Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 15 marzo 2016

Notize dall'Antartide: male, molto male, sempre peggio

Da “NASA Earth Observatory”. Traduzione di MR

La piattaforma glaciale Nansen in Antartide si sta spaccando




acquisita il 26 dicembre 2013 scarica limmagine large (352 KB, JPEG, 2888x1925)
acquisita il 26 dicembre 2013 scarica il file GeoTIFF (6 MB, TIFF, 2888x1925)


acquisita il 16 dicembre 2015 scarica l'immagine large (369 KB, JPEG, 2888x1925)

acquisita il 16 dicembre 2015 scarica il file GeoTIFF (369 KB, TIFF, 2888x1925)

Una piattaforma galleggiante di ghiaccio attaccata alla costa dell'Antartide sembra pronta a riversare un iceberg nell'Oceano Meridionale. Nel corso di due anni, una piccola frattura è diventata sufficientemente grande da diffondersi per quasi tutta la profondità della piattaforma glaciale Nansen. L'Operational Land Imager (OLI) sul satellite Landsat 8 ha acquisito l'immagine in alto il 26 dicembre del 2013. OLI ha catturato la seconda immagine il 16 dicembre del 2015. Le piattaforme glaciali fiancheggiano il perimetro dell'Antartide e si presentano in ogni forma e dimensione. La Nansen misura circa 35 km di profondità e 50 km di lunghezza. La vicina Lingua di Ghiaccio Drygalski, subito a sud della Nansen, si allunga per 80 km nel mare. Queste piattaforme galleggianti sono importanti per trattenere il flusso di ghiaccio dall'interno del continente verso il mare. Il ghiaccio che si stacca da una piattaforma galleggiante non aumenta il livello del mare. Ma perde parte della piattaforma glaciale e i flusso verso il mare del ghiaccio di terra può accelerare – un fenomeno che contribuisce all'aumento del livello del mare.
 


acquisita a dicembre 2015 scarica l'immagine large (4 MB, JPEG, 5814x3876)

Christine Dow e Ryan Walker, scienziati del Goddard della NASA, hanno visitato la piattaforma glaciale a novembre e dicembre 2015. Il loro obbiettivo era quello di installare stazioni GPS sulla piattaforma glaciale per registrare la sua sottile flessione dovuta alle maree dell'oceano. Il 10 dicembre hanno volato su un elicottero lungo la frattura cercando i siti in cui installare le stazioni GPS. Dow ha scattato la foto sopra durante il volo. “C'è un'enorme frattura, lunga chilometri e in alcuni punti larga oltre un centinaio di metri, che corre più o meno parallela al fronte della piattaforma glaciale”, ha scritto Walker allora in un post. “Durante l'inverno, la superficie del mare congela ed intrappola i piccoli iceberg nella frattura, producendo un affascinante panorama di ghiacci spaccati”. All'inizio di marzo 2016, con l'inverno australe in arrivo, le immagini satellitari indicavano che il fronte ghiacciato che si sta spezzando era ancora attaccato alla piattaforma. Anche in inverno, i forti venti possono impedire che l'acqua oltre la piattaforma congeli, quindi non è chiaro se il fronte si separerà presto resterà appeso come un dente allentato. La Dow sta parlando coi ricercatori di esaminare la frattura durante il prossimo campo estivo. “Mi interessa molto vedere se questa caratteristica si stia verificando a causa della topografia intorno alla piattaforma glaciale o se è stata creata inizialmente dal flusso di acqua superficiale che scorre in una piccola frattura nella superficie del ghiaccio”, ha detto. “Stiamo pensando ad un'indagine intensiva di questa caratteristica negli anni a venire e speriamo di comprenderne le cause”.

Riferimenti e letture correlate

Fürst, J. J. et al. (8 febbraio 2016) La fascia di sicurezza delle piattaforma glaciali dell'Antartide Nature Climate Change, pubblicazione anticipata online.
NASA Earth Observatory: Note dal posto (gennaio 2015) Piattaforma glaciale Hansen, Antartide 2015.
Centro per il Volo Spaziale Goddard della NASA(11 marzo 2016) NASA Tracciare l'influenza delle maree sulle piattaforme glaciali in Antartide.
National Snow & Ice Data Center (2016) Informazioni veloci sulle piattaforme glaciali. Accesso  del 9 marzo 2016.
Immagini del NASA Earth Observatory di Jesse Allen, usando dati Landsat della U.S. Geological Survey. Didascalia di Kathryn Hansen.

Strumento (i):
Landsat 8 - OLI

1 commento:

  1. l'antartide, a differenza dell'artide, si trova a migliaia di km dalle terre emerse, mentre a nord sono vicine. E' ovvio che il gw arriverà un pò dopo, come un pò dopo è arrivata la sua conquista da parte dell'uomo. Quello stesso spirito di conquista che ci fa simili a Lucifero nella sua avidità di sostituirsi al creatore e che porterà questo mondo alla fine, ma queste sono disquisizioni che interfacciano realtà materiali e spirituali, quindi è un'altra storia, tipo quella infinita, dove il nulla avanza. E anche quella aveva basi ben solide a vedere come avanza l'ignoranza culturale nella società.

    RispondiElimina