pozzi della Halcon nel TMS sono quelli più costosi della compagnia. La Halcon ha abbandonato i suoi primi pozzi nel bacino. Altri tre sono in arrivo. Wilson dice che la Halcon ha abbastanza contante per continuare a provare e nessun pagamento di debiti imminente. I fondi associati ad Apollo Global Management LLC (APO), una ditta di equity privata con base a New York, ha impegnato 400 milioni di dollari a giugno per aiutare la Halcon a pagare per le trivellazioni nel TMS in cambio del 12% del ritorno e di un 4% delle royalties su quanto viene prodotto. Questo è stato ridotto al 2% dopo che è stata soddisfatta una soglia di ritorno, dice la Apollo.

“Potrebbe funzionare”

“Non so quante volte ci si possa sbagliare”, dice Wilson. “Non ho mai sbagliato così tante volte. Se il tuo concetto è che il  Tuscaloosa Marine Shale possa funzionare o meno, ce ne sono molti nell'industria che lo percepiscono così. Ma ce ne sono molti che pensano che funzionerà”. Wilson non ha bisogno di guardare lontano per vedere cosa succede quando le cose vanno male. Il suo ufficio apparteneva a dirigenti del grossista di elettricità che ha fatto bancarotta Dynegy Inc. (DYN), che è emersa dal Capitolo 11 nel 2012. I pannelli in legno su misura, troppo lussuosi per i suoi gusti, sono stati tappezzati con mappe colorate delle prospettive di perforazione. Presi insieme, il milione di acri della Halcon potrebbero coprire Rhode Island. Wilson chiede a un visitatore di non guardare da vicino; non vuole far scoprire la sua prossima mossa.

Potenziale di risorsa

Wilson dice che i numeri delle riserve provate non sono importanti quanto il potenziale di risorsa della compagnia. “E' ciò che c'è in futuro che ci importa realmente”, dice. Quindi il potenziale di risorsa è tutto ciò che siamo”. Se il TMS funziona, la Halcon prevede una ricompensa enorme. Nel settembre 2012, una presentazione per la conferenza degli amministratori delegati della Energy-Power di Barclay Capital ha mostrato il potenziale di risorsa delle proprieta della Halcon nel TMS come equivalenti a 373 milioni di barili di petrolio. Wilson dice che la stima ora è molto più alta. La compagnia dice che non fornisce più stime di risorse per bacino. Con l'inclinazione degli Stati Uniti verso l'indipendenza energetica e gli investitori che inseguono le ricchezze del boom del fracking, c'è un altro numero da considerare. Le riserve provate della Halcon del TMS riportate al CSS: zero.